ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

NOLA. A SETTEMBRE CI SARA’ LO SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA DEGLI AGENTI DI POLIZIA MUNICIPALE A TEMPO DETERMINATO

Un bilancio positivo per il Comando della Polizia Municipale bruniana l’immissione in servizio, dal 21 giugno scorso, di dieci nuove unità di agenti a tempo determinato.

Furono 141 a rispondere all’avviso pubblico, ammessi solo 66 – il 57% è stato escluso per mancaza di requisiti (patente A, incompleta documentazione del titolo di studio e omessa sottoscrizione della domanda).

Sono diciotto le ore settimanali di servizio per ogni agente per 60 giorni, ad ogni unità viene riconosciuto mensilmente un importo di circa 839,00 euro oltre i carichi familiari se dovuti.

Al momento sono i primi dieci della graduatoria a svolgere il servizio (Mugione Antonio, Maffettone Lucia, Canfora Antonio, Iovino Sergio, Caruso Luigi Felice, Onofrietti Emanuele, Russo Carmine, Amatucci Emilia, Avella Mariano, Panico Alfredo) che terminerà il 20 agosto prossimo. Presumibilmente il termine sarà prorogato fino al 31 agosto.

Dall’inizio di settembre ad essere immessi in servizio, sempre per sessanta giorni, saranno altri cinque agenti, quindi ci sarà lo scorrimento della graduatoria.

Ecco i nomi: Manganiello Salvatore (24 12 91); Fusco Diletta (11 03 95); Parisi Giuseppe (18 10 91); La Marca Leonardo (23 02 88); Varriale Alessandra (29 10 86).

A seguire nel mese di novembre sarà la volta di altri cinque agenti: Campisi Vincenzo (09 12 82); Pisano Immacolata (17 04 80); Basso Ermelinda (08 04 80), Zeoli Stefania (13 06 84); Leone Annarita (29 05 78).

Sono assunzioni auto-finanziate dalle violazioni del Codice della strada (art. 208). La graduatoria avrà validità fino al 31 dicembre 2016. La somma prevista in bilancio per il 2016 è di circa € 85.000,00. Non è escluso che la graduatoria, se ci saranno disponibilità, possa scorrere oltre il 20° posto. A seguire dal 21° al 25° posto troviamo: Guidone Paolo (17 04 87); Stefanile Luigi (13 04 87); Pelebasti Cesare (18 07 86); Parisi Antonio (14 04 95); Catapano Roberto (16 11 83).

Dal Palazzo fanno sapere che per il prossimo anno ci sarà un nuovo avviso pubblico e maggiori risorse economiche.

di ra.na.

NOLA. TOLLERANZA ZERO NEI CONFRONTI DI CHI NON RISPETTA L’ORDINANZA SINDACALE CHE VIETA DAL 14 LUGLIO AL 20 SETTEMBRE L’ABBRUCIAMENTO DEL FOGLIAME SULL’INTERO TERRITORIO COMUNALE

rogo agricolo“Speriamo che sia la volta buona e che ci siano i dovuti controlli”, sottolineano i cittadini che nelle ultime settimane sono stati costretti per ore a rinchiudersi in casa per i disagi causati dall’abbruciamento del fogliame sull’intero territorio nolano.

A mantenere la fiammella accesa della speranza è l’ordinanza n. 36 del 27 luglio 2016 firmata dal sindaco Geremia Biancardi, che impone ai coltivatori dei fondi il divieto di bruciare vegetali, materiale agricolo derivanti da falci, fogliame e potatura con la ripulitura del luogo di produzione dal 14 luglio al 20 settembre 2016. Tale divieto è esteso ai terreni coltivati ed incolti, orti, giardini e parchi pubblici o privati.

La violazione della presente ordinanza sarà punita con le sanzioni previste dall’art. 7 bis del DLGS 267/2000. Responsabile del procedimento sarà il dott. Salvatore Caliendo, responsabile del settore ambiente.

“Tolleranza zero – afferma il responsabile Caliendo – nei confronti di chi si ostina a non rispettare l’ordinanza. Tra l’altro – continua Caliendo – il direttore generale della salute e delle risorse naturali regionale ha decretato lo stato di pericolosità per gli incendi boschivi sull’intero territorio della Regione Campania, sempre dal 14 luglio al 20 settembre”.

Nell’ordinanza si legge che la Polizia Locale e gli altri organi competenti sono incaricati del controllo dell’esatta esecuzione della presente ordinanza.

di ra.na.

NOLA. POLEMICA SULLA RIMOZIONE DELLA FANGHIGLIA PER LA PULIZIA DELLE STRADE, I CITTADINI CHIEDONO ALL’ASL LA VERIFICA IGIENICO-SANITARIA DELLE ZONE COLPITE

danni bomba d'acqua nola 25 luglio 2016A rendere il clima ancora più pesante in città è un avviso affisso alla vetrata del comune dalla dirigente del 3° settore Stefania Duraccio, che comunica ai frequentatori del Palazzo (meno di un centinaio al giorno, compreso gli amministratori comunali e tecnici) e pubblicato, per la verità, per gli amanti del web, anche sul sito interent del comune, che a seguito delle eccezionali precipitazioni metereologiche verificatesi nella giornata di lunedi scorso l’amministrazione ha tempestivamente attivato la Protezione civile, che ha incaricato n. 2 ditte per la rimozione della fanghiglia, per la pulizia delle strade e dei marciapiedi delle zone colpite.

In uno spirito di collaborazione si chiede ai cittadini residenti di evitare la sosta degli automezzi in dette zone per poter permettere l’esecuzione dei lavori in breve tempo, considerato che le ditte incaricate sono attualmente operative.

“Dopo il danno anche la beffa – gridano i cittadini increduli e sconcertati – siamo chiamati in causa perchè con la sosta delle nostre auto impediremmo i lavori delle ditte incaricate dal comune a rimuovere i detriti. Ma siamo alla follia – continuano i cittadini – a tutt’oggi in molte strade del centro storico e periferia non abbiamo visto alcuna ditta attiva. Il fango trasformato in polvere è tutto lì che ci impedisce di tenere i balconi aperti. Già sono stati protocollati all’ufficio dell’Asl decine di richieste di sopralluogo per la verifica igienico-sanitaria delle zone colpite. Molte delle auto in sosta – chiosano i cittadini – non sono dei residenti. Perchè la Polizia Municipale non interviene per farle rimuovere? Perchè non affiggere su ogni strada cartelli di divieto per permettere alle ditte di lavorare?”.

di ra.na.

MA QUALE “RETTIFICA ERRORE MATERIALE RELATIVO ALL’ART. 12 DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. ALLEGATA ALLA DELIBERA DI C.C. N° 18/2015”?

francesco pizzellaL’UNICO ERRORE MATERIALE DA RETTIFICARE STA NELL’OGGETTO POSTO ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI DOMANI E DOPODOMANI 29 E 30 LUGLIO 2016.

INFATTI LA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE E’ DEL 2014 NON DEL 2015. IL CHE SIGNIFICA CHE CHI PROPONE DI DELIBERARE E CIOE’ IL SINDACO NON CONOSCE NEANCHE DI COSA STIAMO PARLANDO E CIO’ PERCHE’ QUELLA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE VOTATA IN FRETTA E FURIA IL 31 LUGLIO 2014 NON ERA STATA POSTA A CONOSCENZA DI NOI AMMINISTRATORI COMUNALI.

NESSUNO, NE MAGGIORANZA NE OPPOSIZIONE, AVEVA AVUTO LA POSSIBILITA’ DI VALUTARE LA VALENZA DI UN PROVVEDIMENTO COSI’ IMPORTANTE PER LO SVILUPPO DELLA CITTA’. NE IL SINDACO DETENTORE DELLA DELEGA ALL’URBANISTICA NE QUALSIVOGLIA CONSIGLIERE COMUNALE DI MAGGIORANZA CI AVEVA ILLUSTRATO LA VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE DI NOLA.

C’ERA SOLO UNA GRANDE FRETTA AD APPROVARE LA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE.

IN QUEI GIORNI CHE PRECEDEVANO IL CONSIGLIO COMUNALE DOPO LA CONVOCAZIONE IO MI AFFRETTAI A PROCURARMI TUTTI GLI ATTI PER CERCARE DI COMPRENDERE QUANTO PROGRAMMATO DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE.

LE INTENZIONI ERAMO LODEVOLI…….PIANI ATTUATIVI AD INIZIATIVA PRIVATA, OPERE DI INTERESSE COLLETTIVO AD INIZIATIVA PRIVATA OLTRE CHE PUBBLICA, FINALMENTE LA POSSIBILITA’ DI INIZIATIVE A CARATTERE RICETTIVO-ALBERGHIERO, COMMERCIALE, ARTIGIANALE………. MA LE NORME ERANO CASTRANTI E FRUTTO DI RAGIONAMENTI APPROSSIMATI E SUPERFICIALI. NELLA SOSTANZA NESSUN INTERVENTO ERA POSSIBILE DA EFFETTUARE IN APPLICAZIONE DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATE A QUELLA VARIANTE APPROVATA IL 31/07/2014. ED INFATTI NESSUN INTERVENTO E’ STATO FINORA REALIZZATO DAI PRIVATI SUI SUOLI “REITERATI” NEI VINCOLI.

DI CIO’ IO ERO COSCIENTE TANT’E’ CHE IN QUELLA SEDUTA DI CONSIGLIO COMUNALE CHIESI CHE L’ARGOMENTO FOSSE RINVIATO AD UNA SEDUTA SUCCESSIVA PER DARE LA POSSIBILITA’ A TUTTI GLI AMMINISTRATORI COMUNALI DI POTER APPROFONDIRE NELLE SEDI OPPORTUNE. LE MIE RICHIESTE FURONO VANE E FUI PURTROPPO OBBLIGATO DAL MIO RUOLO ISTITUZIONALE AD APPORRE UN BOLLINO NERO SU QUELL’ARGOMENTO ESPRIMENDO UN NO PALESE ALLA VOTAZIONE.

OGGI, A DISTANZA DI DUE ANNI, DOPO CHE IN TUTTO QUESTO TEMPO NULLA E’ STATO ATTUATO DI QUELLA VARIANTE URBANISTICA NE DA PARTE DEL COMUNE DI NOLA IN TERMINI DI INFRASTRUTTURE ED ATTREZZATURE NE DA PARTE DEI PRIVATI PER LA “INTRICATEZZA” DELLE NORME CI RITROVIAMO L’ARGOMENTO IN CONSIGLIO COMUNALE PER CORREGGERE “UN MERO ERRORE MATERIALE …..ALL’ART. 12”. MA CHE STIAMO SCHERZANDO?

SENZA SCENDERE ULTERIORMENTE IN POLEMICA ANCORA UNA VOLTA IL SINDACO CHE DETIENE LA DELEGA ALL’URBANISTICA CREDE DI POTER SOVVERTIRE LE LEGGI A SUO PIACIMENTO.

E’ BENE CHE CHI NON SA SAPPIA E CHE CHI FA FINTA DI NON SAPERE ANCH’EGLI VENGA INFORMATO.

LA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE CHE CI APPRESTIAMO A VOTARE DOMANI E/O DOPODOMANI RIFERITA ALLA “RETTIFICA ERRORE MATERIALE ART. 12 DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE……” NON SI RISOLVE CON LA PUBBLICAZIONE ALL’ALBO PRETORIO PER QUINDICI GIORNI. BISOGNA CHE SI ATTIVI LA PROCEDURA DI VARIANTE URBANISTICA PREVISTA DALLA LEGGE REGIONALE 16/2004 E CIOE’ PUBBLICAZIONE PER OSSERVAZIONI CONTRODEDUZIONI ESAME OSSERVAZIONI IN CONSIGLIO COMUNALE ED APPROVAZIONE DELLA CITTA’ METROPOLITANA. SE COSI’ NON FARA’ IL SINDACO ED I CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA FARANNO UNA GRAVE VIOLAZIONE DI LEGGE ED UN ABUSO DI POTERE INFINITO. DOMANI IN CONSIGLIO COMUNALE VEDREMO.

IL CONSIGLIERE COMUNALE FRANCESCO PIZZELLA

NOLA. TUTTI I NOMI DEGLI AMMESSI ED ESCLUSI PER L’INCARICO DI DIRIGENTE ALL’URBANISTICA A TEMPO DETERMINATO

cape mozze al comune di nolaCon determina n. 81 del 28 07 2016 è stata approvata l’ammissione e l’esclusione dalla selezione per il conferimento dell’incarico di dirigente dell’urbanistica: 22 richieste, 18 ammessi e 4 esclusi, tutti per carenza di requisiti di servizio.

Ecco I nomi: Abalsamo Antonio (17 12 55) non ammesso; Ariano Nunzio (11 12 55) ammesso; Avella Giovanna (28 03 74) ammessa; Caprio Italia (16 08 70) ammessa; Dallio Alberto (23 08 80) ammesso; D’Angelo Pietro (16 03 65) ammesso; Di Somma Brigida (22 08 68) non ammesso; Gentilini MIchele (21 09 60) ammesso; Landi Giovanni (04 07 60) ammesso; Lama Stefano (01 04 61) ammesso; Napolitano Giovanni (08 10 60) ammesso; Oliva Gaetano (26 05 49) ammesso; Raionone Ferdinando (30 05 64) ammesso; Sabini Giuseppe (25 09 59); Soda Antonio (13 06 56); Savoia Giuseppe (08 10 64) ammesso; Soria Giovanni (08 10 84) non ammesso; Spampanato Felice (22 11 73) ammesso; Stefanile Giacomo (14 08 52) ammesso; Striano Marinella (08 02 78) non ammesso; Tecchia Renata (27 09 65) ammessa; Zerella Tommaso (22 05 63) ammesso.

di ra.na.

LA QUERELLE DELLA “QUOTA ROSA” IN GIUNTA COMUNALE A NOLA

francesco pizzellaRICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LA RIFLESSIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI NOLA FRANCESCO PIZZELLA IN MERITO ALLA NOTA VICENDA DELLE “QUOTE ROSA” CHE DA MESI TIENE BANCO IN CITTÀ.

CONTINUA LA QUERELLE CHE TIENE BANCO DA OLTRE DUE ANNI AL COMUNE DI NOLA E CHE VEDE IL SINDACO DISTRICARSI TRA PREFETTURA E REGIONE CAMPANIA PRESSO L’UFFICIO DEL DIFENSORE CIVICO RELATIVAMENTE ALL’OBBLIGO PREVISTO PER LEGGE MA FINORA DALLO STESSO PRIMO CITTADINO NON RISPETTATO DI GARANTIRE UN TERZO ASSESSORE DI SESSO FEMMINILE IN GIUNTA MUNICIPALE.

SAREBBE STATO COSA PIU’ SEMPLICE E POLITICAMENTE PIU’ CORRETTA FAR DIMETTERE DUE ATTUALI ASSESSORI IN CARICA NELL’ATTESA DI RAGGIUNGERE UN ACCORDO. MA QUESTO E’ TATTICISMO POLITICO CHE UN’AMMINISTRAZIONE FRUTTO DI ACCORDI CAPESTRI, DEBOLE NELLA SOSTANZA, E NELLA QUALE NESSUNO SI FIDA DI NESSUNO NON PUO’ PRATICARE.

E NEL FRATTEMPO LA GIUNTA CONTINUA A DELIBERARE NELLA PIENA CONSAPEVOLEZZA DI AGIRE CONTRO LA LEGGE VIGENTE.

LE NOSTRE MOLTEPLICI DIFFIDE PRIMA AL PREFETTO POI AL DIFENSORE CIVICO PRESSO LA REGIONE CAMPANIA E PER ULTIMO AL COMMISSARIO DA QUEST’ULTIMO NOMINATO PER PROVVEDERE ALLA NOMINA RIMANGONO VANE. MENO MALE CHE NOI CONSIGLIERI DI OPPOSIZIONE CI SIAMO SIN DA SETTEMBRE 2014 E QUINDI DA SUBITO ATTIVATI PRESSO LA PREFETTURA FACENDOCI RICEVERE DI PERSONA ED ESPONENDO IL PROBLEMA.

A DUE ANNI PASSATI QUELLO CHE SIAMO RIUSCITI AD OTTENERE E’ STATA LA PUBBLICAZIONE DI UN BANDO DA PARTE DEL COMMISSARIO AD ACTA CHE INVECE DI SOSTITUIRSI AL SINDACO PROVVEDENDO ALLA NOMINA DI UN TERZO ASSESSORE DONNA PREVISTO PER LEGGE VIENE AL COMUNE, INTERPELLA TUTTE LE CONSIGLIERE DI SESSO FEMMINILI “DI MAGGIORANZA” PER RACCOGLIERE DISPONIBILITA’ AD ESPLETARE L’INCARICO E DOPO AVER RICEVUTO LA DISPONIBILITA’ DI TRE CONSIGLIERE “DI MAGGIORANZA” SI RITIRA PER DELIBERARE. NEL FRATTEMPO IL COMMISSARIO E’ COSI’ CORTESE DA CONSENTIRE AL SINDACO UNA PAUSA VISTO L’AVVICINARSI DELLA FESTA DEI GIGLI E PERTANTO IL MESE DI GIUGNO SOSPENDE VOLUTAMENTE LE PROCEDURE.

AD OGGI NON CI E’ DATO CONOSCERE CHE “FINE” ABBIA FATTO IL COMMISSARIO AD ACTA PER LA NOMINA DEL TERZO ASSESSORE FEMMINA. CIO’ CHE VIENE FUORI, DAL CILINDRO DEL NOSTRO SINDACO, E’ UNA PROPOSTA DI DELIBERA CHE APPRODA NEL CONSIGLIO COMUNALE DI DOMANI E DOPODOMANI 29 E 30 LUGLIO RELATIVAMENTE ALLA MODIFICA DELLO STATUTO COMUNALE PER L’ADEGUAMENTO NORMATIVO SULLA PARITA’ DI GENERE E QUINDI PER POTER EGLI STESSO PROCEDERE ALLA NOMINA DEL TERZO ASSESSORE DI SESSO FEMMINILE.

IN QUESTO MODO IL PRIMO CITTADINO ALLUNGA ANCORA I TERMINI PER ADEGUARSI A QUELLO CHE LA LEGGE NAZIONALE, GIA’ DUE ANNI ORSONO, GLI OBBLIGAVA A FARE NELLA NOMINA DELLA GIUNTA COMUNALE E DELLA QUALE LEGGE LUI HA PREFERITO IGNORARE PUR CONOSCENDOLA PERFETTAMENTE.

IL CONSIGLIERE COMUNALE FRANCESCO PIZZELLA

Piazza D’Armi, il Partito Democratico di Nola chiede chiarezza!

caserma battisti nola 2Cosa intende l’amministrazione comunale con il termine “Piazza D’Ami”?

Perché e da chi è stato commissionato e redatto alla fine del 2015 il documento presentato nel 2016 alla Camera di Commercio di Napoli?

Perché in tale documento si partiva dall’assunto che l’area interessata era classificata urbanisticamente come zona G mentre in effetti era ancora H?

Perché nel gennaio 2016 la giunta comunale approvava la variante urbanistica relativa a tale area?

Conosceva già il progetto?

Perché veniva approvato in consiglio comunale la variante urbanistica e si decideva di rigettare la richiesta dei commercianti nolani di escludere dalla destinazione finale la presenza di centri commerciali?

Perché sorgeva e da chi era formato il movimento Piazza D’armi, promotore di un convegno sull’argomento? Chi fine ha fatto?

Che c’entra l’Associazione dei Costruttori Edili Napoletani? Quale è il loro reale interesse ? Perché hanno organizzato il convegno a Napoli alla Camera di Commercio?

Cosa c’entra il caso studio di Pozzuoli, avendo l’amministrazione comunale di Nola deciso di seguire una strada completamente diversa? Si parlava comunque di beni demaniali? Ma Pozzuoli ha messo al centro del progetto i cittadini, Nola no.

Perché dopo che l’amministrazione comunale di Nola ha preso decisioni fondamentali, relative al progetto, ora si presenta il Demanio a chiedere ai nolani “idee” e suggerimenti? Come se chiunque potesse capire di urbanistica e fosse in grado di fornire suggerimenti costruttivi.

Logica avrebbe voluto che ai cittadini fossero sottoposte soluzioni diverse e quindi invitati ad esprimere un parere.

Il partito Democratico di Nola, dichiara che è necessario ed urgente la qualificazione di tutta l’area comunemente chiamata dai Nolani “Piazza D’Armi”. Intendendo con tale termine l’area comprendente la caserma Cesare Battisti, lo spazio ad essa antistante, i ruderi dello stadio comunale, lo scheletro del Museo della Cartapesta, il parcheggio, l’area riservata al mercato settimanale, e tutta quella parte che si proietta verso Casamarciano e l’autostrada A16.

Rifiuta categoricamente qualsiasi intervento parziale che non tenga conto dei riverberi dell’opera sulla rimanente parte della Città.

Respinge qualsiasi strumentalizzazione dovuta ad interessi privati che spingono a qualificare soltanto ciò che risulta appetibile a imprenditori, locali e non, interessati alla realizzazione del progetto e non alla sua gestione. Di cattedrali nel deserto ne abbiamo abbastanza!

Denuncia la scorretta gestione della problematica da parte di questa amministrazione che in un primo momento si porge come proprietaria del progetto e poi chiama il Demanio a presentarlo.

Denuncia l’importanza economica data alla mancia del 15% del valore spettante al comune di Nola. Per il nostro bilancio è uno specchietto per le allodole.

Si chiede perché accettare lo spazio antistante la caserma, dopo aver rifiutato la caserma stessa?

Sospetta che tale decisione possa caricare il comune della realizzazione di beni e servizi necessari al privato che avrà in dono la caserma.

(red)

A BREVE CI SARA’ LO SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA DEI LAVORATORI UTILIZZATI PER LE ATTIVITA’ OCCASIONALI AL COMUNE DI NOLA

voucher-lavoro nolaIl ciclo virtuoso creato al Comune di Nola con i “Voucher-Lavoro” per le attività lavorative occasionali continuerà anche nel secondo semestre del 2016; infatti i sessantamila euro stanziati in bilancio per il 2016 non sono stati del tutto utilizzati; i lavoratori impiegati hanno portato a termine numerosi lavori a costi contenuti nel settore del verde pubblico, manutenzione stradale, affissione, espurgo caditoie, pitturazione ed arredo urbano; una grande sinergia tra il gruppo dei lavoratori impegnati nei lavori ed i responsabili del servizio che fa ben sperare per il futuro.

Attualmente l’ufficio della Politiche Sociali sta provvedendo ad effettuare un report delle attività svolte e soprattutto a verificare il raggiungimento per i primi trenta lavoratori della graduatoria , già utilizzati, del tetto massimo ammissibile contenuto nel bando €2.000,00 o 120 giorni lavoratavi .

Al momento sembra che 18 lavoratori hanno raggiunto il tetto massimo di €2.000,00; quindi non potranno essere utilizzati fino alla fine dell’anno.

Sicuramente sottolinea la responsabile dell’ufficio ci sarà lo scorrimento della graduatoria ; per le unità che impiegheremo bisogna aspettare la verifica dei dati e soprattutto dipende dalla disponibilità delle somme; al momento nel primo semestre sono stati utilizzati oltre quarantamila euro; le somme a disposizione sono sessantamila, prevedibilmente saranno meno di una decina i lavoratori che saranno chiamati.

Ecco i nomi dei lavoratori in graduatoria dal 31 posto al 40; Broda Domenico ( Nola 06 05 61); Cananzio Gennaro ( Napoli 21 01 51); Capasso Angelo( Nola 21 07 83); Castelfelice Angelo( 11 01 61); Danese Enrico( Nola 07 02 74); Esposito Gennaro( Marigliano 23 04 56); Ghimouz Fateh ( El Harrac 17 01 69); Giugliano Marco( Pollena Trocchia 03 04 86); La Pietra Pasquale( Nola 19 04 85); Marotta Paolino( Nola 06 07 80); seguono Vecchione Vincenzo ( Nola 15 07 86); Mercogliano Melania( Nola 20 01 93); Minieri Leonardo( 05 11 62); Parisi Paolino( San gennaro Vesuviano 24 07 92); Ricciardiello Francesco( San Paolo Belsito 11 12 71) Rubini Emiliano( 21 07 79).

Comunque per la certezza occorre aspettare la verifica.

di ra.na.

NOLA. A DUE GIORNI DALLA SCADENZA DEL BANDO PUBBLICO PRESENTATE TRE DOMANDE PER LE “QUOTE ROSA”, CONVOCATO PER VENERDI IN PRIMA E SABATO IN SECONDA SEDUTA IL CONSIGLIO COMUNALE CON BEN NOVE CAPI ALL’ORDINE DEL GIORNO

cape mozze al comune di nolaE’ stato convocato in seduta pubblica il Consiglio Comunale di Nola per il giorno venerdì 29 luglio 2016 alle ore 9,00 in prima convocazione e per sabato 30 luglio alle ore 9,00 in seconda convocazione presso la Casa Comunale per la trattazione del seguente ordine del giorno:

1) Approvazione verbali sedute precedenti;2) presa d’atto nomina Collegio dei Revisori dei Conti- verbale estrazione del 9 giugno 2016;3) Salvaguardia degli equilibri del Bilancio di previsione finanziario 2016-2018( art. 193 Tuel) e variazione di assestamento generale ( art.175, comma 8 Tuel)4) Dichiarazione ai sensi e per gli effetti dell’art.31 del DPR n. 380/01 esistenza di prevalenti interessi pubblici al mantenimento opere abusive cui f: 37 part. 462 e 396 ed oggetto di R.E.S.A. in danno di Ambrosio Giuseppina; 5) Dichirazione ai sensi e per effetti dell’art. 31 DPR n.380/ 01 inesistenza di prevalenti interessi pubblici al mantenimento di opere abusive F23 part. 248 e 249 oggetto RESA in danno dei Sigg,ri Piciocchi- Sena; 6) Dichiarazione ai sensi e per gli effetti dell’art.31 del DPR n.380/01 esistenza di prevalenti interessi pubblici al mantenimento di opere abusive realizzate sul fondo individuato in catasto al F.34 part. 265_- Immobili già in ditta Russo- Montella; 7) Rettifica errore materiale relativo all’art. 12 delle norme di attuazione del Piano Regolatore Generale allegata alla delibera di Consiglio Comunale 18/ 2015; 8) Proposta al Consiglio Comunale di modifica allo statuto Comunale art.26 composizione della Giunta legge 56/2014- Delibera di Ginuta Comunale n.60 del 31 03 2016; 9) Regolamento per la cittadinanza attiva e il baratto amministrativo- Approvazione.

Un Consiglio molto importante che vede al al secondo capo all’ordine del giorno la presa d’atto della nomina del Collegio dei revisori- De Franciscic Luca presidente – Perrupato Rosanna e Atonna Antonio componente- sorteggiato presso la Prefettura di Napoli il 9 giugno; al terzo capo c’è l’equilibrio ed assestamento di bilancio; al quarto, quinto e seto capo allìordine del giorno ilConsiglio Comunale è chaimato ad esprimersi sul mantenimento per l’esistenza di prevalenti interessi pubblici di opere abusive; in particolare se il Consiglio approva i manufatti abusivi di Ambrosio Giuseppina e gli immobili della ditta Russo- Montella saranno trasferiti al patrimonio comunale, mentre il manufatto abusivo di Piciocchi- Sena sarà abbattuto; al capo sette sarà sanato un errore materiale relativo all’art.12 delle norme di attuazione del Piano Regolatore Generale approvato da Consiglio Comunale del 29 agosto 2015; all’ottavo capo all’ordine del giorno ci sarà la modifica dello Statuto Comunale relativa alla composizione della Giunta tenendo conto della parità di genere; a proposito dell’avviso pubblico per l’individuazione della quota rosa da parte del Commissario ad acta Lucio Varriale a due giorni dalla scadenza ( 29 luglio) sono state protocollate tre domande;infine all’ultimo capo c’è l’approvazione di un importante regolamento sulle norme della cittadinanza attiva ed il baratto amministrativo.

di ra.na.

BAIANO. CULTURA E SCIENZA: STEFANO SGAMBATI E COSTANTE BELLETTINI, DOCENTI ALLA CITY UNIVERSITY LONDON E ALL’UNIVERSITY COLLEGE

tecnocraz 1Due giovani che onorano il territorio dell’Unione intercomunale del Baianese e dell’Alto Clanio. Un onore reso al più alto livello possibile del sapere specialistico nell’ ambito universitario di competenza e in uno dei contesti più qualificanti ed innovativi per l’interazione con la società mondializzata contemporanea, qual è quello anglosassone.

Sono Stefano Sgambati e Costante Bellettini, poco più che trentenni- hanno frequentato insieme la cosiddetta “primina” alla “Giovanni XXIII” di via Scafuri ed appartengono alla stessa classe dell’83, avendo frequentato contestualmente il Liceo statale scientifico “Mancini” di Avellino- che da settembre prossimo “terranno cattedra”, rispettivamente, alla City University London e all’ University College of London.

Stefano Sgambati – originario di Baiano- eserciterà la docenza in Economia politica internazionale, complessa ed impegnativa disciplina. Dottore di ricerca in Sociologia economica, formatosi nella Facoltà di Sociologia della Federico II, con il cui Dipartimento di Scienze sociali ha sviluppato importanti collaborazioni, Stefano Sgambati ha maturato interessanti esperienze di studio e ricerca scientifica sulle teorie della moneta sia nel Regno Unito che in Australia.

E’ attivo collaboratore di prestigiose riviste internazionali di Economia e Finanza, sulle quali pubblica saggi e monografie- in lingua inglese- di penetrante ed acuta valenza specialistica per la comunità scientifica del settore. Per quanto gli è compatibile-ed è raro- con gli impegni didattici e di lavoro, Stefano Sgambati ritaglia anche spazi per la divulgazione delle conoscenze sulle dinamiche dell’Economia e dei fattori di produzione, con proficue e stimolanti conversazioni-relazioni riservate agli amici del Circolo socio-culturale “L’Incontro”. Di rilievo, quella di giugno scorso, sviluppata insieme con Gerardo Costabile Nicoletta – “fresco” dottore di ricerca in Sociologia economica– sui percorsi della Finanziarizzazione dell’Economia nei nostri giorni e sull’esperienza dei “governi tecnici” nella realtà italiana, con squarci aperti sull’Europa del neo-liberismo e sulle sue declinazioni politiche.

bellettiniCostante Bellettini– originario di Sperone- approda all’University college of London da Cambridge, dopo essere stato nell’Università di Princeton, negli Stati Uniti d’America. Nell’Università londinese, in cui ha “tenuto cattedra” Isaac Newton, tra i maggiori ispiratori della Scienza moderna, Bellettini eserciterà la docenza di Matematica pura e di Matematica statistica. Docente e divulgatore, ma soprattutto scienziato, Bellettini gode di ampio prestigio nella comunità internazionale degli esperti di Matematica pura. Ed attualmente è impegnato nel Congresso mondiale dei matematici, in Germania. Nel suo…giovanile curriculum studiorum spicca il “Mancini d’Oro”, il gratificante premio che annualmente il Liceo scientifico di via De Conciliis del capoluogo irpino conferisce ai suoi studenti che superino la severa selezione concorsuale per la conoscenza della Matematica e della Fisica.

E con Stefano Sgambati e Costante Bellettini la finestra dei meriti si apre su altre due figure giovanili. Sono quelle di Giuseppina Divisato e Gabriella De Lucia- originarie di Mugnano del Cardinale- impegnate sui versanti degli studi e della ricerca scientifica. Giuseppina Divisato– biologa- opera nell’Istituto di genetica e biofisica del Consiglio nazionale della ricerca di Napoli. E fa parte del team, al quale si deve, tra l’altro, la scoperta del gene responsabile del tumore a cellule giganti; scoperta che risale allo scorso febbraio.

Gabriella De Lucia, con laurea in Fisica conseguita alla Federico II con il massimo dei voti e la lode, è ricercatrice ed astrofisica. E’ impegnata professionalmente nell’Istituto nazionale di astrofisica nell’Osservatorio astronomico, a Trieste. Ha maturato esperienze di alto livello scientifico, in Germania. Insignita dell’onorificenza ufficiale al merito della Repubblica, Gabriella De Lucia ha elaborato importanti studi con specifiche pubblicazioni nel campo delle galassie e della loro “lettura” con modelli matematici.

Quattro eccellenze con progetti di vita, studio, lavoro e professione incentrati soltanto ed esclusivamente sui meriti acquisiti e comprovati. Percorsi esemplari, quelli di Sgambati, Bellettini, Divisato e De Lucia. Percorsi, con magnifici e larghi orizzonti aperti- per lo più e purtroppo- fuori dal territorio e appena dischiusi in ambito nazionale, ma ben ricettivi …all’estero. Una storia, la loro, che identifica e vale le storie di tanti altri giovani, in grado di credere in se stessi, per costruirsi con le loro mani e capacità il proprio destino nel sacrificio e nell’impegno silenzioso, senza avvilenti compromessi e … spudorate compromissioni.

Giovani non…..eccellenti e vincenti per posizione socio-economica e familiare, né …”vinciuti o vinciute” espressioni connotative di arroganza e prepotenza egoistica – secondo il nostrano dire- per…natura con lo scudo delle protezioni politiche. Di certo, artefici del loro status, sapendo essere utili alla società.

di Geo

Navigazione articolo

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 145 follower