ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

NOLA. RIONE GESCAL: SI INCENDIA LO STABILE, EVACUATE SEI FAMIGLIE

gescalBrutta avventura per sei famiglie del rione Gescal di Nola. Un improvviso corto circuito all’impianto elettrico dello stabile ha mandato letteralmente in fumo l’edificio seminando panico tra i residenti. I fatti risalgono all’altra notte.

Ma l’odissea per i malcapitati non è finita quì. I danni infatti sono stati ingenti al punto da far abbandonare le abitazioni. Due famiglie sono ricorse alle cure del nosocomio cittadino per un inizio di intossicazione, mentre altre quattro famiglie hanno trascorso la notte nelle proprie auto.

In attesa del controllo degli impianti elettrici da parte della SNIE e dei tecnici  comunali, le sei famiglie sono state fatte evacuare per ragioni di sicurezza; l’amministrazione comunale ha provveduto in giornata a trovare una sistemazione provvisoria per due nuclei presso un Bad and breakfast di Piazzolla, mentre altri quattro hanno trovato sistemazione da parenti.

Nella mattinata di domani ci sarà un ulteriore sopralluogo da parte dei tecnici comunali, della SNIE e IACP proprietaria degli appartamenti per quantizzare i danni ed i tempi di ripristino degli appartamenti. Non è escluso che le sei famiglie troveranno alloggio presso una struttura alberghiera cittadina.

di ra.na.

NOLA. LE NUOVE TARIFFE PER IL TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA ANNO 2016/2017, TUTTE LE NOVITA’

mensa scolasticaEcco le nuove tariffe per l’anno scolastico 2016/2017 per il trasporto e la mensa scolastica, il cui servizio inizierà il 3 ottobre prossimo. Novità rispetto al 2015 sia per i trasporti che per la mensa scolastica.

Per i TRASPORTI resta l’abbonamento mensile, mentre per il 2015 la tariffa era di € 25,00 per ogni figlio; per due figli € 40,00; per tre figli € 50,00; per il 2016 sono state introdotte le fasce di reddito fino ad € 5.000,00 una famiglia paga per il trasporto scolastico € 15,00 con uno sconto del 10% per più figli; con reddito da € 5.001,00 a € 9.000,00 si paga mensilmente € 25,00 con una riduzione del 10% in caso di più figli; con reddito da € 9.001,00 a € 15.000,00 si paga € 30,00 al mese con riduzione del 10% per più figli; con reddito oltre € 15.000,00 si paga mensilmente € 40,00 sconto del 10% per più figli.

Per la MENSA SCOLASTICA anche quì resta il blocchetto di 25 pasti al mese; per il 2015 la tariffa era determinata da fasce di reddito con una esenzione per i redditi fino ad € 4.171,44; per il 2016 scompare la fascia di esenzione. Ecco le nuove fasce per il 2016: fino ad un reddito di € 5.000 si paga un ticket di € 12,00 per ogni figlio con una riduzione del 10% in caso di più figli; con reddito da € 5001,00 a € 10.000,00 si paga € 30,00 per ogni figlio e riduzione del 10% in caso di più figli; con reddito da € 10.001 ad € 20.000 si paga € 45,00 per ogni figlio sempre con la riduzione del 10% per più figli; con reddito da € 20.001 a € 30.000 si paga € 55,00 per ogni figlio con riduzione del 10% per più figli; oltre € 30.00,00 si paga € 73,00 per ogni figlio e sconto del 10% su più figli.

La novità più sostanziale per la mensa riguarda la soppressione dell’esenzione; le famiglie che non pagavano il ticket l’anno scorso per reddito (ISEE) inferiore ad € 4.171,44 erano 104 su una media di circa 250 pasti quotidiani; a questi occorre aggiungere circa una trentina di pasti per le maestre che dovrebbero essere rimborsati al Comune dallo Stato. Il dettaglio delle esenzioni per plessi: Ciccone 34; 7/bis 13; De MIta 6; T. Vitale 32; Villa Albertini 5; Vetrai 4; Verdischi 6; Cinquevie n.p.; Fiore-Bruno 4.

di ra.na.

NOLA. GE.SCO AMBIENTE DI GIFFONI VALLE PIANA E’ LA NUOVA SOCIETA’ PER IL RITIRO DELLA FRAZIONE ORGANICA, ARRIVANO IN CITTA’ LE FOTOTRAPPOLE PER INDIVIDUARE I RESPONSABILI DI IMBRATTAMENTO, ATTI DI VANDALISMO E ABBANDONO DI RIFIUTI

deposito rifiuti 12 3 14 nola p.zza matteottiSarà la Ge.Sco Ambiente, società consortile a totale partecipazione pubblica con sede in Giffoni Valle Piana in provincia di Salerno, fino al 3 ottobre prossimo la nuova azienda che tramite la Buttol, società affidataria del servizio raccolta dei rifiuti in Città, a ritirare la frazione organica. La Ge.Sco Ambiente è stata l’unica delle cinque aziende contattate a rendersi disponibile.

Il mancato conferimento da parte della Buttol della frazione organica nello stabilimento di Gricignano d’Aversa della Eco Transider, a causa della mobilitazione popolare, aveva creato disagi in Città, ma la situazione già da oggi dovrebbe normalizzarsi.

Il responsabile dell’Ufficio Ambiente Salvatore Caliendo sta predisponendo la documentazione per il nuovo bando di gara per l’affidamento del servizio fino al 31 dicembre prossimo.

Intanto arrivano in Città le fototrappole ad alta definizione, capaci di realizzare video e foto notturne fino a 15 metri e restistenti alle intemperie.

A richiederle il Comando della Polizia Municipale per la individuazione dei responsabili in reiterate violazioni contro beni comunali, imbrattamenti, atti di vandalismo ed abbandono dei rifiuti.

Per il momento ne sono state acquistate due per un importo di € 458,89 Iva inclusa.

di ra.na.

NOLA. NOMINATA LA COMMISSIONE GIUDICATRICE DELLA SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO MOTIVAZIONALE DEL DIRIGENTE A TEMPO DETERMINATO AL COMUNE DI NOLA, TUTTI I NOMI DEGLI AMMESSI

comune-di-nolaDopo due mesi dalla scadenza del termine dell’avviso pubblico per la selezione per titoli e colloquio motivazionale del dirigente a supporto dell’UTC (Ufficio Tecnico Comunale) – Settore 5 – Edilizia Urbanistica ed Assetto del Territorio – a tempo pieno e determinato (ex art. 110 2° comma del D.LGS. 267/2000) arriva la nomina della Commissione giudicatrice: presidente Giovanni Fusco, vice-segretario comunale e dirigente del Settore 2 – Programmazione Finanziaria e Tributi.

MEMBRI ESPERTI: Teresa Marciano – segretario generale titolare della sede di segreteria generale Comune di Sarno; Ciro Cusano – dirigente del Settore tecnico – Urbanistica Edilizia ed Ambiente SUE E SUAP – del Comune di Pomigliano d’Arco.

Segretario verbalizzante: Giuseppe Iandolo – cat. D3, Servizio Staff – Gestione Risorse Umane del Comune di Nola.

Nessun compenso per Giovanni Fusco e Giuseppe Iandolo, dipendenti comunali; compenso di € 1.000 per ogni membro esperto, oltre le spese di viaggio debitamente documentate.

Sono stati ventidue a fare richiesta per l’avviso pubblico; ammessi diciotto.

Ecco i nomi degli ammessi: Ariano Nunzio, Avella Giovanna, Caprio Italia, Dalilo Alberto, D’Angelo Pietro; Gentilini Michele, Landi Giovanni, Lama Stefano, Napolitano Giovanni, Oliva Gaetano, Rainone Ferdinando, Sabini Giuseppe, Soda Antonio, Savoia Giuseppe, Spampanato Felice, Stefanile Giacomo, Tecchia Renata, Zerella Tommaso.

di ra.na.

NOLA. TUTTI I NUMERI DEL CENSIMENTO ARBOREO CITTADINO, NUOVA GARA TRIENNALE PER IL VERDE PUBBLICO PER € 1.200.000,00 A BASE D’ASTA

Foto_Cipresso_Montezuma_NolaIl numero degli alberi censiti sul territorio comunale di Nola sono in totale 1.657, mentre le piante morte sono 23; questo è quanto risulta dalla relazione dell’agronomo Carmine Spina incaricato dall’amministrazione comunale a censire il patrimonio arboreo della Città.

La maggiore parte degli alberi, per un valore percentuale dell’88% risultano classificate come latifoglie, il 10% sono conifere e solo il 2% palme di ogni specie.
La maggiore parte degli esemplari arborei risultano essere piante sempre verdi( 71%), mentre la restante parte ( 29%) sono alberi decidui ( a foglie caduche).
Circa l’80% degli alberi radicati sul territorio comunale risultano essere pante autoctone, ovvero di origine locale; mentre quelli originari di altre aree geografiche ( alloctoni) sono circa il 5%, mentre il restante 15% risultano alberi naturalizzati cioè specie originarie di regioni diverse da quelle di riferimento , ma diventate spontanee.

Per la messa in sicurezza delle alberature cittadine l’agronomo Spina sottolinea che è stata messa in atto una verifica fitostatica degli alberi secondo la metodologia V. T.A. ( visual tree assessment), attuato mediante ispezione visiva.

Ad ogni pianta verificata è stata attribuita una classe di rischio statico che ne definisce il grado di pericolosità e gli interventi manutentivi da effettuare; la maggior parte degli alberi presentano chioma di pessimo stato vegetativo e/o chioma gravemente asimmetrica; occorre procedere alla potatura per eliminazione dei rami secchi; mentre per circa il 20% degli alberi occorre effettuare nel breve periodo ulteriori controlli strumentali a causa di attacchi di carie di legno.

Quattro le classi di rischio ; Classe A – sono inseriti in questo gruppo i soggetti che non manifestano nè difetti di forma, degni di nota nè significative anomalie rilevabili strumentalmente; classe B appartengono a questa classe le piante che all’osservazione visiva hanno rilevato lievi difetti di forma e piccole anomalie strutturali e vanno tenuto sotto stretto controllo per evitare che i processi degenerativi possono aggravarsi con il tempo; classe C , alberi con significativi difetti di forma e/ o strutturali verificabili strumentalmente; classe C/D sono inserite le piante con gravi difetti di livello morfologico e/o strutturale; l’abbattimento di questi soggetti può essere evitato intervenendo con opportune variazioni finalizzate alla messa in sicurezza come la riduzione delle chioma, consolidamento.

Classe D fanno parte di questa classe le piante la cui vita è gravemente compromessa ed ogni intervento di risanamento risulterebbe vano; le piante appartenenti a questo gruppo devono essere sostituite.

Su 1.657 soggetti arborei censiti il 52% è da iscriversi in una classe di rischio C, il 21% rischio B, il 18% classe A, il 6% di rischio C/D mentre solo l’0,5% è ascrivibile ad una classe di rischio D, mentre risultano morte 23 piante.

L’agronomo nelle conclusioni sostiene che nella fase di progettazione della vegetazione come la scelta delle specie- che rappresenta sicuramente il punto più delicato nella gestione del verde pubblico e privato- occorre tenere conto dello spazio disponibile, la vicinanza delle abitazioni , di costruzioni particolari e di vie di comunicazione.

Infine l’agronomo Spina conclude la relazione suggerendo la sostituzione graduale delle alberature in condizioni fito- statiche più critiche che permetta di garantire una maggiore sicurezza e una continuità visiva costante nel tempo, è perciò ragionevole provvedere alla sostituzione degli alberi in un arco di tempo non superiore ai 10- 15 anni.

Ecco nel dettaglio , per strada i 1.657 alberi censiti, con esclusione dei Cimiteri di Nola e Piazzolla e Istituti scolastici superiori, perchè di proprietà dell’area metropolitana: Viale Rossi ( Travaglia) 18; Piazza Geremia Trinchese 11; Palazzetto dello Sport Merliano 7; Via Castellamare 11; Via M. de Sena 25; Piazza G. Bruno 38; Via Seminario 29; Piazza Duomo 12; Via Circumvallazione 40; Via Boccio 12; Via Cimitile 17; Via M. De Sena 26; Via Dei Mille 58; Via Nazionale delle Puglie 67; Via A. Da Nola 7; Via J. Da Todi 21; Via Casalino 3; Via Duchessa Marigliano 47; Cortile Interno Comune 3; Via Marciano 4; Mercato Ortofrutticolo 3 ; Parco Stella 83; Piazza Marconi7; Via Madonna delle Grazie 6; Via Foro Boario 6; Piazza Ferrovia 12; Via Degli Albertini 2; Via Costantinopoli 24; Piazza D’Armi 106; Piazza San Vincenzo Zoccoli 14; Via Polvica 78; Via G. Imbroda 124; Via Alberto Da Nola 7; Rione Stella 18; Via V. La Rocca 2; Via M. De Sena 5; Rione Gescal ( tutto) 365; Gescal Boschetto 33.

Le Scuole: Scuola M. Sanseverino via Ciccone 20; Scuola T. Vitale – De Mita 34; Scuola M. Fiore Polvica 50; Scuola G. Bruno – via Puccini 10; Scuola Località Verdischi 11; Asilo Nido Via Seminaruio 4; Scola Media Merliano 7; Scuola Villa Albertini 31, Scuola Mameli Via Vetrai 1.

Villa Comunale Nola n. 138 piante di cui 17 appartenenti alla classe A; 10 alla classe B; 92 alla classe C; 16 classe C/D; 1 classe D.

Infine le 23 piante morte; Palazzetto dello Sport Via Merliano 1; Via J . Todi 1; Via Costantinpoli 1; PIazza D’Armi 3; Rione gescal ( tutto) 11; Scuola T. Vitale – L De Mita 2; Villa Comunale 2.

Intanto la dirigente all’ambiente Stefania Duraccio sta predisponendo la nuova gara triennale per l’estirpazione delle erbacce strade cittadine e manutenzione del patrimonio arboreo per € 1.200.000,00 a base d’asta.

di ra.na.

CAMPANIA, SOMMESE: “QUANTI GIUDIZI SUPERFICIALI! NESSUN CAMBIO DI CASACCA, LAVORO CON IMPEGNO ALLA SEMPLIFICAZIONE E AL PROGETTO DEI MODERATI”

pasquale-sommese“Ho assistito ad un profluvio di giudizi superficiali ed in libertà sul mio conto, senza che nessuno si fosse preoccupato di chiedermi direttamente cosa ne pensassi. C’è poco da fare: è il tempo dell’apparire, anziché dell’essere. E questa è una causa non secondaria della crisi della politica, alimentata anche da chi, anziché godersi questo momento di gloria aggrappato al treno dell’antisistema, emette sentenze ignorando la storia personale di ciascuno di noi”.

Pasquale Sommese, presidente della IV Commissione Speciale della Regione Campania, interviene nel dibattito che si è scatenato dopo l’appello a collaborare con la maggioranza che il presidente della Giunta De Luca ha rivolto a lui e a NCD-Campania Popolare.

“Nessun arcano – sottolinea Sommese – e soprattutto nessun inciucio. Non può che farmi piacere che il presidente De Luca abbia avuto parole di stima nei miei confronti e dell’Area Popolare. Ma sto lavorando in una Commissione che ha una importanza strategica, visto che la semplificazione è tra gli obiettivi prioritari di questa legislatura, sia per la maggioranza che per l’opposizione. E’ un impegno oneroso ed allo stesso tempo gratificante, che non può essere lasciato a metà.

“Cosa diversa – aggiunge – è il dibattito in corso tra i partiti a livello nazionale, circa le alleanze attuali e future. In tutti questi anni ho concorso con il mio contributo alla definizione delle strategie, e lo farò in queste settimane anche sul referendum. Per quanto riguarda il mio impegno in Campania credo fortemente, in linea con quanto portato avanti in tutti questi anni, in un progetto dei moderati, in grado di sostenere principi e valori comuni di quest’area politico-culturale.

“Agli attacchi personali – conclude Sommese – rispondo di solito con il silenzio. Lo rompo solo stavolta per i neofiti, i miracolati della politica e per quanti continuano a danzare. Ad essi va il mio augurio a godersi questo periodo prima di ritornare nell’oblio ed essere di nuovo dimenticati”.

(red)

NOLA. DISAGI PER IL RITIRO DELLA FRAZIONE ORGANICA DEI RIFIUTI IN CITTA’ PER LA MOBILITAZIONE DEI CITTADINI CONTRO L’ECO TRANSIDER

panchina-pattumiera aggUna mobilitazione popolare “blocca” il servizio di raccolta rifiuti in città. Disagi in queste ore per i cittadini di Nola. Continua infatti la mobilitazione a Gricignano d’Aversa contro l’Eco Transider, l’azienda che svolge l’attività di trattamento della frazione organica dei rifiuti per oltre una decina di comuni tra cui Nola.

Una battaglia portata avanti dai comitati civici dell’agro aversano da oltre quattro anni, per i cattivi odori che emana lo stabilimento nonostante le tante diffide da parte degli organi di controllo; per oggi è previsto un nuovo corteo di protesta.

Una situazione che sta creando disagi in città e che potrebbe proseguire nel tempo. Stamani la Buttol, l’azienda affidataria del servizio di igiene ambientale a Nola a causa dell’impossibilità di conferire da circa una settimana l’ umido nello stabilimento di Gricignano non ha potuto svolgere il servizio di raccolta della frazione organica.

I disagi potrebbero esserci anche nei prossimi giorni, anche se dal Palazzo comunale sia il sindaco Geremia Biancardi che l’assessore all’ambiente Luciano Parisi fanno sapere che immediatamente l’amministrazione si è attivata ed ha contattato quattro aziende autorizzate dalla Regione Campania per il trattamento della frazione organica e probabilmente, già in giornata, potrebbe essere individuato il nuovo sito. Non è esclusa nelle prossime ore la revoca dell’appalto all’Eco Transider.

di ra.na.

RINNOVO DEL CONSIGLIO METROPOLITANO DI NAPOLI, TUTTE LE LISTE E I CANDIDATI DELL’AREA NOLANO-VESUVIANA

Il 9 ottobre prossimo si rinnova il Consiglio Metropolitano di Napoli. Sei le liste presentate ed ammesse; Lista n.1 Napoli Popolare; lista n.2 Forza Italia; Lista n.3 PD ( Partito Democratico); Lista n.4 Movimento 5 Stelle; Lista n.5 Noi Sud; Lista n. 6 De Magistris.

Sono chiamati a votare i Sindaci e i Consiglieri dei Comuni compresi nel territorio della Città Metropolitana per un totale di 1536 aventi diritto che dovranno eleggere 24 membri del Consiglio Metropolitano.

Un solo voto di preferenza si voterà il 9 ottobre dalle ore 8,00 alle ore 20,00 presso la sede di Piazza Matteotti a Napoli( ex Palazzo della Provincia).

L’elettore voterà per una delle liste apponendo un segno sul contrassegno della lista stessa e potrà anche esprimare un solo voto di preferenza scrivendo il cognome o il nome e cognome in caso di omonimia.

Le operazioni di scrutinio inizieranno lunedì del 10 ottobre alle ore 8,00.

Una elezione che vedrà quasi sicuramente il successo della lista dell’attuale Sinadco di Napoli DE Magistris ; infatti i sondaggi danno alla lista del Sindaco dagli 11 ai 14 membri; mentre alla lista Noi Popolari da1 a 2 membri; Lista Forza Italia da 4 a 7 membri; Lista Partito Democratico da 3 a 5 membri; Movimento 5 Stelle da 2 a quattro membri; Lista Noi sud da Zero ad 1 membro.

I candidati dell’area nolana- vesuviana ; Caporaso Salvatore – Casamarciano( Area Popolare); Leone Luigi – Marigliano ( area Popolare); Russo Giuseppe – Roccarainola( Area Popolare); Di Maiolo Felice- Mariglianella ( Forza Italia); Casillo Saverio Forza Italia- S. Giuseppe Vesuviano; Cozzolino Salvatore Forza Italia- S. Giuseppe Vesuviano; Iossa Giuseppe PD( Marigliano) Romano Salvatore PD ( Pomigliano) Varchetta Giovanni Pd ( Carbonara di NOla); Esposito Leopoldo- Movimento 5 Stelle ( Pomigliano d’Arco); Nappi Silvana Movimento 5 stelle ( S. Gennaro Vesuviano); Carbone Vincenzo – Noi Sud ( Palma Campania); Iovino Francesco- Lista De Magistris ( Saviano), già Consigliere Metropolitano eletto nella scorsa elezione nelle liste di Forza Italia.

Ecco le liste ed i candidati; Lista n. 1 Napoli Popolare -Palmieri Domenico, Lettieri Raffaele, Amendola Anna, Giordano Giuseppe, De Risi catello, Vitiello Marcello, Ambrosino Raffaele, Amato Antonio, Caporaso Salvatore, Tortora Nicola, Leone Luigi, Russo Giuseppe, Borrelli Rosaria, Selvaggio Giovanni, Maida Domenico.

Lista n. 2Forza Italia- Iorio Katia, Rescigno Valentina,Abilitato,Stefano, Caiazzo Antonio, Capone Giuseppe, Casillo Saverio, Cascone Francesco, Castiglione Salvatore, Cozzolino Salvatore, De Santis Giovanni, Di Giacomo Ciro, Di Maiolo Felice,, Falco Raffaele, Mappa Antonio, Ragosta Rosario, Santoro Andrea, Sequino Alfonso.

Lista n.3 Partito Democratico- Pentoriero Agostino, Cirillo Giuseppe, D’Alterio Diego Nicola, Iossa Giuseppe, Pirozza Nicola, Quaglietta Alessia, Tito Giuseppe, Zeno Antonio, Romano Salvatore, Varchetta Giovanni, Maddaloni Michele, Nappi Giovanni.

Lista n. 4 – Movimento 5 Stelle- Cascone Danilo Roberto, Risso Vincenzo, Cozzolino Gennaro, Nave Luigi, Brambilla Matteo( ex candidato Sindaco di Napoli), Vaccaro Sergio, D’Elia Ludovico, Ricciardi Giuseppe, Nappi Silvana, Esposito Leopoldo, Capasso Francesco, Mare Salvatore, Amato Vincenzo.

Lista n.5 Noi SUD- Peccirillo Domenico, Gaglione Felice, Russo Ciro, Di Nola Mario, Sassone Salvatore, Buono Patrizia, Marzano Angelo, Somma Giuseppe, Carbone Vincenzo, Raiola Ciro, Vaiano Antonio, Chirico Rachele.

Lista n. 6 – Luigi De Magistris- Coccia Elena, Capasso Elpidio, Iovino Francesco, Lebro David, Marazzo Domenico, Pace Salvatore, Sgambati Carmine, Tozzi Paolo, Ponticiello Marco, Cirillo Vincenzo, Russo Rina, Marino Antonio, Santoro Giovanni, Granato Salvatore, Cacciapuoti Raffaele, Carfora Vincenzo, Vitiello Elvira, Di Girolamo Giuseppe.

di ra.na.

NOLA. MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO E RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA D’ARMI, ECCO I PROGETTI DEL COMUNE CHE PARTECIPERANNO AL BANDO REGIONALE PER L’ACCESSO AI FONDI EUROPEI 2014/2020

piazza d'armi nolaSaranno due i progetti del comune di Nola che parteciperanno al bando regionale per la costituzione di una graduatoria finalizzata al finanziamento della progettazione di opere e/o infrastrutture inserite o coerenti con gli strumenti della programmazione regionale 2014/2020.

Per poter finanziare tali progetti la Regione Campania ha istituito un fondo di dotazione di cinquanta milioni perchè una delle difficoltà che hanno i comuni è che non hanno i fondi per pagare le progettazioni, soprattutto di opere pubbliche importanti. Con tale fondo i comuni hanno la possibilità di vedersi anticipati i fondi della progettazione rendendo il progetto esecutivo e quindi cantierabile. Ed è proprio l’esecutività del progetto a permettere allo stesso di accedere ai fondi europei 2014/2020. Al progetto occorre allegare il cronoprogramma dell’intera fase progettuale.

Andiamo a vedere nel concreto di quali progetti si tratta. Il primo riguarderà i lavori di mitigazione del rischio idrogeologico sull’intero territorio comunale per un importo di € 121.978,15. L’opera è inserita nel piano triennale dei LL.PP. 2016/2018 – seconda annualità – e metterà fine alle innumerevoli problematiche legate al territorio nelle vaste aree sottoposte a dissesti idrogeologici con l’interesse specifico alla salvaguardia dell’incolumità pubblica e privata. Il secondo progetto servirà alla riqualificazione e rifunzionamento di Piazza d’Armi. Per quest’ultimo progetto ormai è in dirittura d’arrivo la definizione, a titolo gratuito, al comune del passaggio di proprietà con l’agenzia del demanio. L’importo del progetto è di € 310.856,00. Quella dell’intera opera € 11.629.718,06.

Il quadro economico dell’intera opera è il seguente: lavori a misura € 9.845. 470,00; oneri di sicurezza non sogetti a ribasso € 196.909,40; spese di direzione lavori e coordinamento della sicurezza, compresa Inarcassa ed Iva € 317.200,00; progettazione esecutiva, compresa Inarcassa e Iva € 310.856,00; incentivo art. 113 comma 5 DLGS 50/2016 € 200.847,59; Iva su lavori € 1.004.237,04.

Il responsabile del procedimento dei due progetti è l’architetto Stefania Duraccio.

di ra.na.

NOLA. A LEZIONE DI “FASCIA”, TRE DIPENDENTI COMUNALI SCELTI PER IL CORSO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI CERIMONIALE NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

A lezione di cerimoniale. Sono tre i dipendenti comunali di Nola che mercoledì 28 e giovedì 29 settembre saranno a Roma per partecipare al corso di formazione in materia di disciplina del cerimoniale nelle pubbliche amministrazioni. Si tratta di Francesco Peluso – segreteria del sindaco – Giovanni Mascolo – presidenza del consiglio – e Giuseppe Lettieri – ufficio beni culturali. Per la serie: un tocco di “bon ton” non guasta.

Il corso sarà articolato sulla formazione delle principali problematiche per la corretta applicazione delle regole di cerimoniale, in campo nazionale ed internazionale.

Il programma della due giorni dei novelli cerimonieri – che al termine del corso riceveranno l’attestato di cerimoniere “ufficiale” – prevede i fondamenti storico-sociologici del cerimoniale e le odierne norme internazionali e nazionali che sono alla base del decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri 14 aprile 2006.

Inoltre riguarderà l’accoglienza, l’organizzazione di cerimonie, congressi, manifestazioni, premiazioni, inaugurazioni, giuramento delle cariche pubbliche, messaggi e lettere formali e d’ufficio.

Non mancherà l’approfondimento sui simboli e l’uso delle bandiere, dei gonfaloni e delle fasce (finalmente avremo un uso corretto delle fasce!).

Infine come comportarsi durante le onorificenze civili, le festività, i lutti e come vestirsi nelle occasioni ufficiali.

I relatori saranno Massimo Grelli, già direttore di dipartimento cerimoniale di Stato, Presidenza del Consiglio dei Ministri, e Francesco Piazza, Capo Cerimoniale di Roma Capitale.

I costi per le tre unità, con lo sconto del 20%, ammontano complessivamente ad € 1.176,00.

di ra.na.

Navigazione articolo