ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Nola. Disco verde per il riequilibrio di bilancio in prima convocazione

Con quindici voti favorevoli è stato approvato in prima convocazione il riequilibrio di bilancio al comune di Nola.

L’opposizione, rappresentata dai consiglieri comunali Francesco Pizzella e Maria Franca Tripaldi, in apertura dei lavori ha chiesto il rinvio del consiglio comunale per non aver discusso diversi capi all’ordine del giorno nelle competenti commissioni consiliari. Respinta la richiesta, la maggioranza ha approvato tutti i capi all’ordine del giorno, compreso l’elenco aggiuntivo tra cui la convenzione con il comune di San Felice a Cancello per l’istituzione di un servizio unico territoriale. Nella seduta è stato approvato il regolamento per la ZTL (sul capo ha relazionato il comandante della P.M. Luigi Maiello), debiti fuori bilancio per un importo di circa 500 mila euro. Assenti i consiglieri Giusy La Marca, Ines Miccio, Emma Vecchione, Arturo Cutolo, Vincenzo Iovino, Domenico Vitale, Luisa Marone, oltre al sindaco Geremia Biancardi. Si e proceduto infine alla surroga del consigliere dimissionario Carmine Pizza, nominato assessore all’ambiente.

di ra.na.

Ischia, partite verifiche sismiche su edifici

Sono partite le verifiche sismiche sugli edifici di Casamicciola e Lacco Ameno, le due zone maggiormente colpite dal terremoto di ieri sera. A seguito delle risultanze degli accertamenti, si potranno definire il numero degli sfollati e le aree da sgomberare. I sindaci procederanno quindi con proprie ordinanze.

Terremoto Ischia, Grasso: “Non è normale che un terremoto con magnitudo 4.0 determini tanti danni”

“Non è normale che un terremoto 4.0 determini crolli di edifici ed evacuazioni di ospedali e, purtroppo, la tragedia di due vittime, dispersi, tanti feriti – spiega Egidio Grasso, presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania, dopo le scosse di ieri sera nell’isola di Ischia – le cause potrebbero essere ricercate nei fenomeni di amplificazione sismica locale o attribuite alle costruzioni fatiscenti, abusive e realizzate senza alcuna verifica sismica”. “L’onda sismica – ha continuato il presidente – in presenza di situazioni geologiche o morfologiche particolari, può subire notevoli amplificazioni. I geologi, attraverso gli studi di risposta sismica locale, riescono a valutare preventivamente questi effetti consentendo ai progettisti di effettuare le opportune verifiche sismiche necessarie.
“Giusto per far capire quale sia l’entità di questo terremoto – ha concluso il presidente – si chiarisce che l’energia liberata da un terremoto di magnitudo 6, paragonabile a quelli registrati di recente in Italia centrale, è circa 1000 volte più forte di quella liberata dal terremoto registrato ad Ischia (magnitudo 4.0)”.

TERREMOTO ISCHIA – L’ABBAC FA APPELLO AI TURISTI PER NON ABBANDONARE LA CAMPANIA – OFFERTI ALLOGGI E SOLUZIONI ALTERNATIVE A NAPOLI E SUL TERRITORIO – LANCIATO APPELLO ALLA REGIONE PERCHè SI MOBILITI E OFFRA ASSISTENZA

L’ABBAC l’associazione dei B&B e affittacamere della Campania lancia un appello ai turisti e ai viaggiatori che in queste ore stanno abbandonando gli alberghi e le strutture ricettive dell’Isola di Ischia a seguito del sisma della scorsa notte. “Siamo disponibili a fornire soggiorni in alloggi e B&B a Napoli nell’intero comprensorio che non sono state coinvolte dalle scosse telluriche – Dichiara Agostino Ingenito – garantiamo agevolazioni e sconti in accordo con i nostri soci gestori disponibili per evitare l’abbandono anche della Campania. Sono molte le attrattive turistiche e culturali che la nostra regione può offrire, ovviando in questo modo al soggiorno sull’isola di Ischia qualora non si voglia rimanere. Sono tante le località turistiche del territorio che possono accogliere questi viaggiatori e garantire loro altrettante opportunità di trascorrere una serena vacanza. Dall’associazione comunicano che sono in stretto contatto con gli operatori associati che si renderanno disponibili a garantire camere libere in queste ore per offrire una variabile di soggiorno e trattenere così gli ospiti italiani e stranieri che avevano contato sull’isola di Ischia per la loro vacanza.

Dal sito internet http://www.bbcampania.net e http://www.abbac.it è possibile consultare l’elenco delle strutture ricettive extralberghiere associate della Campania che possono essere prenotate direttamente o contattando il nostro numero Whatsapp 3755034102

“Faccio appello anche alle istituzioni Regionali affinché predispongano presso il porto, l’aeroporto e la stazione degli infopoint in grado di fornire assistenza e supporto . Appare riprovevole e da condannare quanto occorso in queste ore circa il pagamento dei ticket di viaggio a cui sono stati obbligati viaggiatori e i turisti in fuga dall’Isola. Ricordo che molte strutture ricettive alberghiere non sono più agibili e l’isola in questi giorni era in overbooking. La Regione provveda ad emanare gli atti amministrativi necessari per decretare lo stato di calamità o altra formula adoperata nel caso di emergenza e in accordo con gli armatori operanti nel golfo di Napoli proceda a garantire passaggi gratuiti per favorire il decorso dei turisti verso la terraferma”.

FEDERALBERGHI ISCHIA, CAMERE PER SFOLLATI NEI COMUNI NON INTERESSATI DAL SISMA

Federalberghi Ischia con i suoi soci ha deciso di mettere a disposizione gratuitamente le camere delle proprie strutture ricettive per le popolazioni e gli ospiti dei comuni di Casamicciola Terme e Lacco Ameno, colpite dal sisma del 21 agosto.

Gli alloggi sono disponibili nei comuni che non sono stati interessati dagli eventi sismici.

Federalberghi Ischia informa inoltre che sta procedendo in tal senso in stretto contatto con il Centro Operativo della Protezione Civile.

SISMA A ISCHIA, DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DE LUCA

Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, intervistato da Radio 1 Rai, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Alla prima notizia della scossa, è stato immediatamente attivato il coordinamento tra le centrali operative di Roma e della Campania. Il Presidente del Consiglio ci ha contattato da subito per avere informazioni. Ad ora abbiamo notizie di un bilancio pesante, soprattutto per la parte alta di Casamicciola. Dal punto di vista sanitario abbiamo lavorato per coordinare gli interventi con una linea diretta tra 118 e centrale della protezione civile. E per preparare il trasferimento dei pazienti più gravi al Cardarelli di Napoli o in altre strutture e, a breve, allestiremo un ospedale da campo per una emergenza che può diventare ancora più grande. Mobilitati tutti i mezzi, dai traghetti, alle idroambulanze, agli elicotteri.
Questo è il momento di salvare vite, non di altro. E sul fronte dei soccorsi stiamo producendo insieme a tutte le forze dell’ordine e alle istituzioni nazionali e locali il massimo sforzo. Ho parlato anche con il sindaco di Casamicciola: a tal proposito c’è molta preoccupazione, soprattutto tra i turisti e i villeggianti che provano a lasciare istintivamente l’isola in questi momenti, ma bisogna mantenere i nervi saldi. Ci saranno da domani anche altri problemi, adesso bisogna affrontare l’emergenza.

Sisma, allestita area di pronto soccorso Pronto trasferimento pazienti in rianimazione

È stata allestita, ed è pienamente operativa, un’area di pronto soccorso esterna all’ospedale Rizzoli, in attesa delle verifiche di staticità sulle strutture.
Sono pronti , invece, i trasferimenti in eliambulanza ed idroambulanza dei pazienti ricoverati nel reparto Rianimazione: è attiva la rete del soccorso 118.
Sono inoltre disponibili 3 traghetti Medmar e Caremar per eventuali ulteriori trasferimenti.

Sisma, attivo piano di emergenza sanitario Unità di crisi operativa

È scattato il piano di emergenza sanitario per i soccorsi alla popolazione di Ischia: già disposta unità di crisi del Cardarelli per eventuali necessità di trasporto in eliambulanza.
Parte dell’ospedale di Ischia è stato invece evacuato per verifiche strutturali.
Sui luoghi interessati dai crolli sono al lavoro squadre di volontari della protezione civile regionale.

Terremoto a Ischia, in atto verifiche Protezione civile Regione Campania

Sono in atto verifiche da parte della Protezione civile della Regione Campania sull’Isola di Ischia per accertare se vi siano danni causati dalla scossa sismica di magnitudo 4 che si è verificata ieri intorno alle 21.
La scossa risulta avvertita dalla popolazione: numerose le chiamate pervenute alla sala operativa della Protezione civile regionale.
Le squadre che al momento stanno effettuando i controlli sono state attivate immediatamente poiché erano impegnate sull’isola per Il servizio antincendio boschivo.
Il Presidente De Luca ha già allertato l’intera struttura regionale di protezione civile.

NOLA. VIVIBILITA’ E RIQUALIFICAZIONE DI SPAZI URBANI, PUBBLICATA LA GRADUATORIA DEI VINCITORI DEL CONCORSO DI PROGETTAZIONE

Conclusa la procedura aperta lo scorso anno con l’avviso del bando pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, con cui la civica amministrazione ha promosso il confronto delle proposte, per acquisire elementi e dati progettuali di elevata e congrua qualità funzionali ai criteri e agli obiettivi della valorizzazione di piazza Clemenziano e dell’area interclusa tra la Villa comunale e piazza Umberto, puntando su interventi organici e coerenti con la storia e il tessuto urbano della città. Di poco superiore agli 11 mila euro il Montepremi stanziato dall’Ente di piazza Duomo. Trentatré i team di architetti che hanno partecipato all’importante iniziativa, quattro i gruppi selezionati per l’aderenza ai criteri formali e tecnici del bando di gara e alle finalità del “Disciplinare” concorsuale.

==================================================================

E’ mirato sulla riqualificazione degli spazi urbani di piazza Clemenziano, con la sua caratteristica configurazione quadrata, e dell’area interclusa tra la Villa comunale e piazza Umberto, l’impegno dell’amministrazione, guidata dal sindaco Geremia Biancardi, per il miglioramento dell’assetto e del decoro cittadino. Sono interventi correlati a significative tessere che connotano il tessuto del cuore socio-urbanistico della città, le cui stratificazioni sono di lineare leggibilità in ordine alle età di riferimento, da quella romana a quella medievale e rinascimentale, fino ainostri giorni, essendo state conservate in condizione di relativa integrità rispetto alla fisionomia originaria, senza subire alterazioni e devastazioni irreversibili. Un assetto che, in particolare, fa del centro storico della città uno dei migliori in Campania sia per il generale stato di conservazione ben tutelata che per la conformazione a dimensione umana rappresentata dai profili della grande maggioranza dei palazzi strutturati in due o in tre piani.

Certamente degno di considerazione e di trasparenza amministrativa, il metodo scelto di far prospettare ipotesi progettuali di riqualificazione dei due spazi urbani, indicendo la procedura concorsuale alla luce degli obiettivi fissati dalla delibera della Giunta dell’Ente di piazza Duomo l’8 aprile dello scorso anno, con la quale è stato approvato il Documento preliminare di avvio alla progettazione integrata con i documenti preparatori, nonché il quadro economico delle opere da realizzare. Al deliberato di Giunta hanno fatto seguito tutti gli atti dell’iter previsto, dai provvedimenti dei titolari delle competenti dirigenze di Settore- Urbanistica, Lavori pubblici e Tutela ambiente-alla pubblicazione dell’avviso del bando di concorso sulla Gazzetta ufficiale e del relativo disciplinare. Il termine di presentazione delle proposte progettuali scadeva il 14 novembre del 2016. Ventiquattro le proposte progettuali presentate per piazza Clemenziano e nove per l’area interclusa tra la Villa comunale e piazza Umberto.

L’ampio quadro di progettazioni- escluse quattro per piazza Clemenziano, non essendo state ritenute coerenti con le specificità dei “Disciplinari” di gara- è stato vagliato dalla commissione giudicatrice, presieduta dall’architetto Stefania Duraccio, dirigente del Settore dei Lavori pubblici e dellaTutela ambiente dell’Ente di piazza Duomo, ecomposta dal professore ingegnere Francesco Polverino, titolare della cattedraper Architettura tecnica, e Francesco Viola, titolare di cattedra per Composizione architettonica e urbana, docenti nel Dipartimento di Ingegneria civile, edile e ambientale della Federico II. Sono state verificate le proposte progettuali per definire la valutazione analitica e la rispondenza formale e tecnica, in relazione alle indicazioni dei “Disciplinari”, con l’esame della documentazione amministrativa prescritta. Un ‘attività di esame e ricognizione attenta, per una risposta interessante sul versante delle valenze professionali. Ed ecco la graduatoria dei team vincitori.

Per piazza Clemenziano, il team primo classificato, è formato dagli architetti Leonardo Maria Proli, Beatrice Pierallini,Curzio Maria Proli e Massimo Mariani; secondo piazzato, il professore architetto Ferruccio Izzo.

Per l’area interclusa tra la Villa comunale e piazza Umberto, prima piazzata l’Officina d’ Architettura, composta dagli architetti Bruno Discepolo, Giovanni Travaglione, Emma Di Lauro; secondo classificato il team formato dagli architetti Francesco Travaglino, Roberto Filiberto e Valentina Travaglino. Il Montepremi messo a disposizione dall’amministrazione e da ripartire tra gli autori delle progettazioni vale in totale poco più di undicimila euro. Una dotazione che va ben oltre il valore economico in sé,essendo di rilevante portata l’iniziativa adottata dall’amministrazione verso la progettualità “aperta”, dando spazio al confronto di idee e visioni per migliorare il profilo urbanistico della città. Un cammino di passi graduali, in cui nell’arco degli ultimi anni si collocano la riqualificazione dell’area della stazione delle Ferrovie di Stato, una volta dismesse le funzioni di scalo-merci svolte per circa un secolo, il Parco archeologico di via La Rocca, la sistemazione della Travaglia nelle pertinenze del Palazzo di Giustizia con la creazione di viale Agostino Rossi, il riassetto con aiuole di piazza Marconi. Tasselli utili e importanti per la vivibilità cittadina.

di Geo

Navigazione articolo