ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il tag “Paolino Santaniello”

NOLA. COMUNALI, DOMENICO VITALE APRE LA CAMPAGNA ELETTORALE ALL’UMBERTO

Un momento della presentazione

Un momento dell’apertura della campagna elettorale di Domenico Vitale – Clicca sull’immagine per ingrandire

Si è aperta ufficialmente questa mattina la campagna elettorale della coalizione dei moderati a sostegno della candidatura a sindaco di Domenico Vitale per le elezioni amministrative del 25 maggio prossimo.

Location scelta per l’inaugurazione, una cornice di tutto rispetto e piuttosto impegnativa come il teatro Umberto. Ad intervistare Vitale e l’assessore al turismo della regione Campania (presente sul palco), Pasquale Sommese, un “uomo da palcoscenico”, il dj Nicola Pellegrino, animatore e volto noto della movida notturna dei locali del salernitano che, in qualche occasione, con la sua verve artistica, ha addirittura messo in ombra gli ospiti sul palco.

“La scelta di scendere in campo è frutto di una decisione condivisa con la mia famiglia – ha esordito Vitale – La presenza nelle liste della mia coalizione di tanti giovani mi fa ben sperare in un reale rinnovamento. La mia non è stata una candidatura calata dall’alto; anche il nostro programma elettorale è frutto del contributo e delle idee dei cittadini e riguarderà soprattutto la messa in sicurezza delle strade, l’ammodernamento e la riqualificazione delle strutture sportive, il nuovo piano traffico che dovrà essere condiviso con la città e non imposto; e poi ancora la rivalutazione del patrimonio storico-culturale; la promozione del marchio della Festa dei Gigli; il rilancio delle attività commerciali con un nuovo piano commerciale; il rilancio e la riqualificazione dell’ospedale e del pronto soccorso; punteremo inoltre sul verde cittadino con il potenziamento della raccolta differenziata venendo incontro alle esigenze dei più bisognosi, come anziani e disabili utilizzando soprattutto le professionalità locali”.

Pasquale Sommese e Domenico Vitale

Pasquale Sommese e Domenico Vitale

”Non so se il nostro candidato a sindaco è un animale da campagna elettorale – ha esordito l’assessore regionale al turismo, Pasquale Sommese – ma sono convinto che ha tutti i requisiti (capacità, professionalità e onestà) per essere un buon sindaco, anche perché a sceglierlo siete stati voi. Oggi – ha continuato Sommese – non siamo noi a preoccuparci ma coloro che hanno amministrato sì; è bene chiarire che sono stato sempre contrario in questi cinque anni ad entrare nel governo della città per la mancanza di un reale e concreto rilancio dell’attività amministrativa; per questo ringrazio chi non è caduto nelle lusinghe di un assessorato. La presenza dei tanti giovani nelle liste mi fa capire che abbiamo intrapreso la strada giusta per un nuovo modo di intendere la politica, respingendo decisamente la macchina del fango e le vecchie logiche della politica. E’ necessario che le amministrazioni locali mettano in campo le progettualità per poter accedere ai finanziamenti europei; Nola è una città del terziario avanzato e molto spesso ha subito una influenza forte di gruppi privati abituati più a tutelare i propri interessi che le sue eccellenze. L’inserimento delle Passeggiate Vesuviane, con tutte le realtà archeologiche e culturali dell’area nolana, nel terzo itinerario dei nove del Gran Tour sicuramente rappresenterà il vero volano di sviluppo se una saggia amministrazione sarà in grado di creare le infrastrutture per una cultura dell’accoglienza”.

udc ncd vitalefratelli d'italia an vitalecd vitalenola mia vitale

di ra.na.

NOLA. ELEZIONI COMUNALI, CINQUE DOMANDE AL CANDIDATO SINDACO DOMENICO VITALE

Domenico Vitale SindacoDomenico Vitale, avvocato amministrativista, è il candidato sindaco della coalizione dei moderati, composta da UDC-NCD, Fratelli d’Italia AN, Centro Democratico e Nola Mia, che corre per le Comunali bruniane del 25 maggio prossimo.

Gli abbiamo rivolto cinque domande.

udc ncd vitaleAvvocato Vitale, molti dicono che lei è l’altra faccia della stessa medaglia. Nel 2009 era indicato come uno dei possibili aspiranti alla poltrona di primo cittadino, oggi la sua candidatura in quale contesto si colloca, tenuto anche conto del fatto che sia l’UDC che gli attuali esponenti del NCD in questa consiliatura hanno amministrato insieme alla maggioranza di centrodestra?

“Non è assolutamente vero che il mio nome era stato indicato nel 2009 quale possibile candidato; non posso nascondere che lo stesso fu tirato in ballo, probabilmente, in maniera impropria e senza nessun fondamento. Oggi la mia candidatura si colloca in un contesto che raggruppa le idee ‘moderate’ della città, voluta dai vertici locali e non calata dall’alto. Preciso, inoltre, che il gruppo UDC-NCD è un movimento partitico di nuova costituzione; i suoi rappresentanti non sono stati assessori nella Giunta Biancardi”.

fratelli d'italia an vitaleSecondo lei l’amministrazione Biancardi è stata fallimentare in questa consiliatura dal punto di vista amministrativo o politico?

“Dal punto di vista politico il fallimento è evidenziato dalla fuoriuscita di consiglieri dalla compagine amministrativa di Biancardi; ciò è segno di malcontento politico all’interno del gruppo”.

Tutti riconfermati gli uscenti, per il rinnovamento bisogna aspettare che cosa? O è ancora possibile?

“Il rinnovamento non è qualcosa che si impone o parte dall’alto; deve partire dal senso di appartenenza alla propria città. Appartenenza che in tutti questi anni è venuta a mancare; parte dall’insoddisfazione generale, dalla voglia di cambiare mentalità, di uscire, insieme, dal torpore dal quale ci siamo e, purtroppo, ci hanno abituati. L’impegno e la passione per la nostra città deve essere la spinta al rinnovamento, che dovrà interessare gran parte dei settori del Comune di Nola. Il rinnovamento è certamente possibile; insieme alla mia squadra puntiamo proprio in questa direzione con il massimo impegno”.

cd vitaleQuali sono le priorità del suo programma elettorale?

“Le aree di attenzione aperte al contributo costruttivo delle istanze e delle idee dei singoli cittadini riguardano una Nola sana: quindi massima attenzione alla drammatica situazione della ‘Terra dei Fuochi’ e connesso problema dell’ottimizzazione della assistenza sanitaria, del potenziamento/qualificazione dell’ospedale di Nola, potenziamento dell’unità operativa di emergenza-urgenza di Nola; una Nola da vivere: una maggiore attenzione a tutte le problematiche sociali (soprattutto ai giovani, agli anziani, ed ai diversamente abili); una Nola futura, maggiore attenzione alla scuola, un nuovo strumento urbanistico comunale; una Nola storica: recuperare, riscoprire e riproporre le radici storico-culturali della nostra città (promuovendo mostre d’arte, manifestazioni teatrali…) ed una attenzione alla nostra Festa come veicolo per promuovere e conoscere la storia della nostra città, il patrimonio storico-culturale, archeologico e monumentale (varie le iniziative); una Nola verde, da abitare: più verde cittadino, maggiore attenzione alle energie rinnovabili, miglioramento e potenziamento raccolta rifiuti, monitoraggio, bonifica e controllo di tutti i suoli del nolano; una Nola sicura, maggiore presenza sul territorio della polizia locale urbana (con miglioramento degli orari e turni di presenza), migliore comunicazione tra istituzioni e forze dell’ordine per affrontar e problemi riguardanti la microcriminalità, l’abusivismo e la contraffazione”.

nola mia vitaleIn caso di ballottaggio farà apparentamenti?

“Ad oggi non ci sono le condizioni per poter affrontare questo tipo di discorso”.

di ra.na.

NOLA. LA “JUNGLA” DELLE PLANCE PUBBLICITARIE

Gli spazi pubblicitari, normalmente utilizzati per la pubblicità commerciale, a causa del mancato montaggio dei tabelloni elettorali, a liste oramai presentate, sono stati occupati dai candidati per le amministrative del 25 maggio. Uno spettacolo indecoroso.

Per la verità la comparsa dei “volti” elettorali sulle mura della città risale a circa un mese fa. Tante polemiche ma alla fine tutto sembra rientrato nella norma, stante il silenzio degli organi preposti al controllo. La gara a procedura negoziata a mezzo cottimo fiduciario per l’affidamento del servizio di allestimento dei 38 seggi elettorali, del montaggio, manutenzione e smontaggio dei tabelloni di propaganda elettorale, è stata pubblicata all’albo pretorio del comune di Nola il 20 aprile scorso con determina n. 43 del 18 aprile 2014 per un importo di 16 mila euro. Ad oggi non si capisce se è stata espletata, anche se il dirigente agli Affari generali, Paolino Santaniello, assicura che è tutto pronto e al massimo entro lunedì 28 aprile, i tabelloni e gli spazi elettorali saranno a disposizione dei partiti e movimenti presenti alla competizione elettorale amministrativa.

La mancanza di un censimento delle plance pubblicitarie per il comune di Nola, confermataci anche dall’ufficio affissioni dell’ente locale, genera malintesi e confusione nel settore. In questo ultimo mese più volte il servizio è stato oggetto di polemiche. Un intervento degli organi preposti appare quanto mai necessario per normalizzare una situazione che da anni vive nell’assenza di regole certe, tanto è vero che, in particolare negli ultimi tempi, capita spesso di vedere su molti manifesti (raramente su quelli elettorali) la fascetta con la dicitura “AFFISSIONE ABUSIVA” per non aver pagato non solo i diritti di affissione ma anche per avere affisso sulla plancia sbagliata. Proprio così, perché a Nola ci sono tre tipi di plance pubblicitarie, di cui una di proprietà comunale (la minoranza) e due date in concessione alle agenzie di pompe funebri ed a privati. Sia ben chiaro, i diritti di affissione comunque vanno pagati, a prescindere dalla natura delle plance. Se a tutto questo poi ci aggiungiamo la problematica della cartellonistica, la situazione diventa paradossale.

di ra.na.

Navigazione articolo