ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “marzo 28, 2020”

Caserta. Anti-coronavirus, importanti riscontri della cura-Ascierto con sei guarigioni

E’ ancora presto, per ritenere che sia stata imboccata in via risolutiva la strada giusta, per debellare gli effetti del devastante Covid19, malattia di complessa e rapida aggressività. E’ certo, tuttavia, che la curaAscierto apre interessanti e importanti orizzonti di speranze. E sulla scia dei positivi riscontri di qualche giorno fa, arriva in queste ore la conferma di guarigione per sei persone, contagiate dal Covid19, ricoverate nell’Ospedale “Sant’Anna e San Sebastiano” e sottoposte al trattamento sulla base del farmaco Tocilizumab, che normalmente viene utilizzato  per la terapia dell’artrite reumatoide.

La storia di quella che ormai comunemente è chiamata la curaAscierto è semplice e lineare; ed è espressione dell’attiva sinergia posta in campo a Napoli dalle strutture del “Cotugno” e del “Pascale”, i due presidi ospedalieri di medicina di alta specializzazione nel contrasto alle malattie infettive e alle malattie tumorali. Una sinergia che ruota sull’intuizione di trattare gli effetti del Covid19, troppo spesso letali, con   l’utilizzo del Tocilizumab, la cui somministrazione è di particolare efficacia verso le complicanze della polmonite generate da Coronavirus. Un’intuizione rivelatasi di calibrata  e di quell’affidabile competenza che dà frutti e  alimenta fiducia verso quanti si dedicano con dedizione e cura alla  scienza e alla medicina, rifuggendo da clamori e deplorevoli polemiche senza costrutto. La curaAscierto con tutti gli apporti di operosa professionalità che ne fanno la base, è anche e soprattutto questo. Un modello di impegno e di responsabile discrezione.

“Sono già guariti sei pazienti – dice il dottor Paolo Maggi, direttore dell’Unità operativa Malattie infettive dell’ospedale della città capoluogo di Terra di Lavoro – di cui cinque sono stati già dimessi e uno è in divezzamento dall’ossigenoterapia. Per un altro paziente – conclude – nel reparto di Rianimazione si è ottenuto uno dei pochi trattamenti erogato in Italia con il farmaco Remedesivir, con il tampone del paziente negativizzato ed è stato estubato”.

di Geo

CORONAVIRUS, REGIONE CAMPANIA: “GARANTIRE LA SALUTE, GARANTIRE IL PANE”

Il governatore De Luca: “Una piattaforma economico-sociale da presentare al Governo”.
Alle misure rigorose prese per combattere il contagio è indispensabile aggiungere da subito misure di sostegno alle famiglie, di aiuto a singoli cittadini in difficoltà, e a quei settori su cui il prolungarsi della crisi pesa in maniera drammatica.
A tal fine la Regione intende definire una piattaforma, un programma di aiuti da sottoporre da subito, entro martedì, al Governo nazionale.
In alcuni casi si tratta davvero di garantire il pane alla povera gente.
E’ necessario oggi, un impegno unitario di tutte le componenti politiche e sociali. E’ prezioso il contributo di proposte e di idee che possono arrivarci da tutti.
Per dare a questo sforzo unitario rapidità e concretezza, sollecitiamo tutti i gruppi politici, le organizzazioni sociali, sindacali e imprenditoriali, le Camere di Commercio, le Fondazioni e le istituzioni bancarie, le istituzioni locali, il volontariato, le organizzazioni religiose, a far pervenire entro la mattinata di lunedì agli Assessorati competenti, o all’Ufficio di Gabinetto della Presidenza, o alla Unità di Crisi regionale, documenti brevi e sintetici, con proprie proposte, in modo da sottoporli agli uffici per una verifica di operatività.
Si segnalano in particolare, tra le innumerevoli questione aperte, alcuni temi da approfondire.
1) Quali misure di sostegno al reddito di carattere nazionale e universale assumere. E poi – questione specifica ed enorme della regione Campania – come tutelare chi lavora nel grande mondo della “economia sommersa”, che rischia di non essere garantito dagli ammortizzatori sociali.
2) Come sostenere il mondo del commercio, dell’artigianato, delle piccole imprese, a cominciare da scadenze come quelle per i fitti, e oltre le misure nazionali già adottate.
3) Quali misure definire per il credito a piccole e medie attività economiche anche con fondi di garanzia.
4) Quali misure specifiche per le filiere agricole e per le attività turistico alberghiere.
5) Quali misure per gli operatori di imprese culturali, teatrali, cinematografiche.
Nel rapporto con le famiglie e le aree di povertà dovrà essere decisivo il ruolo dei Piani Sociali di Zona, cui si sollecitano con particolare forza proposte operative.
-Si dà mandato ai responsabili della Programmazione Unitaria di definire proposte operative innovative per la gestione rapida dei fondi europei e per l’utilizzo immediato delle risorse contenute nel Piano per il Sud e nel Piano per la Campania.
– Si dà mandato agli assessorati al Bilancio e allo Sviluppo di individuare ogni iniziativa possibile per la sburocratizzazione radicale di ogni iter amministrativo e per fare arrivare da subito, le risorse ai soggetti beneficiari. Non sono consentiti tempi lunghi. Ognuno ci aiuti a individuare e a tagliare nodi burocratici persistenti.
– Si dà mandato agli uffici finanziari di fare uno sforzo per individuare, nelle pieghe del bilancio, tutte le risorse liberabili, fino all’ultimo euro, per impegnarle in tempi immediati.
E’ evidente che siamo chiamati tutti a un impegno senza precedenti. Siamo sicuri che di fronte alle alle esigenze cui dare risposte, si potrà mettere in campo un impegno unitario, oltre ogni distinzione e ogni interesse particolare, per dare semplicemente una mano a chi oggi ci domanda un aiuto.
Vincenzo De Luca
Presidente Regione Campania

San Paolo Bel Sito. Covid-19: stasera nuovo intervento di sanificazione per le strade cittadine

Il sindaco Manolo Cafarelli: “Tuteliamo la comunità adottando ogni misura preventiva che le consenta di rimanere estranea al virus. Ce la faremo”.

Nuovo intervento di sanificazione in programma oggi, sabato 28 marzo, a San Paolo Bel Sito. Lo start è previsto dalle 19 e comprenderà tutte le strade cittadine, traverse comprese, con l’utilizzo di prodotti specifici indicati in questi casi.

Ad annunciarlo è lo stesso sindaco, Manolo Cafarelli, in un avviso pubblico invitando i cittadini ad adottare un atteggiamento corretto evitando l’esposizione di oggetti e/o materiale di consumo all’aperto o di sostare negli ambienti interessati all’operazione sanitaria.

“Bisogna rimanere a casa e non solo stasera per l’intervento programmato ma per tutto il tempo necessario alla risoluzione dell’emergenza – spiega il sindaco Manolo Cafarelli – Da parte nostra ce la stiamo mettendo tutta investendo energie e risorse a nostra disposizione per contenere il contagio. C’è bisogno di collaborazione – aggiunge il primo cittadino – nel rispetto reciproco e dell’unicità dell’obiettivo che ci vede coinvolti che è, e resta, la salute e l’incolumità pubblica”.

Intanto in queste ore è stata completata la consegna delle mascherine porta a porta da parte dell’amministrazione comunale con l’impegno, in prima persona dell’assessore alle politiche sociali Rino Foglia e dei volontari della protezione civile.

“Siamo stati, credo, tra i primi comuni del Nolano ad essere tempestivi provvedendo al reperimento di dispositivi protettivi per la comunità – aggiunge il sindaco Cafarelli – scegliendo una specifica tipologia con l’indicazione ‘lavabili, sanificabili e riutilizzabili’. Cogliamo l’occasione per ringraziare il gruppo di minoranza ‘Uniti per San Paolo’ che ha donato al comune 300 mascherine di carta monouso che sono state consegnate ai commercianti. Grazie a tutti per la collaborazione – conclude Cafarelli – e restiamo a casa”.

di ra.na.

Navigazione articolo