ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “febbraio 18, 2020”

Disuguaglianze per ‘’TUTTI’’: Carmine Soprano, dalla Banca Mondiale una lezione al Carducci di Nola

Per la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo “gli uomini nascono liberi e uguali” – nei fatti, però, siamo tutti schiavi delle circostanze e tutti diversi. Dimmi dove nasci e ti dirò chi sarai, dicono, purtroppo, il senso comune e le statistiche degli economisti.

Carmine Soprano, nolano, senior economist presso la Banca Mondiale, ha guidato studentesse e studenti del Liceo Classico G. Carducci di Nola alla scoperta di un mondo che è, dati alla mano, il migliore di sempre, ma che, con la nuova globalizzazione, l’ultima grande crisi economica e il cambiamento climatico, vede le diseguaglianze giungere a livelli sinora impensabili. 

Negli ultimi decenni il numero di poveri al mondo è diminuito significativamente, in particolare in paesi in via di sviluppo e nelle economie emergenti, in Asia, Africa Sub-Sahariana e America Latina – d’altra parte, i ricchi sono arrivati in alcuni casi a moltiplicare fino a due volte e mezzo il loro reddito, mentre la classe media ha ristagnato in molte economie dell’Europa occidentale e negli Stati Uniti.  

Con una lezione informata, energica e interattiva, che ha tenuto i ragazzi letteralmente incollati ai loro posti per tre delle due ore previste, Soprano ha esplorato il divario tra nord e sud del nostro Paese e  le diseguaglianze nel mondo, partendo da quelle di reddito, strettamente collegate ad altre dimensioni quali istruzione, sanità, e mobilità, nonché a temi trasversali come gender e clima.  

Invitato dal prof. Luigi Napolitano nell’ambito del progetto “TUTTI” per Lezioni di Costituzione, concorso promosso da Parlamento italiano e dal Ministero dell’Istruzione, Soprano ha preso spunto dai risultati delle prove INVALSI che ogni anno valutano la scuola pubblica. Una scuola che al Sud funziona nei licei d’eccellenza, come il Carducci, mentre al Nord sembra funzionare molto di più in termini di sistema. Su istruzione, sanità, mobilità, in particolare, i tagli al bilancio dello Stato e la cattiva gestione hanno spesso aggravato  un divario nord-sud che, a sua volta, alimenta ulteriori diseguaglianze.

Impegnato in progetti di sviluppo in Africa Sub-Sahariana e Sud-Est Asiatico, Soprano ha poi messo in luce alcuni paradossi. 

Il cambiamento climatico, ad esempio, pur essendo globale, non ha lo stesso impatto  ovunque nel mondo: fenomeni meteorologici che nelle nostre città procurano disagi, diventano disastri in villaggi di paesi in via di sviluppo dove le abitazioni sono costruite di fango e paglia. Al danno si aggiunge la beffa, dacché quei paesi, consumando meno risorse energetiche, sono anche quelli che contribuiscono in misura minore all’inquinamento ed ai cambiamenti climatici. 

Analogamente, racconta Soprano, l’imprenditoria femminile in Africa è antica e in alcuni casi essenziale, come tutto il lavoro delle donne. Eppure nascere donna, anche nei Paesi più sviluppati, come il nostro, significa spesso avere accesso a professioni meno retribuite, oppure doversi rassegnare, a parità di mansioni, a livelli di reddito mediamente più bassi del 20%.

Le diseguaglianze eccessive rendono il sistema inefficiente: il mancato funzionamento dell’ascensore sociale mortifica le aspettative dei singoli e assieme a queste, che sono il motore dello sviluppo, deprimono le prospettive di crescita delle nostre economie. 

Varie  soluzioni  sono pensabili, racconta Soprano, per migliorare l’allocazione della ricchezza attraverso meccanismi redistributivi come la tassazione progressiva, e per combattere iniquitá sociali, climatiche e di genere attraverso investimenti in istruzione e ricerca, salario minimo e politiche attive per il lavoro efficaci, interventi (legislativi e culturali) per le pari opportunità e la  transizione energetica. 

Il mondo di oggi è il migliore di sempre, ma è ampiamente migliorabile. 

É compito di “TUTTI” fare qualcosa per migliorarlo.

Casamarciano. Carmela De Stefano, attuale vicesindaco con delega alla cultura e alle politiche sociali del piccolo comune del Nolano è la candidata a sindaco alle prossime elezioni amministrative per il rinnovo del civico consesso

A sostenere il giovane avvocato, membro del direttivo del Partito Democratico, l’attuale maggioranza del governo cittadino, la stessa che nella precedente tornata elettorale ha sostenuto il sindaco uscente Andrea Manzi con la coalizione “Casamarciano libera e giusta”.
“È la naturale risposta che questa amministrazione consegna nelle mani degli elettori, nel solco della continuità amministrativa che si prepara a vivere una stagione di rinnovamento con l’ingresso in squadra di giovani e validi professionisti – spiega il sindaco Andrea Manzi – È la risposta all’impegno e alle capacità dimostrate sul campo da Carmela De Stefano e condivise in modo unanime dalla maggioranza che oggi ne sostiene la candidatura. Stiamo lavorando ad un progetto nuovo – continua Manzi – con idee innovative che porteranno Casamarciano ad assumere un ruolo strategico nel piano di sviluppo del territorio. Una squadra unita e coesa che si appresta a comporsi in ogni tassello, aperta al dialogo ed al confronto e che nei principi di condivisione e correttezza intende costruire i punti del suo programma”.

Gigli di Nola, patrimonio immateriale Unesco: parte il progetto Savage dell’Università Vanvitelli. Giovedì la presentazione e l’avvio dei seminari sulla cartapesta

Valorizzare i tratti distintivi della  Festa dei Gigli di Nola come tradizione culturale espressione della comunità e promuovere l’arte antica della lavorazione  cartapesta per tramandarla alla nuove generazioni: parte il progetto SA.V.A.GE. del dipartimento di Architettura e disegno industriale dell’Università degli Studi di Napoli “Luigi Vanvitelli”.

Giovedì 20 febbraio la presentazione dell’iniziativa che coinciderà con la partenza dei del ciclo di seminari il primo dei quali sarà dedicato alle tecniche tradizionali della cartapesta, elemento principale della macchina da festa. 

L’appuntamento è per le 15 nel salone del museo storico archeologico di via Senatore Cocozza a Nola. Ad intervenire saranno il sindaco di Nola Gaetano Minieri, il direttore del dipartimento di Architettura e disegno industriale della Vanvitelli Luigi Maffei ed il direttore del museo Giacomo Franzese. 

Nella sala Ottaviano Augusto di via Vincenzo La Rocca prenderanno poi il via i seminari che si susseguiranno fino al prossimo 9 aprile e che saranno tenuti da esperti, artisti ed artigiani locali. 

SA.V.A.GE. nasce dalla partecipazione del dipartimento di Architettura e disegno industriale dell’Università Vanvitelli di Napoli all’Avviso pubblico della Regione Campania per la “selezione di progetti operativi ed iniziative di studio, didattica o ricerca finalizzati a salvaguardare e valorizzare gli elementi caratterizzanti il patrimonio culturale immateriale della Campania, iscritti nelle liste del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco”. 

Il progetto punta a rafforzare proprio quegli aspetti che nel 2013 hanno favorito l’iscrizione della Festa dei Gigli di Nola con la Rete delle Grandi Macchine a spalla italiane nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale. 

Ad affiancare l’Università nella realizzazione delle attività ci saranno il Comune di Nola, la Fondazione Festa dei Gigli, la Rete delle Grandi Macchine a spalla italiane, il museo storico archeologico di Nola, l’Agenzia di sviluppo dei Comuni dell’area nolana, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, la Fondazione ITS BACT, le associazioni MU.S.A e la Contea Nolana.

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA GUIDA TURISTICA. Le guide campane incontrano direttori di musei e siti

Presentazione delle visite gratuite del 21, 29 febbraio e 1 marzo in Campania dalla parte dei bambini insieme all’associazione Obiettivo ABC Onlus

Venerdì 21 febbraio, ore 11,30, presso il MUSAP, Museo Artistico Politecnico di Napoli (piazza Trieste e Trento, 48), viene presentata l’edizione 2020 della Giornata Internazionale della Guida Turistica, celebrata nel mondo proprio il 21 febbraio. Istituita nel 1990 dalla World Federation of Tourist Guide Associations, promossa in Italia dalla Associazione Nazionale Guide Turistiche, e in Campania dall’Associazione Guide Turistiche Campania, nasce per valorizzare il lavoro di mediazione della cultura, dell’arte e della storia di un territorio svolto dalle guide turistiche. La giornata, in Campania, è il primo atto di un “festeggiamento” che prevede diversi momenti. Innanzitutto viene presentato il programma di visite gratuite in tutta la Regione, legato a una operazione di solidarietà, offerte dalle guide turistiche campane il 29 febbraio e 1 marzo. Le proposte intendono far conoscere dimensioni e zone, a volte ancora poco noti, e si ispirano a un’idea di fruizione consapevole dei luoghi della cultura. Non a caso il tema di quest’anno sono la tutela del patrimonio e il turismo sostenibile.  Il secondo momento della mattinata prevede una tavola rotonda insieme con direttori di alcune realtà museali e archeologiche campane, per discutere del tema e avvicinare due attori del mondo turistico, tra novità e proposte. Nel primo pomeriggio, invece, si inizia ad entrare nel vivo con la prima visita guidata gratuita che si svolge a Napoli tra Pizzofalcone e le rampe di Lamont Young (appuntamento a piazza del Plebiscito ore 15,30)

Durante la mattinata, per presentare gli eventi e per parlare di luoghi d’arte e comunicazione, turismo sostenibile, hanno confermato la loro presenza:

Tiziana Maffei, direttore della Reggia di Caserta,

Luigina Tomay, direttore del museo archeologico di Pontecagnano

Filippo Russo, funzionario promozione e comunicazione del Parco archeologico Campi Flegrei

Adriano Gaito, direttore del MUSAP, Museo Artistico Politecnico- fondazione

Susy Martire, presidente Associazione Guide Turistiche Campania

Quest’anno la giornata internazionale delle guide turistiche è legata, in Campania, a una concreta azione di solidarietà: una raccolta fondi, per sostenere l’Associazione di Volontariato Obiettivo Cuore ABC Onlus a sostegno dei bambini cardiopatici che hanno vissuto un’esperienza nei reparti di cardiologia e chirurgia pediatrica dell’Ospedale Monaldi di Napoli.

Il 21 saranno presenti, per raccontare gli obiettivi dell’associazione:

Luigi Piretti – Presidente Obiettivo Cuore ABC onlus – Associazione Bambini Cardiopatici;

Dott.Guido Oppido – Primario del Reparto di Cardiochirurgia Pediatrica A.O.Monaldi

L’elenco completo delle visite saranno poi pubblicate sul sito internet http://www.guideturistichecampane.it/giornata-internazionale-della-guida-turistica

e sulla pagina Facebook Giornata della Guida Turistica in Campania
https://www.facebook.com/Giornata-della-Guida-Turistica-in-Campania-1443451972538515/?fref=ts
 

Elezioni Pro Loco, a Napoli, Benevento, Caserta si rinnovano i Comitati Provinciali UNPLI

Cambio della guardia per i comitati provinciali Unpli di Napoli, Benevento e Caserta. Le Pro Loco campane iscritte all’Unione Nazionale Pro Loco d‘Italia, infatti, sabato 15 e domenica 16 febbraio si sono riunite per eleggere i nuovi rappresentati provinciali.

Lascia, dopo 10 anni di guida del comitato Unpli Napoli, Ciro Mainini, che sarà sostituito per i prossimi quattro anni dal vicepresidente uscente, Luigi Barbati: “Sono fiero e soddisfatto del risultato ottenuto. Adesso a noi l’onore e l’onore di guidare l’Unpli Napoli e di coordinare le Pro Loco della provincia che da oggi saranno chiamate a collaborare tra loro; anche per far sì che le belle manifestazioni di ciascuna non passino più inosservate ”. Si rinnova anche il consiglio di amministrazione, nel quale entrano Claudio Napolitano, Valentina Sarnataro, Antonio Nuzzolo, Carlo Capuano, Maria Pasqualina Alfano, Francesco Topo. Ad affiancare il lavoro del consiglio ci sarà il collegio dei revisori dei conti composto da Nicola Angelillo, Catello Comentale, Angelo Spiezia, ed il collegio dei probiviri di cui fanno parte Nicola di Stasio, Ferdinando Calabrese e Giuseppe Pierro. All’Assemblea elettiva, tenutasi a Nola, ha preso parte il direttore generale dell’Agenzia per il Turismo in Campania, Luigi Raia, che ha sottolineato l’importante ruolo delle Pro Loco all’interno del sistema turistico campano.

Nuovo corso anche per il Comitato Provinciale Unpli Benevento dove subentra, dopo i 22 anni di presidenza di Antonio Lombardi, Renzo Mazzeo. “Da parte mia c’è la massima volontà di portare avanti il percorso già intrapreso nella passata gestione” ha detto Mazzeo, anche lui vicepresidente nello scorso mandato “iniziamo, però, una nuova era. L’80% del consiglio di amministrazione è infatti composto da rappresentanti eletti per la prima volta. Vogliamo lavorare per restituire alle Pro Loco una regione unita”. Con Mazzeo intraprendono una nuova stagione di lavoro e impegno UNPLI i consiglieri Mario Lollo, Antonio Petrone, Leopoldo Bello, Guglielmo Laudato, Nicola Tucci, Nicolino Tontoli, i revisori dei conti Antonio Iadovisi, Giuseppe Caporaso, Michele Iacicco, Roberto Melillo, Nicola Pacelli, i probiviri Lucio Martino, Vincenzo Maturo, Dario Orsillo, Giuseppe Petrella.

A Caserta viene riconfermata la presidente uscente, Maria Fiore, che sarà alla guida del Comitato Provinciale casertano fino al 2024: “È stato un riconoscimento del lavoro svolto negli ultimi quattro anni, che sono stati piuttosto pesanti, e una conferma della vicinanza delle Pro Loco della provincia di Caserta” ha commentato Fiore. La affiancano nel Consiglio di Amministrazione Raffaele Compagnone, Letizia De Crosta, Iolanda Gazzerro, Fausto Perrone, Biagio Porfidia, Antonio Torrico, al Collegio dei Revisori dei Conti Giuseppe Caprio e Giovanni Verrengia e al Collegio dei Probiviri Vincenzo De Lucia, Giovanni Iorio e Francesco Trepiccione.

Navigazione articolo