ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “gennaio 8, 2020”

Nola. Sabato 11 gennaio 2020, la festa dei folli ristobistrò culturale: FRANCO ARMINIO con Livio e Manfredi @lafestadeifolli

Sabato 11 gennio, iniziAmo bene l’anno assieme a FRANCO ARMINIO con Livio e Manfredi @lafestadeifolli.

Alle 18:00, dalla sede dell’associazione,  si partirà per la Passeggiata Paesologica, tra poesie, improvvisazioni, racconti e il grande coinvolgimento del pubblico, in direzione delle vie del centro storico di Nola con la “eccezionale” guida, il poeta paesologo  FRANCO ARMINIO, alla scoperta dei nostri territori, territori dell’Italia interna, territori spesso dimenticati, abusati, trascurati e non valorizzati per la loro intrinseca bellezza.

Di ritorno alla sede, ci rifocilleremo con un aperitivo a base di prodotti locali e stagionali.

Eccoci, alle 20:30, al CONCERTO e READING, resteranno i canti, con FRANCO ARMINIO  e, i figli,  Livio e Manfredi

resteranno i canti è un intenso e vivace ibrido, un concentrato di poesia e musica, che si alternano e si scontrano, un dialogo serrato sul filo dell’ironia. 

Un racconto che parte da Bisaccia, un paese dell’Irpinia d’Oriente, che nella narrazione poetica e musicale diventa un po’  tutti i paesi, diventa una condizione dell’anima, una dimensione sui generis e un punto di vista sul mondo. 

Le canzoni di Livio e Manfredi raccontano con allegro cinismo un mondo di storie vere al limite del surreale, le tristi storie di Manfredi che per contrasto provocano gioia e ilarità.  Le canzoni si alternano con la poesia, con il parlato e il racconto. 

FRANCO ARMINIO  poco alla volta porta lo spettacolo nella direzione di un coinvolgimento estremo del pubblico,  inteso come comunità, un gruppo unico che viene di volta in volta invitato a cantare, a tradurre le poesie nella propria lingua e scegliere le canzoni da eseguire, talvolta a modificarle.  

Ogni serata diviene così un esperimento, un momento comunitario, un convivio davanti a un focolare sempre nuovo di musica e parole.

Stir di Tufino. Emergenza rifiuti e rischio sito di compostaggio, a Casamarciano summit in comune

È convocato per le 18 di venerdì 10 gennaio nell’aula consiliare del comune di Casamarciano un incontro sulla questione rifiuti e nello specifico sull’ipotesi di un impianto di compostaggio di natura aerobica nello Stir di Tufino.

La convocazione, rivolta non solo ai residenti ma anche a tutte le associazioni ambientaliste oltre ai sindaci dell’area, porta la firma di Nicola Annicchiaro, consigliere comunale di Casamarciano e responsabile della frazione Schiava.

“Una presa d’atto ma soprattutto la risposta più giusta alle tante sollecitazioni che mi stanno arrivando da più parti, a cominciare dai miei consiglieri nonchè colleghi sindaci che, come me, sono seriamente preoccupati per la natura dell’impianto di tipo aerobico che comprometterebbe la salute, già precaria, di questo territorio – spiega il sindaco di Casamarciano Andrea Manzi e presidente dell’Ato3 Campania – è mio dovere informare e comunicare alla cittadinanza tutti gli aspetti relativi alla questione. Comprendo l’importanza dei siti di compostaggio ma è opportuno verificare prima lo stato ambientale in cui realizzarli e credo che attualmente lo Stir di Tufino non sia in grado di accogliere questo tipo di impianto considerate le condizioni in cui già opera con una serie di problematiche strutturali causate da una raccolta dei rifiuti per nulla corretta da parte di Napoli che continua a sversare qui in modo approssimativo ed il cattivo odore ne è una delle più evidenti testimonianze”.

NUOVI ARRIVI PER IL 2020 AL COMUNE DI NOLA

L’avvocato Pasquale Tudisco, ex-dipendente in quiescenza del Comune di Nola dal 1 giugno 2019, e la dottoressa Chiara Fusco, assistente sociale del Comune di Palma Campania, sono i nuovi arrivi per il 2020 al Comune di Nola.

All’avvocato Pasquale Tudisco, nel rispetto della circolare della funzione pubblica n. 4/2015 che permette per gli incarichi legali anche l’utilizzo di soggetti in quiescenza di società private e pubbliche, viene affidato per 24 mesi l’espletamento dell’attività legale connessa ai numerosi giudizi, già affidati allo stesso nel rispetto del principio di continuità difensiva. L’incarico si è reso necessario in quanto il Comune di Nola si trova allo stato attuale, nella impossibilità di procedere ad assunzioni di unità lavorative di personale. L’ex dipendente Pasquale Tudisco potrà costituirsi in diversi giudizi per un numero massimo di 100 giudizi annui per un compenso annuale di € 15.225,00 compreso di Iva e CPA, da liquidarsi in rate mensili posticipate. Nella convenzione viene precisato che il nominato avvocato dovrà completare tutti i giudizi a lui affidati anche qualora i medesimi avessero una durata ulteriore ai ventiquattro mesi previsti dalla convenzione, senza maggiorazione alcuna al compenso pattuito, anche in caso di soccombenza da parte avversa.

Intanto è stato approvato l’albo degli avvocati e dei professionisti legali del Comune di Nola, in seguito all’avviso pubblico scaduto il 7 dicembre scorso. Sez. A-Civile n. 160 componenti; sez. B-Lavoro n. 64 componenti; sez. C-Tributario n. 51 componenti; sez. D-Giudice di Pace n. 86 componenti per un numero complessivo di 361 professionisti.

Al fine di garantire continuità e funzionalità al servizio politiche sociali, essendo il settore fortemente carente di personale e trovandosi l’Ente nella impossibilità di espletare nuove assunzioni, viene richiesto al Comune di Palma Campania l’utilizzo della dipendente Chiara Fusco, inquadrata a tempo pieno ed indeterminato nella categoria di assistente sociale del predetto Ente, fino al 31 dicembre 2020, salvo eventuale disponibilità all’utilizzo dell’Ente di appartenenza.

di ra.na.

NOLA. CONCESSIONI CIMITERIALI SCADUTE E REGOLARIZZAZIONE USI DIFFORMI DEI LOCULI, C’È TEMPO FINO AL 31 GENNAIO

Entro il 31 gennaio prossimo tutti i concessionari in vita o eredi legittimi dovranno presentare formale istanza per il rinnovo delle concessioni cimiteriali scadute e/o la regolarizzazione di usi difformi o irregolari al fine di sottoscrivere regolare contratto nel quale sarà riportata la durata della concessione. I cittadini dovranno rivolgersi all’ufficio servizi cimiteriali del Comune di Nola presso la sede in piazza Duomo, secondo piano. Il responsabile del procedimento è il geometra Bruno Di Nardò tel. 081/8226295. All’esito dell’accoglimento dell’istanza di rinnovo il richiedente dovrà effettuare il pagamento di quanto dovuto a mezzo bonifico bancario o bollettino postale. La durata delle concessioni è la seguente: 5 anni per tomba (fossa) inumazione; 50 anni per colombari e loculi (tumulazione) per aree e cappelle; 50 anni per loculi resti mortali, per cellette e ossario. Le concessioni cimiteriali di aree, poste in essere prima del 1975 con data di stipula precedente al 9 febbraio 1976, mantengono il carattere perpetuo, mentre per quelle stipulate successivamente hanno validità di 99 anni dalla stipula dell’atto di concessione. Sono ammessi a regolarizzare tutti gli usi irregolari di loculi e/o cappelle cimiteriali e cellette tutte le negoziazioni intervenute a qualsiasi titolo tra privati come vendita, locazione, prestito, cessione gratuita non autorizzata dal Comune purché avvenute prima dell’approvazione del regolamento di Polizia Mortuaria del 29 settembre 2015. Nel caso in cui la negoziazione sia avvenuta dopo tale data, c’è la decadenza ed i suoli e i loculi ritorneranno all’Ente comunale.

di ra.na.

RAFFICA DI AVVISI DI PAGAMENTO DEL CONSORZIO DI BONIFICA DEL VOLTURNO ANNO 2014 AI CITTADINI NOLANI. ANCHE AL COMUNE DI NOLA UNA NOTIFICA DI € 38.000,00 ANNO 2019

Il Consorzio di bonifica del Bacino Inferiore del Volturno notifica al Comune di Nola l’avviso di pagamento per il contributo di scarico anno 2019 per circa 38.000,00 euro. La notizia si è appresa durante i lavori della Commissione consiliare al Bilancio presieduta dal consigliere Antonio De Lucia per la discussione della variazione di bilancio che dovrà essere approvata, improrogabilmente, entro il 31 dicembre. Una situazione assurda se si pensa che ad oltre 4.000 nuclei familiari nolani ogni anno viene richiesto dal Consorzio il pagamento di questa iniqua tassa per la gestione dei servizi nell’ambito del territorio cittadino per lo scarico delle acque piovane proveniente dalla rete urbana attraverso i “Regi Lagni” ai sensi dell’art 13 della legge regionale n. 4/2003. E sempre per tale legge il Comune di Nola ha avuto notificato il 12 novembre scorso, sempre dal Consorzio, il contributo di scarico di € 38.000,00 – anno 2019 di cui € 12.533,95 per aree fognate con beneficio di difesa all’interno del perimetro di contribuenza ed € 25.461,80 sempre per contributo acque meteoriche esterne al perimetro di contribuenza. Entrambi i perimetri sono di non facile lettura sia per l’individuazione delle aree che dei servizi eseguiti. Al momento non si hanno notizie se tale contributo per il passato sia stato mai pagato o si tratta della prima volta che viene notificato. Il responsabile dell’ufficio finanziario Salvatore Fattore ha provveduto ad attivarsi inviando l’atto all’esecutivo e Commissioni consiliari per il reperimento delle risorse per evitare la trasformazione della somma in debito fuori bilancio. Comunque eventualmente l’onere del relativo pagamento è in carico all’organismo straordinario di liquidazione, per gli esercizi pregressi essendo stato dichiarato il dissesto del Comune. Sulla questione i componenti della Commissione bilancio all’unanimità hanno deciso di valutare l’opportunità di proporre all’ufficio legale del Comune il ricorso alla commissione tributaria provinciale avverso il pagamento del tributo. Intanto in Città i malumori sulla problematica crescono in quanto il Consorzio attraverso una società di servizio sta notificando ai contribuenti morosi (anno 2014) la riscossione coattiva dei ruoli consortili. Spesso si tratta di piccole somme che tra sanzioni, interessi e svalutazione crediti nel tempo si sono quintuplicate con l’aggravante del fermo amministrativo. Una situazione kafkiana a cui non si riesce a mettere fine. La pazienza dei cittadini ha un limite.

di ra.na.

NOLA. L’ARCHITETTO NICOLA MASSIMO NUOVO RESPONSABILE URBANISTICA, GARE E SUAP. IMPEGNATI € 10.000,00 AI DIPENDENTI UFFICIO CONDONO

Nel contratto decentrato del personale non dirigente del Comune di Nola, tra i progetti risulta anche quello relativo alla definizione delle pratiche di condono per un incentivo del 10% sugli incassi derivanti dal condono edilizio da destinare ai dipendenti del settore. A tal fine viene impegnata la somma di € 10.000,00 quale compenso incentivante per l’istruttoria delle pratiche di condono edilizio anno 2019. Successivamente il nuovo responsabile all’Urbanistica, Gare e Suap architetto Nicola Massimo (attuale responsabile all’ambiente) che ha sostituito dal 2 dicembre l’ingegnere Gustavo Anaclerio – trasferitosi a Pozzuoli – provvederà alla determina di liquidazione ai singoli dipendenti del settore.

di ra.na.

Navigazione articolo