ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivi per il mese di “gennaio, 2020”

Domani con l’archeoclub di Nola alla riscoperta del Duomo

“Nola dentro Nola” è l’iniziativa promossa dall’archeoclub presieduto da Flora Nappi che si terrà domani, sabato 1 febbraio, a partire dalle ore 10.30 all’interno della Cattedrale di piazza Duomo.

Un’occasione importante per conoscere uno dei luoghi simbolo della città di Nola attraverso un’apposita ed approfondita visita guidata alla riscoperta dei tesori culturali e religiosi della basilica.

Siglato accordo di collaborazione tra l’Università Parthenope e l’ATO Napoli 3

L’Università degli Studi di Napoli Parthenope e l’Ente d’Ambito Napoli 3 ‘ATO NAPOLI 3’ hanno sottoscritto un accordo attuativo per mettere in atto rapporti di collaborazione nel campo della ricerca, delle attività formative, scientifiche e di consulenza, della progettualità di aree di miglioramento in settori di comune interesse.

Nell’ambito dell’accordo sottoscritto sono previsti anche rapporti di collaborazione nell’organizzazione di manifestazioni scientifiche e nella realizzazione di pubblicazioni connesse ad ambiti di ricerca comuni, oltre alla partecipazione a bandi di ricerca nazionali ed internazionali.

Per l’Università Parthenope l’attuazione dell’accordo, di durata triennale, è stata affidata al proprio costituendo centro di ricerca CREMED (Centro di Ricerca in Economia, Management e Diritto per lo sviluppo territoriale dell’area nolana e del territorio campano).

Hanno siglato l’accordo il Rettore dell’Università Parthenope Alberto Carotenuto, accompagnato dal Prorettore alla Didattica Antonio Garofalo, ed il Presidente dell’Ente d’Ambito Napoli 3 Andrea Manzi.

L’accordo si inserisce nell’ambito delle iniziative che l’Università sta portando avanti nel territorio che comprende l’area nolana, quest’anno infatti ripartiranno anche le attività didattiche a Nola, dopo l’interruzione avvenuta nel 2018.

NOLA. FURTO SACRILEGO AL CIMITERO, RUBATA LA STATUA IN BRONZO DI ANGELABELLA SALLUSTO

Questa notte nuovo furto al Cimitero di Nola. Ad operare criminali interessati al bronzo. Infatti è stata asportata la statua di Angelabella Sallusto, figlia del professore Gennaro Sallusto, morta nel 1950 a 18 anni. La statua, realizzata in bronzo da suo padre, era posizionata all’angolo del viale principale del Cimitero fin dagli anni ’60. Nel tempo la statua era diventata un simbolo per intere generazioni. Ad operare ancora una volta ladri che non si sono fatti scrupolo di fare scempio in un luogo sacro. Sono anni che sistematicamente i furti si ripetono nel Cimitero. Vasi e portafiori in rame gli oggetti più ricercati dai balordi, che spariscono di notte per essere rivenduti per qualche euro il giorno dopo. Qualche anno fa a sparire fu il busto bronzeo del preside Girolamo Addeo e la statua del professore Domenico Manna. È arrivato il momento di intervenire per la messa in sicurezza del luogo. La mancanza di un impianto di videosorveglianza è diventata una priorità irrinunciabile.

⬆️ Intervista de ilc@zziblog al custode del Cimitero e alla sorella di Angelabella, Laura.

di ra.na.

Ato 3 Rifiuti Campania. Arriva la proroga di un anno per Andrea Manzi alla presidenza

Andrea Manzi, sindaco di Casamarciano, sarà per un altro anno alla guida dell’Ato 3 Rifiuti Campania, l’Ambito Territoriale Ottimale più grande della provincia di Napoli composto da ben 59 comuni ed oltre un milione di abitanti, che comprende anche il Nolano.

Il consiglio di amministrazione, con voto unanime dei consiglieri, ha infatti votato la proroga nel corso dell’ultimo cda che ha elogiato il lavoro svolto da Manzi riconoscendone l’impegno profuso, soprattutto negli ultimi mesi, per far decollare il sistema rifiuti.

Tanti i risultati raggiunti. L’ultimo, di recente, lo stop a Napoli a sversare nello Stir di Tufino che ha da subito determinato una migliore gestione dell’impianto del Nolano senza più code di camion nè costi aggiuntivi per i comuni.

“Mi spetta una nuova grande responsabilità – commenta Manzi – ringrazio tutti i colleghi sindaci per la fiducia rinnovata e per l’ottimo lavoro sinergico svolto in questo lungo periodo insieme anche al direttore generale, l’avvocato Angelone. Un incarico di cui conosco perfettamente il peso, che mi onora e mi lusinga, ma questo riconoscimento, mi preme ribadire, è il frutto del lavoro di squadra e dell’impegno di tutti noi sindaci a cui rinnovo la mia piena disponibilità e collaborazione”.

Casamarciano. Servizio civico: al via il bando per il reclutamento di nuove unità Il Comune tende una mano ai disoccupati

In arrivo a Casamarciano nuove unità che faranno parte del gruppo di supporto alle attività del Comune. Dopo il positivo riscontro ottenuto negli scorsi anni, ritorna il progetto del Servizio civico comunale.

Un sistema introdotto negli anni scorsi dall’ente guidato dal sindaco Andrea Manzi per realizzare due obiettivi: far lavorare persone attualmente non occupate e rendere un servizio al paese in settori importanti come il decoro urbano, l’assistenza, la pulizia.

Il progetto, introdotto su delibera dell’assessorato alle Politiche sociali retto da Carmela De Stefano, prevede in questa prima fase che le unità lavorative, scelte sulla base di una graduatoria biennale, prestino la propria opera nel settore scolastico a supporto degli uffici comunali, per un totale di 70 ore mensili e con un rimborso spese mensile di 400 euro.

Le domande dovranno essere presentate al protocollo del comune entro e non oltre le ore 12.00 del giorno venerdì 7 febbraio c.a.

“Un’opportunità per chi in questo momento è inoccupato ma anche un valido strumento per il miglioramento dell’efficacia dei servizi gestiti dal Comune – spiega l’assessore alle politiche sociali Carmela De Stefano – un’alternativa ad ogni forma di mero assistenzialismo che, sono certa, sarà per molti anche occasione di crescita personale”.

“Mettiamo al centro le persone come risorse rendendole parti integranti ed utili della comunità – aggiunge il sindaco Andrea Manzi – Un progetto accolto negli anni precedenti con grande positività e consensi e che continua nell’ottica di una programmazione che guarda anche ai meno fortunati”.

Il bando è disponibile sul sito http://www.comune.casamarciano.na.it

NOLA FESTEGGIA S. CIRO E S. BIAGIO, IL PROGRAMMA RELIGIOSO

I Santi Ciro e Biagio, medici in vita sono veneratissimi e popolarissimi anche a Nola. Ogni anno, la loro festività si svolge nell ‘arco di appena una settimana. A Nola si venerano nella parrocchia S. Maria del Carmine e Parrocchia Maria SS. della Misericordia e San Biagio. I due Santi ricevono da secoli importanti riconoscimenti per la loro dimensione ecumenica. S. CIRO il medico santo protettore degli ammalati si venera nella Chiesa del Carmine, si racconta che sia stato immerso nella pece bollente che, essendo sopravvissuto a questo supplizio sia stato successivamente decapitato, il martirio avvenne il 31 gennaio del 303.Il programma religioso. Domani venerdì 31 gennaio SS. Messe ore 8,00-9,30-18,30 (S. Messa con la partecipazione dei medici ed operatori sanitari. Domenica 2 febbraio-42 giornata della vita S. Messe 8,00-10,30-18,00. Venerdì 7 febbraio ore 19,15 – Conferenza medica a cura del dott. Leonida Monda “la sana alimentazione fonte di benessere. Domani 31 gennaio sarà distribuito il totano benedetto di S. Ciro. Inizia domani venerdì 31 gennaio nella Chiesa Maria SS della Misericordia e San Biagio il triduo in onore di S. Biagio ore 18,00.Lunedi 3 febbraio festività di S. Biagio Sante Messe ore 8,00-9,00-10,00-11,00.Alle ore 12,00 Santa Messa presieduta da mons. Beniamino Depalma – vescovo emerito. Alle ore 18,30- Santa Messa presieduta dal vescovo di Nola mons. Francesco Marino. Dopo ogni celebrazione eucaristica segue benedizione con reliquie del Santo e distribuzione del pane e della candela benedetta. S. Biagio è protettore della gola per aver salvato un bambino a cui si era conficcata in gola una lisca di pesce. Ci sono alcuni detti napoletani molto legati al Santo. S. Biase ‘o sole pe’ case, poiché in questo giorno dovrebbero arrivare i primi raggi caldi che scacciano l,’inverno. Un altro detto “dicette a Candelora’ a vierno stamme fora-Rispunnette S. Biase ‘vierno mo trase.

di ra.na.

NOLA. LA TRISTE STORIA DELLE FOGNE DI PIAZZOLLA E L’OPERAZIONE “THE QUEEN” CON L’ARRESTO DI 5 PERSONE PER CORRUZIONE E TURBATIVA D’ASTA

Il comando provinciale della Guardia di Finanza al termine di indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare per 5 persone di cui quattro in carcere ed una agli arresti domiciliari. Si tratta di funzionari pubblici e imprenditori accusati a vario titolo di corruzione e turbata libertà degli incanti in relazione ad una gara di appalto indetta dal Comune di Nola per l’esecuzione dei lavori di riqualificazione urbana ed ambientale delle frazioni di Piazzolla e Polvica, completamento delle reti fognarie e del collettore di S. Giuseppe Vesuviano – Piazzolla espletata nel 2014 dalla Stazione Unica Appaltante presso il provveditorato alle opere pubbliche di Napoli, Molise e Basilicata (operazione denominata “The Queen” nel cui ambito sono state riscontrate irregolarità riguardanti varie gare di committenza pubblica). Nell’ordinanza vengono contestati atti di corruzione per due tangenti, una da quindicimila euro ed un’altra da settanta mila euro e di aver consegnato in anteprima documenti riservati inerenti alla gara di appalto che avrebbero consentito di redigere l’offerta tecnica in termini maggiormente vantaggiosi rispetto ai concorrenti garantendo l’aggiudicazione della gara al raggruppamento temporaneo di impresa denominato Icoop Impregivi. Non sono escluse altre novità nei prossimi giorni.

È una storia triste quella delle fogne di Piazzolla. I lavori fermi da circa tre anni, da quando l’affidamento è stato revocato per inderdittiva antimafia al raggruppamento temporaneo di impresa Icoop Impregivi. L’inderdittiva nacque da una verifica tecnico – amministrativa effettuata dagli uffici del Comune per la ripresa dei lavori del secondo lotto regolarmente finanziato dalla Regione Campania. Il decreto regionale di approvazione del progetto esecutivo risale agli inizi del 2014 per un importo complessivo di € 8.342 277,65 fondi Por Campania Fers 2007/2013. I lavori furono consegnati all’operatore economico aggiudicatario della gara d’appalto (espletata dalla Stazione Unica Appaltante) alla Icoop Impregivi il 28 agosto 2015. I lavori sarebbero dovuti essere ultimati entro il 31 dicembre 2015. Ma così non fu. In seguito con decreto della Regione Campania n. 194 del 17 novembre 2015 l’opera fu suddivisa in due lotti. Il primo lotto con fondi 2007/2013 per € 2.935.245,00 e il secondo lotto per € 5.407.032,42. I lavori del primo lotto sono stati regolarmente ultimati e collaudati, mentre il secondo lotto (il più importante) è stato finanziato con decreto n. 898 del 2 dicembre 2016 per € 5.721.510,29. Per interdizione antimafia del 7 marzo 2017 si è proceduto alla rescissione del contratto alla Icoop Impregivi ed in data 29 dicembre 2017 con decreto n. 2301 si è provveduto ad affidare l’opera ad un nuovo raggruppamento di Impresa classificatosi al 2° posto nella gara espletata dalla Stazione Unica Appaltante. Da allora tutto fermo e Piazzolla aspetta ancora l’ultimazione dell’opera, la più importante per la frazione degli ultimi trenta anni. Dagli uffici facevano sapere che i lavori erano fermi perché si era in attesa di una riunione operativa con la Regione Campania per risolvere la problematica relativa alle anomalie tecnico – progettuali delle quote tra Alveo Quindici e fogne che non consentirebbero, una volta ultimati i lavori, lo sversamento delle acque bianche dal collettore di S. Gennaro nell’Alveo Quindici. Oggi arriva il terremoto degli arresti. Nei prossimi giorni ne sapremo di più.

di ra.na.

NOLA. CONSIGLIO COMUNALE: DISCO VERDE PER IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

Con quindici voti a favore e sette contrari il Consiglio comunale approva l’unico capo all’ordine del giorno. Oltre due ore di polemica tra minoranza e maggioranza. Secondo la minoranza (Trinchese, Parisi, Scala) l’atto all’ordine del giorno non poteva essere approvato in assenza di un regolamento e per il mancato rispetto dei tempi di deposito alla segreteria comunale e alla presidenza del Consiglio comunale degli atti oggetto di discussione per essere consultati dai consiglieri comunali. Sotto accusa il responsabile del servizio finanziario Salvatore Fattore e il segretario comunale Enza Fontana.

Il segretario Enza Fontana ha ribadito per l’ennnesima volta che i quindici giorni per il deposito degli atti è valido solo per i capi riguardante l’approvazione del bilancio di previsione. Il responsabile finanziario Salvatore Fattore ha sottolineato che l’atto è illegittimo se va contro la norma, ma in questo caso si approva un piano economico finanziario (PEF) secondo quanto previsto dall’art. 251 del Tuel che obbliga l’Ente all’attivazione delle entrate proprie tra cui cui gli atti propedeutici al bilancio stabilmente riequilibrato. Infatti per gli Enti non dissestati il piano economico finanziario è stato rinviato al 30 aprile 2020, mentre gli Enti dissestata (come il Comune di Nola) sono tenuti entro 90 giorni dalla nomina dell’organismo straordinario di liquidazione a predisporre il PEF, da qui la necessità di convocare ed approvare entro oggi il PEF. Sicuramente il capo ritornerà in Consiglio comunale per l’adeguamento alle direttive ARERA, l’Ente che si occupa di rifiuti, luce, acqua e gas.

Al momento non è ancora attivo il decreto di attuazione per l’aggiornamento del regolamento IUC, in modo particolare alla soppressione della Tasi assorbita dall’IMU, avvenuta con l’ultima finanziaria e per l’adeguamento ci sarà tempo fino al 30 giugno 2020. Alla domanda del consigliere Carmela Scala del perché l’amministrazione comunale fosse stata inadempiente ad attivare le entrate proprie entro trenta giorni dalla data del dissesto dichiarato il 26 agosto scorso, l’assessore al bilancio Antonio Galasso risponde “assolutamente falso”, il Ministero degli Interni con nota del 16 settembre 2019 invitava il Comune di Nola ad inviare tutti gli atti relativi all’attivazione delle entrate proprie entro il 30 gennaio, data che rispettiamo.

di ra.na.

ECCO IL MODELLO DI GESTIONE DEL SERVIZIO RIFIUTI A NOLA, IL CALENDARIO SETTIMANALE DI RITIRO DEI RIFIUTI DA PARTE DELLA BUTTOL AFFIDATARIA DEL SERVIZIO

Il servizio gestione dei rifiuti urbani e speciali non pericolosi assimilati dal Comune di Nola è gestito tramite affidamento esterno dalla ditta Buttol che effettua anche la pulizia del suolo pubblico. Il modello di gestione ed organizzativo del Comune di Nola relativo al servizio di raccolta dei rifiuti prevede spazzamento e lavaggio, raccolta dei rifiuti solidi indifferenziati e raccolta differenziata.

Il servizio di spazzamento e di lavaggio delle strade viene effettuato dal personale Buttol e prevede spazzamento manuale delle strade, delle piazze e delle aree pubbliche con la rimozione di tutta la sporcizia da muro a muro, carreggiata e marciapiedi compresi, lo svuotamento dei cestini presenti su tutto il territorio, la pulizia della zona definita Centro Storico in occasione dell’apertura serale dei negozi delle festività natalizie, la pulizia delle vie del percorso durante la sfilata dei Gigli e di altre manifestazioni civili e religiose, la pulizia dell’area di vendita pubblica o di uso pubblico, concessa ai venditori ambulanti (piazza d’Armi) o commercianti per mercati e fiere, il lavaggio e disinfezione di strade pubbliche, piazze ed aree di uso pubblico nei mesi da giugno a settembre con tre interventi settimanali.

La ditta deve inoltre provvedere alla raccolta dei rifiuti indifferenziati, umido, vetro, carta, cartone e plastica, rifiuti ingombranti e RAEE con conferimento diretto all’interno del Centro di Raccolta temporaneo sito alla via Sarnella e con ritiro a domicilio su prenotazione (tramite URP) di rifiuti urbani pericolosi quali farmaci scaduti, delle pile ed olii esausti. La frazione umida (rifiuto organico) viene ritirata tre volte a settimana: lunedì, mercoledì, sabato e depositato la sera prima del ritiro. Vetro – bottiglie – barattoli – bicchieri – vasi anche rotti ritiro Lunedì (ovviamente deposito la sera prima). Carta e Cartoni – Mercoledì. Multimateriale – Acciaio (barattoli di conserva – bombolette spray) pentole – PLASTICA – (bottiglie, cassette per prodotti ortofrutticoli – flaconi – creme ecc.) Giovedì. Abiti usati – Farmaci scaduti raccolta in appositi contenitori. Gli svuotamenti saranno effettuati a cura del gestore. UTENZE SPECIALI (Non domestiche – commerciali) Carte ed Imballaggi celluloisici tutti i giorni. Frazione organica tutti i giorni. Indifferenziato – venerdì. Vetro (bar – ristoranti – pub) bisettimanale.

di ra.na.

NOLA. CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE PER MERCOLEDÌ 29 GENNAIO 2020 ALLE ORE 9,30. TUTTI I CAPI ALL’ORDINE DEL GIORNO

È stato convocato per mercoledì 29 gennaio 2020 alle ore 9,30 il Consiglio comunale di Nola per la trattazione del seguente ordine del giorno :Tari 2020-Piano economico finanziario (PEF) – Tariffe-Approvazione(unico capo all’ ordine del giorno) . Il Piano Economico Finanziario insieme al fabbisogno triennale del personale, il piano di alienazione dei beni, il programma triennale dei LL. PP., i servizi a domanda individuale, sono atti propedeutici all’approvazione del Bilancio Stabilmente riequilibrato che il Consiglio è tenuto ad approvare entro novanta giorni dalla nomina dell ‘organismo straordinario di liquidazione essendo stato dichiarato il dissesto il 26 agosto dello scorso anno. L’ approvazione del piano economico finanziario da parte del Consiglio costituisce il riferimento per la determinazione delle tariffe dei rifiuti per il 2020.L ‘intera copertura del costo del servizio (100%) è a totale carico dei cittadini. Il costo del servizio per l’ anno 2020 è di €9.057.006,58 circa il 6% in meno del PEF del 2019 che è stato di € 9.569.883,61.Quindi quest’anno i cittadini pagheranno un 5%in meno. L ‘importo della TARI può essere pagato dall’ utente in unica soluzione con F24 alla banca o posta o in tre rate la prima scadente il 30 giugno la seconda il 30 settembre la terza a saldo il 2 dicembre 2020. Le utenze domestiche a Nola sono 13.043, mentre le utenze non domestiche sono 2011.Delle 13.043 utenze domestiche 2.517 sono costituite da famiglie con un solo componente ;3910 costituite da 2 componenti;2.819-3 componenti ;2.812 – 4 componenti ;769-5 compinenti;216 famiglie con 6 o più componenti. La tariffa TARI è costituita da una quota fissa calcolata sui mq. dell ‘immobile ed una variabile sul numero dei componenti del nucleo familiare. Dal piano economico finanziario del 2020 il Comune prevede di incassare dalle utenze domestiche €3.263.021,48,mentre dalle utenze non domestiche €5.793.985,65.Ma a consuntivo gli incassi superano di poco il 35%.Una situazione che crea grave sofferenza alle casse comunali e che ha pesato anche sul dissesto finanziario.

di ra.na.

Navigazione articolo