ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Con l’Hub e la Metro leggera, lo stop alla tratta ferroviaria Nola-Baiano è “servito”

Approvato dalla Giunta comunale di Nola, lo schema del protocollo d’intesa relativo al progetto per l’allestimento dell’hub dell’ex-Circumvesuviana nella città bruniana e per il potenziamento e miglioramento del sistema dei trasporti nell’area nolanobaianese; progetto da attuare con l’investimento di risorse economiche – pari a 32 milioni e 260 mila euro – destinate dall’Unione europea al Programma operativo comunitario della Regione Campania, per il settennato 2014\2020.

Lo schema di protocollo, messo a punto dai competenti uffici della RegioneCampania è stato inviato, com’è noto, il primo ottobre ai Comuni di Nola, Cimitile, Camposano, Cicciano, Roccarainola, Avella e Baiano – ma con l’inspiegabile assenza del Comune di Sperone nel cui territorio, invece, ricade la stazione di Avella – per la presa d’atto con la connessa e predisposta delibera d’approvazione delle rispettive Giunte e conseguente delega ai sindaci per la sottoscrizione, insieme con le rappresentanze della Regione Campania e dell’Eav, dell’atto finale per la “cantierizzazione” dell’intervento programmato. E’ un intervento, del quale è disponibile lo studio di fattibilità che si deve all’Ente autonomo Volturno, soggetto attuatore del progetto, che contempla l’allestimento dell’hub, funzionale alla Metro leggera, sostitutiva di fatto dell’attuale tratta ferroviaria NolaBaiano, con la soppressione dei 14 passaggi a livello da cui è segnata per un tracciato di circa 15 chilometri e che rappresentano “significative interferenze” nell’assetto urbanistico del territorio.

Al progetto prospettato dal protocollo d’intesa non è allegata, però, la planimetria del tracciato destinato alla Metro leggera indicato, tuttavia, in linea di massima con la generica previsione di 19 fermate\stazioni, rispetto alle attuali 7 stazioni, includendo quelle di Nola e Baiano; tracciato generico che segue la direttrice della tratta ferroviaria da rimuovere, per aprirsi a diramazioni  verso le aree contigue. 

Dopo il “via libera” della Giunta comunale di Nola, si apprestano a deliberare le altre Giunte comunali interessate, facendo proprio o meno il protocollo d’intesa formulato dalla Regione Campania.

di Geo

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: