ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “ottobre 23, 2019”

NUOVA IMPENNATA DEL CONTENZIOSO LEGALE AL COMUNE DI NOLA, IL SEGRETARIO GENERALE CHIARISCE IL RICONOSCIMENTO DEL RIMBORSO SPESE AL RESPONSABILE A SCAVALCO ALL’AMBIENTE

Una nuova tegola si abbatte sul già pesante contenzioso legale del Comune di Nola, che a luglio sfiorava i 36 milioni di euro. La settimana scorsa è stato notificato l’ennesimo ricorso per decreto ingiuntivo da parte di una azienda italiana operante nel settore dell’energia elettrica, gas ed efficienza energetica per mancato pagamento di fornitura di elettricità anno 2017-2018. Nel decreto viene specificato che la fornitura veniva fatta in regime di salvaguardia essendo il Comune di Nola privo di un fornitore di energia elettrica in libero mercato. È probabile che il Comune sosteneva un maggiore costo per la fornitura non avendo un fornitore. Allegato al decreto ci sono fatture emesse da aprile a giugno 2017 scadenti tra il 31 maggio e 30 luglio 2017 per un importo complessivo di € 582.000,00 di cui € 494.000,00 a titolo di sorta capitale e di € 88.000,00 a titolo di interessi.

La polemica sul riconoscimento della benzina verde al nuovo responsabile a scavalco all’ambiente Massimo Nicola di Frignano ha avuto vita breve, in quanto il segretario generale del Comune Enza Fontana ha chiarito che il rimborso spese di viaggio è previsto per il funzionario dall’art. 14 del CCNL enti locali 2004 e viene liquidato in base alla normativa vigente.

Per chi non lo sapesse, anche l’organismo straordinario di liquidazione (OSL) avrà diritto al rimborso delle spese.

di ra.na.

COMUNE DI NOLA, I GUAI NON VENGONO MAI DA SOLI

Oltre al dissesto, atto resosi necessario a seguito della mancata approvazione della salvaguardia degli equilibri di bilancio, un altro macigno si è abbattuto sulle casse comunali con lo sforamento del patto di stabilità – anno 2017 che ha comportato per il Comune di Nola una sanzione amministrativa di € 243.000,00 pari alla differenza tra saldo delle entrate e spese finali ai fini del mantenimento del pareggio di bilancio ed il divieto di assunzioni fino a novembre.

L’applicazione della sanzione (€ 243.000,00) nel primo anno del triennio 2019-2021 comporta la riduzione di trasferimenti statali al Comune di Nola per € 81.000,00. Così anche per il 2020 e 2021. Il decreto sanzionatorio è stato emanato dal direttore centrale della finanza locale dott. Verde ed è pubblicato integralmente sul sito del Ministero dell’Interno – Dipartimento affari interni e territoriali.

Intanto le risorse umane al Comune di Nola continuano a diminuire, tra pensionamenti e trasferimenti per mobilità al 31 dicembre la dotazione organica comunale sarà meno di 150 unità.

di ra.na.

POLVICA AVVOLTA NELLE POLVERI SOTTILI, APPELLO DEI CONSIGLIERI COMUNALI ENZO DE LUCIA E GIUSEPPINA ARVONIO

“In gioco è la salute di tutti”, è il grido d’allarme dei consiglieri comunali di Forza Italia di Nola per la problematica delle polveri sottili. Un fenomeno particolarmente grave nel nolano (127 sforamenti nel 2015 – 78 nel 2016 – 104 nel 2017 – 122 nel 2018 – 78 fino a giugno 2019, a fronte di 35 sforamenti previsti dalla legge). Un’emergenza senza risposte da anni. Le uniche a tenere alta l’attenzione sono le associazioni ambientaliste tra cui Medici per l’Ambiente, Civitas e Diocesi di Nola.

“L’aria a Polvica – sottolineano i due consiglieri – soprattutto di sera è pesante, si respira un cattivo odore proveniente dall’area industriale e dal depuratore che non funziona. La frazione è avvolta da una cappa di polveri sottili, probabilmente proveniente dalle cave del comune di Roccarainola e San Felice a Cancello. Un’emergenza ambientale con gravi conseguenze per la salute dei cittadini”. L’ex assessore ai LL.PP. nonché vicesindaco e delegato di Polvica per circa un decennio, Enzo De Lucia, ricorda che grazie al suo impegno fece installare dall’Arpac due centraline (ora scomparse), una mobile di ultima generazione davanti alla circoscrizione e una fissa sul tetto dell’Istituto M. Fiore, quest’ultima una scuola costruita dopo il duemila in un’area a rischio inquinamento tra le cave e l’area industriale. I due consiglieri di minoranza chiedono un incontro urgente ad horas con il sindaco di Nola, l’assessore all’ambiente, le associazioni ambientali del territorio, il delegato di Polvica per la richiesta di una nuova valutazione di impatto ambientale al fine di ristabilire i normali livelli dell’aria. Una problematica che da qualche decennio non riesce a fare passi avanti. Alcuni giorni fa in commissione consiliare ambiente fu discussa l’istituzione delle consulte tra cui quella ambientale proprio per monitorare e sensibilizzare le istituzioni a tutti i livelli. Alla proposta del presidente Pizzella di accorciare i tempi per l’istituzione della consulta – con la contestuale discussione in Consiglio comunale della modifica statutaria e istituzione della consulta – i commissari pur essendo tutti d’accordo, decisero di trasferire il verbale alla commissione affari generali dov’è in corso una rivisitazione generale dello statuto allungando i tempi della nascita del nuovo organismo. Purtroppo anche in politica vale il detto “non si può avere la botte piena e moglie ubriaca”.

di ra.na.

Navigazione articolo