ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “ottobre 11, 2019”

Casamarciano. Le stagioni del libro: domani il primo incontro con lo scrittore Angelo De Stefano

“Dia-grammi” è il titolo della raccolta di poesia di Angelo De Stefano che sarà presentata domani, sabato 12 ottobre, a Casamarciano nella chiesa di Santa Maria del Plesco. L’appuntamento è per le ore 18.30. Al tavolo con l’autore Luigi Renzi, docente di lettere al liceo Albertini di Nola e Rosa Esca, dirigente scolastica dell’istituto comprensivo Quasimodo di Crispano. In scaletta anche la lettura di alcuni passi a cura dell’attore e cultore di teatro contemporaneo Gennaro De Stefano.

L’iniziativa è promossa dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Andrea Manzi con l’assessore alla cultura Carmela De Stefano e si inserisce nell’ambito di un progetto ben più articolato che si chiama “le stagioni del libro” organizzato in collaborazione con l’associazione “Le mille e una donna” presieduta da Antonella Virtuoso e con ip forum dei giovani guidato da Clemente Primiano. Un percorso che prevede quattro tappe, quante sono appunto le stagioni, durante le quali ogni volta sarà trattata una tematica diversa, rappresentativa del periodo.

“Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta del sindaco e dell’assessore che rappresenterà la giusta occasione per parlare di argomenti interessanti prendendo spunto dalla lettura dei testi – dichiarano Antonella Virtuoso e Clemente Primiano – Iniziative come queste rafforzano il rapporto con l’Ente ed il territorio consentendoci di collaborare a progetti che contribuiscono alla crescita culturale del paese e dei giovani che ci abitano”.

“Diamo voce ai libri, ai generi letterari ma soprattutto alle emozioni che un buon testo sa trasmettere – spiega l’assessore Carmela De Stefano – Insieme all’associazione delle donne e al forum dei giovani abbiamo voluto dare vita ad un percorso articolato, di condivisione e socializzazione. Domani sarà infatti il primo di quattro appuntamenti che vogliamo vivere insieme al pubblico per rivendicare l’importanza del libro, e nel contempo favorire nuove occasioni di crescita e di confronto. Faccio appello ai cittadini per ribadire che tutti possono partecipare non solo come semplici uditori ma anche come protagonisti. Se avete un libro nel cassetto tiratelo fuori e condividiamolo. La chiesa – conclude Carmela De Stefano – è aperta a tutti”.

“Ancora una volta rendiamo fruibile a tutti un bene artistico di notevole pregio – aggiunge il sindaco Andrea Manzi – Siamo consapevoli che la cultura è uno strumento forte di comunicazione e di condivisione, ecco perché  facciamo nostri tutti quei progetti che tracciano un percorso e che aprono le menti al dialogo. Sono opportunità per le persone che partecipano ma anche per il territorio. Sono certo – conclude Manzi – che il pubblico darà una buona risposta”.

Nola. Fondazione Festa dei Gigli: il presidente Lorenzo Vecchione si dimette

Si dimette il presidente della fondazione Festa dei Gigli, Lorenzo Vecchione. L’ufficialità dovrebbe arrivare nelle prossime ore. La decisione – pare – sia arrivata nella serata di ieri al termine dell’incontro con i maestri di festa nell’aula consiliare preceduto dall’apertura delle buste per l’assegnazione del Giglio del Calzolaio. Due le domande presentate, anche se, di fatto, ne è una soltanto. Il secondo plico infatti conteneva semplici fogli in bianco. E mentre sui social gli aspiranti assegnatari esultano annunciando il cast, voci interne all’assise cittadina danno per certe le dimissioni di Vecchione. Una vicenda che è diventata già “caso” con tante questioni ad oggi irrisolte a cominciare dalle fideiussioni , alcune delle quali non ancora presentate e sottoscritte. E potrebbe diventare un nuovo caso anche l’assegnazione del Calzolaio. Sebbene ci sia stata una sola istanza, è necessario comunque procedere con la verifica dei requisiti. Chi lo farà? Di fatto il consiglio di amministrazione non solo è monco ma è soprattutto privo del numero legale per procedere, a seguito delle dimissioni di due consiglieri, Antonio Santella e Orlando Santaniello. Tanti sono gli interrogativi. Chi gestirà le imminenti questioni? E poi ancora, i rappresentanti nominati dalla Curia vescovile restano in carica o decadono? Il tutto mentre tra meno di 48 ore inizia ufficialmente l’evento 2020 con il passaggio delle prime bandiere, quelle del panettiere e dell’ortolano. Si attendono ora nuovi sviluppi con nuovi scenari che potrebbero cambiare il corso della kermesse.

di ra.na.

Navigazione articolo