ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “ottobre 2, 2019”

NOLA. CACCIA AGLI EVASORI E MOROSI DEI TRIBUTI, NOTIFICATO NUOVO ATTO DI CITAZIONE AL COMUNE PER 2 MILIONI. IL CONTENZIOSO LEGALE SFIORA I 40 MILIONI DI EURO

Nel mirino gli operatori commerciali del mercato infrasettimanale e le persone fisiche che sfuggono in parte o totalmente all’imposizione fiscale, nello specifico Tari, Imu e Tasi. Ancora alta la percentuale dei morosi assegnatari di un box presso l’area di piazza d’Armi. È in corso in queste settimane la notifica ad una cinquantina di operatori a versare i canoni dovuti per l’occupazione di suolo pubblico. La mancanza della numerazione dei box ha creato non poche difficoltà ai messi notificatori nell’individuare i destinatari dei provvedimenti. Una carenza a cui occorre rimediare al più presto. Ogni box dovrà avere ben visibile all’ingresso un numero che permette di risalire alle generalità dell’operatore. Attualmente i box sono 380 per 320 operatori (alcuni operatori hanno assegnato più di un box) per un incasso totale di circa 170 mila euro. 310 box sono utilizzati per vendita di prodotti non alimentari, 48 alimentari, 10 ittici, 12 da assegnare settimanalmente per i cosiddetti spuntisti. Ogni box occupa mediamente 42 mq e il canone è di € 10,00 a mq. All’inizio dell’anno gli operatori morosi erano 105 ed anche allora furono destinatari di una notifica per il mancato pagamento dei canoni del 2018, ma solo in parte hanno sanato la loro situazione debitoria. Dal Palazzo fanno sapere che in caso di mancato pagamento del canone si procederà alla revoca dell’autorizzazione. L’ufficio tributi, altra nota dolente dell’evasione, sta concludendo l’iter amministrativo per gli oltre quattrocento evasori totali scoperti per mancato pagamento della Tari anno 2014. Tutte persone fisiche che risultano completamente sconosciute. Si tratta di un accertamento di circa 200 mila euro, in parte ancora in fase di riscossione, ma sono ancora molti gli accertamenti (raccomandata A/R) non ancora recapitati per assenza del destinatario o sconosciuto all’indirizzo. Gli uffici dovranno capire perché non risultano a ruolo. Non è escluso che si potrebbe trattare sia di persone che vivono altrove ma che hanno ancora la residenza in Città, ma anche di persone iscritte all’anagrafe (ai sensi della normativa vigente), ma solo per appuntamenti elettorali. A fine mese saranno recapitati centinaia di notifiche per mancato pagamento Imu e Tasi 2014. E’ di ieri la notizia della notifica al Comune di un altro atto di citazione per oltre 2 milioni di euro che farà lievitare in su il già pesante contenzioso legale che ha contribuito non poco al dissesto comunale.

di ra.na.

NOLA. RIAPERTURA DEI TERMINI PER IL GIGLIO DEL CALZOLAIO 2020, NON ACCENNANO A DIMINUIRE LE POLEMICHE SUL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FONDAZIONE. DIMISSIONI ANCHE DAL GRUPPO CONSILIARE 801

Una nota dura quella del gruppo Uniti per Nola nei confronti dell’intero Consiglio di Amministrazione della Fondazione, sotto accusa l’assenza di programmazione e mancata chiarezza sulla questione delle revoche. A questo occorre aggiungere l’ulteriore richiesta di dimissioni dell’ex presidente Consiglio comunale Francesco Pizzella, attuale consigliere comunale ed autorevole esponente del gruppo Nola 801. Una situazione veramente imbarazzante per il Consiglio di Amministrazione della Fondazione. Intanto è la stessa fondazione ad ufficializzare a firma del segretario Antonio Santella la riapertura dei termini per l’assegnazione del Giglio del Calzolaio 2020 – una riapertura fuori stagione essendo prossima la stagione dell’inizio del passaggio delle bandiere dal vecchio al nuovo maestro di Festa. Gli interessati potranno presentare secondo le modalità contenute nel regolamento Festa dei Gigli domanda in busta chiusa e sigillata indirizzata alla Fondazione Festa dei Gigli da depositare presso il Comando di Polizia Municipale di Nola entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 10 ottobre. Sul sito del Comune sono state pubblicate le date dello scambio delle bandiere stabilite con riunione con i maestri di Festa il 6 settembre scorso. Ad iniziare domenica mattina 13 ottobre il Giglio del Panettiere a seguire domenica pomeriggio 13 ottobre Giglio dell’Ortolano; Sarto il 19 ottobre; Salumiere 20 ottobre pimeriggio; Beccaio 26 ottobre pomeriggio; Fabbro 27 ottobre mattina; Bettoliere 3 novembre mattina; Barca 8 dicembre mattina; Calzolaio da definire.

di ra.na.

LA CITTÀ METROPOLITANA PROROGA AL 23 OTTOBRE LA PRESENTAZIONE PROGETTI CULTURALI DEI 92 COMUNI DELL’AREA. CIRCA 20 LE ASSOCIAZIONI PARTECIPANTI ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE. L’ASSESSORE ALLA CULTURA ANNALISA SEBASTIANI: “SIAMO SULLA STRADA GIUSTA”

È stato prorogato alle ore 24,00 del 23 ottobre l’avviso pubblico per la presentazione della domanda di partecipazione dei progetti culturali per un importo complessivo di € 5.199.965,00 della area Metropolitana di Napoli. La proroga si è resa necessaria per avere una più ampia partecipazione dei Comuni e soprattutto per dare la possibilità agli stessi di elevare la qualità dell’offerta culturale dell’area metropolitana. Nola concorre con un progetto di € 55.000,00. Intanto lunedì 30 settembre si è chiusa la manifestazione di interesse promossa dal Comune di Nola e rivolta alle associazioni di promozione culturale, sociale e fondazioni. Le istanze pervenute sono circa una ventina. Si tratta di associazioni e fondazioni del territorio e nazionali. Nella prima decade del mese l’ufficio beni culturali procederà all’approvazione delle istanze pervenute, dopodiché le associazioni saranno invitate a produrre progetti esecutivi con quadro economico allegato. Alla fine sarà una commissione comunale a valutare le proposte ed il progetto vincitore sarà inviato entro le ore 24,00 del 23 ottobre alla Città metropolitana.

“La partecipazione all’avviso pubblico e la risposta delle associazioni alla nostra manifestazione di interesse – sottolinea l’assessore ai beni culturali Annalisa Sebastiani – rappresenta uno stimolo per potenziare e ampliare il percorso di valorizzazione della nostra cultura. Siamo convinti – conclude l’assessore Sebastiani – di essere sulla strada giusta. Investire sul futuro dei beni culturali anche attraverso una attività di marketing fa parte delle linee guida del nostro programma politico – culturale”.

di ra.na.

NOLA. CASERMA CESARE BATTISTI, SEDE ARCHIVIO NAZIONALE MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA?

Cancelli aperti in mattinata alla Caserma Cesare Battisti di Nola per la rimozione all’interno dell’area dei materiali di risulta e scarti edili oggetto in più occasioni, negli ultimi tempi, di roghi che hanno creato notevoli disagi ai residenti. Negli ultimi anni la Caserma è diventata l’oscuro oggetto del desiderio di politici, imprenditori e dello stesso demanio. Un immobile storico di scuola vanvitellania con diverse destinazioni nel corso degli ultimi decenni e nonostante il cambio di destinazione urbanistica non riesce a trovare una riqualificazione per dare decoro ad una zona densamente popolata. Al momento, sembra che ad accorgersi dell’immobile sia stato il Ministro di Grazia e Giustizia Alfonso Bonafede, il quale avrebbe proposto al Consiglio dei Ministri di allocare nella struttura l’archivio nazionale del Ministero di Grazia e Giustizia. Se fosse vera la notizia sarebbe una soluzione non certamente qualificante per lo storico immobile. Ovviamente da verificare da parte dei vertici istituzionali locali. La Caserma Cesare Battisti negli ultimi anni è stata oggetto di polemiche per il cambio di destinazione urbanistica approvato dal Consiglio Comunale di Nola nel 2016. La Caserma era classificata nel piano regolatore generale comunale come zona H(attrezzature di interesse comunale) e fu modificata in zona G(attrezzature di interesse collettivo). Un passaggio necessario secondo la maggioranza amministrativa guidata dall’allora sindaco Biancardi per favorire la vendita (non ancora avvenuta) da parte dello Stato proprietario dell’immobile. Il Comune di Nola da quella vendita avrebbe ricevuto il vantaggio di ottenere la proprietà di piazza d’Armi e quindi mettere in atto in campo quel progetto di valorizzazione frutto di un concorso di idee, oltre ad una percentuale del 15% del valore di vendita. Al momento non è stata trovata alcuna soluzione per la Caserma e si è in attesa del definitivo trasferimento dell ‘area antistante la Caserma. In mattina c è stato un incontro del sindaco Minieri con il direttore del demanio. Nei prossimi giorni vi aggiorneremo sul prosieguo.

di ra.na.

I FESTEGGIAMENTI IN ONORE DI SAN FRANCESCO A NOLA

È iniziato oggi il triduo in onore di S. Francesco ai cappuccini a Nola, ore 19,00 Santa Messa. Giovedì 3 ottobre dopo la Messa delle 19,00,liturgia di transito a cura dell’ordine francescano secolare di Nola. Venerdì 4 ottobre SS. Messe 7,00-8,30-11,00-18,30.Ore 17,00-Processione della Statua per le vie cittadine – via S. Francesco – via Stella-via Madonna delle Grazie – piazza Risorgimento – via Vincenzo La Rocca-via Seminario – via S. Francesco – Ospedale di Nola. Nelle serate di giovedì 3 e venerdì 4 ottobre animazione musicale e convivialità con la XXVI Sagra Francescana con assaggi di specialità locali. La sagra si svolgerà all’interno del convento. Parcheggio gratuito presso il Seminario Vescovile. Per l occasione possono essere visitate le bellezze della Chiesa.

di ra.na.

Casamarciano. Rifiuti, lotta al sacchetto abbandonato in strada: arrivano le sanzioni

“La rivoluzione ambientale parte dal rispetto civico delle regole. Fino a quando continueremo ad assistere ad episodi di inciviltà con lo sversamento di rifiuti in orari e luoghi non autorizzati, tutti gli sforzi messi in campo dall’amministrazione risulteranno insufficienti al decoro urbano. L’ultimo caso registrato in via Olivella, ripreso dalle telecamere ne è l’evidente testimonianza”: è la risposta del sindaco di Casamarciano Andrea Manzi  ad uno dei tanti episodi che nelle ultime settimane sta interessando il territorio comunale su cui puntualmente vengono abbandonati sacchetti di rifiuti. Come evidenziato dal primo cittadino l’ultimo episodio è stato ripreso dalle telecamere consentendo così l’individuazione del trasgressore a cui è stata immediatamente applicata la sanzione.

“Lavoriamo per una città bella e pulita ma è necessaria la collaborazione di tutti – continua Manzi – Con l’attivazione del sistema di videosorveglianza riusciamo a monitorare la situazione e a risalire a chi trasgredisce.  Ritengo, però, che episodi come questi non debbano verificarsi perché mortificano il lavoro di noi amministratori e di quanti collaborano per la tutela della nostra comunità”.

Navigazione articolo