ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “settembre 24, 2019”

Cimitile. Percorsi al femminile: riconoscimenti alle donne, Francesco Napolitano: “Così si rafforza la rete sociale tra enti ed istituzioni”

“Un’occasione per accendere i riflettori sull’importanza dell’universo femminile oggi ma anche per analizzare tematiche di grande attualità partendo dal ruolo delle donne, fondamentale nei processi di crescita sociale del Paese. Complimenti al Cif di Cimitile per il percorso intrapreso che cresce di anno in anno con la presenza di figure di valore impegnate nelle loro professioni”. Commenta così l’imprenditore nolano Francesco Napolitano la rassegna culturale promossa dal Cif di Cimitile, presieduto da Donatella Provvisiero, in programma da giovedì 26 settembre fino a domenica 28 nel Complesso delle Basiliche Paleocristiane di Cimitile e nel salone di Palazzo Forte. Un impegno lungimirante dell’associazione con la consegna di riconoscimenti alle donne che, con il loro contributo hanno dato volto, forma e valore all’universo femminile. Una tre giorni tra arte, musica, attualità e teatro che assegnerà l’ambito riconoscimento a donne che si sono distinte per i loro percorsi professionali. Lo start giovedì 26 settembre, alle 17.45 con la mostra a cura del maestro Serafino Ambrosio. Dalle 18.30, invece, la tavola rotonda moderata dal giornalista Ermanno Corsi, vedrà la partecipazione di Franca Leosini (giornalista), Maria Felicia Carraturo (campionessa mondiale apnea), Daniela Poggi (attrice), Maria Felicia Se Laurentis (astrofisica), Lella Golfo (scrittrice), Paola Marone (presidente della fondazione degli ingegneri di Napoli) e Gloria Frezza (presidente Airc Campania). Venerdì 27, invece, il tema scelto per il convegno è quello della ‘buona scuola’ con un focus specifico a cui prenderanno parte dirigenti scolastici del territorio come Maria Carmela Iorio, Anna Maria Silvestro, Carmela Napolitano e Pasqualina Nappi. Accanto a loro anche il parlamentare Paolo Russo ed il senatore Francesco Urraro. Sabato 28, infine, la chiusura con una serata di gala a Palazzo Forte e la degustazione di prodotti tipici locali con la comicità di Maria Bolignano.
“Iniziative come queste – continua Francesco Napolitano – non solo rafforzano la rete sociale tra gli Enti, ma ne rafforzano la continuità nel tempo incentivando l’impegno nelle professioni. Una grande opportunità per il territorio e per quanti investono per la sua crescita”.

Nola. Il museo della Festa “fuori” dalla sala Ottaviano Augusto

Uno sfratto che fa rumore. Soprattutto sui social. Non aveva ancora una casa il “museo della Festa” che è stato “sfrattato”. A denunciarlo su Facebook è Antonio Napolitano, presidente dell’associazione Contea nolana che, lo scorso mese di giugno, aveva allestito, in occasione della Festa dei Gigli, una mostra d’arte monotematica nella sala Ottaviano Augusto all’interno del palazzo del parco urbano di via Merliano. Una mostra che, considerato anche il forte interesse registrato in città, è rimasta in esposizione per tutto il periodo estivo arricchendosi di nuovi pezzi negli ultimi giorni messi a disposizione dal maestro Leopoldo Santaniello. Fin qui nulla di male. Ma a qualcuno probabilmente non è andato giù l’eco positivo ed ecco che una semplice mostra diventa “il caso” che finisce in Procura con tanto di esposto. Chi ha autorizzato i locali? A che titolo è stata assegnata la gestione del salone ad un’associazione? Tanti interrogativi in cerca di risposta. L’episodio ha fatto il giro del web con l’inevitabile trasloco delle opere. “Ci addolora tutto questo – spiega Antonio Napolitano – anche perché non ho mai detto nè lasciato intendere di avere la gestione del salone. Anzi. Dopo tanti anni finalmente uno spazio inutilizzato prendeva forma grazie al contributo volontario di tanti appassionati nolani. Un luogo aperto a tutti intorno al quale sembra stava nascendo un progetto da parte dell’amministrazione comunale rivolto a tutte le associazioni cittadine. Una strumentalizzazione sterile su cui il sindaco, che ha sempre dimostrato sensibilità ed interesse comunitario, farà luce nell’ottica della trasparenza che finora ha sempre contraddistinto il suo operato”.

di ra.na.

Acqua pubblica, a Nola si incontrano comitati civici e sindaci

Arriva a Nola il giro #NoGori, promosso dalla Rete civica per l’acqua pubblica, iniziato lo scorso giugno a Castellammare di Stabia e che sta toccando numerosi Comuni del territorio.

L’appuntamento nolano è fissato per mercoledì 25 settembre alle ore 18.30 in piazza Matteotti nella Chiesa dell’Immacolata, luogo simbolo da anni delle affollate assemblee tenute dai comitati civici nella città dei Gigli. Ancora una volta l’obiettivo è informare i cittadini sulle conseguenze del nuovo tentativo di salvataggio della gestione Gori SpA, con tariffe alle stelle, distacchi selvaggi e disservizi continui ai danni degli utenti, sulle protezioni che garantiscono la sopravvivenza della società colabrodo.
Numerosi gli argomenti al centro della discussione: dal nuovo piano d’ambito in via di realizzazione alla totale mancanza di investimenti per il completamento dei sistemi fognari, dall’ennesimo rischio di aumento delle tariffe (già da tempo considerate tra le più alte d’Italia) al provvedimento regionale SalvaGori bis, dal completo immobilismo dell’Ente Idrico Campano al silenzioso colpo di mano estivo per regalare un anno di mandato in più al suo presidente.
Intervengono all’iniziativa Gaetano Minieri, sindaco di Nola, Restituta De Lucia, rappresentante del comitato per la difesa del diritto all’acqua, i consiglieri del Distretto Sarnese Vesuviano impegnati nella lotta per la ripubblicizzazione del servizio idrico Massimo Pelliccia (sindaco di Casalnuovo), Salvatore Di Sarno (sindaco di Somma Vesuviana), Edoardo Serpico (sindaco di Scisciano), Francesco Gioia (consigliere comunale di Fisciano), Giuseppe Grauso (coordinamento campano acqua pubblica) e Gianluca Napolitano (rete civica Ato3 Campania).
Conclude il dibattito don Aniello Tortora, vicario episcopale Carità e Giustizia della Diocesi di Nola.
Sono invitati a partecipare gli amministratori locali, le associazioni, le forze sociali del territorio.

Rete civica per l’acqua pubblica

Navigazione articolo