ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “settembre 4, 2019”

NOLA. ESECUTIVO COMUNALE: MATASSA NON COMPLESSA MA BIZZOSA, RIPARTE LA MACCHINA AMMINISTRATIVA CON DUE FUNZIONARI A SCAVALCO

Non sono ancora pronti i due nomi che mancano per completare la mini-giunta varata il 18 luglio all’esordio della nuova consiliatura. A confermarlo è anche il sindaco che non va oltre il “sto valutando”.

Negli ultimi giorni si sono intensificati gli incontri di maggioranza, domani nuovo incontro per dipanare una matassa non complessa ma bizzosa. È stata pubblicata all’Albo pretorio la delibera di dichiarazione di dissesto finanziario approvato nel corso del consiglio comunale del 26 agosto scorso insieme agli atti di indirizzo per l’esternalizzazione – fase coattiva delle entrate comunali. Appena esecutiva, la delibera di dissesto sarà inviata alla Procura, Corte dei Conti e Ministero degli Interni sezione Enti Locali per la nomina dell’organismo straordinario di liquidazione (OSL).

A spingere sull’acceleratore per il completamento dell’esecutivo anche i rappresentanti comunali delle liste civiche di maggioranza (Nola democratica, Nola in Movimento, Nola 801) che ieri in un incontro al palazzo comunale hanno invitato il sindaco a chiudere al più presto la giunta tecnica (come unanimamente deciso). All’interno della maggioranza c’è chi spinge ancora per una soluzione politica. Un rebus abbastanza spigoloso, ultimamente, cresciuto di intensità anche a seguito delle dimissioni del presidente del consiglio comunale Rino Barone.

Intanto il sindaco Gaetano Minieri, molto fiducioso sulla responsabilità e consapevolezza della sua squadra, sta iniziando a far ripartire la macchina amministrativa. A giorni arriveranno due nuovi funzionari a scavalco a cui saranno affidati poteri dirigenziali nel settore ambiente, architetto Massimo Nicola da Frignano, e dott. Zanfardino alle potiche sociali, funzionario regionale.

di Miao

RESPINTO IL RICORSO DEL CONSIGLIO DI STATO DELLA SOCIETÀ PANTA REI, IL COMUNE SALVA UNA RICHIESTA DI € 9.649.887,00 PER RISARCIMENTO DANNI

Finalmente il Consiglio di Stato con sentenza pubblicata il 4 settembre 2019 n. 06087 si è pronunciato sull’appello presentato dalla società Panta Rei contro il Comune di Nola per una richiesta di risarcimento danni di € 9.649.887,00 relativa al project financing “Città del Tempo Libero” – anno 2008 importo dell’opera di circa 70 milioni di euro.

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato dalla Panta Rei – nonostante l’adunanza plenaria del Consiglio di Stato n. 5 del 4 maggio 2018 – ed ha affermato il principio secondo cui la responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione può configurarsi anche nella fase che precede la scelta del contraente a prescindere dall’aggiudicazione, ma occorre che ci sia colpa. Nella fattispecie il Consiglio di Stato non ritiene che da parte del Comune di Nola ci sia stata una condotta colposa, quindi respinge il ricorso.

La vicenda nasce nel 2008 con l’amministrazione guidata dal compianto sindaco Felice Napolitano che con un atto deliberativo di giunta municipale n. 62/2008 dichiarò la realizzazione di una “Cittadella del Tempo Libero” di pubblico interesse. Dopo la proposta, una sentenza del TAR Campania annulla la variante che avrebbe consentito la realizzazione della Cittadella, rifacendo diventare di nuovo l’area agricola. L’amministrazione dell’epoca nonostante la sentenza di annullamento della variante procede alla gara prevedendo che l’aggiudicazione avvenga a condizione dell’adozione della variante da parte della Provincia (cosa mai avvenuta). L’amministrazione procede al bando e all’espletamento della gara che va deserta. A questo punto la Panta Rei afferma di avere diritto all’aggiudicazione essendo l’unico proponente e ritenendo che sia scattata la responsabilità precontrattuale. La Panta Rei fa ricorso al TAR Campania che respinge il ricorso. Da qui il successivo ricorso al Consiglio di Stato. Indubbiamente la sentenza favorevole al Comune rappresenta un momento felice per l’Avvocatura comunale che ha gestito in toto il ricorso.

di ra.na.

Navigazione articolo