ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Nola. Caso aperto, ma i tempi delle decisioni stringono

No alla dichiarazione di dissesto finanziario, la diffida sottoscritta da otto consiglieri della minoranza. Il deliberato della Giunta avallato dagli atti di valutazione preliminare della competente Commissione sarà allesame del Consiglio comunale convocato per il 26 agosto in un confronto che si annuncia complesso sul versante amministrativo e tecnicocontabile, a fronte delle criticità economico-finanziarie che nellimmediatezza gravano sullEnte di piazza Duomo.

…. i rappresentanti dellamministrazione comunale ad oggi  (e dopo oltre un anno dallinsediamento del commissario prefettizio) non sono in grado di riferire lammontare degli accertamenti notificati per l’anno 2013, e la ragione per cui, nel corso del 2019, non sono stati verificati gli accertamenti per i periodi successivinonostante durante lanno di commissariamento, sia stato affidatocon un incarico esterno, tale specifico compito”…..

nel caso di specie  non sono state poste in essere le azioni necessarie al recupero di risorse finanziarie già accertate ( ed altre facilmente accertabili) che, se attuate, com’è di dovere, determinerebbero con assoluta certezzalimpossibilità della dichiarazione di dissesto dellEnte a favore tutt’al più (e sempre che ne ricorrano le condizioni di legge)- dellalternativa procedura di riequilibrio di bilancio”…

…. “ lesistenza dei parametri fissati dalla legge per lattuazione della procedura di dissesto, deve sussistere unicamente con riferimento alla reale (e non artificiosa) situazione finanziaria dellEnte allattualità della dichiarazione di dissesto, essendo, tra laltro, inammissibile ogni previsione futuristica slegata  dal riscontro  dellesistenza dei medesimi (parametri) allattualità”….

Sono alcuni dei passaggi-chiave dell’atto di diffida, mirato a bloccare la procedura di dichiarazione di dissesto finanziario dell’ Ente di piazza Duomo, innescata dall’approvazione del relativo deliberato della Giunta comunale, approvato il 30 luglio; atto di diffida sottoscritto da otto consiglieri della minoranza, espressione della coalizione civica con prevalente matrice di centro-destra, Cinzia Trinchese, Carmine Coppedo, Raffaele Parisi, Giovanni Erasmo Carrella, Carmela Scala, Enzo De Lucia, Claudia Mauro e Giuseppina Arvonio. Destinatari dell’atto di diffida sono  i dirigenti dei due settori competenti – Finanziario e Bilancio\Tributi-  Fusco e Fattore, il sindaco Minieri, i componenti della Giunta e del civico consesso, nonché il presidente della commissione bilancio, Antonio De Lucia, il Collegio dei revisori dei conti e il Nucleo di valutazione dell’attività dell’Ente

Al centro del documento -alla cui sottoscrizione non si è associato l’altro consigliere di minoranza, il pentastellato Giuseppe Tudisco– figura la rappresentazione, giudicata tuttaltro che veridica e reale,  della situazione economica che dà motivazione e fa da supporto al deliberato della GiuntaMinieri per la proposta di dichiarazione di dissesto finanziario  dell’Ente di piazza Duomo; proposta, a sua volta,  vagliata in tre riunioni dalla Commissione ordinaria di bilancio, presieduta da Antonio De Lucia, con la conseguente formulazione del parere di valutazione favorevole. Due passaggi, le cui valenze saranno all’esame del civico consesso, convocato lunedì- 26 agosto, alle ore 10,00 –  per deliberare sugli argomenti all’ ordine del giorno, che contemplano lapprovazione della salvaguardia degli equilibri di bilancio e dassestamento generale; la dichiarazione di dissesto finanziario; lesternalizzazione della fase coattiva di riscossione dei tributi comunali. E i provvedimenti che ne seguiranno, daranno l’impronta al ciclo amministrativo, aperto con il voto di ballottaggio dell’11 giugno ; ciclo, che non si annuncia, in ogni caso, agevole per vincoli, obblighi e condizioni da osservare che limitano il raggio d’azione politica e gestionale, elevando gli indici di fiscalità comunale che sono già oltremodo sostenuti.        

L’atto di diffida, in sostanza, non riconosce validità e legittimità all’intero percorso compiuto dalla Giunta, per deliberare la proposta di dichiarazione di dissesto; e, al contempo, sollecita, invece e in ordine alle loro competenze, i destinatari dell’ atto a dare  “attuazione agli strumenti previsti dalla legge al fine di procedere alla ricostruzione della reale situazione finanziaria dellEnte e, poi, alla conseguente verifica della sussistenza o meno dei presupposti per la dichiarazione di riequilibrio finanziario o dissesto dellEnte stesso ”. E’ un’inversione di rotta radicale, quella indicata, alla cui base, tra gli altri fattori enunciati, figura la mancanza di riscossione e accertamento dei tributi determinata dalla  carenza di personale dedicato, così come evidenziato a più riprese dai rappresentanti dell’amministrazione comunale.

Come dire, se questo è il senso, che la mancanza di riscossione e di accertamento dei tributi – quale causa del dissesto, ed imputabile soprattutto alla carenza di personale- non fotografa una situazione  strutturalmente deficitaria e insanabile. Di qui le ragioni, per ricostruire ex novo la situazione, mettendo al posto giusto i tasselli della intricata vicenda. E’ un dato che, per quanto si voglia condividere, farebbe porre, tuttavia, il problema sia politico che in ambito dirigenziale amministrativo sulle ragioni per le quali non si sia provveduto nei tempi e modi adeguati a potenziare l’organico del personale dedicato, per evitare la mancata riscossione dei tributi, correlati agli specifici accertamenti. E va da sé che nella partita non c’è solo il capitolotributi, ma vanno collocati anche i capitoli del contenzioso giudiziario e dei debiti fuoribilancio, la cui portata s’è progressivamente “accresciuta” negli ultimi mesi, facendo cambiare il quadro di riferimento a cui è stata ancorata la proposta del Piano di riequilibrio, inteso come pre dissesto, e formulata nella delibera del 2 febbraio approvata e trasmessa ai competenti organi  dal commissario straordinario, il prefetto Anna Manganelli  

Lo scenario è  grigio-scuro. La Giunta e la maggioranza hanno fatto la loro scelta di campo, la minoranza civica di centrodestra ha varato la contro-mossa. Ma i tempi di legge concessi per porre in carreggiata la “macchina amministrativa” con la salvaguardia degli equilibri di bilancio sono in scadenza. E il Consiglio comunale è chiamato ad assolvere una funzione davvero delicata e impegnativa per la città; funzione che richiede un  forte e responsabile cambio di passo rispetto al passato remoto e recente.

di Geo

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: