ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

ANCORA CRITICITÀ NEI CONTI, IL COMUNE DI NOLA VERSO IL DISSESTO

Dr. Salvatore Fattore

Un’amara relazione tecnico-finanziaria del dirigente del settore amministrativo finanziario Giovanni Fusco e del dirigente facente funzioni del servizio Bilancio e tributi Salvatore Fattore sulla salvaguardia degli equilibri di bilancio per l’esercizio 2019 mette fine al pre-dissesto ed apre le porte al dissesto.

Il Comune non supera la prima verifica del piano di riequilibrio. Al 31 luglio il testo unico obbliga i Comuni a verificare se esiste il pareggio di bilancio. Dai controlli effettuati – come si evince dalla relazione dei responsabili finanziari – per riportare il bilancio in riequilibrio occorrono ulteriori stanziamenti per € 2.619.412,78 di cui € 428.961,78 per spese correnti, per ulteriori debiti fuori bilancio € 1.012.371,59, aumento contenzioso € 906.202,50 ed € 271.876,8 per adeguamento fondo crediti di dubbia esigibilita’. A questo occorre aggiungere uno squilibrio di cassa di € 2.920.072,78 dovuto a pagamenti per € 12.504.805,05 ed incassi di € 9.584.732,27.

Ciò sta a significare che la capacità di riscossione dell’Ente non è assolutamente migliorata, permane un basso tasso di riscossione non solo dei tributi ma di tutte le entrate comunali. Basti pensare alla elevata morosità per fitti attivi non riscossi. A questo si aggiungono le note dei responsabili dei settori Urbanistica Anaclerio Gustavo, LL.PP. Bernando Arienzo e Ambiente Giovanni Peduto, che evidenziano il mancato rispetto delle previsioni di bilancio dovute essenzialmente alla carenza del personale per cessazione di rapporti lavorativi (pensionamenti) e spostamenti. Allo stato subiranno contrazioni le previsioni relative agli oneri concessori e condono edilizio (oltre il 25% di quello previsto in bilancio, mentre dal settore ambiente fanno sapere che difficilmente potranno essere recuperati € 500.000,00 per i rinnovi concessioni cimiteriali, rallentamento dovuto alle poche risorse del settore tutte impegnate da settimane per la gestione dell’emergenza rufiuti (che presumibilmente durerà ancora a lungo). Anche il contenzioso legale ha raggiunto il valore di € 36.142.888,21 rispetto ai € 31.000.000,00 di quattro mesi fa. Il contenzioso continua a minare le fondamenta dell’equilibrio di bilancio con la continua generazione di debiti fuori bilancio e passività latenti dalla consistenza incerta. Per cui è concreta (conclude la relazione) la fase di auto-accertamento della situazione di dissesto determinata dalla sussistenza di una situazione debitoria per cui i mezzi di cui si dispone non consentono di farvi fronte validamente. Con il dissesto si pone fine alle gestioni economiche squilibrate e si obbliga l’Ente ad applicare i principi di buona amministrazione al fine di non aggravare la posizione debitoria.

di ra.na.

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: