ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “luglio 5, 2019”

Scuola. Al Masullo Theti di Nola tour didattico sui “cantieri” alla ricerca di giovani figure professionali

Trenta ore per conoscere il mondo dell’edilizia distribuite in aula, in azienda e sui cantieri. Dieci, invece, direttamente in agenzia per toccare con mano il settore dell’immobiliare cercando di carpire le esigenze di potenziali clienti per un approccio serio ma al tempo stesso dinamico al mondo delle professioni. Protagonisti sono stati gli alunni dell’istituto Masullo Theti di Nola guidato dalla dirigente scolastica Anna Maria Silvestro ai quali l’imprenditore nolano Francesco Napolitano ha aperto le porte della sua attività in un percorso di alternanza scuola-lavoro pronto ad arricchire il bagaglio culturale dei ragazzi.

Tra gli scopi degli incontri anche conoscere ed apprendere sul campo aspetti e regole di lavoro evitando rischi per la propria salute. Un dialogo, quello fra il mondo della scuola e l’edilizia nolana fortemente voluto dallo stesso Napolitano per rafforzare nei ragazzi i programmi legati alla gestione dei cantieri ma anche agli interventi da attuare per la realizzazione di fabbricati, con una rilevante manovra didattica orientata alla formazione professionale di giovani il cui futuro potrebbe proiettarsi nel settore delle costruzioni. In questa conversazione si è inserito il progetto con il Masullo Theti con l’organizzazione di un vero e proprio tour didattico nei cantieri edili del territorio portati avanti dall’azienda Napolitano Case.  Accompagnati dai professori, da ingegneri, architetti e geometri, i ragazzi hanno esplorato il settore delle costruzioni in lungo e in largo focalizzandosi su procedure all’avanguardia.

“Un’esperienza bellissima  – dichiara Francesco Napolitano –  Il mondo delle professioni è un aspetto culturale che va coltivato nel tempo. Per i nostri ragazzi acquisire questa sensibilità già in età scolastica risulta molto importante. In quest’ottica la possibilità per loro di accedere ai cantieri intercettando già in questa fase quali sono le giuste sinergie ed attitudini per la formazione di figure specifiche che sappiano da un lato gestire un cantiere e dall’altro, invece, dedicarsi al successivo step che è la vendita dell’immobile, risulta determinante. E non è escluso che – conclude –  ora che è terminato questo periodo didattico, per qualcuno di loro ci sia la reale opportunità di essere inserito nel nostro organico. Le nostre infatti non sono semplici occasioni, ma vere e proprie opportunità”.

Servizio idrico, eletto il sindaco di Casalnuovo nel comitato esecutivo dell’Ente Idrico Campano. Istituita commissione di controllo su partite pregresse e aumenti Gori

Il sindaco di Casalnuovo di Napoli, Massimo Pelliccia, è stato eletto nuovo componente del comitato esecutivo dell’Ente Idrico Campano in rappresentanza del distretto Sarnese Vesuviano. Su indicazione della Rete dei Comuni per l’acqua pubblica, Pelliccia, che ha ricevuto 12 voti e 7 schede bianche, sostituisce Raffaele De Simone, sindaco uscente di Roccarainola. “A De Simone va il nostro vivo ringraziamento per l’impegno profuso in questi anni – sottolineano i rappresentanti – nell’intento di continuare con sempre più tenacia la battaglia, dentro e fuori le istituzioni, per la ripubblicizzazione dell’acqua, la liquidazione della gestione Gori, il miglioramento di un servizio disastroso e la riduzione delle tariffe più alte d’Italia”.
Il consiglio di distretto, inoltre, ha istituito su proposta del gruppo dei Comuni per l’acqua pubblica una commissione di controllo, composta da 5 consiglieri, incaricata di approfondire l’annosa questione delle partite pregresse Gori, dal valore di 122 milioni di euro e già bocciate con sentenza del Tar Campania, e degli aumenti tariffari del periodo 2012-2015.
La commissione ha il compito di revisionare quanto fatto durante il lungo commissariamento del disciolto Ato 3 e proporre ulteriori approfondimenti utili per una decisione finale che riguarda direttamente le tasche di 1 milione e mezzo di cittadini.
Il consiglio ha ribadito poi l’urgenza di stabilire la sede del distretto in uno dei 76 Comuni del territorio, in posizione baricentrica secondo criteri di adeguatezza dei locali, economicità, raggiungibilità. Una scelta che finalmente va incontro alla necessità di affermare il ruolo democratico dei Comuni e che mette alla pari il Sarnese Vesuviano con gli altri distretti, tutti già da tempo dotati di una propria sede autonoma.

Rete civica per l’acqua pubblica – Sarnese Vesuviano

Vivi la città: il sindaco Gaetano Minieri incontra tutti i parroci della città di Nola

Minieri: “Non esiste un vero impegno civico senza il sostegno della chiesa”.

Incontro in Municipio questa mattina tra il sindaco Gaetano Minieri ed i parroci della città. Un .omento di confronto voluto dal primo cittadino per tracciare le basi in vista di un percorso condiviso capace di rafforzare le sinergie sul territorio. E sulla Festa dei Gigli Minieri non ha dubbi:”va programmata e studiata nei minimi particolari. Abbiamo u anno di tempo per costruire”.

Ascolta l’intervista a ilc@zziblog ⤵️

Promozione turistica e culturale: in arrivo a Nola la seconda Pro Loco

Sembra sempre più insistente la voce a Nola della costituzione di una seconda Pro Loco. L’organismo, in fase di definizione, nascerebbe con l’intento di rafforzare le sinergie sul territorio per la promozione e la valorizzazione dell’area sia in chiave archeologica che culturale. Non ancora è stata ufficializzata la squadra ma sembra che a farne parte siano alcuni giovani della città animati da voglia di fare e di mettersi in gioco. Il condizionale è d’obbligo anche perchè, sebbene le voci siano più che insistenti, non c’è ancora nessuna traccia di questa Associazione sul Burc della Regione Campania. Ma se le voci dovessero essere confermate, si profila una nuova occasione per la città di Nola sempre più proiettata verso l’aggregazione associativa fondamentale per la riuscita di tanti eventi. Lo testimonia il fermento vivo che si respira nel corso dei mesi a Nola alimentato tra gli altri anche dalla storica Pro Loco che da oltre quaranta anni porta avanti un perfetto connubio di turismo ed arte coadiuvata da tante altre realtà associative con le quali non è mai mancato il feeling. Un percorso tracciato e definito da tempo con tante iniziative di qualità in cui cercherà il suo spazio il nuovo ente.

di ra.na.

Navigazione articolo