ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “giugno 5, 2019”

NOLA. TUTTO SULLA FESTA DEI GIGLI – ALZATE BORDE – SCADENZA DOMANDE PER LA FESTA 2020 – BALLATA GIGLI SPOGLIATI – PROGRAMMA GIUGNO NOLANO

Scade il 13 giugno prossimo la presentazione della domande di concessione per l’assegnazione dei Gigli e della Barca per la Festa dei Gigli 2020.Le domande di concessione andranno consegnate al locale comando della Polizia Municipale entro le ore 12,00 del 13 giugno. L’apertura delle buste il 14 giugno alle ore 12,00 nell’aula consiliare. Dopodomani giovedì 6 inizieranno ad alzare le borde. La prima corporazione sarà del Giglio del Fabbro ore 19,00-Piazza Collegio a seguire Calzolaio 9 giugno ore 19,00 via De Notaris – Bettoliere 12 giugno ore 19,00-Piazza Collegio-Salumiere 14 giugno ore 19,00-piazza Clemenziano – Panettiere 14 giugno ore 19,00 piazza G. Bruno-Beccaio 15 giugno ore 19,00-piazza Collegio – Ortolano 16 giugno-Villa Comunale ore 19,00-Sarto ore 19,00 Piazza G. Bruno. La ballata dei Gigli spogliati giovedì 20 giugno ore 19,00 Giglio del Salumiere – Paranza Simpatia Chiarsvalle;Giglio del bettoliere-Paranza Pollicino;Giglio del Panettiere – Paranza Franzese ;Giglio del Sarto – Paranza Orgoglio Nolano. Venerdì 21 Giugno ore 19,00-Giglio Ortolano-Paranza S. massimo;Giglio del Beccaio – Paranza Stella – Giglio del Fabbro – Paranza Fantastic Team. È stato affisso in Città il programma del Giugno Nolano. Da ricordare 8 giugno – Libreria Bibi & Coco ore 18,00 Paolino Nonno e Bambino.;9 giugno – ore 11,00Partenza Piazza d’Armi-Associazione ‘Historic Club Nola-sfilata auto d’ epoca. 9 giugno Chiesa dei Santi Apostoli – Movimento Piazza D’Armi-Gigli in miniatura – 11Giugno 20,30 – Piazza G. Bruno Associazione Amiamola Parola e Musica-12giugno Chiesa del Gesù – Gli amici di don Pierino Ricordando don Pierino Manfredi – concerto. 14 giugno-Chiesa dei Santi Apostoli – Associazione Amiamola – Presentazione dei loghi dei Gigli e della Barca. 14-15 giugno-Piazza Clemenziano ore 19,39 Sagra Francescana. 15 giugno-Piazzetta Immacolata – Amici del Marciapiede ‘Calice sotto le stelle”-19 giugno Piazza Duomo-Bimbos iola Storia e Tradizione della Festa dei Gigli. 22 giugno-11,30Cattedrale – Solenne Pontificale in onore di S. PAOLINO – ore 19,00-Processione Busto argenteo S. Paolino – 23 giugno Processione Corpo Domini-24giugno ore 19,00 “Serenata alla Città”.

di ra.na.

TUTTE LE CURIOSITÀ DEL PRIMO TURNO ELETTORALE DEL 26 MAGGIO A NOLA, I DATI E AFFLUENZA VOTANTI BALLOTTAGGIO 8 GIUGNO 2014

Al ballottaggio dell ‘8 giugno 2014 Geremia Biancardi con una percentuale del 53,35%prevalse su Domenico Vitale 45,11%.L’ affluenza fu del 65,84%.L’affluenza al primo turno del 26 maggio è stata del 77, 61%. Il candidato sindaco Gaetano Minieri ha ottenuto 10.658 voti (48,71%)-Cinzia Trinchese 8.937 (40,84%)-Tudisco Giuseppe 2.287(10,45%).Totale dei votanti sui candidati sindaci 21.883.Tra le curiosità del primo turno emerge che in complesso le schede non valide sono state 636(2,82%) di cui 167 bianche(0,74%) mentre le schede contestate sono state 16.Un dato singolare I voti solo al Sindaco (ovvero ai tre candidati senza alcuna preferenza per le liste) sono stati 486 (2,16%);su questo ultimo dato va rilevato che nelle due sezioni di Polvica (17-32)nessuno dei tre candidati sindaci ha riportato voti solo sul suo nome. Questo sta a significare che i votanti di Polvica hanno sempre espresso il voto sul sindaco e sulla lista. Le schede non valide a Polvica sono state 30(2,24%),mentre le bianche 14(1,20%).Se la percentuale dei votanti si dovesse attestare sul 65%dei votanti ovvero 18.544 su un totale di 28.531 elettori il sindacato va al candidato che ottiene 9.276+1voto. Andiamo a scoprire altre curiosità che emergono dai dati del primo turno. I candidati che hanno riportato zero preferenze sono complessivamente 30. Ben 24 della coalizione di Cinzia Trinchese (1-SiamoNola-4 Lega Salvini-4-Alleanza Riformista – 8 Meridionalisti – 7-Lega Sud Ausonia) mentre per la coalizione Gaetano Minieri sono 6 (1-Più Nola-2-Nola 801-2-Nola in movimento-1 Uniti per Nola). I candidati che hanno superato le cento preferenze per la coalizione Cinzia Trinchese sono 37 di cui 16 della lista Al Cuore di Nola–7 SiamoNola-13 Forza Italia – 1 Lista Salvini premier – 0 – Alleanza Riformista – 0 Meridionalisti – 0 Lega Sud Ausonia. Coalizione Gaetano Minieri – Nola democratica 13-Più Nola 8-Nola 801-5-Nola in Movimento 4-Uniti per Nola 16 per 46 candidati. Movimento 5 Stelle sono 7 i candidati che hanno superato le cento preferenze. I candidati più votati delle singole liste – Al Cuore di Nola-Raffaele Parisi (953)-SiamoNola-Coppedo Carmine (216)-Forza Italia-Enzo De Lucia(931)-Lega Salvini-Annunziata Antonio (211)-Alleanza Riformista – Barone Marco (67)-Meridionalisti – Di Domenico Aniello(7)-Lega Sud Ausonia – Manganiello Domenico 5-Movimento 5 Stelle-Martine Vincenzo (255)-Nola Democratica-Mauro Paolino (205)-Più Nola – Iovino Vincenzo (797)-Nola 801-De Lucia-201)-Nola in Movimento-Pizzella Francesco (446)-Uniti per Nola-Tufano Antonio(661).

di ra.na.

Eravamo due amici al bar

Stamani in piazza Duomo ero seduto a un tavolo del bar Nico insieme al mio amico e vecchio compagno d’armi (politiche) Luigi Pasciari. Per la verità erano presenti altri amici, dei quali non riferirò l’identità per non comprometterli agli occhi della cittadinanza, attesa l’oziosa e romantica conversazione, risucchiata rapidamente dalla contingenza elettorale cittadina ed impreziosita da brillanti, libere fughe sulla politica nazionale in un rigoroso perimetro fra l’essere ed il dover essere. Preciso subito che né Luigi, né io eravamo avvinazzati: data l’ora antimeridiana ci eravamo indirizzati entrambi verso un sobrio caffè, viatico obbligato per un congruo numero di sigarette, nel cui fumo diluire l’altezza e l’acutezza delle argomentazioni poste a sostegno delle rispettive tesi. Sorvolo, inoltre, sulla ricca e divertente aneddotica, con la quale Luigi ama infiorare, per dirla con un celebre verso di De André, il sacro ed il profano, anche perché, per dirla ancora con un verso tratto da una canzone napoletana, ò repertorio nun feneva mai.

Immagino che a questo punto vi aspetterete di conoscere almeno qualche dettaglio della diatriba, ma rischierei di annoiarvi per la complessità intrinseca al nostro “simposio”, nel quale pure riconoscevamo entrambi all’amore dell’architetto Trinchese per i suoi concittadini un evidente richiamo a Diotima. Gaetano, invece, è stato rappresentato come “lo spirito dei tempi sulla groppa di un cavallo bianco”, contro il mio parere, che avendo riferito in passato come un prelato locale avesse definito la Trinchese come il cavallo bianco della politica nolana, mi sono opposto con fermezza temendo pruriginose quanto ridicole elucubrazioni sulla storia della groppa e del cavaliere.

Insomma, chiacchiere in libertà culminate con una domanda alla quale nessuno di noi è stato in grado di abbozzare una risposta appena plausibile: ma come hanno fatto più di una decina di candidati a cumulare un numero di preferenze di addirittura superiore a 400? Nella stragrande maggioranza dei casi si parla di persone che, quanto meno, hanno tenute ben nascoste le loro preclare qualità, non solo nelle attività lavorative, ma anche per quanto attiene le pregresse esperienze in consiglio comunale, delle quali, in tutta onestà, per lo più semplicemente non è rimasta alcuna traccia, se non un’assidua partecipazione alle commissioni a tutela del beneamato gettone di presenza.

La conclamata incapacità di abbozzare una qualche risposta a questa semplice domanda ci ha riconciliati con la nostra mediocrità, ragion per cui ci siamo lentamente avviati verso le nostre abitazioni, risucchiati da cupa mestizia, meditando tristemente sulle “elezioni del nostro scontento”.

di Eduardo Quercia

COMPLEANNO TRISTE PER L’ARMA DEI CARABINIERI A NOLA

L’Arma dei Carabinieri oggi compie 205 anni e la ricorrenza diventa un momento di ringraziamento e di riflessione per l’impegno e la presenza costante tra la gente per fermare furti in casa e truffe ai danni dei più deboli.

Il corpo dei Carabinieri Reali venne istituito da Vittorio Emanuele I di Savoia il 13 luglio 1814. La festa dell’Arma viene celebrata il 5 giugno poiché proprio il giorno 5 giugno del 1920 la bandiera dell’Arma fu insignita della prima Medaglia d’oro al Valore Militare, quale tributo per le gesta compiute da numerosi reparti nel corso della prima guerra mondiale.

Purtroppo Nola per il secondo anno consecutivo è senza Compagnia dei Carabinieri a seguito del trasferimento dal mese di maggio dell’anno scorso a Cimitile per denunce e segnalazioni e a Tufino per volanti e militari impegnati nella lotta alla criminalità organizzata o illeciti. Una ricorrenza triste per tutti i militari impegnati in un territorio dove la domanda di sicurezza continua ad essere molto elevata. A nulla sono servite interrogazioni parlamentari e richieste dei cittadini per conoscere i tempi certi sul ritorno in Città in quanto la presenza sicuramente garantirà maggiore sicurezza, specialmente in quest’ultimo periodo dove i furti in casa, al Cimitero e la microcriminalità hanno avuto una sostenuta impennata.

Nei mesi scorsi sembrava certa e in via di definizione la sottoscrizione da parte della Prefettura di Napoli del contratto di locazione della nuova sede della Compagnia in via A. Vespucci, immobile di proprietà dell’Inail. Poi un silenzio assoluto con la rottura delle trattative. Oggi, anche se non ufficiale, sembra che ci sia un ritorno di fiamma della Prefettura di Napoli per l’immobile di via A. Vespucci.

Nola ha bisogno della protezione e presenza dell’Arma. Ci auguriamo che il prossimo sindaco che uscirà dal ballottaggio di domenica 9 giugno metta nell’agenda, in via prioritaria, la problematica dell’Arma.

di ra.na.

Navigazione articolo