ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

RIPARTIAMO DAL SANTO SPIRITO

Il 24 maggio u.s. abbiamo piacevolmente partecipato all’incontro promosso dall’Associazione MU.S.A. (Musei e Siti d’Arte) che ci informava dell’avvio di un procedimento, promosso dalla stessa, finalizzato ad acquisire un vincolo monumentale inerente l’intero complesso edilizio compreso tra via Mastrilli e via Merliano, più noto ai nolani come “Le carceri”, fino all’inizio dell’ottocento sede del Monastero di Santo Spirito ed oggi della Fondazione Festa dei Gigli.

Nel merito si tratta di sottoporre a tutela una discreta porzione di immobili al contorno delle parti già recentemente restaurate, che costituiscono solo una porzione del dismesso Convento, essendo state rinvenute, con l’approfondita e pregevole ricerca storico-documentale fatta dall’arch. Maurizio Barbato, significative tracce della intera originaria struttura conventuale. Indubbiamente un’altra importante testimonianza monumentale del nostra ricco passato, deformata per usi impropri e incompatibili. Uno per tutti: il refettorio ancora intatto nella sua struttura originaria, con la sua volta a botte e le aperture con lunette, una volta utilizzato come teatro Bellini e fino a poco tempo fa sede di un’officina meccanica.

La eventuale successiva apposizione del vincolo sarà valutata dal competente Ministero per i Beni Culturali, previa relazione dell’Organo periferico e garantirà la preservazione di tutti gli elementi strutturali e decorativi. Pur comportando limitazioni nell’uso degli immobili tutelati, tuttavia il provvedimento di tutela consente ai privati proprietari di accedere a specifici contributi per gli interventi. Naturalmente i lavori di recupero dovranno seguire le specifiche modalità del “restauro”, ma non incidono sulla piena disponibilità degli immobili da parte dei proprietari.

Insomma una “buona pratica” presentata dal Presidente Raffaele Soprano di MU.S.A. e con le relazioni di Maurizio Barbato, Tonia Solpietro e Mario Cesarano,che hanno contribuito alla conoscenza del bene, fornendo anche spunti di riflessione sul più generale stato di incuria che purtroppo caratterizza tanta parte del nostro patrimonio storico architettonico. Si è sollecitata una maggior cura ed attenzione al patrimonio monumentale ed anche al tessuto edilizio “minore”, quale parte sostanziale della memoria e della identità della nostra città. Dalla scomparsa del tipico disegno e delle finitura del basolato, alle continue alterazioni dei caratteri tipologici dell’edilizia civile, si sta progressivamente manomettendo un bene irriproducibile, fornito di valori originali, difficilmente reperibili nel panorama delle città medie regionali e nazionali.

Da qui la proposta di accrescere la consapevolezza di questa preziosa risorsa, su cui basare poi la rigenerazione della intera città, attraverso varie iniziative ed attività. In primis la formazione di specifiche professionalità preposte al controllo tecnico amministrativo degli interventi, la catalogazione del patrimonio di interesse storico-culturale, la diffusione della conoscenza dei beni a partire dalle nuove generazioni.

E questi argomenti sarebbero sicuramente un bel campo di prova per i nuovi amministratori che si affronteranno nel ballottaggio, auspicando che, nelle prossime discussioni sulle cose da fare e sugli impegni da assumere, trovino spazio una concreta attenzione alla valorizzazione del nostro patrimonio culturale, riconoscendo che tale questione non richiede appartenenza politica, ma solo amore per le proprie radici e premura per il futuro dei nostri figli.

di Guido Grosso

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: