ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “maggio 16, 2019”

AL VOTO SABATO 18 E DOMENICA 19 MAGGIO GLI ASSOCIATI DELLA CONGREGA DI S. RAFFAELE A NOLA, FONDATA NEL 1801

Ad una settimana dal voto amministrativo si rinnova anche il direttivo della Congrega di S Raffaele a Nola per il prossimo quinquennio. Gli associati alla Congrega circa 300 persone sono chiamati alle urne sabato 18 ore 17,30 – 19,30 e domenica 19 maggio ore 10,00-13,30 presso la Chiesa S. Raffaele. Sono dieci i candidati:Barone Giuseppe, Bottiglieri Antonio, Cantalupo Paolino, Carmineto Melina, Crescenzo Gaetano, Corbisiero Serafino, De Falco Daniela, De Falco Michele, Iorio Ersilia, Meo Felice. Cinque gli eletti;iscritti 300;votanti 220;80 iscritti al di sotto di 18 anni non hanno diritto al voto.Chi avrà più voti sarà il nuovo capopriore per il quinquennio 2019-2023. Il consiglio direttivo uscente:Bottiglieri Antonio capo-priore;componenti Giuseppe Barone, Carmineto Melina, Corbisiero Serafino, De Falco Daniela tutti candidati per la riconferma. In pool position per la carica di capo-priore Antonio Bottiglieri e Paolino Cantalupo. Il capo-priore storico degli ultimi decenni è stato Raffaele Rubino, tipografo deceduto alcuni anni fa. Curiosità :per Statuto non può assumere la carica di capo-priore una donna. Per la Congrega non è ammessa la parità di genere,ancge se per la verità nel consiglio la presenza della donna c è sempre stata. Originariamente l’attuale Chiesa di S. Raffaele Arcangelo era una piccola cappella sotto il titolo di Santa Anna edificata per opera di molti nobili nolani che vi si radunavano in Pia Associazione dal XVIII secolo. Gli associati in seguito con la donazione della famiglia Vecchione di due bassi attigui all’antica chiesetta la trasformarono e la resero più decorosa per il culto divino mutandone il titolo in quello di S. Raffaele Arcangelo dando vita nel 1801 alla Gongrega intitolata al nome del Santo. S. Raffaele su proposta del regio decreto di Re Ferdinando IV di Borbone e delle autorità ecclesiastiche fu nominato protettore della Città di Nola insieme a S. Felice e S. Paolino. Appartenere alla Confraternita nel passato diventò titolo di merito tanto che tutti gli appartenenti alla Nobiltà di Nola aspiravano ad essere sepolti nella Cripta sottostante la Chiesa;oggi non è così tutti possono iscriversi alla Congrega e nella Cripta ha sede un bellissimo presepe arricchito ogni anno dagli associati.

di ra.na.

IL CIMITERO DI NOLA, MINIERA D’ORO PER I LADRI DI RAME E OTTONE. FURTI QUOTIDIANI NELL’INDIFFERENZA DELLE ISTITUZIONI

È emergenza furti al Cimitero di Nola, diventato una vera e propria miniera. Una miniera non d’oro, ma di rame. Nelle ultime settimane procurarsi il prezioso metallo dai loculi, tombe e cappelle è un fenomeno in deciso aumento e soprattutto un gioco da bambini. Basta farsi una passeggiata per i loculi e le tombe per rendersi conto. I loculi più colpiti sono quelli di 1^ e 2^ fila, ormai i vasi di rame “superstiti” sono davvero pochi.

“Ne rubano in continuazione – sottolinea una cittadina – probabilmente lo fanno per poi rivenderli al mercato nero o per fonderli e ricavarne altri oggetti per qualche decina di euro. Una situazione che sta diventando insostenibile. Questi vasi costano dagli ottanta ai centocinquanta euro ognuno. Sono in tanti a sostituirli con vasi di alluminio o di ceramica. Possibile che non si possa fare nulla per fermare questa ondata di furti?”, si chiedono i cittadini. Questa mattina siamo andati al Cimitero di Nola e con le nostre modeste attrezzature vi raccontiamo cosa abbiamo scoperto.

di ra.na.

Nola aderisce alla Notte Europea dei Musei, visite guidate e concerti gratuiti animeranno il Museo Diocesano e il Museo Storico Archeologico

La città di Nola aderisce anche quest’anno alla Notte Europea dei Musei. Sabato 18 maggio il Museo Storico Archeologico e il Museo Diocesano, in contemporanea con i musei più importanti d’Europa, resteranno aperti oltre il consueto orario per offrire a cittadini e turisti l’opportunità di conoscere e vivere il patrimonio culturale della città.

A inaugurare la manifestazione saranno, alle ore 18.30, i maestri dell’Orchestra Filarmonica di Benevento presso il Museo Storico Archeologico dove, a partire dalle 20.00, sarà poi possibile ammirare oltre alla collezione permanente, la mostra dal titolo “Dalle tenebre alla luce: tesori dai depositi”. Un’importante occasione per scoprire beni archeologici nolani ancora sconosciuti.

Al Museo Diocesano, invece, tornano le visite guidate sensoriali. Visite che propongono ai visitatori di andare aldilà di ciò che gli occhi vedono per vivere in maniera nuova l’opera d’arte attraverso le mani, il gusto e l’udito.

A promuovere gli eventi sono le associazioni nolane “Meridies” e “Pro Loco Nola città d’arte” in collaborazione con la direzione dei due Musei. «La Notte dei Musei – spiega Michele Napolitano, presidente di Meridies – rappresenta un appuntamento utile a riscoprire la bellezza della propria città attraverso attività culturali diversificate, capaci di attrarre un pubblico eterogeneo all’interno degli spazi museali. Come associazione doneremo al Museo Diocesano, in continuità con quanto fatto lo scorso anno, cinque tavole tattili delle opere più rappresentative del museo, così da garantire a tutti, compresi i disabili visivi, la concreta fruizione del nostro patrimonio artistico».

«È compito di noi tutti – continua Giuseppe Bianco, presidente della Pro Loco – promuovere e collaborare con gli istituti culturali della nostra città. I nostri musei sono presidi educativi e centri di sviluppo per Nola, è un piacere per la Pro Loco accompagnarvi alla loro scoperta, non solo in occasione della Notte dei Musei. Un ringraziamento ai direttori dei musei nolani sempre disponibili e coscienti, come noi, che è sempre necessario lavorare per migliorarsi».
A Nola, però, gli appuntamenti con l’arte non si esauriscono con la Notte dei Musei. Domenica 19 maggio, infatti, ci sarà l’ultimo appuntamento con il “Maggio dell’arte e della cultura Nolana” al borgo di Cicala.

Di seguito tutte le attività previste:
SABATO 18 MAGGIO
Museo Diocesano
(ingresso curia vescovile, via san Felice 30)

Ore 19.00 e 21.30 Vedere con le mani . Visita guidata sensoriale bendata (E’ obbligatoria la prenotazione scrivendo a info@meridies-nola.org oppure al 3475461957).

Museo Storico Archeologico
(Via Senatore Cocozza, Nola)
Ore 18.30 Concerto dell’Orchestra Filarmonica di Benevento
Ore 20.00 Dalle tenebre alla luce: tesori dai depositi. Visita guidata

DOMENICA 19 MAGGIO
Ore 18.00 – In cerca di tesori con la mia regina. Caccia al tesoro mamma e figli
Ore 19.00 – Sulle orme di Bruno . Visita guidata dal Portello al Castello
A seguire Aperitivo al castello. Pistacchio Malfattori e degustazioni di vini campani

Tutti gli eventi sono gratuiti.

Sabato 18 maggio a Marigliano la Festa diocesana dell’Azione cattolica dei Ragazzi

Sabato 18 maggio, dalle 15.30 alle 19, la città di Marigliano ospiterà la festa diocesana dell’Azione Cattolica Ragazzi della diocesi di Nola. Corso Umberto e la Villa Comunale saranno colorati da centinaia di bambini e ragazzi provenienti da tutte le città della diocesi, mentre i loro genitori potranno conoscere il patrimonio storico e culturale della città di Marigliano con l’aiuto della Pro Loco Civitatis e degli studenti-Cicerone del Liceo Colombo. Introdurranno il pomeriggio di festa il vescovo di Nola Francesco Marino e il sindaco di Marigliano Antonio Carpino. Il titolo della festa è “Tutti a tavola!” e conclude il percorso annuale dell’Azione Cattolica diocesana.

«Vivere in modo pieno le piazze e le strade delle nostre città ­– spiega il vescovo Marino – è un obiettivo da perseguire per allontanare quei sentimenti di paura che sembrano caratterizzare i tempi che viviamo. Così come ha un valore sociale importante – prosegue il vescovo – recuperare tempi in cui le famiglie si ritrovano e si riscoprono non ‘isole’ ma comunità. Come credenti, anche con questi momenti di festa vogliamo dire a tutti che siamo umilmente a servizio del bene comune».

«La città di Marigliano – dice il sindaco Carpino – è contenta di ospitare l’Azione Cattolica Ragazzi e di mettere a disposizione di tanti cittadini di paesi vicini le ricchezze del proprio patrimonio. L’iniziativa dell’ACR si inserisce nel ‘Maggio mariglianese’, il cui senso più profondo è fare della nostra città un luogo di incontro, relazioni e fraternità. Il sogno di una città a misura di bambino si realizza anche e soprattutto attraverso momenti in cui proprio i bambini sono protagonisti e fanno sentire la loro voce».

L’inizio della festa è alle 16 in piazza Municipio. A seguire, i bambini e i ragazzi vivranno in strada giochi all’aperto ed attività formative, mentre i genitori vivranno un percorso culturale che da Santa Maria delle Grazie toccherà la Chiesa del Sacramento, il Palazzo Ducale e Palazzo Verna. Alle 19 le conclusioni in piazza.

Navigazione articolo