ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “dicembre 8, 2017”

Le emozioni nei processi creativi, dal 18 dicembre corso di arteterapia a Nola

Quattro giornate di laboratorio esperienziale per conoscere e approfondire l’arteterapia. Dal 18 al 21 dicembre l’ABAN – Accademia di Belle Arti di Nola ospiterà presso la sua sede nel Seminario vescovile il corso tenuto dalla docente arteterapeuta Mariangela Buonaguro, formatasi in Spagna presso l’Università di Valencia.

L’arteterapia è un percorso di appoggio e cura di indirizzo psichico, una disciplina che utilizza gli strumenti dell’arte figurativa e il processo creativo come strumenti di riabilitazione e crescita personale in ambito sociale, educativo, sanitario e culturale. L’arteterapia si sta diffondendo sempre più a livello internazionale, è diretta tanto a persone sane quanto a soggetti con malattie o problemi psichici gravi: individui che possono trovare nel processo creativo un canalizzatore dei propri conflitti emozionali. La figura professionale dell’arteterapeuta è in grado di progettare e condurre laboratori creativi nella scuola primaria e secondaria, in centri di aggregazione e strutture specializzate, rivolti a bambini, adolescenti e adulti.

La proposta formativa si rivolge a tutte quelle categorie professionali che lavorano con gruppi, ma anche a chi ha interesse nel proporre il processo di creazione e altri strumenti artistici (teatro, danza, musica) come nuove modalità di insegnamento e crescita personale. Un’occasione concreta per esplorare la profondità emozionale, approfondendo il mondo del non verbale, sperimentando in prima persona una serie di esperienze di creazione, tecniche artistiche, dinamiche e giochi, attraverso cui creare atmosfere alternative che permettano la creazione di relazioni più intime e l’apparire di nuovi linguaggi.

“L’arteterapia è un particolare processo di introspezione e riflessione – sottolinea la docente Mariangela Buonaguro – in cui attraverso il processo creativo si presentano particolari bisogni, limiti, emozioni, effetti che è necessario saper accogliere. Le giornate di formazione si articolano a partire dalla necessità di avvicinarsi e comprendere come i significati e gli effetti del processo creativo si depositano e espandono su tre assi che mettono in relazione la persona-autore, l’opera o produzione artistica e la figura professionale che accompagna il processo. Questa relazione include ed è condizionata anche dalla presenza del gruppo e dalla produzione artistica degli stessi componenti. I significati e le emozioni che si trovano proiettati nella creazione artistica, sono strettamente vincolati alle problematiche, le carenze affettive e i meccanismi di difesa. Per questa ragione è importante capire come la produzione plastica lascia aperta la possibilità che prendano forma le difficoltà, le mancanze e i bisogni, rispettando le difese e le resistenze emozionali di ognuno. La produzione artistica marca il ritmo lento della relazione terapeutica: i materiali e il gioco rappresentano gli strumenti attraverso i quali stabilire e potenziare i legami nella relazione terapeutica”.

Le iscrizioni al corso sono aperte, per maggiori dettagli è possibile contattare gli organizzatori al +34 643 14 54 88 – email: mariangelabuonaguro@gmail.com oppure la segreteria ABAN al numero 081 014 66 37.

Prof.ssa Mariangela Buonaguro
+34 643 14 54 88 |mariangelabuonaguro@gmail.com

NATALE A POLVICA 2017: RICCO PROGRAMMA DI EVENTI, TARGATO ENZO DE LUCIA, ORGANIZZATO DALL’8 DICEMBRE AL 6 GENNAIO

Calendario fitto di eventi, quello che prende il via oggi a Polvica di Nola, per un Natale all’insegna del sano divertimento e gioiosa socialità. Impegnato in prima linea per l’organizzazione degli eventi natalizi della laboriosa frazione bruniana è, come sempre, il “primo cittadino” di Polvica, l’esponente di punta della Giunta Municipale nolana, Enzo De Lucia.

Domenica 10 e 24 dicembre piazza San Vincenzo Ferreri si trasformerà nel VILLAGGIO DI BABBO NATALE: casetta di babbo Natale, renne luminose, carrettino pop corn e zucchero filato, gonfiabili, pupazzo di neve gonfiabile, consegna della letterina a Babbo Natale con foto-ricordo ed anche quest’anno il 24 dicembre ci sarà l’evento “BABBO NATALE IN VESPA” organizzato dal Vespa Club di Polvica. Per finire sabato 6 gennaio vi saranno befanine che distribuiranno la calza ai bambini e l’VIII CONCERTO NATALIZIO, inoltre nella chiesa San Vincenzo Ferreri é possibile visitare il presepe sempre in mostra.

“Siete tutti invitati a trascorrere, insieme a me, queste festività natalizie a Polvica – dichiara, entusiasta, l’assessore e delegato per la frazione Enzo De Lucia – Auguro a tutti BUONE FESTE e buon divertimento”.

di ra.na.

Premio Ruperto da Nola, Slow Food punta su agricoltura, gastronomia e poesia

Torna mercoledì 13 dicembre l’annuale appuntamento con il Premio Ruperto da Nola: Slow Food invita gli appassionati alle ore 18 a Nola nell’agorà della Chiesa Santi Apostoli in via San Felice.

Il Premio nasce per segnalare il lavoro di quanti difendono, promuovono e arricchiscono il patrimonio ambientale e gastronomico del territorio nolano e della Campania, contribuendo a rilanciarne le potenzialità. Tre le categorie professionali premiate: produttore agricolo, cuoco e comunicatore, inteso quest’ultimo come scrittore, giornalista o ricercatore. Ad esse si aggiunge la sezione speciale Slow Life, dedicata a organizzazioni o personalità pubbliche che con le loro attività in campo sociale e culturale hanno affermato i principi della solidarietà e della salvaguardia dell’ambiente, diventando esempi da imitare.

I premiati sono stati scelti in base alle decine di segnalazioni arrivate la scorsa estate attraverso la partecipazione all’indagine “Premio Ruperto 2017 – Scegli i vincitori”.

Tra i protagonisti di questa edizione Franco Arminio, scrittore, poeta e documentarista, si autodefinisce “paesologo”. È nato e vive a Bisaccia, in alta Irpinia, fondatore della Casa della paesologia a Trevico, direttore artistico del Festival “La Luna e i Calanchi” di Aliano, il paese in cui Carlo Levi al confino ambientò “Cristo si è fermato a Eboli”. Appassionato cultore delle aree interne e cantore dei paesaggi rurali, collaboratore di quotidiani e riviste, la sua ultima raccolta “Cedi la strada agli alberi, poesie di amore e di terra” è diventata un caso editoriale.

Il cuoco Angelo Fabozzo, patron del ristorante Clanio ad Aversa, classe 1985, appassionato di cucina fin da piccolo, comincia a girare tra i fornelli della storica trattoria degli zii. Terminati gli studi inizia la sua carriera in giro per l’Italia, diventa allievo di Bruno Barbieri, che lo sceglie come capopartita all’Arcade di Villa del Quar a Verona e poi lo porta a Londra nel Cotidie. Ritorna nella sua Terra di Lavoro e apre “Tabernola il Clanio”, un piccolo locale da 12 posti con cui riesce a ottenere numerosi riconoscimenti.

Il produttore Raffaele Maietta, che porta avanti l’azienda agricola a conduzione familiare fondata dal nonno negli anni ’40 ad Avella, che in modo lungimirante iniziò, come vivaista corillicolo e coltivatore di nocciole, un’attività all’epoca considerata marginale. Oggi l’azienda propone una nocciola a filiera corta, trasformando direttamente il raccolto in prodotti artigianali e semilavorati di qualità per pasticceria.

Il riconoscimento Slow Life va alla meritoria attività della Locanda San Vincenzo, già nota col nome di Mensa fraterna. La struttura è una realtà storica della Diocesi di Nola, animata da numerosi volontari attivi tutto l’anno, offre gratuitamente una media di 150 pasti giornalieri a singoli e famiglie in difficoltà, sia a cittadini italiani che di altre nazionalità. Il centro garantisce anche servizi igienico sanitari e di relazione sociale ai senza fissa dimora.

La manifestazione, promossa da Slow Food agro nolano in collaborazione con Pro Loco, prende il nome dall’affascinante personaggio di Ruperto, cuoco delle case nobili nolane vissuto all’inizio del Cinquecento, chiamato a Napoli nella prestigiosa corte di re Ferdinando I d’Aragona, dove entra in contatto con gli uomini più influenti del suo tempo. Uno chef di rango imperiale la cui testimonianza storica arriva ai giorni d’oggi come autore di uno dei primi libri di cucina di cui si ha memoria, con annesse raccomandazioni e istruzioni sul servizio a tavola. Il Libro de guisados è stato riedito per le edizioni Il Laboratorio di Vittorio Avella: la grande raccolta riunisce 242 ricette e ci conduce in un insolito viaggio nel suggestivo mondo della cucina mediterranea del Rinascimento.

Mentre le statuine simboleggianti il Vesuvio e il sole della Campania Felix sono forgiate dalle sapienti mani di Lello Esposito, l’artista napoletano conosciuto a livello internazionale per le sue rappresentazioni di Pulcinella e San Gennaro.

Dopo i saluti del sindaco Geremia Biancardi, del presidente della Pro Loco cittadina, Carmelo Martinez, del presidente della Fondazione Hyria Novla, Felice Scotti, insieme ai premiati prendono parte al dibattito Angelo Petillo, responsabile della giuria del Premio, e Giuseppe Orefice, presidente Slow Food Campania.

“La vera ricchezza del nostro territorio è costruita dal patrimonio agricolo, enogastronomico e artistico – sottolinea Gianluca Napolitano, fiduciario di Slow Food agro nolano – insieme a questa esiste anche una ricchezza immateriale, non sempre visibile, che deriva dalla cura e dalla buona gestione delle aree rurali, dalla biodiversità, dal corretto uso delle risorse naturali, di acqua, aria e suolo. Stiamo perdendo occasioni e tempo prezioso, le istituzioni poco o nulla stanno facendo in questo campo”.

Come di consueto, il programma prosegue mercoledì 20 dicembre alle 20.30 con “La grande cena di Ruperto” a Cicciano presso il salone dell’Istituto alberghiero “Carmine Russo”. Alla cena è possibile partecipare solo su prenotazione, contattando l’indirizzo e-mail info@nolaslow.it oppure telefonando ai numeri 360517261 – 3289024494.

Natale a Nola: eventi in città dall’8 dicembre al 6 gennaio

“Incanti barocchi” per rendere ancora più magico il Natale a Nola: nella giornata dedicata all’Immacolata parte il ricco cartellone di eventi promosso dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Geremia Biancardi con l’assessore alla Cultura Cinzia Trinchese.

Lo start venerdì 8 dicembre con il concerto di Natale per ensemble ed il coro Gospel in programma alle 18:30 nell’atrio della Casa comunale. E la musica, in tutte le sue forme, sarà la trama principale dello show natalizio che, fino al 6 gennaio, animerà il centro storico e che, per 30 giorni, sarà la festosa cornice di spettacoli a tema, concerti, performance artistiche per adulti e bambini. Un programma che coniuga divertimento, cultura, tradizione e folklore nel solco di quanto avviato negli anni precedenti e che punta a ravvivare l’atmosfera natalizia soprattutto nei weekend. Sabato 16, la notte bianca farà da scenografia alla performance teatrale itinerante della parata Fleur con l’esibizione di burattini e marionette giganti mentre domenica 17 il quintetto di ottoni e jazz e la posteggia napoletana daranno un piccolo anticipo della magia della felice ricorrenza facendo risuonare dolci note natalizie in centro. Ed ancora la musica sarà il leitmotiv del fine settimana del 22, 23 e 24 dicembre con la presenza in piazza Duomo, ai piedi del mega albero, di un pianoforte gigante che sorprenderà tutti con incredibili esibizioni musicali e canore realizzate danzando sui tasti del grande strumento ed esibendosi in un variegato repertorio. Sabato 23, sempre piazza Duomo ospiterà invece, “Incanti barocchi”, uno spettacolo itinerante di artisti su trampoli ispirato al ‘700 barocco pronto a sorprendere il pubblico. E poi tante le iniziative riservate ai bambini non solo a Nola, ma anche nelle frazioni di Polvica e Piazzolla.

Da segnalare poi i momenti musicali in scena presso il museo storico archeologico di via Senatore Cocozza che esalteranno ancora di più il prestigio e la bellezza del sito.

Tanti i momenti organizzati in collaborazione con le scuole e le associazioni, a cominciare dalla locale proloco che, per tutto il periodo festivo, offriranno occasioni di svago e valide alternative ai cittadini, coinvolgendo soprattutto le famiglie. Non mancheranno, inoltre, manifestazioni sportive e di solidarietà curate dall’assessore allo Sport ed alle Pari Opportunità Carmela De Stefano come il “IV trofeo Città di Nola” atteso per domenica 17 dicembre e lo spettacolo teatrale “Natale in casa di donne” in programma mercoledì 20 nella chiesa dei Santi Apostoli.

Non solo Natale, ma anche Capodanno. Per il terzo anno consecutivo il veglione a Nola si fa di pomeriggio con il mega concerto in piazza Duomo che porta la firma di Expert Parente. Ancora top secret il parterre di ospiti che parteciperà al lungo pomeriggio musicale in attesa di brindare al nuovo anno.

“Esaltare la bellezza della nostra città con eventi che siano in grado di mettere ancora più in risalto l’esclusivo fascino storico delle nostre strade e delle nostre piazze – evidenzia l’assessore alla Cultura Cinzia Trinchese – E’ questo il filo conduttore di un programma dedicato a Nola e a quanti, come sempre, accorreranno numerosi”.

“Quanto è stato organizzato – aggiunge il sindaco Geremia Biancardi – inserisce Nola a pieno titolo nelle città della Campania che sono meta di turismo natalizio”.

Navigazione articolo