ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “dicembre 2, 2017”

Cavalcavia 22 di Sperone, l’ad di Euronut: “Incomprensibili scelte del Comune, Autostrade presenti richiesta dissequestro”

Presentare quanto prima la richiesta di dissequestro del cavalcavia 22 per riportare la normalità nella zona industriale di Sperone e ridare ossigeno ad imprese e agricoltori. Lo chiede ad Autostrade per l’Italia l’amministratore delegato di Euronut spa Domenico Manganelli alla luce dei recenti sviluppi nella vicenda del ponte della A16 sequestrato a giugno. Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale è stato bocciato il progetto per l’installazione delle pese elettroniche per il controllo della viabilità, uno stop che potrebbe compromettere l’iter per il ripristino dell’unica strada di accesso all’area. “L’installazione delle pese – afferma Manganelli – avrebbe consentito l’immediata riapertura del ponte. Il sindaco Marco Alaia e la sua maggioranza avranno avuto le loro ragioni per bocciare questo progetto nonostante un accordo sottoscritto dallo stesso primo cittadino, ma ci chiediamo per quale motivo si sia affrontato solo ora il tema dei costi di gestione, già sollevato nei mesi scorsi. E’ sconcertante che questo problema venga sollevato adesso”. Tra le proposte del sindaco di Sperone, emerse dal Consiglio comunale, c’è il rifacimento ex novo del cavalcavia 22: “Non capiamo – continua l’ad di Euronut spa – come il sindaco concili il fatto che non possa controllare la viabilità a causa delle scarse risorse di uomini e mezzi con la richiesta di un ponte nuovo e di prima categoria, perché anche col ponte nuovo, seppur più resistente, ci sarebbe sempre un tema di monitoraggio della velocità e dei carichi. Il problema dei controlli, in ogni caso, potrebbe essere ovviato con l’utilizzo di strumenti che si hanno già, come le telecamere della zona industriale che sono però rotte da tempo”. Ad Autostrade per l’Italia, infine, va l’appello affinché agisca con immediatezza: “Chiediamo che venga presentata comunque l’istanza di dissequestro del cavalcavia, visto che i lavori di consolidamento sono stati eseguiti e le pese erano solo uno strumento di controllo a supporto del Comune di Sperone che, evidentemente, ha studiato metodi alternativi. Sarebbe assurdo che il Comune facesse ostruzionismo su questa penosa vicenda assumendosi la responsabilità di far aumentare i danni e i disagi già enormi in una zona industriale isolata, buia, senza videosorveglianza e con il costante rischio di allagamenti”.

”NOLANOVECENTO”, IL LIBRO VOLUTO DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E’ STATO CURATO DA VANDA AMBROSIO E MARIA FELICIA PREZIOSO

Le discipline della ricerca vanno per vie diverse, ma tendono a completarsi tra di loro. In un passo della sua intelligente produzione lo scrittore Raffaele La Capria ci partecipa una verità che la psicologia non esita a sottoscrivere a proposito della memoria, che non registra in modo meccanico ma tratta il suo contenuto in modo autonomo.

Un rapporto particolare intercorre tra la memoria e la storia che ha il compito peculiare di custodire e tramandare la memoria nelle sue espressioni. Si deve ad un atto di coraggio il viaggio nella “Nolanovecento”, il libro di ricostruzione storica entrato subito in circolo ed accolto come se fosse atteso da gran tempo. Del Sindaco Geremia Biancardi e dell’assessore alla Cultura Cinzia Trinchese è stato l’impulso del progetto; il merito della scrittura e la riconoscenza vanno diritto a Vanda Ambrosio e Maria Felicia Prezioso, due nomi vincenti, l’una per le capacità singolari e l’esperienza consumata in ambito letterario, l’altra per la serietà e la costanza della ricerca presso la Biblioteca Comunale di Nola. Una pubblicazione a due voci per l’interazione e la complementarietà delle parti e non a quattro mani, visto che gli” autori” vari sono spesso l’uno accanto all’altro e non insieme. Il libro di sicuro profilo storico quanto al genere letterario, ma si diversifica e va da uno schizzo storico tout court del passato in senso diacronico ad una trattazione sincronica del novecento tendente all’antropologia culturale per lo spazio riservato agli aspetti politici, di arte, musica, religiosità, senza dire della galleria biografica della recente cronaca- storia nolana. Nel momento della presentazione alla Città- lo scorso 20 ottobre- il preside Paolo Allocca ha colto l’aspetto affettivo della situazione consapevole del favore che la saggistica oggi nutre per la componente emotiva; in modo egregio la preside Eugenia Daniele si è diffusa sul significato pervasivo della narrazione ben sapendo come l’espressività umana nel suo insieme sia improntata alla dimensione narrativa, L’aspetto storico non poteva essere taciuto e ne ha fatto parola il prof. Luigi Pasciari onorando peraltro la lezione di Raffaele Villari da poco scomparso.

Più volte in assemblea è echeggiato il nome del dott. Tonino Ambrosio, meritevole di ricordo per lo stile di vita e il servizio politico.

Animato da “simpatia” che non fa velo alla obiettività storica, con sobrietà discorsive misura il giudizio il nostro viaggio si anima di implicita utopia, perchè Nola, ricordando se stessa ancora si affermi e sappia andare oltre senza sterili nostalgie.

don Luigi Mucerino

Protezione civile Campania: Allerta meteo dalle 18. Criticità Gialla

La Protezione civile della Regione Campania ha diramato un avviso di allerta meteo che interesserà parte della Campania a partire dalle 18 di oggi e fino alla stessa ora di domani.

In particolare, la criticità idrogeologica connessa all’arrivo di precipitazioni sparse con piogge e temporali è Gialla per le seguenti zone: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana (Zona 1, secondo la classificazione ufficiale); Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini (Zona 3); Tusciano e Alto Sele (Zona 5); Piana Sele e Alto Cilento (Zona 6); Basso Cilento (Zona 8).

La criticità attiene prevalentemente al rischio idrogeologico localizzato con possibili ruscellamenti superficiali, scorrimento delle acque nelle sedi stradali o fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, possibili cadute massi e occasionali fenomeni franosi.

La Protezione civile regionale invita gli enti competenti a porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni.

Nola. ASI – Primo passo verso l’ampliamento della zona industriale, l’assessore Enzo De Lucia assicura: “Sarà uno sviluppo controllato”

In questi giorni si è proceduto alla presenza dei tecnici del consorzio ASI (Area sviluppo industriale), dei tecnici del comune di Nola e dei proprietari terrieri alla procedura dello stato di consistenza dei terreni in seguito alle notifiche di esproprio ai proprietari di fondi interessati dall’ampliamento ASI.

“In qualità di delegato del sindaco del comune di Nola nel consiglio generale dell’ASI, sono contento di aver ospitato nella sede della circoscrizione di Polvica per le faccende burocratiche i rappresentanti dell’ente e i proprietari dei fondi – ha affermato l’assessore Enzo De Lucia – Momento importante atteso da tempo per l’ulteriore sviluppo industriale dell’area ASI. Uno sviluppo controllato, che impedisce l’insediamento di aziende cosiddette insalubri e che va a consolidare un tessuto industriale ormai stabile e produttivo”.

Grande sinergia dunque tra il comune di Nola e il consorzio ASI, grazie soprattutto all’impegno profuso dall’esponente di spicco della Giunta Municipale bruniana, Enzo De Lucia, autentica “sentinella del territorio”, soprattutto di un’area che per il passato è stata tanto mortificata sia in termini occupazionali che di sviluppo  economico.

di ra.na.

Navigazione articolo