ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “gennaio 30, 2017”

RUSSO: “DE LUCA AVVERSARIO DI NOLA”

de-luca-a-nolaNon sono stato invitato stamane alla passerella di De Luca per l’ennesima inaugurazione all’ospedale di Nola, ma non mi spiace affatto.

Oggi vedremo chi sono i politici nazionali o regionali graditi alla Asl ed ovviamente meno a medici e malati.

Continuo a stare, come ho sempre fatto, lontano dalle luci e dai flash delle finte inaugurazioni, a fianco dei medici eroi, anche di quelli che De Luca ha prima sospeso e poi, con evidente imbarazzo, dovuto riammettere in servizio. E continuerò soprattutto a battermi per i cittadini maltrattati da un sistema di emergenza degno del terzo mondo.

De Luca ci dica chi sono i responsabili di quelle immagini e soprattutto quando si garantirà assistenza vera agli ammalati, quando ci sarà un reparto di ortopedia decente e quando si metterà mano alla realizzazione di un altro edificio da affiancare a quello che accoglie un ospedale che scoppia.

La nostra comunità attende la realizzazione di un nuovo e grande presidio dell’area in zona Vulcano buono, facilmente raggiungibile e degno della modernità.

E poi, visto che si trova a Nola, De Luca ci dica anche perché ha trasferito a Salerno i 130 milioni stanziati per l’interramento della Circum di Nola.

La verità é che la sua passeggiata a Nola è solo una inutile provocazione al buon senso ed alle istituzioni.

di Paolo Russo (Deputato FI)

Nola. Rianimazione: inaugurato il nuovo reparto del Santa Maria della Pietà. Il presidente De Luca: “A marzo l’emodinamica operativa h24”

Inaugurazione rianimazione ospedale Nola taglio del nastro Vincenzo de LucaDa emblema di inefficienza a modello di eccellenza. È la mission del presidente della regione Campania Vincenzo De Luca presente questa mattina a Nola al taglio del nastro del nuovo reparto di rianimazione dell’Ospedale Santa Maria Della Pietà. Un reparto nuovo di zecca dotato di strumenti all’avanguardia e ad alta risoluzione tecnologica: la giusta risposta alle recenti immagini che hanno fatto il giro del mondo e che hanno visto il presidio ospedaliero di via Seminario in ginocchio con pazienti curati a terra privi di barelle.

Manfredi, Biancardi & De Luca“È giunto il momento di uscire dal tunnel – ha annunciato il governatore De Luca – A nessuno di noi sono piaciute le ultime immagini di questo ospedale che presentano una regione, la Campania, priva di ogni norma di rispetto e decoro. Nessuna polemica, ora è il tempo delle risposte. Puntiamo a portare la Campania ai primi posti nel sistema sanitario utilizzando quante più risorse possibili”. Non solo servizi, ma anche nuovi strumenti e nuove assunzioni. Quella che De Luca annuncia è una vera e propria “rivoluzione” che parte dal Santa Maria della Pietà e che comincia con la scommessa dei posti letto. “Cento nuovi posti letto – dichiara il governatore – che dovranno aggiungersi a quelli già esistenti con una task force per l’ampliamento della struttura con l’annesso potenziamento dei servizi a cominciare dall’emodinamica. Dal mese di marzo puntiamo ad avere il servizio operativo h24 e non per sole 6 ore al giorno come adesso”.

Andrea de Stefano e Antonietta CostantiniUna missione condivisa con la dirigente dell’Asl Na3 Sud, Antonietta Costantini, per la quale il Santa Maria della Pietà “è da rifare daccapo. Dal reparto di ortopedia al pronto soccorso fino ad arrivare alla gastroenterologia – dichiara la Costantini – Mi piace pensare che quella di oggi sia soltanto una prima pietra su cui costruire un’intera struttura che possa diventare in tempi brevi polo di eccellenza e funzionalità. Basta polemiche. Oggi occorre solo entusiasmo”.

“Giornate come queste dovrebbero verificarsi un pò più spesso – chiosa il sindaco Geremia Biancardi – La sinergia operativa in questi casi è decisiva per raggiungere non solo risultati importanti ma soprattutto per tutelare l’interesse e la salute di un’utenza così vasta”.

di ra.na.

Navigazione articolo