ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “febbraio 24, 2016”

NOLA. CON IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA CITTA’ METROPOLITANA E COMUNI IN PROVINCIA DI NAPOLI MIGLIORA LA RACCOLTA RIFIUTI SULLE STRADE PROVINCIALI, IN ARRIVO PER GLI UTENTI DELLA CITTA’ BRUNIANA IL KIT PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA. SCONCERTO E RABBIA PER L’ABBANDONO E MANCATA RACCOLTA DEI RIFIUTI AL CENTRO STORICO

panchina-pattumiera aggE’ regolato da un protocollo d’intesa tra la Prefettura di Napoli, la Città Metropolitana – settore trasporti e mobilità – ed i Comuni del napoletano la rimozione, lungo le strade di pertinenza provinciale, dei rifiuti derivanti dalla potatura di arbusti e vegetazione spontanea. Nello specifico alla Città Metropolitana spettano i lavori di potatura ed imbustamento dei rifiuti, generalmente eseguiti da società in house, mentre i Comuni provvedono alla rimozione degli stessi in discarica.

Il Comune di Nola ha provveduto a notificare un’ordinanza alla Buttol, attuale società affidataria della raccolta dei rifiuti in Città, senza ulteriore aggravio di spese, essendo il servizio previsto dal capitolato d’appalto.

“A proposito di capitolato di appalto – sottolinea il responsabile comunale del servizio ambiente Salvatore Caliendo – ho provveduto a sollecitare la Buttol a consegnare a tutti gli utenti di Nola il kit annuale per l’imbustamento dei rifiuti domestici. Allo stato il kit è già stato consegnato agli utenti delle frazioni di Piazzolla e Polvica”.

Quasi sicuramente gli utenti saranno invitati a ritirare il kit presso il centro di raccolta in via Boscofangone.

Intanto i rifuiti segnalati dal nostro blog, alcuni giorni fa, sulla panchina-pattumiera in via Marciano pensavamo che fossero stati rimossi. Invece tra lo sconcerto e l’assurdo questa mattina alle ore 13:30, come testimonia la foto scattata, alle vecchie buste se ne sono aggiunte altre e la cosa che fa arrabbiare e che le scope nel carrello dell’operatore allo spazzamento della strada sono aumentate. Ciò sta a significare che il carrello è utilizzato dall’operatore ecologico ma la segnalazione non viene fatta alla ditta affidataria del servizio di raccolta in Città.

Gli operatori addetti alla raccolta dei rifiuti in Città sono 84. Un operatore ogni 400 abitanti, quasi il triplo rispetto alla media nazionale (un operatore ogni 1.180 abitanti).

di ra.na.

NOLA. RIMOSSI I CASSONETTI PER ABITI DISMESSI SU TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, IL SERVIZIO E’ ATTIVO DAL LUNEDI AL SABATO PRESSO IL CENTRO RACCOLTA IN VIA BOSCOFANGONE

Sono stati rimossi dall’inizio dell’anno sull’intero territorio comunale i cassonetti per il recupero di abiti dismessi, borse, scarpe a causa del continuo e grave abbandono dei rifiuti che avveniva in modo continuativo nelle immediate vicinanze.

“La situazione, oltre a produrre uno spettacolo indecoroso per la città – sottolinea il responsabile comunale del servizio ambiente Salvatore Caliendo – costituiva una situazione di rischio per la salute pubblica e privata. Erano ben tre le ditte che svolgevano il servizio di raccolta, Pezzamificio G.B., Associazione Volontariato Missione Carità ed Eurofrip; per le prime due – continua il responsabile Caliendo – la convenzione era scaduta mentre per la terza era in scadenza a fine 2016. Attualmente il servizio di recupero abiti dismessi è attivo – conclude Caliendo – presso il centro di raccolta di via Boscofangone dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle ore 12; martedì e giovedi il centro è aperto dalle 14,30 alle 16,00”.

“Sicuramente a breve – afferma l’assessore all’ambiente Luciano Parisi – i cassonetti saranno riposizionati a vista e controllati. Non è possibile assistere ad atti incivili che deturpano l’immagine della città oltre a creare situazioni di pericolo igienico-sanitarie gravi e diffuse”.

di ra.na.

NOLA. AVVISO PUBBLICO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO LIBRI DI TESTO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 PER GLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELL’OBBLIGO E SUPERIORI, LIMITE REDDITO € 10.633,00

E’ stato pubblicato sul sito web del comune di Nola l’avviso per la richiesta di contributo libri di testo anno scolastico 2015-2016.

La regione Campania ha comunicato che sono stati approvati i criteri di riparto – purtroppo quasi sempre a metà anno scolastico e dopo che le famiglie meno abbienti hanno dovuto, con enormi sacrifici, anticipare le somme per gli acquisti dei testi ad inizio anno scolastico – del fondo statale per la fornitura gratuita o semigratuita dei libri di testo anno scolastico 2015-2016 a favore degli alunni appartenenti a famiglie disagiate che frequentano le scuole dell’obbligo e quelle superiori.

Possono accedere al beneficio i soggetti la cui situazione economica per l’anno 2014 non sia superiore ad un valore ISEE di € 10.633,00. La richiesta è fatta da parte del genitore o del soggetto che rappresenta il minore o dallo stesso studente se maggiorenne. In presenza di attestazione ISEE pari a zero (anno 2014) relativa a redditi esonerati (non soggetti ad Irpef) oppure in presenza di nucleo familiare che non abbia percepito redditi, nell’anno 2014, si richiede di attestare e quantificare, pena l’esclusione dal beneficio, le fonti e i mezzi dai quali il nucleo familiare ha tratto sostentamento (allegato B vibile sul sito web del comune). La scheda, compilata in ogni sua voce, va restituita al comune dopo l’attestazione della scuola di regolare iscrizione all’anno scolastico 2015-2016. Nell’avviso non c’è data di scadenza, in ogni caso potranno essere chiesti chiarimenti alla responsabile del servizio, dott.ssa Avella, tel. 081/8226298.

di ra.na.

COMUNE DI NOLA. TRASPARENZA: ANCORA AL PALO IL REGOLAMENTO, I CAPIGRUPPO DANNO FORFAIT A TUTTE LE CONFERENZE

cape mozze al comune di nolaAncora al palo l’approvazione del regolamento comunale per la pubblicità e la trasparenza dello stato patrimoniale degli amministratori comunali dell’ente di piazza Duomo.

Ben tre convocazioni della conferenza dei capigruppo fatte dal presidente del consiglio comunale di Nola Rino Barone, con all’ordine del giorno la discussione ed approvazione del regolamento, sono andate deserte. L’approvazione del regolamento era stata chiesta d’urgenza dal segretario generale Marilisa Dovetto con nota n. 3801 del 4 febbraio scorso, ma ad oggi è tutto fermo.

La convocazione della conferenza dei capigruppo per l’approvazione del regolamento si era resa necessaria a causa del non funzionamento della commissione consiliare competente (Affari generali) per le dimissioni del presidente Giusy La Marca e del vice-presidente Antonio Tufano.

La mancata approvazione del regolamento ha determinato la non consegna da parte degli amministratori comunali (consiglieri comunali ed assessori) della relativa documentazione reddituale per l’anno 2015, nonostante che il dirigente alla trasparenza Paolino Santaniello abbia invitato e sollecitato gli addetti ad assolvere un obbligo di legge fissando la data del 31 gennaio scorso per la consegna.

Per i comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti è obbligatorio ogni anno, per gli amministratori comunali, ai sensi del Dlgs 33/2013 art. 14, depositare la propria situazione patrimoniale. In mancanza si applicano gravose sanzioni amministrative da un minimo di € 5.000,00 ad un massimo di € 10.000,00. Ed è proprio il regolamento che dovrà fissare se applicare per gli inadempienti il minimo o il massimo. Non è escluso che il presidente del consiglio comunale, a cui spetta la convocazione dell’ordine del giorno dell’assise, possa d’autorità portare il regolamento all’approvazione della prossima assemblea cittadina.

Intanto nell’area trasparenza del sito web del comune (visibile a tutti) i dati patrimoniali degli amministratori comunali sono fermi al 2014 (dati relativi ai redditi 2013).

Geremia Biancardi (€ 38,863); Barone Rino (€ 38.500); La Marca Giuseppina (€ 0,00); Tufano Antonio (€ 16.888,00); Napolitano Laura (non presentata); Nappi Franco (€ 40.744); Velotti Giovanni (€ 2.282,00); Siano Angelo (€ 104.787,14); Moccia Giancarlo (€ 73.646); Petillo Pasquale (€ 30.927,00); Miccio Ines (€ 90.665,00); Esposito Maria (€ 0); Notaro Salvatore (€ 34.673,67); Annunziata Antonio (€ 4.609,00); Giugliano Raffaele (€ 13.706,00); Pizza Carmine (€ 10.764,00); Vitale Domenico (€ 69.001,00); Carmela Scala (€ 51.519,00); Pizzella Francesco (€ 86.815,00); Parisi Raffaele (€ 3,754,03); Vecchione Emma (€ 5.840,00); Iovino Vincenzo (€ 9.342,72); Tripaldi Mariafranca (non presentata); Marone Luisa (€ 23.000,00).

De Lucia Enzo (€ 120.594,00); Manzi Antonio (€ 35.618,00); Michele Cutolo (€ 24.479,00); De Stefano Carmela (€ 0,00); Trinchese Cinzia (€ 21.770,00); De Luca Roberto (€ 27.903,00).

di ra.na.

Navigazione articolo