ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “gennaio 4, 2016”

NOLA. RETE FOGNARIA DI PIAZZOLLA E POLVICA SUDDIVISA IN DUE LOTTI, CON LA NOMINA DEL COLLAUDATORE TECNICO-AMMINISTRATIVO RENDICONTATO AL 31 DICEMBRE 2015 IL PRIMO LOTTO

Con delibera di Giunta Municipale n. 194/2015 l’intervento di riqualificazione urbana e ambientale delle frazioni di Piazzolla e Polvica per il completamento della rete fognaria è stato suddiviso in due fasi.

La prima fase (già completata) sarà finanziata con i fondi POR Campania FERS 2007-2013, mentre la seconda fase con fondi POR Campania FERS 2014-2020, al momento non finanziabile in funzione del mancato completamento del percorso di approvazione dei POR Campania da parte dei competenti organi regionali. Nessun problema sul completamento dell’opera per la cui realizzazione fu indetta una specifica gara espletata tramite la Stazione Unica Appaltante (SUA), che dichiarò aggiudicataria il raggruppamento temporaneo di imprese ICOOP srl (capogruppo) – IMPREGIVI srl (mandante) per il prezzo complessivo di € 5.280.477,85 per lavori a corpo e misura con un ribasso del 13,329% ed € 204.486,58 per oneri di sicurezza, non soggetti al ribasso.

La regione Campania ha chiarito che, essendo l’intervento superiore ai 5 milioni di euro, era prevedibile lo “sforamento” del 31 dicembre 2015 per la rendicontazione dell’intero importo dei lavori. Occorreva suddividere l’opera in due lotti, cosa che la Giunta Municipale puntualmente ha fatto. In ogni caso entro il 31 dicembre scorso andava rendicontata la prima fase di lavori per un importo di oltre duemilioni e mezzo di euro. A tal fine era necessario nominare il collaudatore tecnico-amministrativo e strutturale in corso d’opera.

Per l’affidamento dei servizi di ingegneria (precisamente per il responsabile della sicurezza, direttore dei lavori e collaudatore tecnico-amministrativo) furono indette una serie di gare d’appalto (€ 39.000,00 per il responsabile della sicurezza, € 39.000,00 per il collaudatore tecnico-amministrativo ed € 141.000,00 per il direttore dei lavori) il cui iter, sembra, sia stato portato a termine solo per il collaudatore tecnico-amministrativo in quanto indispensabile per la rendicontazione della prima fase.

Dalla determina si legge che la procedura di gara per il collaudatore tecnico-amministrativo è stata espletata in ben cinque sedute (14 settembre, 25 settembre, 8 ottobre, 10 dicembre, 17 dicembre 2015). Per ogni seduta è stato redatto uno specifico verbale ed al termine è emersa la mancata aggiudicazione della procedura.

A questo punto le attività del collaudo tecnico-amministrativo vengono affidate (essendo la somma inferiore ai quarantamila euro) direttamente ad un professionista di fiducia, l’Ing. Felice Sommese di Nola, per un importo di € 30.000,00 oltre CNPAIA + IVA al 22%. Al professionista incaricato l’onere di eseguire entro il 31 dicembre 2015 il collaudo tecnico-amministrativo delle opere ascrivibili al primo lotto.

di ra.na.

Annunci

NOLA. SVERSAMENTO ABUSIVO RIFIUTI: L’ASSESSORE PARISI ANNUNCIA INTERVENTO STRAORDINARIO DI RIMOZIONE, ECCO LE ZONE INTERESSATE

Sono ancora troppi gli episodi di sversamento abusivo sull’intero territorio comunale, questo la dice lunga sul grado di sensibilità nei confronti del problema dei rifiuti, anche se sono in tanti a parlare. Se non si arriva ad una reale presa di coscienza i risultati non arriveranno.

Ormai l’abbandono indiscriminato di scarti edili, pannelli di legno, cartongesso provenienti da lavorazioni domestiche, ingombranti, materiale compatto contenente cemento, amianto, rifiuti speciali (guaina bituminosa), pneumatici da parte di incivili è in crescita per cui a breve l’assessorato all’ambiente guidato da Luciano Parisi ha deciso di utilizzare tutte le risorse disponibili per un intervento straordinario al fine di eliminare tutti i depositi abusivi affidando, tramite cottimo fiduciario a ditte specializzate, la rimozione dei rifiuti pericolosi e speciali (amianto, guaina bituminosa, pneumatici), mentre la ditta affidataria della raccolta differenziata, Buttol, dovrà provvedere ai rifiuti solidi urbani abbandonati.

L’attività programmata toccherà i punti sensibili dove è costante l’abbandono indiscriminato e quelli segnalati all’URP dai cittadini: via Nola-Palma, via dell’Eretico, via rione Liscio, via Marche, via Foro Boario (presenza di guaina), Parco Mimose (dove troneggia una canna fumaria), S. Angelo in Palco, parcheggio Cimitero Nola, via Facente e via Starza (amianto), via Boscofangone, via Nappi, Palermo, Bosco Gaudio e zona De Siervo (Piazzolla). Il caso più assurdo insiste sulla strada statale variante 7/bis nei pressi del centro di raccolta dei rifiuti differenziati: una vera e propria discarica a cielo aperto, o meglio una montagna di rifiuti nell’indifferenza totale degli addetti al servizio di raccolta. Cadute nel vuoto le continue richieste del responsabile comunale all’ambiente Salvatore Caliendo alla ditta affidataria del servizio di rimuovere quello scempio.

Intanto con determina dirigenziale n. 317 del 23 dicembre scorso è stato rinnovato il fitto di locazione del centro di raccolta della variante 7/bis, in attesa della messa in esercizio della nuova isola ecologica di via Sarnella, per un importo di € 3.260,00 mensile.

“Queste azioni incivili perpetrate da chi dimostra di non amare la propria Città – afferma l’assessore all’ambiente Luciano Parisi – vanificano gli sforzi organizzativi ed economici per migliorare il servizio di igiene urbana. Rinnovo il mio appello alla cittadinanza – continua l’assessore Parisi – Sorvegliate il nostro territorio, denunciate gli abusi e le illegalità, solo insieme possiamo invertire la rotta e consegnare ai nostri figli una città migliore”.

La somma impegnata per l’intervento è di € 22.844,59 + IVA. L’affidamento avverrà tramite cottimo fiduciario nel rispetto dei principi di trasparenza previa consultazione di cinque ditte individuate nell’albo dei fornitori.

di ra.na.

NOLA. EPIFANIA, RITORNA IL “PRANZO DELL’AMICIZIA” DELLA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO

pranzo dell'epifaniaLa Comunità di Sant’Egidio della Diocesi di Nola, mercoledì 6 gennaio 2016, in occasione della Santa Epifania, per il secondo anno consecutivo, organizza il PRANZO dell’AMICIZIA presso il Complesso Monastico di S. Chiara della città bruniana.

Siamo partiti con la condivisione del pranzo con 80 “amici”, quest’anno abbiamo organizzato il momento conviviale e solidale, per 200 invitati, attorno alla tavola della festa per celebrare l’Epifania insieme con TUTTI gli “ospiti”: anziani, senza fissa dimora, di strada, profughi e i nuovi poveri che, in caso contrario, sarebbero rimasti soli.

La Comunità di Sant’Egidio della Diocesi di Nola il 17 gennaio prossimo, spegnerà la sua seconda candelina. Sembra ieri che un gruppo di ragazzi, che frequentava la Comunità di Napoli, sentì forte il bisogno di iniziare a dedicarsi ai più bisognosi.

Ormai, la Comunità, è una realtà affermata e riconosciuta nell’intero territorio Nolano, e, nel “silenzio” che contraddistingue chi fa le cose per la propria spiritualità e per l’amore puro verso il prossimo, è fortemente impegnata anche in altri progetti e interventi.

Effettuiamo, tutti i venerdi dell’anno alle 19:00 a Piazza Giordano Bruno, il SERVIZIO, ossia la distribuzione della cena agli amici e alle persone bisognose.

Siamo orgogliosi e felici di aver accolto e accompagnato Vaçlav (conosciuto come Sasha), giovane ceco ridotto IN FIN DI VITA da sette sciocchi balordi, e Marcela, donna bulgara abbandonata dalle istituzioni a dormire al freddo e SOLA.

Sul percorso che Nostro Signore ci ha indicato, abbiamo avuto numerosi aiuti, innanzitutto dalla Caritas e il sostegno di associazioni sociali, culturali e da professionisti quali medici, avvocati e assistenti sociali.

Francesco Cassese, responsabile della Comunità di S. Egidio della Diocesi di Nola, segue, condivide e fa suo, nell’anno Santo della Misericordia, il pensiero di Papa Francesco: “Ognuno cerca la propria salvezza, non la salvezza di tutti, la salvezza del popolo”. Eppure “Gesù ha salvato ognuno, ma in un popolo, in una Chiesa” infine, dichiara con forza: “Per noi ora più di prima sarà l’anno all’insegna della Preghiera, dei Poveri e della Pace”.

(red)

Navigazione articolo