ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “gennaio 2, 2016”

LA DIOCESI DI NOLA E IL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

LE PORTE DELLA CARITA’ SI APRONO A SAN GIUSEPPE VESUVIANO E A POMIGLIANO D’ARCO.

Con l’apertura delle Porte della carità, si completa il quadro dei percorsi rituali che nella Diocesi di San Felice e San Paolino hanno segnato – l’11, il 12 e il 13 dicembre- l’inizio dell’Anno giubilare della Misericordia, con le solenni cerimonie di apertura delle Porte sante della Basilica cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo, a Nola, del Santuario della Madonna del Carpinello, a Visciano, del Santuario della Madonna della Neve, a Torre Annunziata, del Santuario di Santa Maria a Parete , a Liveri, e del Santuario della Madonna dell’Arco, a Sant’Anastasia. Le Porte della carità, che simbolicamente si dischiuderanno nell’odierna serata- alle ore 19 – nel Centro pastorale “don Tonino Bello ”, a San Giuseppe Vesuviano, e domani- tre gennaio alle ore 10,30 – nel Centro pastorale dedicato a San Paolino, a Pomigliano d’Arco.

Di fatto, quella delle Porte della carità nella Diocesi di nolana, guidata dal vescovo Beniamino Depalma, si pone in linea di continuità con l’apertura della Porta della carità nell’ Ostello della Caritas a Roma ed officiata il 18 dicembre da Papa Francesco. Con le cerimonie di questa sera e della mattinata di domani, i due Centri pastorali assumono lo status di vere e proprie Chiese giubilari alla pari dei Santuari appena citati; sono Centri che fanno parte integrante della rete di solidarietà e di assistenza, ch’è in capo alla Caritas diocesana ed è ramificata su un vasto territorio esteso negli ambiti provinciali di Avellino e Salerno e, in larga misura, nel contesto della Città metropolitana di Napoli.

Il Centro “don Tonino Bello ” e il Centro San Paolino, logisticamente ben strutturati, svolgono da anni un’importante funzione di riferimento per quanti vivono il disagio sociale e familiare, le difficoltà economiche; disagio e difficoltà, a cui si danno tutte le possibili risposte, che lo spirito di carità verso il prossimo coniugato con il volontariato di giovani e meno giovani permette di fornire. La missione che svolgono concorre a favorire i processi di inclusione e d’integrazione sociale, contrastando la marginalità. In realtà, sono Porte sempre aperte, quelle dei due presidi, attivi in contesti territoriali popolosi, di cui intercettano bisogni ed esigenze con discrezione e umana disponibilità all’ascolto, nel segno della “cultura dell’incontro”, l’autentico asse portante dell’umanesimo cristiano che promuove la dignità delle persone, con “ vicinanza amorevole e operosa per tutti gli ultimi ”.

“Alla Cattedrale, ai Santuari e ai due Centri della Caritas – ha scritto il vescovo Depalma nel messaggio diretto alla Diocesi per l’inizio dell’ Anno Santo – che ho indicato come Chiese giubilari diocesane, chiedo di essere luoghi di incontro sacramentale, dove sperimentare la grazia che ci è donata, dove si ospitano spazi di silenzio e di ascolto, possibilità di preghiera, ma anche punti d’incontro per l’animazione culturale e sociale del territorio. Qui i gesti della prossimità si rendano chiari, la gratuità sia il principio nuovo che sperimentiamo come il bene di una nuova economia, per creare e rafforzare le reti e i legami che possono salvarci da quell’individualismo che alimenta le diseguaglianze e le povertà, dimentica il nostro patrimonio di valori, distrugge l’ambiente”.

Sarà opportuno rilevare che i temi della prossimità, intesa come vicinanza e dedizione all’umanità sofferente – nelle riflessioni del presule nolano- sono richiamati e focalizzati con frequenza, rapportandoli con fermezza ai valori della gratuità e della nuova economia, strade da percorrere senza alternativa e scorciatoie, se si vuole costruire e vivere il bene comune delle persone e dei popoli.

di Geo

Annunci

Polveri sottili, a Casamarciano installata centralina Arpac per il monitoraggio

12465286_944747015561379_609376964_oVia al monitoraggio delle polveri sottili. Mentre in molte città d’Italia si impongono le targhe alterne per limitare lo smog e nel Nolano continua a tenere banco il caso dello sforamento delle soglie di tolleranza in alcuni Comuni del comprensorio, a Casamarciano l’amministrazione ha chiesto ed ottenuto in questi giorni l’installazione di una centralina per il controllo delle emissioni.

Lo strumento di rilevamento è stato posizionato dall’Agenzia regionale per l’ambiente di Napoli nei pressi dell’unica cava attiva sul territorio del Comune ed avrà il compito di monitorare e controllare l’emissione di Pm10 e di fornire dati che potranno aiutare l’ente a prevenire e contrastare l’inquinamento dell’aria.

“Una novità importante – afferma il sindaco Andrea Manzi – un premio alla tenacia della nostra amministrazione che ha sempre chiesto che ci fossero forniti strumenti efficaci per verificare il livello delle polveri sottili e per garantire ai nostri cittadini che l’amministrazione mette al primo posto, da sempre, la tutela dell’ambiente”.

Dopo l’installazione della centralina, l’amministrazione comunale ha deciso che i dati forniti dall’Arpac di Napoli saranno resi visibili periodicamente sul sito istituzionale dell’ente: “In questo modo – conclude il primo cittadino – sarà assicurata la massima trasparenza su un argomento delicato ed importante come la salubrità dell’area che respiriamo”.

(red)

TROFEO CITTA’ DI NOLA, DOMANI LA PRIMA GARA PODISTICA DEL 2016

fotoIn mille di corsa verso il traguardo del II Trofeo Città di Nola, la prima gara podistica dell’anno nel circuito delle gare regionali.

La gara é in programma per le 9 di domani, 03 gennaio 2016, ed é stata organizzata dall’amministrazione comunale di Nola guidata dal sindaco Geremia Biancardi con l’assessore allo Sport retto da Carmela De Stefano oltre che dall’associazione podistica “Atletica Nolana”.

Il percorso si snoderà lungo le principali strade del centro mentre per la partenza e per l’arrivo gli atleti saranno accolti a Piazza Duomo.

Per permettere la migliore riuscita della competizione le strade interessate saranno chiuse al traffico veicolare. Si tratta di: corso Tommaso Vitale, via Roma, via Anfiteatro Laterizio, via Giacomo Imbroda, via San Paolo Bel Sito, via Vespucci, via Madonna delle Grazie, via San Francesco, via Cupa Ruopoli, via Abate Minichini, via Principessa Margherita, via San Felice, via San Paolino.

Carmela De Stefano 3“Tutto é pronto per accogliere gli atleti e per poter permettere loro di svolgere al meglio la competizione, che è stata al suo battesimo già votata come una delle più importanti gare podistiche regionali. Non resta – dice l’assessore Carmela De Stefano – che augurare a tutti un buon anno sportivo”.

“Il 2016 comincia con un appuntamento di rilievo che – evidenzia il sindaco Geremia Biancardi – premia lo sport sano e valorizza il nostro territorio del quale anche in occasione della gara potranno essere ammirate le bellezze storiche e culturali”.

(red)

NOLA. IL 5 GENNAIO ARRIVA LA BEFANA “VOLANTE” IN PIAZZA DUOMO

befana volante 2016 nola 4Quest’anno la Befana arriverà con qualche ora di anticipo a Nola, precisamente intorno alle 18 di martedì 5 gennaio, non a bordo della classica scopa volante bensì calandosi dal Palazzo di Città per distribuire giochi e dolci a grandi e piccini.

La manifestazione, inserita nel cartellone di eventi “Natale a Nola” promosso dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Geremia Biancardi e dall’assessorato ai Beni culturali retto da Cinzia Trinchese, in un primo momento era prevista per il giorno della Befana, il 6 gennaio appunto, tuttavia, a causa delle avverse previsioni meteo annunciate in queste ore, è stata anticipata a martedì 5 gennaio.

PLL’evento è stato reso possibile grazie all’impegno dell’Associazione Professionale Polizia Locale guidata dal “vulcanico” comandante Luigi Maiello e dall’Associazione dei Vigili del Fuoco a riposo e liberi dal servizio (che stamane hanno supervisionato e testato le funi che saranno utilizzate dalla Befana in piazza Duomo per calarsi dal Palazzo comunale, in totale sicurezza) oltreché dall’Associazione Libera Area Nolana presieduta da Nicola Riccio. Sarà, infatti, uno dei vigili del fuoco a indossare i panni della “vecchina” per poi lanciarsi nel vuoto, volando tra fumi e fuoco, al centro della piazza. Uno spettacolo unico nel suo genere, che farà felice soprattutto i bambini.

befana volante 2016 nola 1“Avete la fortuna – afferma Mario Nappi, il vigile che indosserà i panni della befana – di avere una delle più belle piazze della Campania. Sicuramente sarà un evento spettacolare, quindi ci aspettiamo una grande partecipazione”.

“Noi gestiremo – chiosa Nicola Riccio, responsabile dell’Associazione Libera Area Nolana – i doni di natura alimentare, di prima necessità e giocattoli, che i cittadini porteranno in piazza Duomo per l’occasione. Invitiamo pertanto la popolazione ad orientarsi soprattutto sui beni alimentari, che trasferiremo alla locale Caritas”.

befana volante 2016 nola 2 befana volante 2016 nola 3 befana volante 2016 nola 6 befana volante 2016 nola 5

(clicca sulle singole immagini per ingrandirle)

di ra.na.

NOLA. NONNA ERNESTINA FESTEGGIA OTTANT’ANNI NEL SEGNO DELLA SOLIDARIETA’

ernestina 2Una vita dedicata alla famiglia e al lavoro, una persona sensibile, generosa, altruista ma nello stesso tempo dotata di un temperamento determinato, questa è nonna Ernestina, che oggi festeggia i suoi ottant’anni.

ernestina 1Un bel traguardo, che ha deciso di condividere con gli ospiti della mensa fraterna di Nola, offrendo loro il pranzo. Un grande gesto che le fa onore e che, speriamo, possa essere da esempio per molti.

Tanti auguri a nonna Ernestina dalla redazione de ilc@zziblog

Navigazione articolo