ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “luglio 22, 2014”

NOLA. BIANCARDI BIS: RINO BARONE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE, COSTITUITI BEN DIECI GRUPPI CONSILIARI. RINVIATA LA NOMINA DELL’ESECUTIVO

Rino BaroneChe sarebbe stato un consiglio comunale “effervescente” lo si era capito già dalle bottiglie d’acqua sistemate nell’aula consiliare.

Una riunione fiume, la prima del Biancardi bis, iniziata con circa due ore di ritardo per il cattivo funzionamento dell’impianto audio. A fare da apripista alla nuova consiliatura gli interventi abbastanza polemici ed aspri dei consiglieri di minoranza Arturo Cutolo (Lavor in Corso) ed Enzo Iovino (Più Nola).

A presiedere la prima seduta del consiglio comunale il consigliere anziano Enzo De Lucia, per l’assenza di Cinzia Trinchese, prima eletta alle amministrative.

Inizialmente presenti 23 consiglieri comunali, per l’assenza, oltre che di Cinzia Trinchese, anche del consigliere Antonio Tufano, che durante la votazione per la nomina del presidente del consiglio comunale è entrato in assemblea giustificando il ritardo per motivi strettamente personali.

In apertura dei lavori c’è stata la convalida degli eletti, che è stata votata all’unanimità. Il segretario generale ha precisato che all’ufficio di segreteria del consiglio comunale alle ore 10 di questa mattina non era stato protocollato alcun ricorso di ineleggibilità ed incompatibilità nei confronti di alcun consigliere.

Si è passati quindi al secondo capo all’ordine del giorno, il giuramento del sindaco.

Terzo punto l’elezione del presidente del consiglio comunale, per la cui elezione occorrevano 13 voti (maggioranza assoluta dell’assemblea). Il candidato della maggioranza Rino Barone, alla prima votazione, veniva eletto con quattordici voti ed un voto nullo, mentre per la vicepresidenza ad essere eletta con 13 voti e due schede bianche è stata Luisa La Marca.

Il neo presidente Barone, appena insediatosi, ha dichiarato: “Nel momento in cui assumo l’incarico, desidero ringraziare coloro che hanno espresso la loro fiducia proponendomi e votandomi, ma anche chi con scelta ugualmente rispettabile, non ha ritenuto opportuno votarmi. Il mio sarà un mandato presidenziale improntato alla volontà di garantire i diritti/doveri di tutti i membri del consiglio comunale, pur essendo una precisa identità e appartenenza, ho ben chiaro i miei primi doveri nel presiedere l’assemblea, che saranno improntati al rigore, all’equilibrio e all’imparzialità per assicurare una democratica e proficua dialettica tra i consiglieri di maggioranza ed opposizione”.

Sul quarto capo all’ordine del giorno – comunicazione dell’esecutivo – il sindaco ha dichiarato: “Per alcuni dettagli sulle deleghe ancora da definire la comunicazione dei nominativi è rinviata di qualche giorno, al più presto provvederò a convocare una giunta per alcune delibere importanti”.

A questo punto si passa al quinto capo all’ordine del giorno con la lettura da parte del sindaco delle linee programmatiche della sua amministrazione per la prossima consiliatura. Una relazione molto articolata. Ecco alcuni dei punti più importanti: “Continueremo in un’ottica di continuità. Seguiteremo quindi a farci guidare dalla razionalità e dal buon senso nella selezione delle priorità , seppure in un contesto di scarsità di mezzi, recessione economica e, checché se ne dica, aggravio della pressione fiscale. Abbiamo già dimostrato in questi cinque anni di saper amministrare con serietà e concretezza, gestendo anche le emergenze ed assumendoci tutte le responsabilità. Porteremo a compimento i tanti progetti avviati: ampliamento del cimitero di Piazzolla, ampliamento di via XX settembre, realizzazione del cimitero di Polvica, ripresa dei lavori di realizzazione del Museo della Cartapesta con la rivisitazione del progetto iniziale ed il completamento dell’isola ecologica di via Sarnella. Nei prossimi anni, saranno completati i progetti già ammessi ai finanziamenti, un auditorium, il palazzo della musica, un centro per anziani nel rione Gescal, le fogne di Piazzolla, il completamento di quelle di Polvica, un polo funzionale per il sociale ed un asilo nido in via San Massimo, la trasformazione dell’area del mercato ortofrutticolo in parcheggio ed area a verde, lo spostamento del mercato ortofrutticolo, l’ampliamento dei loculi nel cimitero di Piazzolla, il progetto di finanza di Piazza d’Armi, la sistemazione dell’alveo di via Saccaccio. Siamo riusciti anche ad ottenere, grazie alla collaborazione dei dirigenti scolastici, finanziamenti per 350 mila euro cadauno per i plessi scolastici Mameli, Bruno-Fiore e Tommaso Vitale. Nella nostra città è indispensabile attivare in maniera continuativa, progetti di riqualificazione urbana intesa come riqualificazione di spazi del territorio. Occorre mantenere l’identità del nostro territorio prevedendo un futuro incremento demografico, che si attesti non oltre i trentacinquemila abitanti per garantire l’adeguatezza dei servizi erogati. Il rilancio del commercio locale passa inevitabilmente per un arricchimento ed abbellimento del centro storico, e quindi occorrerà investire quante più risorse economiche possibili coinvolgendo i cittadini e le imprese pubbliche e private. L’attuazione del PUT (Piano Urbano Traffico) pur nelle sue numerose modifiche, dovute a fatti contingenti o a cambiamenti strutturali, ha sicuramente creato una circolazione del traffico più fluida. Con l’affidamento del servizi dei parcheggi pubblici (il prossimo mese) si avrà un aumento degli stalli. Occorre attuare tutte le misure per prevenire i fenomeni criminosi con interventi non solo al centro storico ma anche nelle periferie. Si dovrà predisporre un potenziamento del sistema di video sorveglianza rendendo di fatto possibile un effettivo controllo del territorio, speriamo che quanto prima le 19 postazioni installate con il collaudo finale divengano operative. Continueremo ad affidare a privati ed associazioni gli spazi verdi, incentiveremo ed attiveremo gli ‘orti urbani’. Nel sociale continueremo ad incrementare le azioni relative agli stili di vita, integrazione sociale, azioni per minori ed i giovani ed anziani, azioni per la famiglia, azioni per il contrasto della povertà, riproposizione del pacco alimentare alle parrocchie. Nelle attività culturali sarà potenziato il certame bruniano, si continuerà con l’esperienza del festival filosofico bruniano, maggio dei monumenti e settembr’arte. Particolare attenzione avrà il giugno nolano. Attualmente la dotazione organica del nostro comune è bisognevole di accrescere la propria professionalità, inoltre la giunta municipale ha deliberato in merito alla programmazione del fabbisogno del personale prevedendo l’assunzione, a mezzo concorso pubblico, nell’anno in corso di n. 3 dirigenti rispettivamente per il settore finanziario, polizia municipale e per l’area tecnica, di un agente di polizia municipale e di n. 2 istruttori amministrativi. Sono state previste per il 2015 assunzioni per n. 7 operai professionali, n. 2 istruttori tecnici ed un ispettore di vigilanza, mentre per l’anno 2016 si provvederà all’assunzione di n. 2 direttivi amministrativi e 2 istruttori amministrativi”.

Alla relazione del sindaco sono seguiti gli interventi di Domenico Vitale: “Questa amministrazione ha bisogno di dirigenti qualificati, oggi non è possibile accentrare le funzioni in una sola persona (segretario generale); abbiamo bisogno di un nuovo PUC (Piano Urbano Comunale); un piano del commercio. Faremo anche un opposizione collaborativa, ma controlleremo e staremo attenti sui lavori soprattutto quelli colpiti dalle interdittive prefettizie. Occorre un controllo sull’esecuzione dei lavori e sapere i motivi delle loro sospensioni”.

Maria Franca Tripaldi: “Ho ascoltato con attenzione le linee programmatiche, ma mi pongo una domanda: che senso hanno se poi non vengono individuati gli interlocutori con cui confrontarci. Chiediamo un sito web accessibile, la trasparenza non è un fatto solo formale. Secondo me questa sera stiamo stravolgendo il diritto amministrativo, non è possibile che una relazione programmatica non abbia il consenso dell’esecutivo”.

Luisa Marone (Pd- Città Viva): “La nostra sarà una opposizione ferma (perché tutti i cittadini vanno tutelati), coerente (per la salvaguardia del territorio) e costruttiva (non opporre solo resistenza ma essere costruttivi)”.

Carmela Scala: “Nella sua relazione il sindaco ha parlato sempre al passato remoto più che al futuro, quindi si è trattato di un consuntivo. Sembra più una relazione di ringraziamento elettorale. La nostra sarà un’opposizione vigile ed attenta basata sulle regole. Chiedo un locale dove è possibile riunirci ed incontrare i cittadini”.

Enzo Iovino: “Non credo che quanto dichiarato dal sindaco possa essere realizzato, a partire dalle fogne di Piazzolla, anche perché è da oltre due anni che i cittadini delle traverse di via Saviano chiedono invano una riqualificazione delle fogne”.

Infine si passa alla elezione della commissione elettorale. Membri effettivi per la maggioranza vengono eletti con sette voti Laura Napolitano e sei voti Giancarlo Moccia, per l’opposizione Raffaele Parisi con nove voti. Come membri supplementi per la maggioranza Antonio Tufano con sette voti e Carmine Pizza con sei voti, per l’opposizione Emma Vecchione con nove voti.

Infine sono stati depositati i nominativi dei capigruppo, ben dieci: Carmine Pizza (Uniti per il Territorio); Antonio Manzi (Centro Destra Nolano); Roberto De Luca (Forza Italia); Giuseppina La Marca (Socialisti-Riformisti-Liberali Hyria); Luisa Marone (Partito Democratico-Città Viva); Enzo Iovino (Più Nola); Arturo Cutolo (Lavor in Corso); Maria Franca Tripaldi (Io sto con la Tripaldi); Domenico Vitale (Nola Mia); Carmela Scala (Ncd-Udc).

di ra.na.

Navigazione articolo