ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “giugno 26, 2014”

NOLA. PREMIO GIGLIO “VIRTUOSO” ALL’ORTOLANO, ATTESA PER LE SANZIONI

festa dei gigli 2014 nolaUna piazza Duomo gremita ha accolto ieri sera l’esibizione di Raf. Poco dopo la mezzanotte, a sorpresa, a chiudere l’edizione 2014 della kermesse i fuochi pirotecnici in piazza d’Armi.

Prima dell’esibizione di Raf è stata consegnata ai maestri di festa del giglio dell’ortolano la statuetta dell’artista Felix Policastro per il percorso “virtuoso” di un anno di festeggiamenti vissuti nello spirito paoliniano della solidarietà, amicizia e carità dall’intera corporazione. Il ricavato della questua infatti è stato interamente devoluto alla lotta contro il cancro.

Intanto si aspettano le decisioni del Cda della fondazione nei confronti dei protagonisti dei gravi inadempimenti che hanno ritardato i tempi di chiusura della festa, nonostante che entro la mezzanotte ben tre gigli avevano concluso il loro percorso. A rischiare i provvedimenti sono ben quattro paranze. Saranno le prove video, la relazione delle forze dell’ordine e soprattutto la valutazione dell’utilizzo improprio dei microfoni da parte di alcuni capi-paranza lungo il percorso a determinare la misura delle sanzioni. In questi casi a rischiare saranno oltre i capi-paranza anche i maestri di festa (responsabilità oggettiva). Cosa rischiano? A tal riguardo riportiamo i punti salienti del regolamento – artt. 8, 9 e 10 – in vigore approvato dal consiglio di amministrazione della fondazione.

Art. 8 – OBBLIGHI DEL MAESTRO DI FESTA. Il maestro di festa è il soggetto in favore del quale viene rilasciata, temporaneamente, la concessione, che dà la titolarità del diritto a costruire ed organizzare (per la durata di un anno) la macchina da festa in onore di San Paolino.
Con la notifica assume gli obblighi giuridici ed economici connessi e/o derivati dalla concessione.
Il maestro di festa è tenuto entro il 15 luglio a rilasciare polizza fideiussoria a prima richiesta e contenente rinunzia ad ogni eccezione a favore della fondazione festa dei gigli per l’importo di € 30.000,00 emessa da primaria compagnia assicurativa (non sono pochi quelli che si chiedono se tale obbligo è stato fatto rispettare).
La fidejussione verrà escussa dal beneficiario sia in caso di mancato adempimento dell’obbligo di organizzare, realizzare e condurre in processione la macchina da festa che in caso di adozione da parte del Cda della fondazione di eventuali provvedimenti sanzionatori nei confronti della paranza, del capo-paranza, dei caporali, del cantante e del musicista; ciò in quanto sussiste in capo del maestro di festa una responsabilità oggettiva per fatti, atti ed omissioni prodotti e/o commessi da soggetti da lui prescelti e/o scritturati per lo svolgimento della festa con riferimento alla concessione di cui è titolare.
Il maestro di festa è tenuto a depositare entro il 31 dicembre di ogni anno, nella segreteria della fondazione, i testi delle canzoni, il cui contenuto non potrà mai incitare a faziosità, intolleranza e violenza.
I testi saranno esaminati da una apposita commissione istituita dalla fondazione, la quale ne autorizzerà la relativa incisione, oppure inviterà il maestro di festa ad apportarvi eventuali correttivi entro quindici giorni.
Sempre entro il 31 dicembre il maestro di festa è tenuto a depositare n. 3 copie del progetto del rivestimento della macchina da festa, la cui facciata anteriore dovrà essere realizzata in cartapesta.

Art. 9 – ULTERIORI OBBLIGHI DEL MAESTRO DI FESTA. Per la costruzione e realizzazione della macchina da festa il maestro di festa dovrà rivolgersi esclusivamente alle botteghe artigiani operanti nel territorio del Comune di Nola avente un anzianità non inferiore ai dodici mesi.
Inoltre il maestro di festa è tenuto ad attenersi alla rigorosa osservanza dei requisiti acustici delle sorgenti sonore, il limite massimo è fissato in 103 dB (A) la Smax e 95 dB (A) lang.
L’inosservanza di tale norme comporterà l’automatico incameramento della cauzione prestata.
Infine è obbligato ad osservare l’orario di conclusione della festa dei gigli, fissato improrogabilmente per le ore 4,30 del giorno di lunedì, successivo alla domenica della festa.

Art. 10 – LE PARANZE, I CAPI-PARANZA ED I CAPORALI. L’esibizione, domenica mattina in piazza Duomo per un tempo non superiore a 15 minuti; nel pomeriggio esibizione in piazza Duomo per un tempo non superiore a 10 minuti; esecuzione di una sola girata (non ripetibile per nessuna ragione) in località “caparossa”, carceri; preparazione alla esibizione nel vico Piciocchi (compresa esibizione della stessa) nel tempo massimo di 20 minuti.
In ogni caso il percorso compreso tra piazza S. Maria La Nova e piazza Duomo dovrà essere coperto in un tempo massimo (comprensivo di eventuali soste di rifocillazione delle paranze) di minuti 180.
E’ fatto divieto di ostacolare, ritardare o comunque pregiudicare il regolare svolgimento della processione della propria e/o altrui macchina da festa.
In presenza di una attività dilatoria e/o ostruttiva posta in essere da una paranza, un capo-pranza o di caporali verranno applicate con riferimento al grado di gravità della violazione commessa, valutato insindacabilmente dal Cda della fondazione le seguenti sanzioni:
– Escussione della fidejussione prestata dal maestro di festa (stante la sua responsabilità oggettiva).
– Sospensione della paranza, del capo-paranza e/o dei caporali dai rispettivi albi ed elenchi di appartenenza per un periodo di tempo compreso da un minimo di un anno ad un massimo di tre anni.
– Radiazione della paranza, del capo-paranza, del capo-paranza e/o dei caporali dai rispettivi albi degli elenchi di appartenenza.
– E’ potere della fondazione commutare la sanzione delle sospensioni in obbligo di esecuzione di opere di interesse pubblico; la scelta delle opere da eseguire è demandata al sindaco.

di ra.na.

Navigazione articolo