ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

NOLA. GIGLI: DIMISSIONI DE SIMONE, VALLONE (M5S): “SCELTA IRRISPETTOSA NEI CONFRONTI DELLA CITTA'”

Fanno discutere in città le dimissioni del direttore artistico della Fondazione Festa dei Gigli, il maestro Roberto De Simone.

Sono molti a chiedersi se le dimissioni del maestro siano state più un’occasione persa per Nola o una sconfitta dello stesso De Simone che, accettando l’incarico (cinquantamila euro all’anno pagabili in rate trimestrali) si era impegnato a rilanciare la Festa recuperando quella che era la tradizione originaria della kermesse, a cominciare proprio dalle musiche (definite dallo stesso più da discoteca) e dall’abbassamento del volume degli strumenti elettronici, oggi tra i motivi principali del “divorzio” con Nola.

Per quanto riguarda le musiche e la strumentazione elettronica, il presidente della Fondazione Raffaele Soprano, nella conferenza stampa di martedì scorso convocata per spiegare i motivi delle dimissioni del maestro ha tenuto a sottolineare: “Le realtà che ruotano intorno alla Festa avevano recepito il messaggio del maestro – chiosa Soprano – tanto è vero che nella giornata di ieri abbiamo firmato un protocollo di intesa tra i Maestri di Festa e gli operatori degli strumenti acustici per ridurre notevolmente il volume degli strumenti elettronici. Anche per i testi delle canzoni e le musiche si stava lavorando nell’ottica del recupero della vecchia sinfonia nolana; il progetto di normalizzazione della Festa era stato fissato in cinque anni, probabilmente il maestro sperava di poterlo raggiungere in brevissimo tempo. Il direttore artistico – continua Soprano – sapeva benissimo che le manifestazioni del ‘Giugno Nolano’ erano ad esclusivo appannaggio dell’assessorato ai beni culturali, mentre alla Fondazione spetta l’organizzazione del sabato dei comitati, la domenica della ballata e i tre giorni successivi; dolersi per la mancata consultazione per il programma del Giugno non serve; al maestro era stata comunque riservata la serata più importante del post-ballata, il mercoledì sera, per la rappresentazione in piazza Duomo del suo nuovo spettacolo sulla rivisitazione di vecchie melodie napoletane”.

armando valloneNon sono pochi quelli che hanno considerato le dimissioni del maestro De Simone, in pieno Giugno Nolano, come uno schiaffo alla città. “Non conosco le ragioni, ma penso che dimettersi 20 giorni prima della kermesse non sia una scelta rispettosa nei confronti dei cittadini di Nola – scrive sul suo profilo Facebook il candidato sindaco del M5S Nola Armando Vallone – La Festa ha bisogno di una direzione artistica, non di un Direttore”.

di ra.na.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “NOLA. GIGLI: DIMISSIONI DE SIMONE, VALLONE (M5S): “SCELTA IRRISPETTOSA NEI CONFRONTI DELLA CITTA'”

  1. Avv.Francesco Colombo in ha detto:

    Ma quale filo culturale lega “La Gatta Cenerentola” oppure “La Cantata dei Pastori” con il caos sonoro a 1000 db.della Festa dei Gigli…!!!????.A De Simone hanno prospettato una visione culturale e filologica musicale che non ha trovato riscontro al momento del “si parte”

  2. Luca in ha detto:

    Il Pd ha stravinto le europee con il 40,8 per cento. Meglio di lui, solo il partito degli astensionisti. Ma mentre uno è un insieme disomogeneo di persone che non prende una decisa posizione politica rimanendo in un eterno attendismo, gli altri sono quelli che non hanno votato. Fino ad ora, in Italia, una maggioranza così ampia l’aveva avuta soltanto la Democrazia Cristiana. Quindi, con Renzi, si può tranquillamente dire che il record è rimasto in famiglia. Il grande sconfitto è stato senz’altro Grillo. Che già dal giorno dopo ha aperto una profonda e seria riflessione: per capire velocemente a chi addossare la colpa. Infatti, ha subito dichiarato di aver perso perchè l’Italia è un Paese di pensionati. Allora dovrebbe ringraziare la Fornero, sennò il Pd avrebbe preso più del 50 per cento. Beppe però non si è arreso, e ha lanciato la riscossa citando De André: “Verremo ancora alle vostre porte e grideremo ancora più forte”. Non so se basterà: a ‘sto giro pare non gli sia servito molto, andare Porta a Porta.

  3. Rino Petillo in ha detto:

    De Simone ci ha provato due volte a scrivere musica per i gigli. Nel 75 con Giovannaniello cantata dalla NCCP e decennk dopo con Maria Mari di Sal da Vinci. Sono in assoluto le musiche meno suonate sui gigli. La musica orribile suonata ormai è entrata nella mente dei paranzari con quei testi ignobili vengono sparati a decibel per coprire la scarsezza vocale dei cantanti. De Simone avrà letto ostilità e arroccamento del potere locale. Se uno che dal San Carlo alla Scala, famoso ovunque nel mondo, accetta di sovrintendere gli aspetti musicali della Festa devi lasciargli spazio anchr oltre quello stabilito. Era una scommessa rivoluzionaria. Ma nella citta’ piu conservatrice d”Italia le rivoluzioni vengono sconfitte e la scommessa persa.

  4. Avv.Francesco Colombo in ha detto:

    Caro Rino Petillo,condivido la tua analisi che poi è anche la mia..Ho conosciuto il Maestro De Simone ai tempi della sua Direzione artistica della N.C.C.P e quando in RAI in viale Marconi a Napoli fece la trasposizione televisima per RAI 3 della Cantata dei Pastori.Il Maestro De Simone,è un attento osservatore e cultore delle tradizioni e radici musicali napoletane e campane. Di sicuro aveva in mente per la musica dei Gigli cose ben diverse dal “Sarà perchè ti amo” dei Ricchi e Poveri che modificata nel testo viene cantata anzi urlata sui Gigli…!!!!!.Se al nolano la “scommessa rivoluzionaria” non piace….ed è questa la colonna sonora che ama ascoltare…..è stato un “gravissimo” errore politico e culturale il solo pensare al Maestro Roberto De Simone..!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: