ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “giugno 1, 2014”

NOLA. BALLOTTAGGIO: LA “TRIADE” SI SPACCA DENTRO, FUORI SEL E FDI (MALUMORI ANCHE NEL PD E NCD)

clicca sull'immagine per ingrandire

clicca sull’immagine per ingrandire

Ad una settimana dal ballottaggio i due contendenti al titolo di sindaco della Città di Nola per il quinquennio 2014-2019, Geremia Biancardi e Domenico Vitale, hanno scelto due “location” differenti per avvicinare il proprio elettorato.

clicca sull'immagine per ingrandire

clicca sull’immagine per ingrandire

Il primo cittadino uscente ha optato infatti per la villa comunale per la distribuzione della propaganda elettorale, mentre i tre “apparentati” Vitale, Cutolo e Tripaldi, hanno preferito una “passeggiata” da piazza Giordano Bruno a piazza Duomo, sotto l’occhio vigile ed attento dell’assessore regionale Pasquale Sommese.

Intanto a poche ore dalla nascita della “triade” si iniziano a rompere gli equilibri interni delle rispettive coalizioni, acerrime avversarie al primo turno, improvvisamente “amiche” al secondo.

Sinistra Ecologia e Libertà, facente parte della coalizione di centrosinistra guidata da Maria Franca Tripaldi, ha manifestano immediatamente il proprio disappunto per l’accordo raggiunto, non aderendo all’apparentamento. “Avremmo immaginato più utile – sostengono dalla sezione nolana di SEL – a partire dal risultato di ‘Nola che Cambia’, costruire un’opposizione ampia e coesa che avrebbe potuto incidere sui rapporti di forza per modificarli nel solco della proposta politica della coalizione, cercando di avere uno sguardo lungo e facendo attenzione ai lunghi e difficili processi di trasformazione della società nolana piuttosto che assecondare una frettolosa deriva governista che non risponde alle istanze di chi il 25 maggio ha scelto il centrosinistra. Non comprendiamo l’atteggiamento di chi non trova nessuna difficoltà a stringere accordi con forze che avrebbero dovuto essere considerate quantomeno parimenti responsabili della crisi sociale, politica ed economica della città oltreché lontani dal progetto progressista che ha sostenuto Maria Franca Tripaldi nella competizione elettorale”. SEL area nolana non porterà dunque il suo contributo nel ballottaggio del prossimo 8 giugno, in quanto “il regolamento dei conti interno al blocco di potere che ha governato malamente Nola tra scandali, inefficienze e fallimenti non ci interessa”.

Ma a perdere un alleato del primo turno non è soltanto la Tripaldi, anche il primo “beneficiario” della triplice intesa, Domenico Vitale, perde infatti il sostegno di uno dei partiti che aveva in coalizione. Si tratta di Fratelli d’Italia, che domani – lunedì 2 giugno – alle 16 in conferenza stampa presso la nota caffetteria Gallucci, annuncerà alla presenza del deputato FDI Marcello Taglialatela, del coordinatore regionale FDI Luigi Rispoli e dei vertici della sezione nolana FDI il “divorzio” da Vitale e il sostegno al candidato sindaco Geremia Biancardi. “Non possiamo – spiega Rispoli – presentarci al primo turno agli elettori come gli aspiranti riformatori del centrodestra e poi ritrovarci in una coalizione con il Partito Democratico”.

Il bello è che nemmeno il segretario provinciale del PD Venanzio Carpentieri apprezza la decisione dei suoi riferimenti nolani. “Non abbiamo avuto alcun ruolo in questa decisione – sbotta Carpentieri – L’accordo che è stato siglato non ci trova d’accordo, certamente non l’avremmo avallato con queste modalità (l’apparentamento formale, ndr)”.

Mal di pancia anticipati anche nel Nuovo Centrodestra. Venerdì il capogruppo regionale Ugo De Flaviis, il consigliere regionale Francesco Vincenzo Nappi e l’assessore regionale Severino Nappi avevano ribadito che le uniche alleanze possibili per NCD erano nell’ambito del centrodestra. Lo avevano assicurato (in linea di massima) nel pomeriggio anche il coordinatore regionale Gioacchino Alfano e Sommese.

Per il sindaco uscente Geremia Biancardi “l’apparentamento è stato sottoscritto da UDC, NCD e PD, tre partiti che ora tentano di nascondere un accordo politico e di potere sotto le mentite spoglie dell’adesione ad un programma condiviso di governo. La verità – afferma il primo cittadino, ricandidato – è che gli impresentabili politici si vergognano del PD ed il PD si vergogna degli impresentabili politici. Un fritto misto, insomma, una pietanza un po’ avariata che adesso tentano di spacciare per cibo fresco agli elettori di Nola”.

di ra.na.

Navigazione articolo