ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “maggio 10, 2014”

NOLA. PRESENTATA ALLA CAFFETTERIA GALLUCCI LA LISTA CIVICA “UNITI PER IL TERRITORIO”

E’ stato un incontro sobrio e pieno di contenuti quello svolto stamane alla storica caffetteria Gallucci in via Cimitile a Nola dalla lista civica Uniti per il Territorio a sostegno della ricandidatura a sindaco di Geremia Biancardi, lista civica promossa da Luciano Parisi, attuale assessore all’ambiente ed alle risorse umane, ed Arcangelo Annunziata, ex assessore alle politiche sociali.

Proprio Luciano Parisi spiega il perché del nome Uniti per il Territorio: “Unione e Territorio sono le due parole chiave per ritrovare la nostra identità, vogliamo con idee e programmi forti imprimere accelerazioni alle problematiche del nostro territorio. Siamo persone provenienti da esperienze e culture diverse, al massimo con una consiliatura alle spalle, ricche di ideali, di amore autentico per i luoghi dove siamo nati e viviamo, competenti in diversi settori della vita sociale, accomunati dalla capacità di fare squadra”.

“La maggioranza sono giovani che non rinnegano la loro appartenenza ai principi e valori fondanti del nostro popolo – ha chiarito poi Arcangelo Annunziata – la religiosità, la centralità della persona, della famiglia, della piccola impresa, della solidarietà, di una pubblica amministrazione al servizio del cittadino. È su questo che ci mettiamo la faccia, consapevoli che il cambiamento, una parola molto abusata in questo periodo, non può essere frutto del caso, ma avviene con l’impegno serio, onesto e coraggioso di ciascuno di noi ed insieme”.

Ad illustrare il programma della lista civica Uniti per il Territorio diversi candidati alla carica di consigliere comunale presenti.

Carmine Pizza, consigliere comunale uscente, presidente della commissione consiliare al bilancio, ha focalizzato il suo intervento sulla riorganizzazione della macchina comunale: minori sprechi, più soldi ai cittadini, adozione di procedure che consentono il controllo dei cittadini sugli impegni presi ed i tempi per attuarli, accorpamento dei settori e riduzione del numero dei dirigenti, adozione progressiva e diffusa del protocollo online, costruzione di un palazzetto dello sport nella frazione di Piazzolla.

Per Monica Mercadante invece occorre dare un’accelerazione alle politiche sociali destinando risparmi provenienti dalla spending review comunale, istituire un Alto Centro per la formazione post-universitaria e specialistica sul territorio in modo da permettere un orientamento dei giovani al mondo del lavoro, creare intese con le associazioni di impresa, centro per l’impiego e organizzazioni sindacali per combattere la disoccupazione giovanile.

Raffaele Giugliano, consigliere comunale uscente, ha proposto una profonda revisione o l’uscita dall’Agenzia Locale di Sviluppo entro il 2014, una gara per la individuazione di un soggetto qualificato dedicato alla ricerca ed attivazione di Fondi regionali, Nazionali ed Europei, un’efficace lotta all’evasione a partire dalla zona ASI.

Biagio Liguoro punta sull’incentivazione della raccolta differenziata, con l’obiettivo dell’80% entro il 2016, e potenziamento servizi di raccolta trasporto, nonché creazione di isole ecologiche dedicate a Piazzolla e Polvica.

Angelo Petillo ha posto l’accento su un intervento per ridurre e arginare le dipendenze da gioco (slot-machine e scommesse), alcool, droga, attraverso l’istituzione di un protocollo d’intesa con le scuole e le altre agenzie educative e sanitarie presenti sul territorio.

uniti per il territorio biancardiInfine Giuseppina Somma ha proposto un piano di marketing territoriale con il coinvolgimento delle Fondazioni Festa dei Gigli e Giordano Bruno per la valorizzazione dei beni culturali materiali ed immateriali presenti sul territorio, sviluppando al massimo le sinergie con il programma regionale Gran Tour.

di ra.na.

CONSEGNA DONI UNITAS ALL’OSPEDALE DI NOLA, VERTICI DELL’ASL ASSENTI. MOTIVO? “SIAMO IN CAMPAGNA ELETTORALE”

unitas sedieDoveva rappresentare un momento di grande spessore sociale la consegna da parte dell’associazione Unitas all’Ospedale di Nola di venti sedie a rotelle e di una apparecchiatura ginecologica, invece i vertici del nosocomio bruniano, per la prima volta in tre anni, con la loro sconcertante assenza all’evento di stamane hanno di fatto svuotato di significato il nobile gesto di un gruppo di giovani volenterosi, che con impegno e dedizione da tre anni hanno adottato il Santa Maria della Pietà.

“Questa mattina alla consegna delle venti sedie a rotelle ci hanno trattato come se fossimo ‘approfittatori in cerca di gloria’”, l’amaro sfogo del presidente di Unitas, Antonio Laurino. “Il direttore sanitario, dott. Luigi Stella Alfano, e il direttore generale, dott. Maurizio d’Amora – prosegue Laurino – non si sono presentati ne tanto meno hanno mandato una rappresentanza ad accoglierci. Ci hanno lasciati soli nella consegna delle sedie che avevamo acquistato con i fondi raccolti in occasione della serata di beneficenza al Teatro Umberto del 4 gennaio scorso. Non hanno fatto entrare televisioni e fotografi perché, hanno detto, ‘siamo in campagna elettorale’. Forse – chiosa il presidente di Unitas – in campagna elettorale erano loro e non noi che stiamo aspettando da tre mesi per portare tutto ciò, cercando di pubblicizzare il progetto (Adotta l’Ospedale, ndr) solo per coinvolgere quante più persone possibili”. Laurino infine, rivolgendosi ai dirigenti del presidio, tuona: “Vi preoccupate di fare politica quando il vostro mestiere sarebbe quello di tutelare la vita umana dei vostri pazienti”.

di ra.na.

CHE COS’E’ PIAZZOLLA

Ernest Renan, filosofo e storico francese dell’800, diceva che una Nazione non può essere limitata da un corso di fiumi, da una catena montuosa, dalla sua lingua o dalla sua religione. Una Nazione si identifica nella sua gente, si manifesta nel consenso e nel Loro desiderio di vivere insieme, la Nazione è dunque una grande solidarietà, è un plebiscito di tutti i giorni, è una affermazione perpetua di vita, dove ognuno dichiara di essere orgoglioso di appartenere. Una grande aggregazione di uomini, sana di spirito e generosa di cuore, crea una coscienza morale che si chiama Nazione (Ernest Renan, “Che cos’è una nazione?” Conferenza tenuta alla Sorbona 1’11 marzo 1882).

Che cos’e’ Piazzolla? Come la Nazione di Renan essa non può essere limitata dai confini di un comune. Piazzolla e’ quel luogo dove i suoi abitanti condividono gli stessi momenti di vita e le stesse esperienze, giorno dopo giorno. I ricordi di un passato ed il quotidiano del presente rappresentano l’anima e il principio spirituale di una comunità.

Percorrendo via Parrocchia, andando verso Nola, è mai possibile cha a sinistra sono savianesi e a destra sono nolani? No cari lettori, i cittadini di quel luogo sono tutti Piazzollesi. Condividono gli stessi ricordi, hanno lo stesso passato, le stesse tradizioni, le stesse usanze, pregano nella stessa chiesa, comprano allo stesso supermercato e frequentano lo stesso bar. Identico discorso vale per via Costantinopoli, lato destro dopo l’incrocio, Montagnola, Crispi, Cazoni, contrade: Falco, Tommasoni, Sbardella (comune Saviano); contrade: D’Ascoli, Fragolesi, Giugliano (comune San Gennaro Vesuviano); Villa Albertini, dopo passaggio a livello (Ottaviano); Reviglione (Somma Vesuviana). Questo territorio, insieme a quello nolano, si chiama Piazzolla ed è il risultato di un lungo passato, costruito con sacrifici e dedizione, dai nostri Antenati.

Cari lettori questa è PiazzollaFutura che Noi immaginiamo e nella quale tutti ci riconosciamo.

di PiazzollaFutura

UNITAS DONA SEDIE A ROTELLE E APPARECCHIATURE ALL’OSPEDALE DI NOLA

L’Unitas Associazione dona al nosocomio nolano 20 sedie a rotelle e un’apparecchiatura al Reparto di Ginecologia.

Arrivano sedie a rotelle e apparecchiature all’Ospedale di Nola, grazie al progetto dell’Unitas Associazione chiamato “Adotta l’Ospedale” giunto, quest’anno, alla sua III° edizione. L’associazione presieduta da Antonio Laurino donerà infatti alla struttura ospedaliera 20 sedie a rotelle, che verranno distribuite nei diversi reparti, ma anche una particolare apparecchiatura al reparto di Ginecologia, il Palvi Ball, che aiuterà le donne durante il parto. L’acquisto delle sedie a rotelle e delle apparecchiature è stato possibile grazie alla tradizionale serata di beneficenza organizzata dall’Unitas Associazione che quest’anno ha visto la straordinaria partecipazione della città, quasi 700 persone che hanno partecipato al Teatro Umberto di Nola, e di artisti importanti del calibro di Nello Iorio di Made in Sud, che hanno sposato gratuitamente la causa. “Il nostro progetto, in tre anni, ha raggiunto dei livelli incredibili – ha dichiarato il presidente di Unitas Associazione – Quest’anno è riuscito a coinvolgere 700 persone che sono venute al Teatro Umberto, divertendosi e allo stesso tempo facendo beneficenza, oltre ad artisti importanti che hanno sposato la causa. L’obiettivo è quello di coinvolgere sempre più persone e quindi poter comprare sempre più apparecchiature per il nostro Ospedale. Ormai siamo diventati il loro punto di riferimento così come quello di molti cittadini e associazioni”.

Il progetto “Adotta l’Ospedale” dell’Unitas Associazione consiste nell’adottare l’ospedale della propria città attraverso donazioni e attività. Il primo anno l’associazione donò all’Ospedale televisori distribuiti nei diversi reparti, lo scorso anno, invece, fu donato al reparto di Pediatria della struttura ospedaliera un particolare macchinario che rileva i segni vitali dei bambini.

(red)

SAN PAOLO BELSITO, PENTASTELLATI IN CASERMA PER AVER RIPRESO IL CONSIGLIO COMUNALE

m5s spbIeri (5 maggio 2014, ndr) durante il consiglio comunale i due tizi in foto hanno ripreso la seduta pubblica e alcuni amministratori si sono infuriati. Io avevo in mano un cartello con scritto ‘vi sto riprendendo’ mentre Antonio riprendeva con il cellulare. Dopo qualche minuto il sindaco si accorge di ciò che sta accadendo e minaccia di denunciarci se continuiamo, dato che (a suo dire) abbiamo ‘oltrepassato qualsiasi limite di democrazia’ e ‘c’è una legge che tutela i consiglieri comunali’” – queste le parole diffuse dall’attivista del M5S Luigi Iovino.

Vicenda che è proseguita con l’interruzione del Consiglio Comunale, accompagnata dall’avvertimento ai Carabinieri circa la situazione in atto – “La seduta riprende e mentre continuiamo la ripresa arrivano i carabinieri. Subito veniamo indicati come ‘coloro che si ostinano a riprendere'”. I carabinieri chiedono se il consiglio sia a porte chiuse, cosa che non è. Nonostante ciò non ci impediscono di riprendere” – continuano le parole dell’attivista, invitato poi insieme ai suoi compagni a seguire le forze dell’ordine in caserma.

Così chiude il suo intervento – “Premettendo che abbiamo presentato richiesta per effettuare le riprese il 29 luglio 2013 e da allora nessuna risposta, nonostante ne avessimo fatte altre due in questi ultimi mesi, in base alla legislazione corrente è possibile riprendere le sedute aperte al pubblico avvisando i diretti interessati (come abbiamo fatto)”.

di Movimento Cinque Stelle – Attivisti di San Paolo Belsito

Navigazione articolo