ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “aprile 26, 2014”

NOLA. COMUNALI, LE LISTE

ECCO LE 16 LISTE DEFINITIVE DEI CANDIDATI ALLE COMUNALI DI NOLA

____________________________________

____________________________________

FORZA ITALIA BERLUSCONI PER BIANCARDI

CANDIDATO SINDACO: GEREMIA BIANCARDI

forza italia

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Allocca Patrizia Nola 08.08.1978
2 Barone Saverio detto Rino San Paolo B.to 03.04.1969
3 Cutolo Michele Nola 02.09.1961
4 De Luca Roberto Napoli 27.08.1963
5 De Lucia Enzo Nola 01.12.1966
6 De Sena Simona Avellino 03.05.1979
7 De Stefano Carmela Avellino 23.10.1984
8 Esposito Maria Nola 15.01.1978
9 Nappi Franco Nola 18.09.1958
10 Febbraro Florinda Pollena Trocchia 05.02.1992
11 Infante Giovanna Spilimbergo (PD) 16.08.1984
12 La Montagna Giuseppe Maddaloni 27.08.1993
13 Miccio Ines Nola 10.09.1963
14 Moccia Giancarlo Nola 20.11.1967
15 Napolitano Laura Nola 20.04.1966
16 Napolitano Nicola Nola 18.04.1963
17 Petillo Pasquale Nola 02.07.1970
18 Petrella Vincenzo Napoli 13.11.1961
19 Riccardi Filippo Nola 24.03.1950
20 Sebastiani Annalisa Avellino 02.06.1976
21 Siano Angelo Palma Campania 29.03.1965
22 Trinchese Cinzia San Paolo B.to 01.10.1978
23 Tufano Antonio San Gennaro V.no 07.10.1983
24 Velotti Giovanni Nola 05.09.1981

____________________________________

CENTRO DESTRA NOLANO BIANCARDI SINDACO

CANDIDATO SINDACO: GEREMIA BIANCARDI

cdn biancardi

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Annunziata Antonio Napoli 12.09.1965
2 Capasso Luigia Avellino 10.08.1989
3 Casa Anna Aversa 07.01.1991
4 Ciniglio Antonio Nola 23.01.1948
5 Ciullo Adelaide Napoli 07.03.1993
6 D’Avino Filomena Nola 26.07.1983
7 De Crescenzo Salvatore Mariglianella 21.09.1972
8 Di Maio Angela Pomigliano d’Arco 03.11.1966
9 Ferretti Marianna Napoli 21.11.1976
10 Galeota Pasquale Tufino 25.02.1973
11 Gelsomina Fiorenza San Giuseppe V.no 05.02.1979
12 Maddaloni Francesco Nola 01.07.1953
13 Maggio Francesco San Paolo B.to 23.07.1975
14 Manzi Antonio Nola 07.05.1958
15 Trinchese Agostino San Giuseppe V.no 23.10.1993
16 Mauro Raffaele Nola 24.03.1959
17 Moccia Rosa Napoli 17.08.1983
18 Napolitano Olimpia Pomigliano d’Arco 09.11.1982
19 Napolitano Vincenzo Nola 05.04.1964
20 Notaro Salvatore Nola 05.04.1972
21 Perna Ferdinando Pomigliano d’Arco 22.09.1970
22 Settembre Giovanni Pomigliano d’Arco 01.12.1983
23 Tramontano Giancarlo Napoli 03.11.1990
24 Vincenti Pietro Napoli 12.01.1955

____________________________________

SOCIALISTI RIFORMISTI LIBERALI HYRIA

CANDIDATO A SINDACO: GEREMIA BIANCARDI

hyria biancardi

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Tafuri Domenico Napoli 06.01.1967
2 Allocca Pasquale Cimitile 09.01.1956
3 Angora Salvatore Nola 14.12.1962
4 Arpaia Gianna Pompei 27.11.1977
5 Ascione Caterina Torre Ann.ta 17.12.1983
6 Bellobuono Domenico Nola 14.08.1973
7 Cece Fiorinda San Paolo Belsito 11.07.1975
8 Colucci Anna Cercola 20.01.1983
9 Coppeto Carmine Nola 27.05.1972
10 Crispino Carmine Casamarciano 21.10.1953
11 De Falco Raffaele Erasmo Saviano 02.06.1952
12 Della Pietra Francesco Napoli 08.07.1993
13 Di Domenico Letizia Mariglianella 07.07.1975
14 Giancone Vincenzo San Gennaro V.no 22.05.1992
15 Iovino Gelsomina San Paolo B.to 03.05.1979
16 La Manna Luigi San Paolo B.to 09.09.1985
17 La Magna Angelo San Giuseppe V.no 17.03.1970
18 La Marca Giuseppina Napoli 29.10.1982
19 Parisi Carmela San Paolo B.to 23.10.1979
20 Manfredi Arcangelo Saviano 04.02.1940
21 Nunziata Francesco San Giuseppe V.no 29.12.1992
22 Raiola Maria Boscoreale 08.12.1958
23 Scotta Filomena Avellino 30.10.1993
24 Silvestri Anacleto Nola 06.11.1986

____________________________________

UNITI PER IL TERRITORIO

CANDIDATO SINDACO: GEREMIA BIANCARDI

uniti per il territorio biancardi

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Alaia Regina San Paolo B.to 07.11.1971
2 Ambrosino Raffaele Salvatore San Gennaro V.no 13.01.1968
3 Cappiello Maria Ottaviano 26.08.1966
4 Cassese Gaetano Nola 06.05.1965
5 D’Ambrosio Raffaela San Giuseppe V.no 11.05.1981
6 De Falco Annalisa Pompei 10.12.1986
7 De Luca Felice Ottaviano 03.03.1987
8 Falco Ifigenia Saviano 16.03.1964
9 Giugliano Raffaele San Giuseppe V.no 29.07.1976
10 Liguori Biagio Napoli 05.06.1953
11 Maione Luigi San Gennaro V.no 12.08.1986
12 Marmolaro Giovanni Nola 13.04.1964
13 Martino Carla Avellino 16.08.1985
14 Mercadante Monica Maracaibo (Venezuela) 11.08.1975
15 Napolitano Francesco Nola 07.07.1977
16 Notaro Simona San Giuseppe V.no 28.10.1987
17 Palmese Michela Nola 14.11.1972
18 Pizza Carmine Caracas (Venezuela) 03.06.1970
19 Somma Giuseppina Sarno 30.01.1985
20 Mango Luigi Nola 21.01.1994
21 Petillo Angelo Avellino 20.06.1985
22 Vecchione Felice San Gennaro V.no 12.06.1987
23 D’Alessandro Alessandro Napoli 29.09.1976
24 La Marca Concetta San Giuseppe V.no 02.07.1990

____________________________________

Domenico Vitale Sindaco

____________________________________

NUOVO CENTRO DESTRA ALFANO – UDC

CANDIDATO SINDACO: DOMENICO VITALE

udc ncd vitale

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Balletta Rosa San Paolo B.to 17.02.1979
2 Barone Anna Maria San Paolo B.to 13.03.1986
3 Caccavale Erasmo Napoli 17.03.1959
4 Caliendo Veronica Avellino 28.06.1989
5 Castaldo Veronica Lauro 03.04.1968
6 Costa Rita Nola 15.12.1979
7 D’Ambrosio Giuseppe San Gennaro V.no 26.11.1975
8 Del Vecchio Vincenzo Nola 12.09.1955
9 Ferrara Rosa Napoli 27.07.1967
10 Foglia Alessia Avellino 28.09.1989
11 Iorio Giuseppe Pomigliano D’Arco 08.05.1967
12 Lo Vuolo Giovanni Avellino 10.10.1962
13 Lesce Maria Luisa Buccino 17.10.1958
14 Magliulo Romualdo Nola 05.08.1966
15 Meo Raffaele Reutlingen Germania 21.05.1970
16 Napolitano Prudenza Nola 15.08.1988
17 Parisi Raffaele Nola 29.03.1986
18 Pizzella Francesco Nola 23.06.1972
19 Santaniello Cosimo detto Peppino Nola 01.03.1956
20 Scala Carmela San Paolo B.to 06.02.1952
21 Tarantino Ilaria San Paolo B.to 21.06.1988
22 Tufano Francesco Avellino 01.07.1984
23 Vecchione Emma Nola 03.01.1981
24 Verani Alberto Avellino 16.02.1981

____________________________________

FRATELLI D’ITALIA ALLEANZA NAZIONALE

CANDIDATO SINDACO: DOMENICO VITALE

fratelli d'italia an vitale

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Arvonio Mario Nola 28.08.1994
2 Barone Salvatore Nola 11.05.1966
3 Caccavale Marianna Avellino 02.03.1983
4 Campagnuolo Francesco Pollena Trocchia 03.01.1986
5 Carbone Maria Grazia Nola 02.02.1977
6 Castelfelice Giovanni Nola 30.09.1981
7 Cestineto Gaetano Daniele Nola 27.05.1992
8 Colonia Vincenzo Torre del Greco 19.02.1973
9 Giugliano Giovanni detto Long John Nola 08.10.1980
10 Lanzara Angela San Paolo B.to 26.05.1988
11 Lepide Gelsomina detta Gelso Nola 06.08.1993
12 Lepide Maurizio San Paolo Belsito 20.04.1980
13 Liquori Erasmo Sarno 25.02.1993
14 Minieri Vincenza detta Cinzia Nola 07.06.1984
15 Montanino Salvatore San Paolo B.to 01.12.1977
16 Napolitano Leonardo detto Leo Nola 08.09.1982
17 Olivieri Lucia San Paolo B.to 26.02.1988
18 Provvisiero Domenico San Giuseppe V.no 28.03.1985
19 Vassallo Giuseppina detta Pina Pomigliano D’Arco 14.07.1983
20 Vitale Mariangela San Gennaro V.no 28.12.1983
21 De Sena Giovanni Nola 30.06.1957
22 Vacchiano Antonio Pomigliano D’Arco 04.12.1977
23 Cocozza Enzo Nola 03.06.1967
24 Coti Saverio Avellino 25.01.1987

____________________________________

DIRITTI E LIBERTA’ – CENTRO DEMOCRATICO

CANDIDATO SINDACO: DOMENICO VITALE

cd vitale

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Avella Ada Nola 11.10.1988
2 Curcio Irene Nola 19.07.1985
3 Di Giuseppe Fatima Assunta Napoli 15.08.1967
4 De Pascali Maria Cristina Nola 24.04.1984
5 De Stefano Rosa Napoli 19.02.1971
6 Gallinaro Paolo Napoli 30.06.1986
7 Iorio Antonio Nola 29.03.1985
8 Liccardi Roberto Avellino 03.07.1985
9 Menna Concetta Anna Rochester (U.S.A.) 02.06.1973
10 Napolitano Antonetta Cicciano 02.04.1940
11 Napolitano Maria Cimitile 19.08.1956
12 Pignatelli Teresa Nola 03.06.1977
13 Raiola Giovanni Nola 23.02.1967
14 Sabia Rosa Salerno 26.05.1981
15 Rozza Luciano Napoli 26.06.1978
16 Vecchione Luigi Nola 04.07.1963

____________________________________

NOLA MIA VITALE SINDACO

CANDIDATO SINDACO: VITALE DOMENICO

nola mia vitale

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Alfani Amalia San Gennaro V.no 09.01.1984
2 Avella Marilena Nola 18.11.1990
3 Aveta Adriana Asmara (ETI) 02.01.1955
4 Balletta Carmela Pomigliano d’Arco 02.09.1973
5 Campitiello Rosanna Nola 29.05.1961
6 Cozzolino Anna Nola 19.12.1970
7 De Sena Domenico Nola 11.08.1960
8 Desiderio Alfonsina Avellino 17.08.1983
9 Giannini Carlo Nola 09.10.1980
10 Mautone Giuseppina Pomigliano D’arco 11.03.1964
11 Mercogliano Felice Nola 12.12.1987
12 Napolitano Pia Maria Nola 24.09.1934
13 Petillo Alberto Nola 09.03.1965
14 Restaino Antonio Casamarciano 26.05.1973
15 Vitale Michela Avellino 13.07.1986
16 Parisi Raffaele Nola 15.03.1954

____________________________________

Mariafranca Tripaldi

____________________________________

PD – CITTA’ VIVA

CANDIDATO SINDACO : MARIA FRANCESCA TRIPALDI

pd città viva tripaldi

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Napolitano Gianluca Avellino 27.03.1983
2 Avella Carmine Nola 19.03.1974
3 Amoruso Giacomina (detta Mina) Salerno 02.01.1964
4 Casertano Rosa Nola 16.10.1984
5 Cassese Carolina San Paolo B.to 30.06.1985
6 Curion Vincenzo Nola 12.04.1978
7 De Lucia Roberto Napoli 15.07.1975
8 Di Riso Vincenzo Napoli 24.05.1970
9 Faiella Sonja Nola 20.08.1972
10 Iovino Annamaria Nola 02.01.1969
11 Manzi Elena Ottaviano 18.06.1968
12 Marone Luisa Lauro 25.03.1952
13 Mauro Luigi Nola 11.01.1958
14 Meo Andrea San Paolo B.to 04.04.1967
15 Napolitano Angelo San Gennaro V.no 07.12.1972
16 Napolitano Nicola Avellino 15.08.1983
17 Napolitano Raffaele Nola 14.06.1979
18 Pesapane Mariagabriella Nola 19.06.1966
19 Polito Boccieri Valentina Nola 10.04.1976
20 Romano Margherita Nola 15.06.1981
21 Ruggiero Agostino Nola 08.09.1957
22 Saulino Mariangela San Paolo B.to 06.01.1979
23 Sorrentino Paolo Avellino 09.11.1984
24 Graziano Andrea Casamarciano 27.01.1952

____________________________________

IO STO CON LA TRIPALDI SINDACO

CANDIDATO SINDACO: MARIA FRANCESCA TRIPALDI

io sto con la tripaldi

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Bruno Umberto Nola 11.09.1954
2 Bussone Paolino Nola 08.01.1978
3 Cassese Francesco Nola 10.09.1980
4 Chiacchiaro Francesco Napoli 24.09.1980
5 Ciniglio Angelo Michele Pomigliano D’Arco 28.03.1974
6 De Falco Silvana Pomigliano D’Arco 05.09.1969
7 Della Pietra Vincenzo Scafati 28.02.1985
8 De Martino Daniela Napoli 04.06.1977
9 Di Palma Giuseppe Nola 06.08.1982
10 Forino Carla Nola 16.11.1949
11 Giugliano Aniello Nola 11.11.1956
12 Greco Domenico Avellino 05.07.1984
13 La Marca Marco Avellino 08.04.1989
14 La Marca Michela San Giuseppe V.no 15.06.1976
15 Narni Mancinelli Emma Cagliari 10.03.1948
16 Natalizio Felice San Paolo B.to 17.09.1974
17 Pierno Antonio Avellino 30.05.1970
18 Porcelli Vincenzo San Felice a C.llo 02.06.1984
19 Romano Clorinda Ottaviano 14.11.1976
20 Scotti Antonio Nola 17.08.1992
21 Spera Francesco Nola 30.07.1992
22 Tardivo Monica San Gennaro V.no 02.12.1975
23 Tenore Franca Maria Nola 28.02.1967
24 Vitale Maria San Paolo B.to 05.11.1978

____________________________________

RIFORMISTI PER NOLA

CANDIDATO SINDACO: MARIA FRANCESCA TRIPALDI

riformisti per nola tripaldi

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Boccia Lucia Roma 16.05.1970
2 D’Elia Giuseppe Nola 03.09.1967
3 De Angelis Giuseppina Sant’Agnello 27.12.1965
4 Dell’Anna Giuseppe Napoli 29.01.1956
5 De Stefano Agostino Filippo Moreno (Argentina) 18.04.1962
6 De Vito Giuseppe Ottaviano 19.04.1980
7 Dercenno Silvana Sant’Antonio Abate 30.09.1965
8 Ferrara Elia Nola 26.09.1984
9 Giorgio Nicola Nola 25.01.1994
10 Giugliano Anna Pompei 26.12.1975
11 Grillo Francesco Caserta 25.08.1977
12 Liberti Giovanna Nola 28.11.1982
13 Maccaro Franco Nola 02.08.1973
14 Malagnino Felice Avellino 07.01.1984
15 Musto Nicola Pomigliano D’Arco 24.03.1977
16 Mauro Cristina Caserta 06.11.1992
17 Nappi Antonio San Gennaro V.no 22.02.1994
18 Scotta Paolino Bari 17.09.1982
19 Trinchese Angelo Pomigliano D’Arco 30.10.1977
20 Varriale Mariacostantina Napoli 31.07.1957
21 Vetere Maria Piano di Sorrento 23.04.1986
22 Vivolo Maria Bagnoli Irpino 29.05.1959

____________________________________

arturo cutolo

____________________________________

Più Nola Arturo Cutolo Sindaco

CANDIDATO SINDACO: ARTURO CUTOLO

più nola cutolo

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Iovino Vincenzo Nola 14.07.1980
2 Ambrosino Patrizia Nola 14.03.1990
3 Annunziata Valentina Nola 04.11.1982
4 Chiaravalle Ciro Nola 16.02.1973
5 D’Angio’ Francesco Nola 19.04.1989
6 D’Apuzzo Valentina Nola 11.06.1992
7 De Falco Vincenzo Nola 12.05.1964
8 Di Maggio Antonio Nola 30.12.1972
9 Greco Gaetano Nola 04.08.1963
10 Maccaro Fortuna Cimitile 18.11.1962
11 Maddaloni Luana San Paolo B.to 29.01.1987
12 Morisco Antonio Nola 11.04.1990
13 Parisi Angela Nola 23.07.1991
14 Rizzo Giuliana Napoli 10.01.1966
15 Romeo Franca San Gennaro V.no 01.04.1986
16 Ruggiero Sebastiano Avellino 12.12.1989
17 Russo Michele Nola 13.04.1994
18 Scanzani Orsola Pomigliano d’Arco 06.01.1974
19 Prevete Roberto Cimitile 06.04.1963
20 Grasso Andrea San Paolo B.to 04.05.1979
21 Vacchiano Rina Avellino 26.10.1988
22 Dario Paolino Nola 13.04.1959
23 Talese Anna Nola 08.08.1972
24 Vecchione Giuseppe Nola 01.08.1965

____________________________________

LAVOR in CORSO Nola

CANDIDATO SINDACO: ARTURO CUTOLO

lavor in corso cutolo

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 La Marca Giovanni Napoli 14.04.1960
2 Auletta Paolino Nola 26.11.1993
3 Auricchio Pasquale Sarno 09.08.1980
4 Coppola Carolina Pomigliano D’Arco 17.07.1964
5 Corcione Mario Ottaviano 15.01.1964
6 D’Ascoli Carmine Ottaviano 28.10.1973
7 De Luca Vincenza Torre del Greco 23.11.1984
8 Di Domenico Felice Nola 28.01.1966
9 Farina Vincenzo Nola 07.07.1993
10 Giugliano Ferdinando Nola 20.10.1982
11 Innarelli Raffaele Benevento 03.02.1995
12 Mascia Angelo Gerardo Nola 20.10.1970
13 Mazzocchi Giovanni Nola 05.05.1963
14 Mistico Giuliana Napoli 28.04.1977
15 Nappi Claudio San Paolo B.to 09.02.1971
16 Pescione Filomena Avellino 03.10.1987
17 Simonetti Anna Sarno 25.05.1987
18 Tufano Luigi San Giuseppe V.no 31.03.1992
19 Maselli Isabella Ottaviano 25.05.1995
20 Visone Filomena San Gennaro V.no 19.03.1991

____________________________________

ALTERNATIVA NOLANA

CANDIDATO SINDACO: ARTURO CUTOLO

alterntiva nolana cutolo

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Manganiello Domenico San Paolo B.to 15.07.1976
2 Ambrosino Anna Nola 07.03.1996
3 Ambrosino Fioravante Benito Nola 29.12.1985
4 Biagione Annapina Capua 08.02.1980
5 Bottiglieri Maria Nola 21.01.1984
6 Canfora Francesco Nola 30.09.1989
7 Caputo Assunta Nola 03.08.1974
8 Esposito Maria Sabrina Pollena Trocchia 15.07.1991
9 Fiordellisi Maria Avellino 06.03.1991
10 Forino Maria Nola 05.03.1984
11 Lieto Iolanda Pollena Trocchia 14.05.1991
12 Marotta Santolo Pomigliano D’Arco 10.03.1970
13 Milo Ivan Napoli 17.08.1985
14 Napolitano Angelo San Gennaro V.no 12.01.1993
15 Napolitano Felice Nola 18.07.1985
16 Nappi Felice Napoli 24.07.1964
17 Russo Vincenzina Avellino 15.08.1968
18 Oliviero Milena Nola 08.05.1982
19 Pariota Valentina Nola 28.05.1972
20 Pica Paolina Napoli 22.02.1992
21 Simonetti Pietro Nola 20.01.1981
22 Tizzano Paolino Nola 14.07.1950
23 Trinchese Giovanni San Paolo B.to 26.01.1972
24 Maio Carmine Napoli 30.09.1973

____________________________________

franco ambrosio

____________________________________

NOLA AI NOLANI AMBROSIO SINDACO

CANDIDATO A SINDACO: FRANCESCO AMBROSIO

nola ai nolani ambrosio

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Giannini Raffaele detto “Lello” San Paolo B.to 10.04.1968
2 Alfieri Anna Napoli 03.08.1995
3 Amodeo Ciro Giulio Napoli 28.02.1991
4 Amodeo Filomena Quadrelle 08.04.1963
5 Barone Tommaso Pomigliano D’Arco 10.04.1971
6 Benevento Maria Rosaria Napoli 13.10.1979
7 Caccavale Caterina Nola 16.03.1954
8 Caccavale Maria Antonietta Nola 01.01.1949
9 Celentano Luisa Casoria 29.03.1968
10 D’Antonio Giuseppe Nola 30.12.1951
11 Iovino Sergio Nola 05.01.1985
12 Napolitano Anna Flora Saviano 19.05.1958
13 Napolitano Carmine Nola 21.03.1983
14 Rea Francesco Sant’Anastasia 02.04.1972
15 Romano Pierluigi Napoli 25.08.1968
16 Rozza Saveria Nola 03.10.1958
17 Russo Michele Marigliano 02.01.1966
18 Tarantino Paolo San Paolo B.to 11.09.1960
19 Trombetta Antonietta Napoli 21.05.1978
20 Vecchione Simona Scafati 25.06.1988

____________________________________

armando vallone

____________________________________

MOVIMENTO CINQUE STELLE – BEPPEGRILLO.IT

CANDIDATO A SINDACO: ARMANDO VALLONE

m5s vallone

CANDIDATI

Prog. Cognome e Nome Luogo e data di nascita
1 Filippone Giulio Felice Avellino 01.04.1981
2 Sibilio Federica Avellino 01.01.1986
3 Di Lauro Gennaro Nola 26.11.1979
4 Vatiero Gaetano Nola 26.04.1983
5 Avella Paolino Avellino 28.06.1981
6 Schettino Annalisa San Paolo B.to 06.07.1978
7 Trinchese Giovanna Angela Serena San Gennaro V.no 24.06.1981
8 Tarallo Giuseppe Napoli 21.08.1982
9 De Sena Antonella Avellino 24.02.1992
10 Marotta Santolo Nola 05.09.1985
11 Raiola Andrea Nola 31.07.1960
12 Iodice Mariano Napoli 26.10.1981
13 Napolitano Carmela Pomigliano D’Arco 25.05.1991
14 Furino Leonardo Napoli 15.12.1984
15 Mattiello Lorenzo Pomigliano D’Arco 28.06.1979
16 Parisi Massimo Avellino 22.02.1986
17 Russo Gelsomina Rosanna Maria Cicciano 17.05.1950

____________________________________

(red)

Fonte: Ufficio Elettorale Comunale – SIC

NOLA. LA “JUNGLA” DELLE PLANCE PUBBLICITARIE

Gli spazi pubblicitari, normalmente utilizzati per la pubblicità commerciale, a causa del mancato montaggio dei tabelloni elettorali, a liste oramai presentate, sono stati occupati dai candidati per le amministrative del 25 maggio. Uno spettacolo indecoroso.

Per la verità la comparsa dei “volti” elettorali sulle mura della città risale a circa un mese fa. Tante polemiche ma alla fine tutto sembra rientrato nella norma, stante il silenzio degli organi preposti al controllo. La gara a procedura negoziata a mezzo cottimo fiduciario per l’affidamento del servizio di allestimento dei 38 seggi elettorali, del montaggio, manutenzione e smontaggio dei tabelloni di propaganda elettorale, è stata pubblicata all’albo pretorio del comune di Nola il 20 aprile scorso con determina n. 43 del 18 aprile 2014 per un importo di 16 mila euro. Ad oggi non si capisce se è stata espletata, anche se il dirigente agli Affari generali, Paolino Santaniello, assicura che è tutto pronto e al massimo entro lunedì 28 aprile, i tabelloni e gli spazi elettorali saranno a disposizione dei partiti e movimenti presenti alla competizione elettorale amministrativa.

La mancanza di un censimento delle plance pubblicitarie per il comune di Nola, confermataci anche dall’ufficio affissioni dell’ente locale, genera malintesi e confusione nel settore. In questo ultimo mese più volte il servizio è stato oggetto di polemiche. Un intervento degli organi preposti appare quanto mai necessario per normalizzare una situazione che da anni vive nell’assenza di regole certe, tanto è vero che, in particolare negli ultimi tempi, capita spesso di vedere su molti manifesti (raramente su quelli elettorali) la fascetta con la dicitura “AFFISSIONE ABUSIVA” per non aver pagato non solo i diritti di affissione ma anche per avere affisso sulla plancia sbagliata. Proprio così, perché a Nola ci sono tre tipi di plance pubblicitarie, di cui una di proprietà comunale (la minoranza) e due date in concessione alle agenzie di pompe funebri ed a privati. Sia ben chiaro, i diritti di affissione comunque vanno pagati, a prescindere dalla natura delle plance. Se a tutto questo poi ci aggiungiamo la problematica della cartellonistica, la situazione diventa paradossale.

di ra.na.

BAIANO. IL “SALOTTO” DI POETESSE E POETI ALL’“INCONTRO”

Composizioni in lingua madre e in vernacolo napoletano, declamate ed interpretate con fine dizione. Una giostra di emozioni, sentimenti e voci, con intervalli canori di Sonia de Francesco. Bella cornice di uditorio attento e coinvolto nell’iniziativa, che ha inaugurato la sezione letteraria e storiografica del sodalizio socio-culturale di via Luigi Napolitano.

S’é trasformata in una gradevole agorà, la sala centrale del Circolo socio-culturale de L’Incontro per il primo appuntamento del programma “Salotti di poesia”, la cui ideazione si deve ad Enzo Barone; programma, che rientra nelle attività della sezione letteraria e storiografica del sodalizio di via Luigi Napolitano.

Ad animarlo, quali da impeccabili “padrone di casa”, cinque donne, con distinte esperienze di quotidianità nel lavoro, da quello in fabbrica in Fiat a quello nella scuola o di casalinga tra le pareti domestiche, al di là delle stringenti responsabilità di madri di famiglia. E con loro, due altri “padroni di casa”, un libero professionista ed un pensionato, l’uno e l’altro padri di famiglia. Sette persone, accomunate dalla tenace e fervida passione per il verseggiare, che si nutre, arricchisce e lievita con le relazioni interpersonali, fiorite nella smisurata rete-web, con i connessi illimitati orizzonti. Autrici ed autori, che vantano interessanti pubblicazioni e positivi riconoscimenti in concorsi di prosa, poesia ed arte varia, in città italiane e all’estero.

Lucia Gaeta, Marina Villani, Maria Ronca, Rosa Ruggiero e Sonia de Francesco, Giovanni Moschella ed Enzo Barone hanno letto e declamato componimenti poetici della loro produzione, presenti in testi editi di recente e proposti anche alla “Giornata mondiale del libro”, svoltasi nel Circolo della stampa, ad Avellino, qualche settimana fa. Ed è il caso di Giovanni Moschella, commercialista e giornalista-pubblicista, versato nell’interpretazione teatrale, residente ad Avellino, ed è originario di Atripalda.

Una sequenza di testi, in lingua italiana, oltre che in vernacolo napoletano, contaminato da tonalità e flessioni di matrice irpina, per cinque tornate, in cui si sono alternate le voci poetanti di autrici e autori, con la coordinazione del professore Carmine Montella. Una gamma variegata di effusioni e di emozioni, distillando il senso di personali esperienze come del rapporto con la realtà e gli altri. Poetesse e poeti… per diletto, come si è detto nella presentazione del “Salotto”, ma con l’indubbia impronta dell’autenticità e della semplicità senza accampare e rivendicare particolari attribuzioni di letterarietà; impronta pervasa dal solo ed unico desiderio di comunicare il proprio sentire e pensare in versi. Un modo di de-cifrare la vita attraverso la magìa delle parole, così come il cuore… detta nell’immediatezza.

La natura, la bellezza del paesaggio e gli oltraggi che subisce, il bel mare di San Severo di Foggia e di Manfredonia, gli arcigni Monti d’Irpinia, ammantati di verde intenso e forte, le finestre aperte sulla pianura nolana, con riferimento a Polvica, per il versante amministrativo di San Felice a Cancello, le varie forme di violenze che hanno patito – e patiscono – le donne fino al femminicidio ed altri temi sono stati i fili della trama del “Salotto”, onorato dalla presenza di un attento e folto uditorio. Tanti momenti, filati veloci per circa due ore ed intervallati da passaggi canori della bella voce di Sonia de Francesco e dalle… punte di briosa ironia di Lucia Gaeta, all’insegna della napoletanità… Made in Avellino.

A suggello, la consegna dei diplomi di benemerenza e di ringraziamento alle protagoniste e ai protagonisti del “Salotto di poesia”. Era fatta dal presidente del Circolo, il professore Gianni Amodeo.

Ed è già in cantiere il secondo appuntamento dei “Salotti di poesia”, tra qualche mese.

(red)

OBIETTIVO APERTO. VENTI ANNI FA L’ISTITUZIONE DEL TRIBUNALE, A PALAZZO ORSINI

L’ESERCIZIO DELLA GIURISDIZIONE DELL’AREA NOLANA E VESUVIANA PRESIDIO DI LEGALITA’ NEL CONTRASTO ALLA CRIMINALITA’ ECONOMICA E AMBIENTALE.

14 aprile 1994 \ 14 aprile 2014

Un arco temporale di 20 anni. E il bilancio di servizio pubblico a presidio della legalità e della sua affermazione, svolto dal Tribunale di palazzo Orsini sui territori dei 34 Comuni dell’area nolana e vesuviana, che rientrano nell’esercizio della sua giurisdizione per una popolazione di 600 mila abitanti, può ritenersi congruo e rispondente alle istanze del senso dello Stato; istanze, condizionate e poste costantemente a rischio e, persino, svilite, specie tra gli anni ’70 e ’90 del secolo scorso, dai poteri dei sodalizi della criminalità economica, con i supporti di clan “militarmente” strutturati, tanto da costituire, nel loro complesso, un sistema particolarmente invasivo ed aggressivo verso il bene comune e la normale civile convivenza, permeando di sé anche e soprattutto parti delle istituzioni e delle amministrazioni locali. Un sistema debellato nelle sue proiezioni più dirette e pervasive, come attestano i “colpi” inferti ai sodalizi criminosi dominanti d’un tempo, da quello degli Alfieri a quello dei Russo, da quello dei D’Avino a quello dei Foria e via proseguendo.

E’ il bilancio, in cui si collocano le importanti e significative attività di contrasto e prevenzione sia verso la criminalità ambientale sia verso la criminalità dell’abusivismo edilizio, soprattutto di matrice speculativa, ponendo un argine ai molteplici guasti già prodotti sui territori, come quelli che rientrano nell’ambito del Parco nazionale del Vesuvio, per finire all’eclatante caso del quartiere costruito interamente fuori legge, in località Casa Rea, a Casalnuovo. Territori, segnati da cementificazioni selvagge, stante la “debolezza” – voluta ed imposta, non fa differenza – delle amministrazioni comunali, nel “disciplinare” e tutelare il governo urbanistico ed edilizio dei territori con adeguati strumenti di pianificazione, efficacemente fatti osservare. E alle amministrazioni affette da… cecità si sono associati partiti, senza nessuna esclusione, e politica, con pari ed acuta cecità.

C’è di più. Le inchieste, che gli Uffici della Procura della Repubblica hanno sviluppato nei trascorsi venti anni, evidenziano una linea di continuità metodica, incalzante per la puntualità d’intervento nel reprimere la criminalità ambientale, facendo emergere, nella piana di Boscofangone, già nella seconda metà degli anni ‘90 la drammatica e devastante portata degli alti picchi del disastro-rifiuti perpetrato, “anticipando” e prefigurando nelle connotazioni più gravi quell’inquietante scenario, “raccontato” dalla cronaca più recente, al cui centro é la contigua Terra dei Fuochi, comprensiva di 57 territori comunali, con una popolazione di oltre un milione di abitanti, tra l’area provinciale di Napoli e quella di Caserta, ben connesse da infrastrutture viarie ed autostradali, provinciali e interregionali, come l’asse mediano e l’A-16.

Né va sottaciuto che le stesse ragioni, recepite, qualche anno fa, dal diritto positivo, per sanzionare – almeno – penalmente il trasporto illecito dei rifiuti tossici, pericolosi e speciali indifferenziati, trovano le loro radici anche nelle inchieste della Procura della Repubblica di Nola, calibrate sul cosiddetto “Triangolo della morte”, NOLA-MARIGLIANO-ACERRA. Sono le inchieste, le cui risultanze hanno squadernato il primo, grande capitolo dello stupro e dello scempio delle matrici ambientali, fatto consumare nel silenzio e per decenni, con il traffico dei rifiuti industriali, tossici e nocivi, o speciali, “intombati” in cave dismesse e in suoli di diretto controllo eco-mafioso. E va detto che il trasporto illecito dei rifiuti era sanzionato – prima della conclusione delle inchieste accennate – con la semplice contravvenzione amministrativa di qualche centinaia di migliaia delle lire del vecchio corso. Come a dire un bicchiere d’acqua fresca… per i gestori del “sistema criminoso” del trattamento fuori-legge dei rifiuti, moltiplicatore di ricchezza nei flussi protrattisi nel tempo come “normale affare” e, ancor più, nelle situazioni emergenziali, che hanno investito il territorio regionale nella prima parte del decorso decennio.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

L’istituzione del Tribunale ha certamente una marcata e prestigiosa valenza per Nola, conferendo alla città una funzione di profilo istituzionale rispetto al territorio di riferimento, come se fosse stato un titolo di compensazione, per la perdita delle funzioni, che aveva avuto e collegate con istituzioni statali, quali erano gli Uffici finanziari e il Distretto militare. E quest’ultimo, per un secolo, aveva avuto una sua logica di servizio, fino al secondo conflitto mondiale.

Ma si inserisce anche e soprattutto in una visione più organica e coerente, che lo Stato, a cavallo degli anni ’80 e degli anni ’90 del secolo scorso, assume e il Parlamento interpreta, facendo proprie le domande della politica, per strutturare sui territori l’esercizio della giurisdizione civile, penale e del lavoro con adeguate modalità di efficacia e di efficienza, nel segno della razionalità dell’amministrazione della giustizia, a fronte delle profonde ed ormai consolidate trasformazioni delle comunità del territorio, dalla dimensione rurale, di auto-consumo e commerciale, con i fiorenti mercati del bestiame e dell’ortofrutta, a quella dei servizi e del terziario avanzato, con gli insediamenti che hanno determinato successivamente la formazione del Distretto della logistica nella zona-Asi di Boscofangone, tra le meglio attrezzate del Mezzogiorno e dell’intero sistema-Italia.

E’ la visione, che, più in generale, é avvertita nelle realtà del Mezzogiorno, in cui la mappa giudiziaria presenta strani e bizzarri “pieni” con presidi di legalità, in territori del tutto tranquilli sul piano sociale, oltre che scarsamente popolati, e tanti “vuoti”, in cui la criminalità si è trasformata e strutturata sia negli assetti di “pressione” sul contesto sociale, sia nelle ramificazioni dell’economia illegale, con il controllo, fino a condizionare direttamente o indirettamente le scelte delle amministrazioni comunali, le attività d’impresa e via seguendo. Le stesse storie degli “scioglimenti” di migliaia di amministrazioni locali, per la subordinazione ai condizionamenti delle mafie nel giro degli ultimi quarant’anni, ne sono la testimonianza parlante. E sono “solo” le storie consegnate alle “carte” degli archivi giudiziari e dello Stato. Al netto di altre analoghe storie, “miracolate” rispetto all’intervento della legge.

E’ il contesto temporale – quello tra gli anni ’80 e ’90 – in cui la legislazione anti-mafia, che aveva preso forma e sostanza, con la legge La Torre-Rognoni, “licenziata” negli anni ’60, si rivela, se usata con il necessario rigore, valido strumento di prevenzione e repressione della criminalità economica, colpendo il cuore della ragion d’essere delle mafie, costituita dall’acquisizione della ricchezza in tutte le forme praticabili contro la legge, lo Stato e la società. E’ la validità, che si proietta con pari efficacia ed incisività nella legislazione, che fissa a carico delle imprese “in odore di mafia” il divieto assoluto di avere rapporti con le pubbliche amministrazioni per appalti e forniture. E’ la legislazione della cosiddetta interdizione anti-mafia, messa a punto, per frenare e contenere quella spirale di corruttele, ch’é correlata al perverso intreccio speculativo ed affaristico, che troppo spesso si è innescato tra imprese-criminalità economica-potere politico-amministrazioni comunali. E’ la spirale, che, albergando nei “palazzi”, ha prodotto illimitati arricchimenti fuori-legge, soprattutto sulla scia della pioggia di miliardi di vecchie lire, seguita al dopo-terremoto dell’80, nella giostra degli appalti e dei sub-appalti per lavori pubblici di notevole valore economico, realizzati con le modalità di ribassi fuori-mercato, in grado, però, di garantire ai clan di mafia e camorra profitti ingenti, attraverso società ed imprese di “comodo”. Un campo di illegalità, che finalmente comincia ad essere bonificato, con l’applicazione delle misure d’interdittiva anti-mafia, restituendo spazi di agibilità alle società e alle imprese dell’economia legale.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

In questo scenario si colloca – in quegli anni – l’istituzione in Campania sia del Tribunale di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, in esercizio nel 1993, sia dei Tribunali di Nola e di Torre Annunziata, nell’Area metropolitana di Napoli, nel 1994. E per la stessa Area metropolitana, inclusiva di parte della provincia di Caserta appena lo scorso settembre, nel castello aragonese, è stato attivato il Tribunale di Aversa, a servizio del vasto circondario intercomunale di Napoli-Nord.

Lo scarto, in particolare, di un anno per l’apertura del Tribunale della città bruniana rispetto a quella di Nocera Inferiore fu dato dagli esiti della ricognizione dei tecnici del Ministero di Giustizia. Una ricognizione, che attestò i limiti di assetto logistico, che presentava il palazzo Orsini, la reggia dell’omonimo potentato feudale, che governò la Contea nolana tra il ‘400 e il ‘500. Era necessario realizzare una serie di interventi per l’adeguamento di ambienti e spazi, per garantire l’operatività normale degli uffici giudiziari. Un programma d’interventi, fatti realizzare dall’amministrazione comunale, con tempestività e sotto il diretto controllo delle competenti autorità ministeriali, in modo da garantire l’apertura ufficiale del Tribunale. Ed il 14 aprile del 1994 il Palazzo di giustizia di piazza Giordano Bruno apriva i battenti, in aderenza al “primo via libera” della legge istitutiva, “licenziata” il 16 luglio del 1991 dalla Commissione giustizia della Camera dei deputati con successiva convalida – l’8 gennaio del 1992 – della Commissione giustizia del Senato, mentre l’approvazione definitiva si registrò l’11 febbraio dello stesso anno. Fu sancita alla Camera dei deputati dalla Commissione giustizia in sede legislativa. E relatore fu l’on. Giuseppe Gargani, parlamentare della Dc, eletto nell’allora circoscrizione di Avelino-Benevento-Salerno.

Un ruolo politico di particolare impegno per l’attivazione degli Uffici giudiziari a Nola fu, tuttavia, esercitato dal senatore pro-tempore del Collegio, Vincenzo Meo, già segretario amministrativo provinciale della Democrazia cristiana di Napoli, negli anni ’80. Un ruolo, che il parlamentare seppe connettere con il programma di recupero, restauro e ripristino funzionale del mega-complesso dell’ex-caserma del ’48, in piazza d’Armi, destinato ad ospitare la Cittadella giudiziaria del territorio, mentre la sede di palazzo Orsini… doveva avere carattere di provvisorietà per la durata di un quinquennio. Provvisorietà, protrattasi a tutt’oggi, con prosieguo… garantito per i prossimi anni, considerate le ristrettezze economiche dello Stato e la stringente politica di spending review da realizzare.

In realtà, il cantiere dei lavori per la Cittadella giudiziaria fu attivato, grazie al corposo finanziamento di 20 miliardi di ex-lire, disposto a favore dell’Ente di piazza Duomo dal Ministero di Giustizia, con progettazione e gestione dell’intero programma d’interventi, affidato alla facoltà d’Ingegneria dell’Università Federico II e la coordinazione della Soprintendenza dei beni artistici, archeologici, ambientali e storici di Napoli. Gli “interni”, i vasti ambienti, corridoi e saloni, il galoppatoio, come dire l’intero corpo e l’assetto strutturale dell’ex-caserma seicentesca sono stati riqualificati e restaurati. E, per capire la portata dell’intervento, basterà indicare un solo… eloquente dettaglio: per il ripristino integrale e filologico delle volte è stato impiegato oltre un milione di pietre tufacee, estratte dalle cave di Pianura. Ulteriore dettaglio sulla qualità dell’intervento: le malte utilizzate per il ripristino-restauro riproducono le modalità di realizzazione del ‘600.

Ma il cantiere é bloccato da oltre sette anni fa. Inutile ribadirlo: mancano i finanziamenti pubblici. Come che sia è importante che gli Uffici giudiziari di palazzo Orsini e dislocati in città, ad onta delle difficoltà di organico e quant’altro, assolvano la loro funzione nel presente e nel futuro, proseguendo sulla scia dei venti anni di attività appena compiuti, al servizio del territorio, per la sicurezza urbana e sociale, oltre che delle tutele dell’economia produttiva e legale.

di Geo

Navigazione articolo