ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “aprile 10, 2014”

NOLA. COMUNALI, ANTONIO MAURO (NUOVO PSI) INTERVIENE SULLA RINUNCIA DELLA CANDIDATURA A SINDACO DEI MODERATI DI PAOLINO SANTANIELLO

tavolo spaccato comune nolaAncora viva è la meraviglia in Città per il ritiro dalla coalizione dei moderati della lista civica “Rinascita Nolana” e della pausa di riflessione del Nuovo PSI.

A chiarire la situazione su quanto accaduto è Antonio Mauro, referente della lista del Nuovo PSI. “Per la verità – esordisce Mauro – sono rimasto abbastanza deluso per le modalità che hanno portato alla rinuncia di Paolino Santaniello e la messa in campo di Domenico Vitale. Un progetto, la candidatura di Paolino Santaniello, nato più di anno fa. Aldilà della parentela, avevamo pensato che era la persona capace di aggregare e soprattutto essendo conoscitore delle inefficienze del palazzo potesse dare quella marcia in più per rendere più efficace ed efficiente l’azione amministrativa, negli ultimi tempi molto approssimata, inadeguata e senza futuro. Durante questo anno – continua Mauro – ci sono stati numerosi incontri e confronti sul tema. Non nascondo che abbiamo rinunciato, volutamente perché impegnati e soprattutto perché credevamo nel nostro progetto di alternativa all’attuale amministrazione, anche a richieste di candidature a sindaco, per mio fratello Felice, il quale coerentemente ha rifiutato, provenienti da altre forze politiche”.

Arriviamo alla riunione della coalizione dei moderati dove è stato nominato il candidato sindaco Domenico Vitale.

“Una persona per bene – continua Mauro – nulla quaestio sulla sua persona, ma ribadisco le modalità che hanno portato alla rinuncia di Paolino Santaniello e alla nomina di Domenico Vitale imponevano una riflessione temporale e seria, vista l’importanza dell’argomento. Purtroppo così non è stato, essendosi il tutto risolto con un’unica telefonata al sottoscritto da parte di Paolino Santaniello. In buona fede davo per scontato che il tutto fosse stato concordato anche con gli altri sostenitori”.

Lei crede che a determinare questa situazione siano stati i giochi di potere?

“No assolutamente – chiosa Mauro –, probabilmente c’è stato solo un buon utilizzo delle armi della politica”.

La vostra collocazione per il futuro quale sarà?

“Certamente saremo presenti nella prossima competizione amministrativa – precisa Mauro –, per quanto mi riguarda per il momento sono impegnato sul fronte delle Europee le cui liste si presenteranno il prossimo 15 aprile, dal giorno seguente inizierò a pensare alle elezioni amministrative. Per le delusioni sul piano personale e politico è impossibile pensare di appoggiare Geremia Biancardi e Domenico Vitale, mentre per ‘Rinascita Nolana’ già sono in corso altre ipotesi di aggregazione”.

di ra.na.

NOLA. OLTRE TREMILA GIOVANI IN PIAZZA DUOMO PER LA CHIUSURA DEL FESTIVAL DEI DIRITTI DEI RAGAZZI

festival diritti ragazzi nola 2Si è conclusa stamane con la partecipazione di oltre tremila ragazzi provenienti da tutte le scuole del territorio (Istituto comprensivo “Pacinotti” di Marigliano, I° circolo didattico “Siani” di Marigliano, Scuola secondaria di I° grado “Alighieri” di Marigliano, Scuola secondaria di I° grado “Merliano-Tansillo” di Nola, Istituto comprensivo “Bruno” di Nola, I° circolo didattico “Vitale” di Nola, II° circolo didattico “Sanseverino” di Nola, Istituto comprensivo “Mameli” di Nola, Istituto comprensivo “D’Aosta” di Ottaviano e Istituto comprensivo “Omodeo-Beethoven” di Scisciano/S. Vitaliano) la seconda edizione del Festival dei diritti dei ragazzi, promotori la cooperativa sociale Irene ’95 presieduta da don Peppino Gambardella e l’Ufficio Scuola della Diocesi di Nola, responsabile don Virgilio Marone.

festival diritti ragazzi nolaUn Festival iniziato sabato 29 marzo con seminari, convegni, attività ludiche e sportive, mercatini di beneficenza. Alla marcia conclusiva hanno partecipato i sindaci di Nola e Scisciano, rispettivamente Geremia Biancardi ed Eduardo Serpico, i dirigenti scolastici, personale docente, don Peppino Gambardella, il direttore della scuola superiore di Scienze religiose Franco Manganelli ed il vescovo di Nola S.E. Mons. Beniamino Depalma. Il corteo è stato accolto in piazza Duomo dallo speaker ufficiale della manifestazione, Salvatore Fedele, al grido “Siamo i Gigli più colorati di questa Piazza”. Il primo ad intervenire il sindaco di Nola, Geremia Biancardi: “Siamo orgogliosi di riceverli nella nostra Città, abbiamo metabolizzato il vostro messaggio; vi invitiamo a sollecitare sempre chi di dovere; la vita è vostra ed è importante che fin da ragazzi iniziate a costruire il vostro futuro. Per quanto riguarda Nola il 1° maggio prossimo apriremo un parco pubblico con annesso un auditorium di oltre quattrocento posti nell’ex palestra Carducci. Anche nella Gescal stiamo costruendo un auditorium che servirà soprattutto per le attività dei giovani; comunque l’attenzione delle istituzioni nei confronti dei giovani sarà sempre alta”. Il sindaco di Scisciano, Eduardo Serpico: “Le istituzioni hanno l’obbligo di garantire momenti di incontro e partecipazione; una vita per essere vissuta deve essere incentrata sul confronto e solidarietà”. Il preside, Vincenzo Serpico, della Merliano-Tansillo, a nome di tutti i rappresentanti scolastici partecipanti alla manifestazione: “Questa piazza, oltre ad essere la piazza dei Gigli, è una piazza senza colore politico; gli striscioni, i canti, rappresentano la gioia di vivere anche di quei ragazzi che non hanno la possibilità di avere un diritto; siete il nostro presente ma anche il nostro futuro”. Durante la manifestazione si è esibito il coro dell’Istituto “Colombo” di Marigliano; il gruppo “Dignità e Bellezza” di Miano e diversi ragazzi che hanno portato la testimonianza di questi dodici giorni di intensa attività. Le insegnanti Pina Campagnuolo e Felicia Crocetta hanno letto la carta d’intenti e di impegno per il futuro affinché diventi vita quotidiana. Il responsabile dell’Ufficio Scuola don Virgilio Marone, oltre a ringraziare coloro che attivamente hanno operato per la riuscita della manifestazione, ha sottolineato che le scuole in questi dodici giorni hanno cooperato in un pensiero unico senza mai scendere in rivalità. Un buon viatico per il futuro. Don Marone ha poi invitato tutti a proseguire in questa direzione in vista dell’incontro degli studenti con Papa Francesco del 10 maggio prossimo. Infine S.E. Mons. Beniamino Depalma: “Cari giovani, vi ringrazio perché ci date tanta speranza; il nostro è anche un territorio ricco di vivacità e gioia. Grazie a quanti hanno organizzato il Festival e soprattutto per avere messo insieme tante forze positive. Amate la vostra vita e quella degli altri – ha proseguito il presule – perché è il dono più grande; vivere significa avere un cuore pieno d’amore e solidarietà; combattete l’egoismo che distrugge la vita; continuate giorno dopo giorno a costruire la speranza”.

di ra.na.

Navigazione articolo