ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “ottobre 22, 2013”

NOLA. AFFIDATI I LAVORI DI RIMOZIONE RIFIUTI PARCHEGGIO CIMITERO

La regione Campania è proprietaria dei Regi Lagni (canali per il trasporto delle acque piovane) e la manutenzione degli stessi è affidata ai consorzi di bonifica. Per tale servizio circa cinquemila residenti della città bruniana ricevono annualmente avvisi di pagamento dal consorzio di bonifica del Volturno, spesso di poche decine di euro, oggetto di contestazioni e ricorsi alle commissioni tributarie, a causa della mancata manutenzione. Nola è attraversata in lungo e largo dai Regi Lagni (alveo Quindici e Casamarciano), i quali diverse volte all’anno esondano arrecando anche danni notevoli alle abitazioni ed alle colture circostanti, proprio per mancanza di una adeguata – fino a qualche anno fa in totale assenza – manutenzione da parte del consorzio. I punti critici: Rione Canera, Poverella, Cimitero, tratto adiacente FF.SS. e Cis. Ultimamente proprio a causa dell’ostruzione venutasi a creare in alcuni di questi punti critici per l’accumularsi di detriti e rifiuti, l’amministrazione comunale attraverso denunce e pressioni alla regione Campania è riuscita ad ottenere una manutenzione straordinaria da parte della protezione civile regionale nei pressi del rione Canera e Cimitero. I rifiuti e detriti rimossi dal letto degli alvei devono essere prima selezionati e poi trasportati in discariche autorizzate dalla regione. Il sindaco per velocizzare la rimozione con ordinanza ha disposto il deposito dei rifiuti nell’area di parcheggio antistante il Cimitero di Nola, in quanto considerata area affidabile dal punto di vista dell’inquinamento perché asfaltata. Biancardi respinge al mittente le accuse mossegli sui social network dai soliti noti in cerca di visibilità per aver autorizzato una discarica a cielo aperto. A prova della provvisorietà e necessità del dispositivo c’è l’affidamento di questa mattina alla ditta ATR srl di Acerra per € 14.200,00 per la rimozione sia dei rifiuti del Cimitero che del rione Canera. Alla gara informale hanno partecipato cinque ditte, due hanno presentato l’offerta fuori tempo; un’altra è stata esclusa per aver presentato l’offerta a corpo e non a misura; un’altra ha richiesto € 47.000,00. Intanto il dirigente Gaetano Oliva ha fatto sapere che provvederà a richiedere alla regione Campania la somma spesa per la rimozione dei rifiuti (€ 14.200,00).

di ra.na.

NOLA. I° E II° CIRCOLO CONTESTANO CIBO NON IDONEO NELLE SCUOLE MATERNE

Cibo non a norma nelle scuole materne cittadine e subito scatta l’allarme tra i genitori dei bambini.

E’ successo venerdì scorso a Nola durante il servizio mensa del I e II circolo didattico. Il menù quel giorno prevedeva un primo piatto composto da riso con purea di piselli che, all’assaggio, risultava di sapore acido mentre le banane presentavano un colore decisamente scuro all’esterno e mollicce all’interno. Immediata la reazione dei dirigenti scolastici che, con una dura nota inviata venerdì scorso al sindaco Geremia Biancardi, all’assessore alla pubblica istruzione Rino Barone e al dirigente al ramo Felice Maggio, hanno sollevato il caso che vede coinvolta la ditta SLEM s.a s. di Cimitile affidataria del servizio della refezione scolastica dei plessi T. Vitale e Lello de Mita (I circolo) e del plesso Ciccone e Cerchio D’oro (II circolo) per aver consegnato cibo non a norma in quanto non idoneo dal punto di vista organolettico. Alla contestazione delle insegnanti la ditta affidataria ha ritirato il cibo ed ha provveduto alla sostituzione. Nella comunicazione i dirigenti scolastici hanno altresì chiesto un incontro con il sindaco, l’assessore alla P.I., il dirigente comunale e la ditta affidataria; incontro rigorosamente tenutosi seppur in assenza della ditta affidataria che non si è presentata. L’assessore Barone, nella stessa giornata di venerdì, ha inviato una diffida alla SLEM (allegando anche le note dei dirigenti scolastici). Al termine della riunione è stato demandato al dirigente Maggio il compito di approfondire il caso e di relazionare in merito al disservizio; sicuramente alla ditta saranno applicate (come da capitolato) sanzioni pecuniarie e non è escluso che si possa arrivare alla risoluzione del contratto. Intanto il dirigente Maggio ha tranquillizzato i genitori disponendo un controllo giornaliero presso i plessi scolastici del servizio da parte dell’ ASL in attesa di ulteriore verifica sull’accaduto.

di Veronica De Gennaro

Navigazione articolo