ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

Archivio per il giorno “febbraio 6, 2013”

NOLA. PIANO TRAFFICO: “FATE PRESTO”

“FATE PRESTO”, con la stessa esortazione che l’allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini esclamò invocando l’intervento della Protezione Civile per salvare ancora chi era sotto le macerie del tremendo terremoto dell’80 che colpì l’Irpinia e ripreso dal “Sole 24 Ore”, il 10 novembre 2011 per fare appello alle istituzioni per salvare l’Italia dal baratro economico, i cittadini nolani chiedono all’istituzione locale di “Fare Presto” sul PUT (Piano Urbano Traffico), ormai diventato il misterioso “oggetto del desiderio” da parte di alcuni politici ed il “Male oscuro” per molti operatori commerciali.

I cittadini dicono: “Basta non ne possiamo più; settimanalmente, da agosto, assistiamo a continue ordinanze aventi per oggetto inversione di sensi unici; non riusciamo nemmeno a prendere coscienza ed abituarci alla nuova segnaletica che arriva una nuova ordinanza che apporta modifiche alla precedente e noi poveri cittadini siamo costretti a ristudiare il nuovo percorso per accompagnare i nostri figli a scuola, per la spesa quotidiana, per arrivare in ufficio e dal medico di base; negli ultimi mesi ‘gli stressati da traffico veicolare’ sono notevolmente aumentati, molti dei quali sono dovuti ricorrere anche al centro di igiene mentale”. C’è anche chi afferma che la sperimentazione serve anche a modificare e migliorare le criticità del Piano, e certamente questo è giusto, ma quando deve durare per diventare certezza? E’ anche giusto ricordare che il Piano è stato approvato da tutte le forze politiche presenti in Consiglio Comunale, quindi tutti i rappresentanti politici allo stato (più che criticare e cavalcare la protesta, spesso solo per fini elettorali) hanno il dovere di intervenire (aldilà degli annunciati e mai convocati tavoli di concertazione) per dare risposte concrete ai cittadini ed operatori commerciali su una problematica importante per la vivibilità dell’intera comunità. Si sta facendo strada la possibilità di allargare il raccordo unico anulare al primo tratto di via S. Paolo Belsito con svolta a sinistra su via Vespucci (attualmente già a senso unico), questa soluzione potrebbe portare il ritorno al vecchio senso di marcia di via V. La Rocca (tanto invocato da alcuni operatori commerciali). Intanto l’assessore al ramo Erasmo Caccavale nella Commissione Consiliare all’urbanistica presieduta dall’arch. Cinzia Trinchese ha annunciato che dalla prossima settimana andrà in vigore la quarta fase dell’applicazione del PUT, questa volta ad essere interessate non sono solo le strade ma anche le piazze. Infatti piazza Clemenziano avrà un nuovo look: i dissuasori saranno spostati sui lati dei marciapiedi, mentre le fioriere saranno allogate all’interno della piazza in modo da ridisegnare un nuovo perimetro al cui esterno ci saranno delle aree a parcheggio a spina a pagamento (due euro ad ora), quindi un ritorno (anche se limitato) delle auto a piazza Clemenziano. Altre modifiche al PUT, riguarderanno via A. Marmoreo: al passaggio a livello si potrà svoltare solo a destra su via G. Imbroda, quindi con possibilità di svolta a sinistra (per coloro che si volessero immettere su via Foro Boario) su via S. Paolino (adiacente Villa Comunale). Le correzioni non sono finite, in quanto ci saranno inversioni di marcia per via Santorelli e per la Travaglia, ciò permetterà agli automobilisti di immettersi facilmente su via Mario De Sena per le autostrade, evitando via Polveriera. Al momento così è, se vi pare.

di ra.na.

NOLA. SCRUTATORI, DEPENNATI I “RECIDIVI”

Depennati a sangue (quasi) freddo gli scrutatori “recidivi”, l’amministrazione comunale di Nola con un colpo di bianchetto cancella dall’elenco dei nominati coloro i quali hanno già ricoperto l’incarico in precedenza, “in ottemperanza del regolamento della commissione elettorale – si legge nella nota stampa – che, al fine di assicurare la necessaria turnazione, stabilisce che coloro i quali siano stati già nominati scrutatori per una volta, non possono esserlo nuovamente”.

Annullata dunque, dopo il controllo effettuato dall’Ufficio Elettorale, la nomina di cinque scrutatori provvedendo, nel contempo, alla sostituzione con altri cinque iscritti nel registro degli scrutatori. Questi i nominativi degli scrutatori sostituiti: Salvatore Manzi, Felicia Romano, Aniello Mascolo, Milena Notaro e Maria Grazia Pierno. Questi, invece, i nominativi dei supplenti: Raffaella Albi, Antonella Nocilla, Ida Manganiello, Antonietta Febbraio e Antonio Laurino. Non si placano intanto le polemiche nate all’indomani della nomina diretta degli scrutatori per le elezioni politiche del prossimo 24 e 25 febbraio, dopo che la Commissione Elettorale Comunale, in assenza del componente di minoranza, ha bocciato la proposta di sorteggio pubblico avanzata da una parte dell’opposizione, optando per la scelta discrezionale dei nominativi, equamente divisa tra tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di minoranza, ad eccezione dei cinque sostenitori del sorteggio pubblico, che in segno di protesta hanno rinunciato alla loro “quota”, andando però così di fatto ad incrementare quella dei restanti consiglieri. Qualche iscritto “storico” nel registro degli scrutatori, che non è stato mai nominato, esulta per la “novità” della turnazione nelle nomine dirette, lanciando però nel contempo qualche pungente frecciatina: “Ci sono consultazioni elettorali che richiedono l’utilizzo degli scrutatori nominati tra gli iscritti all’apposito registro quasi una volta all’anno, se non di più; è mai possibile che su centinaia di scrutatori nominati l’altro giorno su qualche migliaio di iscritti solo cinque sono stati beccati? Quale criterio è stato adottato dall’Ufficio Elettorale per scovare i ‘recidivi’? Hanno confrontato l’elenco appena sfornato solamente con quello dell’ultima consultazione elettorale o si sono spinti anche più indietro?”. Dubbi che solo l’amministrazione comunale può sciogliere, visto che gli elenchi degli scrutatori nominati nelle passate consultazioni elettorali non sono pubblicati sul sito internet dell’ente locale.

di ra.na.

Navigazione articolo