ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

PRO LOCO E UNIT, VIA AL RECLUTAMENTO DI INFORMATORI TURISTICI PER LA CITTA’ DI NOLA

proloconolaLunedì 24 novembre a Nola sarà presentato il progetto condiviso dalle associazioni Pro Loco e Nuvla e rivolto ai giovani del territorio.

Un corso per conoscere le risorse culturali del territorio nolano e imparare a promuoverle: è questo il progetto che lanciano la Pro Loco Nola Città d’Arte e l’Ufficio Nolano di Informazione Turistica. La storica associazione nolana, affiliata all’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, e l’organizzazione turistica di Nuvla onlus hanno infatti avviato un programma formativo gratuito, per giovani di età compresa tra i 20 e i 35 anni, propedeutico all’attività di informatore turistico.

Non guida né accompagnatore, la figura professionale individuata dalle associazioni risponderà, infatti, a un’esigenza ibrida, dettata dall’attuale flusso di visitatori del territorio di Nola e dal suo considerevole patrimonio culturale materiale e immateriale. Perseguendo gli scopi statutari e volendo contribuire allo sviluppo turistico del territorio, valorizzando al contempo le giovani forze locali, le associazioni Pro Loco Nola e Nuvla definiscono così un percorso che ci si augura pervenga al soddisfacimento della prima, basilare condizione necessaria a una città turisticamente appetibile come Nola: quello della migliore accoglienza dei suoi ospiti.

Il corso, le modalità di accesso e tutte le notizie utili a chi è interessato a prendervi parte saranno presentate lunedì 24 novembre alle ore 17 presso la sede della Pro Loco, in corso Tommaso Vitale 9 a Nola.

(CS)

PIAZZOLLA ABBANDONATA, L’IRA DEI RESIDENTI

degrado piazzollaDopo l’appello dei cittadini del capoluogo di rimuovere i rifiuti lungo tutto il perimetro di piazza d’Armi è la volta dei residenti della frazione di Piazzolla a fare la voce grossa nei confronti dei loro rappresentanti in Consiglio comunale. Ben sette, tutti eletti nelle liste della maggioranza, uno ogni mille abitanti (Raffaele Giugliano e Carmine Pizza per “Uniti per il Territorio”, Maria Esposito e Giancarlo Moccia per “Forza Italia”, Antonio Manzi e Salvatore Notaro per il “Centro Destra Nolano”, Giusy La Marca per i “Socialisti Riformisti Liberali Hyria”) e ben due assessori (Luciano Parisi all’ambiente e Mario Simonetti alla viabilità e polizia municipale).

degrado piazzolla 2“La realtà che viviamo non è quella descritta dai Consiglieri comunali – gridano a gran voce i cittadini di Piazzolla – oggi la frazione vive molte criticità. Da dove vogliamo partire, dall’ambiente? Molte strade sono sommerse da rifiuti abbandonati. In via Nola-San Gennaro, a meno di cento metri dalla Chiesa di Cinquevie, nell’area di sosta per gli automezzi della ditta affidataria del servizio, c’è di tutto: plastica, pezzi di guaine isolanti, rifiuti ingombranti. Per non parlare di via Palermo, dove le buste nere abbandonate impediscono anche il passaggio delle auto. La cosa strana è che in zona c’è la vecchia masseria dell’assessore alla P.M. Per non parlare poi di via Cinquevie, dove da oltre tre mesi debitamente segnalate ci sono all’ingresso diverse lastre di amianto abbandonate, il tutto nell’indifferenza totale dei preposti alla rimozione. La viabilità – continuano i residenti – è una frana, ormai le buche e il sollevamento dell’asfalto dovuto ai frequenti allagamenti sono diffusissimi. La criticità maggiore si ha all’incrocio di via Martiniello con via Nola-San Gennaro che, a causa della confluenza nella condotta di servizio delle acque provenienti dal Vallo di Lauro, mandano in tilt i tombini, anche a rischio l’incolumità degli automobilisti in via Vittorio Veneto, via Castellammare e tante altre strade di Piazzolla alta. Sul fronte dei Regi Lagni – chiosano i cittadini – la situazione è disastrosa, ad ogni allerta viviamo l’incubo dell’esondazione, i punti critici il rione Martiniello, Poverelli, Provvisiero e Canera, dove ci sono centinaia di richieste di risarcimento danni per allagamenti. Anche se la problematica è di competenza regionale, purtroppo l’istituzione locale fa poco. Occorre chiedere con forza agli organi preposti, Genio Civile e Consorzio di Bonifica, la rimozione dei fanghi e detriti dal letto degli alvei, riportando la profondità del canalone ai quattro metri di un tempo. Ai tempi dei guardia lagni (fino agli anni ’80) per andare nei nostri campi attraversavamo il canalone con il trattore. Spesso nel canalone giocavamo anche a pallone. Oggi all’intersezione dei ponti la fanghiglia ed i detriti sono a meno di cinquanta centimetri. Basta il trasporto da parte delle acque per mancanza di manutenzione di un ingombrante o di qualche canna, molte diffuse, per fare esondare l’alveo. Sul fronte dell’arredo e decoro urbano – concludono i cittadini – la nostra frazione è quella più penalizzata: un esempio su tutti è il degrado in cui si trova la piazza, un’opera costata alla comunità nolana alla fine degli anni ’90 oltre un milione di euro. Oggi uno spazio non fruibile dai cittadini se non in occasioni di sagre, molto poco rispetto al ruolo che dovrebbe avere”.

di ra.na.

NOLA. DEBITI FUORI BILANCIO E TRANSAZIONI, AUDIZIONE IN COMMISSIONE BILANCIO DEL PRESIDENTE DEI REVISORI GIOVANNI GRECO

P1000419Audizione del presidente dei revisori contabili del comune di Nola, Giovanni Greco, stamane Commissione consiliare bilancio, presieduta dal consigliere Raffaele Giugliano. All’ordine del giorno i debiti fuori bilancio e le transazioni.

Per i non addetti ai lavori, i debiti fuori bilancio nascono allorquando non viene seguito un procedimento corretto di impegno della spesa, mentre la transazione per l’ente è la possibilità di fare la novazione di un contratto (c’è un’obbligazione già perfezionata, che ha seguito un procedimento regolare di impegno spesa, che alla fine porterà sicuramente un vantaggio economico all’ente).

“Attualmente ci siamo espressi su circa 200 pratiche di debiti fuori bilancio pervenuteci da tutti i settori dell’ente per un importo complessivo di circa un milione mezzo di euro – afferma il presidente dei revisori Greco – La gran parte dei debiti fuori bilancio rinvengono da sentenze esecutive relative a danni causati da incidenti automobilistici. Questi debiti sono regolati dall’art. 194 lettera A del dlg. n. 267/2000, mentre i debiti fuori bilancio rinvenienti da acquisizione di beni e servizi (in violazione dell’art. 191 del dlg. n. 267/200o) che costituiscono comunque un arricchimento per l’ente sono regolati sempre dall’art. 194 ma dalla lettera E. Per tutti i debiti fuori bilancio l’ente ha l’obbligo dell’invio degli atti alla Procura della Corte dei Conti. Alla domanda postami dal consigliere comunale Domenico Vitale – chiosa il presidente Greco – sui debiti dell’ente nei confronti di Campania Felix per circa 5 milioni di euro mi sono riservato di rispondere martedì prossimo, in quanto allo stato ho contezza solo dell’esistenza di un lodo arbitrale di oltre 2 milioni di euro in fase di definizione. La prossima settimana relazionerò in Commissione su tutti i debiti fuori bilancio e le transazioni, e farò chiarezza sul debito con Campania Felix. Comunque – conclude il presidente dei revisori – ci tengo a sottolineare che il collegio da ma presieduto tiene a cuore le sorti di Nola. Probabilmente è la prima volta che un membro del collegio relaziona in Commissione consiliare. Sono contento che si siano create le condizioni per una stretta collaborazione con l’intero organo consiliare, nell’interesse dell’ente”.

di ra.na.

DOMANI E’ LA GIORNATA MONDIALE DEL GABINETTO

Sono state le Nazioni Unite a dichiarare nel 2001 il 19 novembre “Giornata Mondiale del Gabinetto”.

La proposta di Mark Neo, inviato di Singapore: “Sono sicuro che ci saranno battute tra la stampa e l’opinione pubblica, le loro risate sono benvenute, sopratutto se si ammette che finora un tabù ha vietato un’aperta e seria discussione sui problemi sanitari e del gabinetto nel mondo”.

Circa 2,5 miliardi di persone non hanno accesso a servizi sanitari appropriati, mentre 1,1 miliardi di persone fa i bisogni all’aperto. Garantire un gabinetto potrebbe salvare la vita a oltre 200 mila bambini all’anno, in Africa infatti la principale causa di morte dei bambini è la diarrea.

di ra.na.

NOLA. “FATE PRESTO”, I CITTADINI CHIEDONO LA RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN PIAZZA D’ARMI

P1000834“Fate presto, rimuovete quei rifiuti, non è più tollerabile che non solo l’area a parcheggio, ma tutto il perimetro di piazza d’Armi sia diventata una discarica a cielo aperto”, è il grido d’allarme di molti cittadini.

Ormai i cumuli di rifiuti, residui di mercato infrasettimanale, ingombranti, scarti edili, sono visibili non solo agli automobilisti che attraversano l’area ma anche a quelli di passaggio su via Renzullo e via on. Francesco Napolitano. Il tutto accade a meno di cento metri dalla centralissima piazza Duomo.

A metà settembre l’associazione Cielo e Grano, presieduta da Francesco Conventi, insieme ad extra-comunitari della mensa fraterna, rimosse una quantità enorme di rifiuti.

Non sono pochi a chiedersi se il capitolato relativo al servizio di raccolta, smaltimento e spazzamento preveda per l’area mercatale oltre alla raccolta e trasporto dei rifiuti anche il lavaggio e la disinfezione.

A rispondere alla domanda è il responsabile del servizio, il dipendente comunale Peppe Napolitano: “Aldilà del capitolato, che facciamo rispettare alla ditta affidataria del servizio, l’area non video-sorvegliata si presta facilmente ad essere oggetto di atti di inciviltà. Ci stiamo attivando per predisporre un piano di rimozione – precisa Napolitano – insieme alla ditta affidataria del servizio, la Buttol, in modo da ripristinare lo stato dei luoghi. Entro giovedì la situazione sarà normalizzata, ma se non saranno attivati i controlli il problema si ripresenterà. Invito i cittadini ad utilizzare la nostra piattaforma ecologica in via variante 7 bis n. 61/63, che accoglie le seguenti tipologie di rifiuti: carta, cartone, vetro, alluminio, materiali ferrosi, rifiuti ingombranti domestici generici (mobilio) e di metallo (reti da letto), apparecchiature elettriche ed elettroniche, rifiuti vegetali di sfalci e/o potature, pneumatici, inerti, lampade, pile ed olio vegetale esausto. La piattaforma è aperta dal martedì al sabato dalle 9,00 alle 13,00; il martedì e giovedì dalle 15,00 alle 17,00. L’orario di conferimento dei rifiuti dal 1 ottobre al 30 aprile è dalle 21,00 alle 5,00 del mattino, mentre dal 1 maggio al 3o settembre dalle 22,00 alle 5,00”.

Infine abbiamo chiesto, sempre al responsabile del servizio, di controllare gli automezzi utilizzati dalla ditta affidataria del servizio per lo spazzamento meccanico delle strade del centro storico. Le spazzole dure, utilizzate dalla spazzolatrice, negli ultimi tempi stanno danneggiando le fughe o meglio la sigillatura tra intercapedine dei basoli.

di ra.na.

IL ROTARY CLUB “NOLA-POMIGLIANO D’ARCO” FESTEGGIA I 35 ANNI DI ATTIVITA’ CON UNO STREPITOSO CONCERTO

P1000827Da Beethoven a Giuseppe Verdi ad Ennio Morricone passando per “O sole mio” e “Funiculì Funiculà”. Hanno incantato, emozionato e commosso. Applausi a ripetizione l’altra sera per i ragazzi dell’orchestra giovanile “Sanitansamble” di Napoli ospiti del Rotary Club “Nola – Pomigliano D’Arco” in occasione dei festeggiamenti del 35° anniversario del sodalizio associativo quest’anno presieduto da Giacomo Abbate.

Una full immersion nella musica di qualità che ha toccato anche i brani più noti del panorama artistico napoletano, magistralmente eseguiti dai giovanissimi allievi del maestro Paolo Acunzo ed interpretati dal coro polifonico “Musique Esperance”. Un concerto di solidarietà per raccogliere fondi destinati alla formazione dei ragazzi del rione Sanità di Napoli che hanno trovato nella musica la giusta alternativa alle tentazioni della strada. Non un semplice evento quindi, ma una vera e propria lezione di vita con l’esperienza diretta di giovani che, nonostante la tenera età, con maestria e grande professionalità, si son rivelati dei grandi artisti da palcoscenico. Non è un caso, infatti, che l’orchestra “Sanitansamble” sia stata nel 2011 tra i protagonisti della visita a Napoli del presidente Giorgio Napolitano e nel maggio scorso ospite di Papa Francesco, in Vaticano, nell’ambito di un concerto che ha incantato a tal punto il pontefice da chiedere per ben due volte il bis di “O sole mio”.

P1000823“Grandi emozioni in un anno particolare per il Rotary – ha dichiarato il presidente Giacomo Abbate – Trentacinque anni di attivismo sul territorio che hanno portato alla realizzazione di progetti tesi alla valorizzazione delle eccellenze del territorio e, nel contempo, alla promozione culturale dell’area puntando soprattutto sui valori dell’amicizia e della solidarietà. Contesti prestigiosi in cui si inserisce anche il concerto di stasera che premia l’impegno di quanti, con sacrificio e spirito di collaborazione, ogni giorno fanno della vita una vera e propria mission. E il maestro Paolo Acunzo – ha continuato Abbate – ne è una chiara ed evidente testimonianza. Investire in cultura si può. Noi lo facciamo da 35 anni. Un obiettivo che non perderemo mai di vista”.

di Autilia Napolitano

NOLA. CIVITAS, SABATO IL CONVEGNO PUBBLICO SU DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE

convegno civitasSi terrà sabato 22 novembre 2014, con inizio alle 9,30, presso il Seminario vescovile di Nola, il Convegno promosso dall’associazione ‘Civitas’ dal titolo “Democrazia e Partecipazione. Riforme condivise e solidarismo associativo”.

L’iniziativa ha visto la collaborazione delle associazioni Amici del Marciapiede, Federazione Assocampaniafelix, Associazione Nolana ‘G.Bruno’, ‘Campo de’ fiori’, Comitato difesa acqua pubblica, ‘Extra Moenia’, ‘I.S.D.E. Medici per l’ambiente’ e ‘Nova Alba’.

Al Convegno – cui seguiranno nel pomeriggio dei Workshops pomeridiani con le associazioni nolane sui temi della sanità-ambiente, lavoro-occupazione e scuola-formazione – interverranno il Prof. Umberto Ronga, Docente di Diritto costituzionale Università Federico Ii° Napoli, il Prof. Luigi Pasciari, Docente di Filosofia e Storia, il Prof. Francesco Sepe Dirigente scolastico, l’Ing. Luigi Pappalardo, Dirigente d’azienda, il Dott. Gennaro Esposito, Medico Psichiatra. Modererà il Dott. Lorenzo Bifulco.

“Spero di poter incontrare i cittadini e tutti gli esponenti delle associazioni – ha auspicato il Presidente di ‘Civitas’ Domenico Alfano – per intraprendere o continuare un comune cammino di crescita culturale per un rinnovato interesse alla realtà civica e politica della nostra Città, non per fini elettoralistici o di collateralismo, ma per contribuire dal basso concretamente al bene pubblico e comune con idee, progetti, proposte e presenza collaborativa critica ed autonoma. Si parla tanto di diritti – ha concluso Alfano – ma nessuno parla dei doveri cui ogni cittadino deve attendere per una vera responsabilizzazione e partecipazione alla vita sociale e politica della città”.

(CS)

BAIANO. VERSO LE SCELTE URBANISTICHE: RIFLETTORI APERTI SUL PRELIMINARE DI PIANO, PUBBLICO CONVEGNO CON L’INTERVENTO DI AMMINISTRATORI

puc baiano 1Analizzate le prospettive dello strumento di pianificazione urbanistica in itinere, nel convegno svoltosi nei locali de L’Incontro”, con l’intervento del sindaco Enrico Montanaro e dell’assessore Luigi Bellofatto. Presentato l’articolato fascicolo di proposte, suggerimenti e rilievi, elaborato dal sodalizio di via Luigi Napolitano, per concorrere alla migliore formulazione possibile del Puc, nel rispetto dei valori ambientali e della qualità della vita della cittadinanza. Relazione conclusiva del professore Roberto Gerundo, docente nel Dipartimento d’Ingegneria civile dell’Università di Salerno, a cui è affidata la consulenza del Puc, per la cui redazione è incaricato l’ingegnere Domenico Picciocchi, responsabile dell’Ufficio tecnico comunale.

L’organizzazione dell’assetto e della valorizzazione del territorio, articolandone le funzioni con organicità di visione, è strettamente correlata con le complessive dinamiche da promuovere e sviluppare nell’ambito dell’Unione intercomunale del Baianese e dell’Alto Clanio, il cui profilo istituzionale è stato definito nello Statuto approvato dai civici consessi di Avella, Baiano, Sperone, Sirignano, Quadrelle, Mugnano del Cardinale, impegnati nell’attuazione dell’importante progetto di coesione socio-politica. E sono le dinamiche, che hanno quale ancoraggio prioritario sia la morfologia che le risorse e le potenzialità del contesto dell’Unione, appendice dell’Irpinia, con molteplici “finestre” e ravvcinate connessioni aperte verso l’area metropolitana di Napoli, l’area casertana e l’area salernitana, oltre che il Sannio.

puc baiano 2Sono state – queste – le chiavi di analisi generale e di proficue riflessioni, con cui si è caratterizzato il convegno sul Rapporto e sul Preliminare del Piano urbanistico comunale, che l’amministrazione, guidata dal sindaco Enrico Montanaro si appresta a varare, con la progettazione, redatta dall’ingegnere Domenico Picciocchi , responsabile dell’Ufficio tecnico dell’Ente di corso Garibaldi, e la consulenza del professore Roberto Gerundo, docente del Dipartimento d’Ingegneria civile dell’Università degli Studi di Salerno; convegno, svoltosi nei locali del Circolo socio-culturale de L’Incontro, che n’è stato promotore, e coordinato da Gianni Amodeo.

Presentato per l’occasione l’articolato ed ampio fascicolo di proposte, suggerimenti e rilievi – con l’annesso corredo delle carte planimetriche del territorio – e messo a punto dal sodalizio di via Luigi Napolitano, quale espressione di partecipazione civica alla formulazione dello strumento di pianificazione. A focalizzare gli aspetti del documentato fascicolo, il portavoce de “L’Incontro”, Sabato De Laurentiis. Un prospetto , rapportato agli indirizzi di guida del Piano territoriale della Regione-Campania e del Piano teerritoriale di coordinamento provinciale di Avellino, nel quadro dell’innovativa legislazione urbanistica regionale, in vigore dal dicembre del 2004. Un prospetto documentale – il primo del genere elaborato nella realtà sociale del territorio dell’ Unione ed espressione di una libera associazione- regolarmente “protocollato” nella segreteria del palazzo comunale.

puc baiano 3In particolare, il fascicolo evidenzia che il Ptcp, pienamente esecutivo da sei mesi, contempla l’istituzione in Irpinia di 20 Sistemi urbani di sviluppo territoriale, che configurano altrettante Unioni o Fusioni intercomunali, alla cui linea vanno correlate, oggettivamente, le pianificazioni urbanistiche e le relative regolamentazioni attuative. E tra i 20 Sistemi urbani prefigurati si colloca quello, a cui ha già dato corpo lo Statuto dell’ Unione intercomunale del Baianese e dell’Alto Clanio, operativa da gennaio 2015. E il fascicolo-documento de L’Incontro dà risalto al ruolo, che è chiamato ad esercitare- in prospettiva media e lunga- l’ Unione, nel rapportarsi sia con la Città metropolitana di Napoli, sia con il nuovo assetto di Autonomia interprovinciale costituito sull’asse Sannio-Irpinia, sia, e in modo diretto, con l’ Unione europea, purchè si formino ceti politico-amministrativi di affidabile competenza e responsabile preparazione giuridico-legale, con il dovuto supporto della conoscenza e dell’uso delle lingue straniere. E in grado di esprimere sano senso di spirito pubblico per la politica, svolta quale servizio per la crescita civile, e non certo per carrierismi e interessi particolaristici o strettamente personali.

Nel fascicolo sono indicate e trattate ben dodici, tra proposte di risoluzione praticabili e rilievi critici, concernenti soprattutto il miglioramento e il potenziamento della viabilità rurale ed urbana; le annose e preoccupanti criticità ambientali dell’intera area attraversata da via Napolitano, determinate a valle dall’effetto-pioggia, per lo stato della collina di Gesù e Maria, soprattutto per i tracciato dell’innaturale e pericolosa cementificazione, fatta realizzare sul sentiero, un tempo in semplice terra battuta, che fa capo alla Fontana del Lago; un sito, quello di Fontana del Lago, in cui convergono le “isole amministrative”, con le connesse competenze di Avella, Sirignano e Baiano.

Analoghe sono le condizioni di criticità, che investono – sempre per effetto delle piogge – più o meno normali – via Libertà e corso Garibaldi, spesso ricoperte da fanghiglia, detriti e materiali vari in libero…scorrimento, per l’inadeguata manutenzione della cosiddetta Cupa di Sirignano. E tra le proposte va segnalata quella relativa alla formazione di un unico percorso sull’asse di strada interpoderale, che collega Sperone-Baiano e Mugnano del Cardinale, largamente utilizzato dai podisti; il percorso potrebbe essere integrato con una pista ciclabile, combinando così la pratica amatoriale del podismo e del ciclismo, con proiezione per l’ulteriore incremento della diffusione del ciclo cross lungo i sentieri delle boscose e belle aree del Monte Arciano, delle colline e dei Monti Avella. Un intervento a costo-zero o quasi, con l’impegno della manutenzione del tracciato di poco superiore ai dieci chilometri di lunghezza, di cui possono farsi carico le amministrazioni dei ter Comuni.

puc baiano 4Spazio specifico e dettagliato è riservato agli obiettivi strategici, correlati con il Puc in sè, ma soprattutto alla coesione intercomunale – sul piano della “governance” – e per la quale va diffuso il discorso pubblico sul territorio, con la congruità delle iniziative culturali, mirate sulla qualità dell’esercizio reale della cittadinanza attiva e, in senso lato, della buona politica, che ripudia assistenzialismi, clientelismi e tornaconti personali, oltre che il malaffare. Sono gli obiettivi calibrati sul varo del Distretto turistico, con valenze storico-archeologiche e religiose, oltre che del Distretto rurale e del Polo fieristico. Tre obiettivi, la cui concreta attuazione rientra anche nelle disposizioni normative di sostegno e supporto, varate dalla Regione-Campania. Tre scenari, quelli immaginati e puntualizzati nel documentato fascicolo, che interpellano l’azione concertata delle tredici amministrazioni comunali dell’ Unione del Baianese e dell’Alto Clanio e dell’Unione del Vallo di Lauro, oltre che Visciano, la Cittadella mariana dell’ area nolana, nel contesto della Città metropolitana di Napoli. E va evidenziato che il fascicolo-documento è stato inviato, per conoscenza,ai sindaci delle stesse amministrazioni, sollecitate a porre in campo azioni di proficua coesione socio-politica, propedeutiche a favorire le attività delle piccole e medie imprese.

Sottolineata dal sindaco Montanaro e dall’assessore Bellofatto la volontà politica di dare concretezza ad uno strumento di pianificazione aderente alla sostenibilità ambientale, in funzione della valorizzazione del territorio, in termini di coesione intercomunale. Al centro dell’intervento del professore Gerundo era l’’importanza dei cosiddetti comparti urbanistici di attuazione perequativa, previsti dal Preliminare di piano; la tutela della collina di Gesù e Maria, su cui svetta l’omonimo Eremo,e sottoposta ai vincoli di salvaguardia dell’Autorità di bacino della Campania centrale, senza alcuna possibilità di edificazione; la complessiva integrità del territorio comunale, a cui afferiscono la stazione terminale della Circumvesuviana della Napoli-Nola-Baiano e il casello autostradale dell’A-16, infrastrutture, che da sole sono un importante fattore di valorizzazione dell’area. Senza dire dell’immediata contiguità – a poco più di 10 chilometri- con il sistema del terziario avanzato e della logistica Cis-Interporto-Vulcano buono, nella piana di Boscofangone, a Nola.

NOLA. CONTRASTO AL GIOCO D’AZZARDO PATOLOGICO, LE PROPOSTE DEGLI ATTIVISTI M5S

attivisti m5s nolaIl Gruppo Attivisti del Movimento 5 Stelle ha presentato, giovedì 13 novembre durante l’incontro pubblico su: ‘Gioco d’azzardo patologico, Usura, Criminalità Organizzata’, La PROPOSTA di INTERVENTI COMUNALI per la LEGALITÀ e il CONTRASTO al GIOCO D’AZZARDO PATOLOGICO (GAP).

Il documento, realizzato e sottoscritto dagli attivisti di Nola, è stato anche siglato dai Portavoce al Senato del Movimento 5 Stelle Sergio Puglia e Giovanni Endrizzi firmatari, tra gli altri, della proposta di legge per la regolamentazione del Gioco d’Azzardo e la lotta al GAP – Gioco d’Azzardo Patologico.

Il documento sottoscritto giovedì 13 novembre propone al sindaco di valutare l’attuazione di una serie di misure volte alla prevenzione e al contrasto del gioco d’azzardo patologico e si articola in tre diverse possibilità di intervento.

La prima serie di proposte è l’utilizzo dei poteri di regolamentazione del commercio da parte dei sindaci e suggerisce, tra le altre, l’inserimento fasce orarie protette soprattutto in orario scolastico, di delocalizzare le attività di gioco d’azzardo fuori dei centri urbani o comunque di collocarle a debita distanza dalle scuole, dai centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani, dalle strutture operanti in ambito sanitario o socio-assistenziale, dai luoghi di culto.

Tali poteri del sindaco vengono ribaditi anche dalla sentenza del TAR Lombardia Sez. I n. 483 del 26 aprile 2013, che sancisce il principio che un sindaco possa di limitare e regolamentare le attività commerciali “in caso di accertata lesione di interessi pubblici tassativamente individuati (sicurezza, libertà, dignità umana, utilità sociale, salute)” (art. 3 del D.L. 138/2011, convertito nella legge 148/2011).

Altra misura proposta al sindaco è l’introduzione di una Tassa di Scopo comunale a carico delle attività commerciali che praticano il gioco d’azzardo, unita a sgravi nelle imposte comunali a quegli esercizi – bar, locali pubblici – che invece rinunciano a scommesse e slots machine.

La seconda serie di iniziative proposte riguarda maggiori controlli di polizia sulle attività di gioco d’azzardo, la pubblicità, la corretta informazione sui rischi da Gioco d’Azzardo Patologico e la realizzazione di progetti e campagne permanenti a contrasto del GAP (gioco d’azzardo patologico) rivolte soprattutto ai giovani in collaborazione con le associazioni e le strutture territoriali per la cura delle dipendenze dell’ASL; sempre di concerto con l’ASL la proposta di un osservatorio permanente sul Gioco d’Azzardo Patologico, il tutto finanziabile sia con i fondi per il contrasto alle dipendenze del Piano Sociale di Zona che con la tassa di scopo prevista dal documento.

La proposta degli attivisti 5 Stelle di Nola chiede infine al sindaco l’adesione del Comune al Manifesto dei Sindaci per la Legalità e Contro il Gioco D’azzardo.

Il documento sarà presentato al sindaco di Nola e alla cittadinanza nei prossimi giorni.

La stessa proposta realizzata dal gruppo di Nola sarà estesa ad altri comuni dai gruppi locali e dai portavoce eletti del Movimento 5 Stelle. Sabato 15 novembre scorso è già stata presentata, firma degli attivisti locali e dei portavoce Sergio Puglia e Massimo Enrico Baroni, al sindaco di Marano.

La speranza degli attivisti M5S e dei cittadini che hanno collaborato alla stesura della proposta è di ampliare il più possibile la rete di iniziative volte al contrasto dell’illegalità e della informazione e la lotta al Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) coinvolgendo più amministrazioni locali possibile indipendentemente dal colore politico.

Il Gruppo Attivisti M5S di Nola, nel continuare il proprio percorso politico sui principi fondamentali di legalità, trasparenza, etica politica, partecipazione democratica (cioè tutto un insieme di ‘valori’) che sono i valori fondanti del Movimento, e invitando i cittadini onesti a partecipare in qualsiasi forma a tale percorso, ringrazia il portavoce al senato SERGIO PUGLIA per la vicinanza, il sostegno e la fiducia manifestata.

(CS)

NOLA. PREMIATI VITIGNO ITALIA 2014, I VINI MIGLIORI A VILLA MINIERI EVENTI

Il Salone dei vini e dei territori vitivinicoli italiani fa tappa a Nola, dove per la prima volta si è svolta ieri sera, nella splendida cornice di Villa Minieri Eventi, la degustazione dei vini premiati con il sigillo di “Vitigno Italia 2014”.

Al centro della serata le migliori produzioni enologiche nazionali, selezionate tra le 200 aziende vitivinicole presenti al Salone dei vini, che si è svolto lo scorso maggio a Napoli. Trentanove i vini premiati, un’ampia panoramica della migliore enologia italiana, dalla Sicilia all’Alto Adige.

gennaro bocciaMolteplici degustazioni a bordo piscina, in abbinamento a finger food ideati dallo chef Gennaro Boccia ed offerti dal patron di Villa Minieri Eventi, Gaetano Minieri, con formaggi freschi e stagionati, salumi tipici, crostini al lardo, mozzarella di bufala campana e tanto altro ancora, hanno caratterizzato l’eccezionale serata all’insegna del buongusto e dell’eccellenza.

gaetano minieriVilla Minieri Eventi, con il suo splendido parco di oltre 30 mila metri quadrati attrezzato con gazebo ed ampie sale accoglienti e curate nei minimi dettagli, si candida dunque a pieno titolo a diventare il punto di riferimento per eventi di caratura nazionale.

Ecco l’elenco completo dei vini premiati che sono stati in degustazione:
Gran Premio Vitignoitalia: Gillo Dorfles 2011 Aglianico Paestum IGT Agricola San Salvatore 19.88
Premio Speciale per il Territorio: Marina Cvetic
Premio Speciale Vitignoitalia (miglior risultato in 3 categorie diverse): Azienda Agricola San Salvatore 19.88
Gran Medaglia d’Oro per i Rossi: Montepulciano d’Abruzzo Villa Gemma 2006 Masciarelli
Gran Medaglia d’Oro per i Bianchi: Baron Salvadori Chardonnay 2011 Nals Magreid
Gran Medaglia d’Oro per i Passiti: Maximo Botrytis Cinerea 2010 Umani Ronchi
Gran Medaglia d’Oro per Spumanti Metodo Classico: Franciacorta Brut Cabochon 2008 Monterossa
Medaglia d’Oro per i Bianchi – Premio Ex Aequo: Sanct Valentin Sauvignon 2013 San Michele Appiano; Langhe Marin 2010 Fontanafredda; Calpazio Greco Paestum IGP 2013 Agricola San Salvatore 19.88
Medaglia d’Oro per i Rosati: Vetere Rosato 2013 Paestum IGP Azienda Agricola San Salvatore 19.88
Medaglia d’Oro per Spumanti Metodo Classico – Premio Ex Aequo: Franciacorta P.R. Brut Monterossa; Franciacorta Riserva 2005 Francesco Iacono F.lli Muratori
Medaglia d’Oro per Spumanti Metodo Charmat: Valdobbiadene Superiore di Cartizze Arzanà Astoria
Medaglia d’Oro per i Passiti: Moscato Rosa 2012 Franz Haas
Medaglia d’Argento per i Bianchi – Premio Ex Aequo: Suavemente 2013 San Paolo; Ostinato 2011 Greco Campania IGP Donnachiara; Manna 2012 Franz Haas; Terlaner Nova Domus riserva 2011 Cantina di Terlano; Calebianche Catarratto 2013 Fazio
Medaglia d’Argento per i Rossi – Premio Ex Aequo: Amarone Riserva Costasera 2008 Masi; Vigna Camarato Falerno del Massico dop 2007 Villa Matilde; Montepulciano d’Abruzzo Laus Vitae 2006 Citra; Emozioni Barbera d’Asti 2008 La Tenaglia; Taurasi Pago de Fusi 2008 Terredora; Sannio Piedirosso 2013 Mustilli
Medaglia d’Argento per i Rosati – Premio Ex Aequo: Palio Montepulciano Cerasuolo 2013; Rosato del Varo 2013 Tenuta Cavalier Pepe; Ros’aura 2013 Feudi San Gregorio
Medaglia d’Argento per i Passiti – Premio Ex Aequo: Privilegio Feudi San Gregorio; Florus Moscadello di Montalcino 2011 Castello Banfi; Ruscolo Cantina del Taburno
Medaglia d’Argento per Spumanti Metodo Classico: Franciacorta Brut Cuvèe Demetra Mirabella
Medaglia d’Argento per Spumanti Metodo Charmant: Jacarando San Paolo
Medaglia d’Argento per i Distillati – Premio Ex Aequo: Grappa di Moscato Apres 5 anni Marolo; Grappa Affinata in botti da rum Demerara Distilleria Della Valle

di ra.na.

Post Navigation

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 111 follower