ilc@zziblog

di ra.na. & co… contro "il sistema" della camorra dell'usura e della violenza, è un blog indipendente, nato dall'idea di persone libere che hanno a cuore le sorti della loro terra, l'Area Nolana

NOLA. SPESE ELETTORALI, PUBBLICATE LE RENDICONTAZIONI DEGLI ELETTI

Sono state pubblicate sul sito del comune di Nola tutte le rendicontazioni delle spese elettorali ai sensi della legge n. 96 del luglio 2012 (art. 13). Il totale delle spese sostenute dai 24 candidati eletti consiglieri comunali alle ultime amministrative di Nola del 25 maggio scorso, compreso il sindaco Geremia Biancardi e i consiglieri entrati poi nell’esecutivo bruniano, ammontano a € 51.404,00.

Nel dettaglio le spese dei candidati a sindaco.

Geremia Biancardi (Forza Italia): uscite per € 16.793,33, di cui spese per materiali e mezzi di propaganda € 6.743,30; spese per manifestazioni di propaganda € 390,40; spese per il personale utilizzato per prestazioni € 5.784,25 a tale somma va aggiunta la quota forfettaria del 30% delle spese (art. 11 legge n. 96/2012) di € 3.875,38 per un totale di € 16.793,33. Le entrate provengono per € 10.154,40 da erogazione da parte del candidato + € 2.725,30 per servizi elettorali da terzi (contributo on. Paolo Russo), alla data della presentazione del rendiconto il c/c risulta a debito per € 38,25.

Domenico Vitale (Udc-Ncd): uscite per € 5.343,00 di cui € 3.604,80 per materiali e mezzi di propaganda; € 1.738,20 per manifestazioni di propaganda. Entrate € 5.343,00 erogazione del candidato sul c/c. Il candidato non si è avvalso della percentuale del 30% per le spese forfettarie.

Arturo Cutolo (Più Nola): uscite per € 1.500,00; entrate € 1.500,00 erogate dal candidato.

Maria Franca Tripaldi (Io sto con la Tripaldi): uscite per € 2.500,00; entrate € 2.500,00 erogazione del candidato.

Per gli altri due candidati a sindaco, Francesco Ambrosio e Armando Vallone, non sono riportate le spese, in quanto sul sito sono state pubblicate le sole rendicontazioni degli eletti.

Chiunque può rivolgersi al Comitato di Garanzia presso la Corte d’Appello di Napoli per la visione degli atti.

A nominare i mandatari sono stati solo due dei sei candidati a sindaco: Geremia Biancardi e Domenico Vitale, in quanto hanno superato il limite di spesa dei 2.500,00 euro.

Le rendicontazioni delle spese elettorali dei consiglieri comunali.

Rino Barone (FI) € 2.732,00; Giuseppina La Marca (Hyria-Socialisti) € 390,00; Antonio Tufano (FI) € 720,00; Laura Napolitano (FI) € 150,00; Roberto De Luca (FI) € 208,00; Michele Cutolo (FI) € 850,00; Angelo Siano (FI) € 1.872,00; Giancarlo Moccia (FI) € 1.600,00; Pasquale Petillo (FI) € 835,84; Ines Miccio (FI) € 130,00; Maria Esposito (FI) € 592,80; Salvatore Notaro (Centro Destra Nolano) € 364,00; Antonio Manzi (Centro Destra Nolano) € 575,00+iva; Raffaele Giugliano (Uniti per il Territorio) € 2.340,00; Carmine Pizza (Uniti per il Territorio) € 103,00; Carmela Scala (Udc-Ncd) € 500,00; Francesco Pizzella (Udc-Ncd) € 1.258,00; Raffaele Parisi (Udc-Ncd) € 280,00; Emma Vecchione (Udc-Ncd) € 0,00; Vincenzo Iovino (Più Nola) € 304,00; Luisa Marone (Pd-Città Viva) € 0,00; Enzo De Lucia (FI) € 5.307,77; Carmela De Stefano (FI) € 1.041,00; Cinzia Trinchese (FI) € 2.432,00.

Le uniche candidate che sono state elette senza sostenere spese sono Emma Vecchione (Udc-Ncd) e Luisa Marone (Pd-Città Viva). Solo due mandatari per i consiglieri comunali Cinzia Trinchese ed Enzo De Lucia.

di ra.na.

NOLA. I NUMEROSI FURTI DELLE GRIGLIE DELLE CADITOIE METTONO A RISCHIO L’INCOLUMITA’ DEI CITTADINI

E’ di questa mattina l’ultima denuncia di un residente di via De Sena per i continui furti delle griglie di copertura delle caditoie, ben quattro.

Oramai negli ultimi mesi circa un centinaio sono le griglie trafugate da ignoti, anche in pieno centro storico (corso T. Vitale). Le più attenzionate e ricercate sono quelle in ghisa.

Il responsabile dell’ufficio tecnico ed ambientale Bernardo Arienzo fa sapere che, in tempi brevi, si provvederà ad applicare alla griglia una “cerniera” con bulloni in modo da rendere difficile la rimozione.

Al fine di tutelare l’incolumità fisica dei cittadini e degli automobilisti si sta procedendo al censimento delle griglie trafugate. Per richieste di risarcimento danni alle persone ed alle cose il comune ha denunce per diverse centinaia di migliaia di euro all’anno. Circa l’80% dei debiti fuori bilancio del comune di Nola, con tanto di sentenze passate in giudicato e con pignoramenti in atto, come dichiarato dal segretario generale Giacinto Montazzoli, risultano essere rinvenienti da richiesta di risarcimento danni per danni subiti da pedoni ed automobilisti per cattiva manutenzione delle strade.

Le caditoie sul territorio comunale sono oltre 2.500, attualmente l’espurgo, affidato alla ditta Phisis di Saviano, è sospeso.

di ra.na.

NOLA. LA COMMISSIONE CONSILIARE PUBBLICA ISTRUZIONE “INCONTRA” I DIRIGENTI SCOLASTICI

Le criticità degli istituti scolastici cittadini al centro della commissione consiliare pubblica istruzione tenutasi ieri mattina a Palazzo di Città. Una seduta produttiva, richiesta dal consigliere di opposizione Maria Franca Tripaldi e convocata dal presidente preposto, Pasquale Petillo, per far luce in primis sulla mancanza delle certificazioni di agibilità dei plessi. Presenti all’incontro quasi tutti i membri ed i quattro dirigenti scolastici Carmela Napolitano (I Circolo didattico e Istituto comprensivo Bruno-Fiore), Mario Podda (Scuola media Mameli di Piazzolla), Vincenzo Serpico (Scuola media Merliano-Tansillo) e Nicoletta Albano (II Circolo didattico Maria San Severino).

Ad inizio lavori il consigliere Tripaldi ha evidenziato la necessità di verificare – senza creare problemi agli istituti – a che punto sono le certificazioni di agibilità di questi per poi chiedere ai dirigenti quali siano le criticità dei plessi ed iniziare così una programmazione seria in quanto “solo una istruzione dignitosa dà certezza al nostro futuro”.

Tutti i dirigenti hanno lamentato la mancanza di un interlocutore. Non è mancato chi ha evidenziato come l’amministrazione rivolga più attenzione alle associazioni che alle problematiche dei plessi fino ad arrivare alla “confisca” delle palestre per attività sportive esterne. C’è chi ha sottolineato che è consuetudine dell’amministrazione ogni anno iniziare questo tipo di incontri, ma che poi tutte le segnalazioni fatte cadono nel vuoto. Qualche dirigente ha anche chiesto un fondo cassa da utilizzare per piccoli interventi mentre c’è chi ha puntato il dito sulle responsabilità per la gestione dei fondi FERS con la sottoscrizione dei contratti di appaltato in qualità di responsabile del procedimento (RUP). Per tale incombenza ad ogni dirigente spetta il 2% del 10% dell’opera appaltata, una somma ridicola.

Dopo una riunione “full” i lavori si sono conclusi con l’impegno da parte del presidente Petillo di dare massima priorità alle procedure per la certificazione della agibilità degli istituti. A tal riguardo Petillo ha riferito che sono in dirittura d’arrivo le certificazioni statiche e quelle antincendio dei Plessi Ciccone e T. Vitale. Per la certificazione statica è stato nominato l’ing. Salvatore Fedele, mentre per quelle antincendio gli ingegneri Nello Vecchione, Sergio Mangiaracini e Carmine Greco. Nei prossimi giorni saranno richieste anche le certificazioni dell’impiantistica e sanitaria.

La riunione è stata aggiornata con la presenza dei dirigenti scolastici nella seconda decade di novembre.

di ra.na.

NOLA. COMMISSIONE ISTRUZIONE, TRIPALDI: “OTTENUTO UN RISULTATO IMPORTANTE, FRUTTO DI UN ATTENTO LAVORO”

tripaldiSi è riunita nella tarda mattinata di ieri la Commissione Istruzione del Comune di Nola. Seduta convocata dal presidente Pasquale Petillo, su richiesta del consigliere di opposizione Maria Franca Tripaldi con nota del 7 ottobre.

Un percorso cominciato già agli inizi di settembre, quello della Tripaldi, con una serie di incontri e colloqui privati avuti con tutti i Presidi delle scuole di competenza comunale (infanzia, primaria e secondaria di primo grado).

Di conseguenza hanno partecipato ai lavori della Commissione anche la dirigente Albano del II Circolo Didattico ‘Maria San Severino’, accompagnata dalla DSGA Elena Castaldo. Insieme alla Albano erano presenti: la dirigente Napolitano dell’Istituto ‘Bruno Fiore’ e del I Circolo didattico ‘T. Vitale’, il dirigente Serpico della scuola ‘Merliano-Tansillo’, accompagnato dal collaboratore Calisei e il dirigente Podda dell’Istituto Mameli.

“Quello di oggi è sicuramente da considerarsi un passaggio fondamentale – commenta il consigliere Maria Franca Tripaldi – che giunge in colpevole ritardo e che dovrebbe aver costituito negli anni una prassi operativamente valida, ma che comunque getta le basi per una programmazione più seria degli interventi a favore delle Istituzioni scolastiche di competenza Comunale”.

La Tripaldi si dice comunque soddisfatta da quanto si sia riuscito ad ottenere in commissione. “Portiamo a casa – commenta – l’accoglimento della proposta dell’individuazione di un referente amministrativo certo per le problematiche riguardante la manutenzione ordinaria e straordinaria delle scuole cittadine. L’individuazione di una simile risorsa è fondamentale affinché i Dirigenti Scolastici ed il personale amministrativo delle scuole, che oggi con la loro presenza hanno dato ulteriore dimostrazione della professionalità e dello spirito di abnegazione che chi opera nella scuola oggi mette in campo, troppo spesso mortificati dalla gestione politica locale e nazionale, siano messi in condizione di assicurare, a fronte di un’offerta formativa spesso e volentieri di eccellenza, un ambiente sicuro e dignitoso alla platea scolastica, al corpo insegnanti, ai collaboratori e alle famiglie. In tal senso aspettiamo dunque l’aggiornamento della Commissione al 18 novembre prossimo, per conoscere le determinazioni in merito a questa riorganizzazione del personale comunale”.

In commissione si è anche affrontato il discorso legato all’agibilità e alla sicurezza degli istituti. “In merito alla problematica delle certificazioni di sicurezza e agibilità degli Istituti – prosegue il consigliere Tripaldi – la mia formale richiesta, in forza della quale continuerò ad indirizzare la dovuta azione di controllo e sollecito nei confronti dell’Amministrazione, è di ottenere un crono-programma degli interventi che si intendono porre in essere, con relativa individuazione delle risorse e dei tempi, perché possa esser chiaro ai cittadini se la messa in sicurezza delle scuole sia o meno un obiettivo prioritario per l’Amministrazione Biancardi”.

“Non ci è concesso ulteriore indugio – conclude poi la Tripaldi – ad affrontare, per risolvere, una questione di tale importanza e rischio, perché non si debba agire sempre a seguito di un’emergenza e perché Nola smetta di essere una Città nella quale gli adulti debbano decidere quale diritto dei più giovani cittadini debba essere tutelato, se quello allo studio o quello alla salute”.

(CS)

NOLA. DOPPI TURNI AL CICCONE, LA PRESIDE ALBANO: “HO AGITO NELL’INTERESSE DEI BAMBINI”

nicoletta albanoDoppi turni al plesso Ciccone ancora nell’occhio del ciclone. Non accennano a placarsi le polemiche sulla turnazione al II° Circolo didattico Maria Sanseverino determinatasi a seguito della chiusura del plesso Minieri su disposizione dell’ASL e su ordinanza del sindaco Geremia Biancardi.

Questa mattina una cinquantina di mamme hanno protestato nei confronti della dirigente Nicoletta Albano, contestando anche le decisioni adottate durante l’ultimo consiglio di circolo di giovedì scorso nel quale, dopo una lunga ed accesa discussione alla quale hanno partecipato numerosi genitori, è stata disposta l’attuazione di un tavolo permanente di trattativa con il comune per la risoluzione delle problematiche al fine di individuare adeguati locali che, nel breve termine, siano destinati all’insediamento scolastico nel rispetto delle esigenze funzionali ed organizzative della scuola. Inoltre con decorrenza dal 27 ottobre e fino al prossimo 14 novembre presumibilmente, salvo auspicate soluzioni immediate da parte del comune, attiva la turnazione pomeridiana di un giorno a settimana per ogni gruppo di classi parallele a rotazione cominciando dalle classi quinte il lunedì, quarte il martedì, terze il mercoledì, seconde il giovedì, prime il venerdì. Infine stabilito il seguente orario pomeridiano: entrata alle 14,00; uscita alle 18,10 con ora scolastica ridotta a cinquanta minuti; al mattino l’orario resta invariato. Il prossimo consiglio d’istituto è convocato per il giorno 12 novembre alle ore 17,30. Fin qui le decisioni del consiglio d’istituto. Alla domanda del perché non sono state accettate le possibili soluzioni per evitare i doppi turni prospettate dal sindaco Geremia Biancardi e dall’assessore alla P.I. Cinzia Trinchese nella riunione del 22 ottobre scorso con il recupero di due stanze (presidenza e segreteria) presso il municipio e rendere così funzionali all’attività didattica i due laboratori multimediali di informatica e linguistico al piano terra, la dirigente scolastica Nicoletta Albano ha così dichiarato: “Assolutamente non rinnego di aver sottoscritto la decisione prospettata dall’amministrazione comunale ma di fronte alle problematiche poste dalla nota pervenutami successivamente dal responsabile del servizio di sicurezza, l’ing. Pasquale Ammirati, nella quale veniva evidenziata che per lo spostamento della segreteria occorreva una rimodulazione del sistema informatico complessa per riattivare il collegamento internet con il Ministero e che non era possibile nemmeno adeguare i laboratori multimediali all’accoglienza di studenti in quanto il rischio di elettrocuzione supera di gran lunga quello previsto dalla normativa vigente per la sicurezza degli alunni, ho dovuto obbligatoriamente fare dietro front ricorrendo alla turnazione essendo il plesso Ciccone insufficiente a contenere l’intera popolazione scolastica. In ogni caso – ha continuato la dirigente Albano – sono alla ricerca di una soluzione definitiva, non palliativa, con l’individuazione di aule idonee. Sono convinta di avere agito nell’interesse dei bambini, la nostra attenzione è sempre vigile e costante. Tengo a precisare che non siamo contro l’amministrazione comunale, anzi, ribadisco che dobbiamo cercare insieme una soluzione. Ringrazio il sindaco per l’impegno e la disponibilità mostrata, oltre all’assessore alla P.I. Trinchese, sempre pronta a cercare soluzioni. Spero che quanto prima si possa porre fine a questa storia. Una storia – chiosa la dirigente Albano – nata qualche settimana fa, precisamente il 10 ottobre scorso quando alcuni genitori di alunni della quinta C e D del plesso Minieri hanno chiesto la sanificazione dei condizionatori, in quanto i figli avevano avuto reazioni cutanee allergiche respirando area malsana. Nella stessa giornata mi sono attivata chiamando la ditta Soviero Clima, che nel pomeriggio ha provveduto alla sanificazione degli impianti ed al trattamento anti-legionella per un costo di 366,00 euro. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcun referto, né ospedaliero né di medici privati. La scuola si è comunque attivata sulla base di lamentele verbali di alcuni genitori. La nostra scuola – conclude la dirigente Albano – è una scuola di qualità con tanto di riconoscimento da parte dell’Ufficio scolastico regionale, è l’unica scuola della Campania ad essere invitata ogni anno al Quirinale per l’inaugurazione dell’anno scolastico. L’intero circolo conta 802 alunni di cui 492 al plesso Ciccone, 116 al Cerchio d’oro, 126 infanzia Ciccone, 68 infanzia 7/bis, 70 docenti e 20 collaboratori amministrativi e personale ausiliario”.

di ra.na.

NOLA. NON ANCORA PUBBLICATE LE RENDICONTAZIONI DELLE SPESE ELETTORALI DEI CANDIDATI, A BREVE CONOSCEREMO QUANTO SI E’ SPESO PER MANIFESTI, FITTI, PARTY E CONCERTI

Elezioni, quanto mi costi. Manifesti, fitti, party, concerti: quanto è costata la campagna elettorale dei candidati a sindaco e al consiglio comunale di Nola?

Sono scaduti lo scorso 7 ottobre i termini di presentazione della rendicontazione delle spese elettorali ai sensi della legge n. 96 del 6 luglio 2012 (art. 13) per tutti i candidati sindaco e consiglieri (compresi i non eletti) che hanno partecipato al rinnovo del consiglio comunale del 25 maggio scorso.

Un deposito obbligatorio per i comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti, per i candidati che non avessero presentato tale rendicontazione la legge prevede una sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di € 25.822,84 ad un massimo di € 103.291,38 (art. 15 legge n. 515 del 10 dicembre 1993).

La documentazione doveva essere presentata anche dai candidati che non hanno sostenuto spese. Se le spese superavano i 2.500,00 euro, i candidati avevano l’obbligo di nominare un mandatario.

Tutto è stato trasmesso dall’URP (Ufficio per le Relazioni con il Pubblico) del comune al presidente del consiglio comunale ed al collegio regionale di garanzia elettorale presso la Corte d’Appello di Napoli per il relativo controllo.

Inoltre la legge prevede che nel termine di centoventi giorni dalla elezione qualsiasi elettore può presentare al Collegio di Garanzia Elettorale presso la Corte d’Appello di Napoli esposti sulla regolarità delle dichiarazioni e dei rendiconti che sono stati depositati dai candidati che sono liberamente consultabili.

Una documentazione “fantasma” sul sito del comune di Nola, che da alcuni giorni sta alimentando polemiche, anche perché gli eventuali esposti sono prossimi alla scadenza (5 novembre), sebbene c’è chi avanza l’ipotesi che i 120 giorni decorrano dalla data di pubblicazione.

In città c’è la corsa alla “scommessa” sulla cifra spesa dai candidati per manifesti (chi non ricorda la polemica), per il fitto dei locali per gli incontri pubblici e sedi elettorali oltre che cene e party elettorali con annessi concerti, anche con artisti famosi.

Tra qualche giorno sapremo tutto.

di ra.na.

DOMANI SI RINNOVA IL COMITATO DIRETTIVO DELL’ANCI CAMPANIA, BEN SEI I CANDIDATI DELL’AREA NOLANA

E’ convocata per domani, lunedì 27 ottobre, alle ore 8,00 in prima convocazione ed alle ore 9,00 in seconda convocazione, l’assemblea regionale dell’ANCI presso la sede associativa in via Morgantini 3 a Napoli per eleggere il nuovo comitato direttivo.

In un primo momento l’assemblea doveva tenersi il 20 ottobre scorso, tuttavia per mancanza di un accordo è stata rinviata a domani. Gli incontri frenetici degli ultimi giorni tra le componenti politiche non hanno dato i frutti sperati, tanto che giovedì scorso, 23 ottobre, sono state depositate due liste con candidature bloccate. I candidati da eleggere sono 56, potranno votare solo i sindaci dei 550 comuni campani.

A meno di una quadra sul filo di lana, tutto è possibile. Le due liste presentate fanno riferimento la prima al Pd, Sel, Rifondazione, con capolista Giosy Ferrandino, sindaco di Ischia, primo dei non eletti alle ultime europee. Tra i candidati dell’area nolana presenti in questa lista, in posizione eleggibile, troviamo al 14° posto il sindaco di Scisciano Edoardo Serpico ed al 31° Gavino di Capua, consigliere di Camposano. La seconda lista invece raggruppa Forza Italia, NCD-UDC e Fratelli d’Italia-AN, con capolista Lino Iannuzzi. Ben quattro i candidati dell’area nolana, tutti in posizione eleggibile: al 7° posto troviamo Geremia Biancardi, sindaco di Nola, al 13° Giosy Romano, sindaco di Brusciano, al 14° Felice di Maiolo, sindaco di Mariglianella, e al 24° Francesco Buono, consigliere comunale di Casamarciano.

Allo schieramento vincente andranno 32 seggi, al perdente 24.

L’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) ha oltre cento anni di attività. Sono 7.318 i comuni aderenti. Obiettivo fondamentale dell’attività è rappresentare e tutelare gli interessi dei comuni di fronte al Parlamento, Governo, Regioni, organi della Pubblica Amministrazione ed Organismi Comunitari.

di ra.na.

LA SINISTRA A SAN PAOLO BELSITO COME LA GRANDE NEBULOSA DI ANDROMEDA

Con una trasposizione metaforica eccessiva l’universo politico-amministrativo pre-elettorale di San Paolo Bel Sito configurerebbe la sinistra come La Galassia di Andromeda, nota anche con il vecchio nome “Grande Nebulosa di Andromeda”. Si tratta di una galassia a spirale di grandi dimensioni, visibile anche ad occhio nudo, ma nonostante sia la più massiccia è quella che contiene più materia oscura.

Cosi come Nola, San Paolo non ha un vero leader capace di incarnare la variopinta geografia politica che dal centro si dipana a sinistra.

Sul campo si inciampa su un pullulare di aspirazioni, talvolta legittime, ma senza quella consistenza necessaria ad una guida politica, persona con carisma e competenza.

Circola sottovoce un Deus absconditus. “Chi?” Disse Renzi di Fassina. La riproposizione di personaggi incerottati, tirati fuori dal museo, ancorché giovani, non è più di questo mondo. Potranno i vecchi notabili ancora una volta ritornare a dar consigli, a impartire ordini ed indirizzi e poi sparire nel pulviscolo della grande nebulosa?

La politica purtroppo pullula di personaggi, anche qui, in cerca di una dimensione, talvolta professionale; qualcuno di uno stipendio.

Diciamoci la verità occorre più coraggio, meno interesse personale, meno giochetti da “esercitazioni da master per aspiranti amministratori”.

Anche San Paolo accoglie un popolo in marcia e merita una classe dirigente capace di guardare con fermezza e determinazione al futuro.

Nuovi volti? Nuove idee? Nuove alleanze? Tutto è possibile nell’’interesse della comunità purché si tenga lontano il “vecchio radical chic” e gli approfittatori e manipolatori degli elettori.

Si ripeterà anche a San Paolo il “duello: centro destra Vs centro destra”, con la esclusione di quella maggioranza silenziosa che da anni mal sopporta il pressapochismo dei rappresentanti di quella sinistra che con meriti e senza meriti pretendono di guidare la “grande Balena, riesumata e ridipinta di rosso?”.

Speriamo di no nella speranza che il confronto elettorale rivitalizzi gli interessi della popolazione supinamente rassegnata.

Speriamo di no nella convinzione che nel centro e nella sinistra esistono a tutt’oggi, le risorse e le capacità per sviluppare un confronto politico serrato, ancorché competitivo.

Ricorderete che le disgrazie della mitica Andromeda cominciarono per colpa della vanità di sua madre e della stupidità di suo padre Re Cefeo. Ed ecco che la bella e innocente vergine Andromeda fu incatenata a una costa rocciosa per espiare le colpe della madre e del padre in attesa di essere divorata dal mostro marino. Fu allora che l’eroe Perseo si lanciò contro il mostro, lo uccise con la sua spada e liberò l’estasiata Andromeda.

Lasciamo al poeta latino Ovidio la bellissima leggenda.

Noi intanto aspettiamo gli eventi e un possibile Perseo San Paolese.

di Antonio De Marinis

NOLA. BIANCARDI: “NO ALL’ACCORDO CON LA REGIONE PER LA SOLA RIMOZIONE DEI RIFIUTI DAI REGI LAGNI”

sindaco in zone esondateIl sindaco di Nola Geremia Biancardi e altri sindaci dell’area nolana non firmano l’accordo con la Regione Campania per la pulizia dei Regi Lagni.

“E’ assolutamente inaccettabile firmare un accordo con la Regione Campania che alla fine prevede la sola rimozione dei rifiuti – chiosa la fascia tricolore bruniana – Questo sta a significare solo un aggravio per le casse dei comuni in quanto le spese per lo smaltimento dei rifiuti sono di competenza degli Enti Locali, senza risolvere nella sua globalità l’atavica mancanza di manutenzione degli stessi. Oggi – continua Biancardi – la priorità non deve riguardare solo la rimozione dei rifiuti ma sopratutto la ricostruzione degli argini e la cavatura degli alvei. Basti pensare che il letto dell’alveo si è innalzato di oltre quattro metri per i detriti e la sabbia accumulatasi negli anni a causa della mancata manutenzione, questa è la causa principale delle esondazioni sempre più frequenti durante le piogge. Tutti sanno che per la messa in sicurezza degli alvei la profondità del canalone deve essere di almeno cinque metri dall’altezza dell’argine, oggi siamo a meno di un metro, quindi occorre rivedere il progetto migliorandolo ed utilizzando al meglio l’impiego dei lavoratori socialmente utili. Per questo – conclude il sindaco di Nola – è stato convocato un nuovo tavolo con l’assessore regionale alla protezione civile Edoardo Cosenza per il 6 novembre prossimo. Sono molto fiducioso, certamente è nell’interesse di tutti trovare una soluzione, in quanto le risorse devono essere utilizzate al meglio e non sprecate”.

di ra.na.

NOLA. IL CENTRO ARTISTICO NOLANO G. BRUNO PREMIA GLI ALUNNI DEL II° CIRCOLO DIDATTICO, LA DIRIGENTE SCOLASTICA NICOLETTA ALBANO E IL VESCOVO S.E. MONS. BENIAMINO DEPALMA

P1000567 - CopiaUna manifestazione sobria ma carica di emozione quella tenutasi stamane in una sala della Curia vescovile di Nola, un’appendice alla XIII edizione del “Giglio, simbolo della nolanità” organizzato dal Centro artistico culturale G. Bruno di Nola presieduto dal cav. dott. Franco Grilletto, che il 7 marzo scorso premiò il comandante generale della Guardia di Finanza Saverio Capolugo.

Presenti alla manifestazione il vescovo di Nola S.E. Mons. Beniamino Depalma, il sostituto procuratore della Repubblica di Nola Maria Antonietta Troncone, il parlamentare Paolo Russo, il sindaco di Nola Geremia Biancardi, l’ex preside del Liceo classico G. Carducci di Nola Vincenzo Quindici e il dott. Felice Grilletto, capo priore della congrega del Carmine.

Ad essere premiati dalla dott.ssa Troncone i due alunni della quinta elementare del II Circolo didattico di Nola, Denise Tortone e Vincenzo Riccio, che in occasione della consegna del premio al comandante Capolugo con tanta passione recitarono i versi della poesia di G. Pascoli la cavallina storna, suscitando commozione tra i tanti presenti. A congratularsi con i bambini la dott.ssa Troncone che ha sottolineato: “la gioventù va stimolata, anche la premiazione dei piccoli successi motiva ed incoraggia i giovani a guardare il futuro con speranza”.

P1000575 - CopiaA seguire la premiazione della dirigente scolastica del II Circolo didattico Nicoletta Albano, con la seguente motivazione: “fulgido esempio di educatrice che con competenza e passione riesce a formare con zelo e professionalità intere generazioni”.

P1000577 - CopiaInfine un premio speciale a S.E. Mons. Beniamino Depalma per il suo impegno pastorale, sempre attento alle problematiche del territorio. A consegnare il premio, un’opera di un’artista nolano raffigurante il presule tra San Paolino e San Felice, il sindaco di Nola Geremia Biancardi. Il vescovo Depalma, nel ringraziare il cav. dott. Franco Grilletto, ha aggiunto: “Vorrei essere la voce di S. Paolino e S. Felice, non faccio nulla di eccezionale, ma solo quello che deve fare l’uomo del Vangelo, guardare con attenzione l’uomo”.

di ra.na.

Post Navigation

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 108 follower